Leonardo Gori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leonardo Gori nel 2007

Leonardo Gori (Firenze, 1º gennaio 1957) è uno scrittore italiano, autore di libri gialli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Farmacista, per molti anni si è interessato al fumetto e al disegno animato sia come studioso che come collezionista. Nel 2000 ha esordito nel giallo con il romanzo Nero di maggio, in cui compare la figura del capitano dei carabinieri Bruno Arcieri, soldato, agente segreto e investigatore, che tornerà in molti suoi romanzi. Il romanzo L'angelo del fango, pubblicato nel 2005 ha vinto successivamente due prestigiosi premi letterari italiani: il Premio Scerbanenco e il Premio Fedeli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le avventure di Bruno Arcieri[modifica | modifica wikitesto]

  1. Nero di maggio (Firenze, 1938), Hobby & Work, 2000; ed. riveduta Tea, 2018
    Farfalle di maggio, racconto (Firenze, 1938), Edizioni Clichy, 2016; poi in "Nero di maggio", Tea, 2018
  2. La finale (Parigi, 1938), Hobby & Work, 2003; ed. riveduta Tea, 2021
  3. La nave dei vinti (Genova, 1939), Tea, 2019
  4. Il ragazzo inglese (Firenze, 1940), Tea, 2020
  5. Lo specchio nero (Firenze, 1940), con Franco Cardini, Hobby & Work, 2004
  6. La lunga notte (Roma, 1943), Tea, 2021
  7. Il fiore d'oro (Venezia, 1944), con Franco Cardini, Hobby & Work, 2006
  8. Il passaggio (Firenze, 1944), Hobby & Work, 2002; ed. riveduta Tea, 2019
  9. L'angelo del fango (Firenze, 1966), Rizzoli, 2005; ed. riveduta Tea, 2015
  10. Musica nera (Versilia, 1967), Hobby & Work, 2008; ed. riveduta Tea, 2017
    apparizione in Fantasmi del passato di Marco Vichi
  11. Il ritorno del colonnello Arcieri (Parigi, 1968), Tea, 2015
  12. Non è tempo di morire (Milano, 1969), Tea, 2016
  13. L'ultima scelta (Roma, 1970), Tea , 2018

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77976116 · ISNI (EN0000 0001 1771 6054 · SBN IT\ICCU\CFIV\107166 · LCCN (ENn92068780 · BNF (FRcb155200453 (data) · BNE (ESXX4749002 (data) · NLA (EN56961321 · WorldCat Identities (ENlccn-n92068780