Giuseppe Genna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Genna

Giuseppe Genna (Milano, 12 dicembre 1969) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi e poetica[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Genna lavora nei primi anni novanta presso il mensile Poesia (pubblicato da Crocetti Editore), dove esordisce[1]. Nel 1994 è consulente tecnico presso la Presidenza della Camera dei deputati.

L'esperienza poetica e quella di consulenza presso Montecitorio influenzano la prima stagione editoriale di Genna, che varia tra noir, thriller e spy-story[2]. Fanno parte di questa produzione i romanzi "Catrame", "Nel nome di Ishmael", "Non toccare la pelle del drago", "Grande Madre Rossa" e successivamente "Le teste", serie di narrazioni d'ambientazione milanese, in cui il protagonista è l'ispettore Guido Lopez, il quale si trova al centro di cospirazioni criminali, non di rado a carattere metafisico.

Successivamente Genna abbandona la produzione seriale, allargandosi alla literary fiction attraverso un'ibridazione di generi letterari eterogenei, dal romanzo borghese (in L'anno luce[3]) al romanzo storico (in Hitler[4]), al romanzo di formazione (in Dies Irae[5], che include anche lo stesso romanzo storico), all'autofiction (Italia De Profundis, a cui viene assegnato nel 2009 il premio per la narrativa Corrado Alvaro[6]).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Con il regista Gilberto Squizzato ha lavorato a soggetto e sceneggiatura della fiction seriale Suor Jo[7], in onda su RaiTre nell'autunno 2005.

Nel 2006 è stato chiamato a fare parte delle Giurie della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (sezione Orizzonti).

Nel 2009 è stata eseguita, nell'ambito della manifestazione MITO SettembreMusica, l'opera lirica "Io Hitler"[8], composta da Filippo Del Corno e ispirata al testo di Genna, che è l'autore del libretto.

Ha partecipato alla stesura della sceneggiatura del film "La leggenda di Kaspar Hauser" di Davide Manuli[9], uscito nel 2012.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61770483 · ISNI (EN0000 0000 6159 8465 · SBN IT\ICCU\CFIV\193188 · LCCN (ENno2001102352 · BNF (FRcb14463651x (data)