Premio Chiara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Premio Chiara
Piero Chiara.jpg
Concorso letterario alla memoria di Piero Chiara, per la diffusione della narrativa breve e lo sviluppo dei legami culturali tra Italia e Svizzera italiana
Assegnato daAmici di Piero Chiara a.p.s.
CategoriaRiservato a raccolte di racconti in lingua italiana, edite in Italia o in Svizzera italiana
StatoItalia Italia
LuogoVarese
Anno inizio1989
Sito webwww.premiochiara.it

Il Premio Chiara (anche detto Premio Piero Chiara, ufficialmente Premio Chiara - Festival del Racconto) è un premio letterario italiano intitolato allo scrittore Piero Chiara. Fondato a Varese nel 1989, si focalizza sulla misura narrativa del racconto[1] e organizza altresì rassegne di eventi culturali e concorsi creativi a partecipazione popolare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire degli anni 1980 l'allora assessore alla cultura del Comune di Varese, Antonio De Feo, decise di istituire una rassegna culturale d'alto profilo che promuovesse il nome della città. Da un consulto col giornalista Massimo "Max" Lodi (firma de "La Prealpina") scaturì l'idea di creare un premio letterario e di intitolarlo alla memoria del popolare scrittore varesotto Piero Chiara, scomparso nel 1986; la memoria chiariana indusse altresì la scelta di focalizzarsi sul racconto, forma narrativa ritenuta prediletta dallo scrittore. Nell'organizzazione venne coinvolto un altro giornalista, Pierfausto Vedani, che insieme a Lodi fu incaricato della mansione di segretario[2]. La presidenza del comitato promotore fu attribuita al politico Giuseppe Zamberletti[3][4].

Ottenuto l'assenso di Federico Roncoroni (Como, 1944-2021, linguista, collaboratore ed erede testamentario di Piero Chiara) e del figlio Marco Chiara (Zurigo, 1937-Milano, 2011), il I Premio Piero Chiara fu bandito sul finire del 1988: la formula, rimasta sostanzialmente invariata nel corso dei decenni, riservava la partecipazione a sole raccolte di racconti in lingua italiana, pubblicate nell'anno di riferimento in Italia o in Svizzera italiana (da cui la qualifica di "transfrontaliero"[5]). Le opere erano sottoposte al giudizio di una giuria tecnica (la prima fu presieduta da Michele Prisco e composta da Mino Durand, Gino Montesanto, Raffaele Nigro, Fernanda Pivano e Federico Roncoroni), cui spettava estrarre una "terna finalista", da sottoporre al voto di una "giuria popolare" (ideata da Pierfausto Vedani e consistente inizialmente in 160 membri, poi decurtati a 150) composta da privati cittadini in parte autocandidati e in parte selezionati dal comitato promotore tra critici letterari di diversi giornali italiani ed elvetici e soci della Biblioteca Civica di Varese[6][2][4]. Notaio supervisore fu inizialmente Carlo Gaudenzi[7], poi sostituito da Franca Bellorini Brezzi e infine da Nicoletta Borghi.

Alcuni giurati della prima edizione (Michele Prisco, Gino Montesanto, Raffaele Nigro, Fernanda Pivano) insieme ad Alcide Paolini e Ugo Tognazzi in occasione della finale del 21 maggio 1989

Fin da subito al premio fu associato un cartellone di eventi, realizzati essenzialmente a Varese e provincia, nonché a Milano e nel Canton Ticino: conferenze, incontri, dibattiti, letture, proiezioni, esposizioni artistiche e documentali, concerti e seminari. Per circa il primo decennio di esistenza del concorso, agli eventi (concentrati essenzialmente nei mesi primaverili) fu abbinata la "mostra mercato" del libro, allestita in apposite strutture temporanee nelle piazze centrali di Varese. Al tutto si accompagnò inoltre la pubblicazione di opere inedite o ristampe, inerenti sia la figura di Piero Chiara che vari temi artistico-letterari relativi al territorio d'utenza del premio (il nord-ovest lombardo, il Piemonte orientale e il Ticino elvetico)[4][8].

Nel 1991 si aggiunse al premio "principale" un primo esperimento di concorso "popolare": il Premio Chiara per gli studenti, inizialmente aperto alle scuole medie di alcune città lombarde ed elvetiche, ai cui alunni si richiedeva la realizzazione di illustrazioni relative al bestseller chiariano Le avventure di Pierino (Mondadori, 1980)[9]. Già dal 1992 tale sezione fu "ricalibrata" sulla scrittura creativa[10] e fu oggetto, anno dopo anno, di vari esperimenti e ridefinizioni: nel 1996 fu ribattezzata Premio Chiara Giovani, nel 1997 il bacino d'utenza fu esteso a tutta Italia e alla Svizzera italia e infine, nel 1998, si raggiunse una formula stabile, richiedendo ai partecipanti la scrittura di un racconto originale partendo da una traccia prestabilita, con in palio la pubblicazione in un volume collettaneo e premi individuali[4][11].

Nel 1993 la presidenza del comitato promotore passò allo storico Luigi Ambrosoli; di lì a poco tuttavia la fine della cosiddetta Prima Repubblica comportò per Varese la fine delle giunte "centriste" (a guida perlopiù democristiana) e l'inizio della lunga egemonia istituzionale della Lega Nord, che espresse ininterrottamente il sindaco fino al 2016. Nel 1994 gli esponenti del partito guidato da Umberto Bossi imposero di sostituire i giurati tecnici originari del Mezzogiorno d'Italia: in polemica con l'imposizione, Max Lodi e Pierfausto Vedani si dimisero dai loro ruoli operativi[2][6]. Gli subentrò il neo-assessore alla cultura Gottardo Ortelli, artista d'avanguardia e docente accademico, che decise di affiancare all'assessorato (inizialmente unico responsabile dell'organizzazione del Premio Chiara) un'entità dotata di autonomia giuridica e operativa. Nel dicembre 1996 venne quindi firmato l'atto costitutivo dell'Associazione Amici di Piero Chiara, avente lo scopo statutario di «perpetuare la memoria dello scrittore Piero Chiara e valorizzare la cultura della Provincia di Varese»; primo presidente fu lo stesso Ortelli, con Marco Chiara presidente onorario[4].

Nel 1997 viene istituito il Premio Chiara alla Carriera, destinato ad essere conferito a «personaggi di indiscutibile prestigio nazionale che avessero fatto del loro territorio un motivo forte della loro attività letteraria». Due anni dopo, nel 1999, si consuma la rottura tra Comune di Varese e Amici di Piero Chiara: l’amministrazione comunale varesina dichiara infatti di voler aprire il premio anche ai romanzi, incontrando tuttavia il fermo diniego di Ortelli, Chiara jr. e Roncoroni, i quali infine decidono di estromettere Palazzo Estense dalla gestione dell'iniziativa e (incassato l'appoggio della Provincia di Varese) la avocano interamente all'Associazione. Contestualmente acquisisce sempre più "peso" operativo Mariafederica "Bambi" Bianchi Lazzati (Milano, 1948), docente di storia dell'arte, direttrice di Villa Panza, attiva già dagli anni 1970 nel campo delle pubbliche relazioni in campo culturale e responsabile dell'ufficio stampa del Premio Chiara fin dal 1989. Al "pool" si aggiunge poi Romano Oldrini, medico, poeta già sindaco di Gavirate e presidente della Compagnia degli Artisti di Varese[4].

Nei primi anni 2000 l'Associazione dà alle stampe due riviste culturali in forma di volume a cadenza annuaria: "Confini-quaderni del Premio Chiara" (rinnovatasi per otto numeri, dal 2001 al 2008), che raccoglie «interventi dedicati a far conoscere il patrimonio culturale del territorio dell’Insubria», e "Taccuino d'arte" (durato dal 2004 al 2010), serie di monografie di «artisti che hanno operato nella terra dove ha vissuto Piero Chiara»[4][12].

Bambi Bianchi Lazzati, già addetta stampa e poi direttrice del Premio Chiara.

Nel 2003 viene a mancare Gottardo Ortelli e la presidenza dell'Associazione Amici di Piero Chiara passa a Romano Oldrini; l'organizzazione del premio viene de facto demandata completamente a Bambi Lazzati, che viene investita dell'incarico di rappresentante legale plenipotenziaria.

Nel 2005 viene introdotto il marchio Festival del Racconto, sotto il quale vengono riorganizzati gli eventi collaterali del Premio Chiara; tra il 2010 e il 2011 vengono istituiti un nuovo concorso di scrittura a carattere "popolare" (il Premio Chiara Inediti, che mette in palio la prima pubblicazione di una raccolta di racconti), un premio di fotografia (il Premio Riccardo Prina, alla memoria di un giornalista e critico d'arte varesino, in collaborazione con la Triennale di Milano) e un riconoscimento "alla carriera" (il Premio Le Parole della Musica, co-organizzato per i primi anni col Club Tenco, da attribuirsi ai maggiori cantautori italiani).

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Ammissione[modifica | modifica wikitesto]

Sono ammesse al premio sole raccolte di racconti in lingua italiana, pubblicate (in Italia e/o Svizzera italiana) e regolarmente in commercio nell'anno di riferimento; il periodo al quale l'ammissione è riferita inizia il 1º maggio dell'anno precedente e finisce il 30 aprile dell'anno di edizione del premio. Le opere concorrenti vengono selezionate sia direttamente dall'organizzazione del premio, sia mediante autocandidature di autori e case editrici[13].

Processo di selezione[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le opere pervenute nei termini sono sottoposte a una giuria tecnica, composta da personaggi qualificati di ambito culturale e letterario[14], che identifica tra di esse una rosa di 3 libri finalisti[15] più eventuali opere "segnalate", non ammesse alla vittoria finale, ma ritenute comunque meritevoli. La "terna finalista" viene sottoposta alla Giuria dei Lettori, chiamata anche Giuria popolare (composta da 150 lettori[16], di diversa provenienza sociale, età, cultura, professione e posizione sociale); a essa compete scegliere il vincitore mediante voto postale. Ai giurati popolari è affidata anche la scelta del vincitore del Premio Chiara Giovani, i cui finalisti (in genere 20/30, editati in un volumetto a cura dell'Associazione Amici di Piero Chiara) sono invece selezionati da una giuria tecnica a parte[17]. La finale si tiene a Varese, perlopiù alle Ville Ponti.

Albi d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Premio Chiara[modifica | modifica wikitesto]

[8]

Edizione Anno Vincitore Autore Editore Finalisti
1 1989 L'estate del '42 Renzo Zorzi Rusconi Marina Jarre, Galambra. Quattro storie con fantasmi, Bollati-Boringhieri
Renato Olivieri, Ambrogio indaga, Rizzoli
2 1990[18] Il grande raccordo
L'Italia s’è desta alle 14.10
Marco Lodoli
Guglielmo Zucconi
Bompiani
Camunia
Alberto Bevilacqua, Una misteriosa felicità, Mondadori
3 1991 Tre d'amore Roberto Piumini Einaudi Giuseppe Neri, L'ultima dogana, Sansoni
Fiora Vincenti, La señora Santiago, Lanfranchi
4 1992 Il punto di vista del mostro Giampaolo Rugarli Arnoldo Mondadori Editore Luca Desiato, Storie dell'eremo, Gribaudi
Luigi Santucci, Il manoscritto da Itaca, Piemme
5 1993 Scirocco Silvana La Spina La Tartaruga Paolo Barbaro, Ultime isole, Marsilio
Salvatore Mannuzzu, La figlia perduta, Einaudi
6 1994 Di corno o d'oro Laura Pariani Sellerio Antonio Moresco, Clandestinità, Bollati- Boringhieri
Giuseppe Pontiggia, Vite di uomini non illustri, Mondadori
7 1995 La grande e la piccola guerra Elio Gioanola Santi Quaranta Fleur Jaeggy, La paura del cielo, Adelphi
Elisabetta Rasy, Ritratti di signora, Rizzoli
8 1996 L'ombra di Marinetti Andrea Vitali Periplo Giulio Mozzi, La felicità terrena, Einaudi
Gaetano Neri, Un momento delicato, Marcos y Marcos
9 1997 Storia di primogeniti e figli unici Francesco Piccolo Feltrinelli Daniele Del Giudice, Mania, Einaudi
Michele Mari, Tu... sanguinosa infanzia, Mondadori
10 1998 Il coccodrillo sull'altare Guido Conti Guanda Daniele Benati, Silenzio in Emilia, Feltrinelli
Francesca Sanvitale, Separazioni, Einaudi
11 1999 La storia di un'altra Maristella Lippolis Tracce Nicola Lecca, Concerti senza orchestra, Marsilio
Giovanni Orelli, Di una sirena in Parlamento, Casagrande
12 2000 La casa di ghiaccio Serena Vitale Arnoldo Mondadori Editore Romana Petri, I padri degli altri, Marsilio
Evelina Santangelo, L'occhio cieco del mondo, Einaudi
13 2001 Cinema naturale Gianni Celati Feltrinelli Alessandro Banda, Dolcezze del rancore,Einaudi
Massimiliano Forza, Antifurti psicologici, Piemme
14 2002 L'Osteria della Fola Giuseppe Pederiali Garzanti Emilia Bersabea Cirillo, Fuori misura, Diabasis
Ugo Riccarelli, L'angelo di Coppi, Mondadori
15 2003 L'uovo di Gertrudina Laura Pariani Rizzoli Maurizio Maggiani, È stata una vertigine, Feltrinelli
Antonio Pascale, La manutenzione degli affetti, Einaudi
16 2004 Shorts Vitaliano Trevisan Einaudi Gian Luca Favetto, Se vedi il futuro digli di non venire, Mondadori
Paolo Nelli, Mio marito Francesca, Sironi
17 2005 In questa vita Anna Ruchat Edizioni Casagrande Giorgio Falco, Pausa caffè, Sironi
Fabrizia Ramondino, Arcangelo, Einaudi
18 2006 Pugni Pietro Grossi Sellerio Marco Lodoli, Bolle, Einaudi
Giordano Tedoldi, Io odio John Updike, Fazi
19 2007 L'amore e altre forme d'odio Luca Ricci Einaudi Ilaria Bernardini, La fine dell'amore, Isbn
Francesco Pecoraro, Dove credi di andare, Mondadori
20 2008 Dieci Andrej Longo Adelphi Paolo Cognetti, Una cosa piccola che sta per esplodere, Minimum fax
Marco Baliani, La metà di Sophia, Rizzoli
21 2009 L'amore a Londra e in altri luoghi Flavio Soriga Bompiani Giorgio Faletti, Pochi inutili nascondigli, Baldini Castoldi e Dalai
Gaia Manzini, Nudo di famiglia, Fandango
22 2010 Non esiste saggezza Gianrico Carofiglio Rizzoli Stefano Domenichini, Acquaragia, Perdisa
Jole Zanetti Racconti sgradevoli, Garzanti
Giorgio Falco, L'ubicazione del bene, Einaudi
23 2011 Una giornata al monte dei pegni Elena Loewenthal Einaudi Eugenio Baroncelli, Mosche d'inverno, Sellerio
Ermanno Cavazzoni, Guida agli animali fantastici, Guanda
24 2012 Nessuno può portarti un fiore Pino Cacucci Feltrinelli Sandro Veronesi, Baci scagliati altrove, Fandango
Niccolò Ammaniti, Il momento è delicato, Einaudi
25 2013 Dentro Sandro Bonvissuto Einaudi Mauro Corona, Venti racconti allegri e uno triste, Mondadori
Marco Vichi, Racconti neri, Guanda
26 2014 Uomini e comandanti Giulio Questi Einaudi Davide Barilli, La nascita del Che. Racconti da Cuba, Aragno
Gianni Celati, Selve d'amore, Quodlibet
27 2015 Piccola enciclopedia delle ossessioni Francesco Recami Sellerio Mauro Covacich, La sposa, Bompiani
Alberto Nessi, Miló, Casagrande
28 2016 Cinque indagini romane per Rocco Schiavone Antonio Manzini Sellerio Valeria Parrella, Troppa importanza all'amore, Einaudi
Giorgio Pressburger, Racconti triestini, Marsilio
29 2017 La vita segreta dei mammut in Pianura Padana Davide Bregola Avagliano Editore Francesca Manfredi, Un buon posto dove stare, La nave di Teseo
Luca Ricci, I difetti fondamentali, Rizzoli
30 2018 La guerra dei Murazzi Enrico Remmert Marsilio Luca Doninelli, La conoscenza di sè, La nave di Teseo

Danilo Soscia, Atlante delle meraviglie, Minimum Fax

31 2019 Il dono di Arianna Marta Morazzoni Guanda Beatrice Masini, Più grande la paura, Marsilio

Laura Morante, Brividi immorali, La nave di Teseo

32 2020 Lo splendore del niente e altre storie Maria Attanasio Sellerio Ermanno Cavazzoni, Storie vere e verissime, La nave di Teseo

Valerio Magrelli, Sopruso: istruzioni per l’uso, Einaudi

Sezione Segnalati nel Premio Chiara[modifica | modifica wikitesto]

[8]

Premio Chiara alla Carriera[modifica | modifica wikitesto]

[19]

Premio Chiara Le Parole della Musica[modifica | modifica wikitesto]

[20]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Comitato promotore
Associazione Amici di Piero Chiara

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giornale della libreria, Milano, AIE, 1997, vol. 110, p. 672
  2. ^ a b c A proposito di Chiara - rmfonline.it, 13 ott 2016
  3. ^ 30 ANNI FA - facebook.com/premiochiara (da un cinegiornale del 1989)
  4. ^ a b c d e f g Storia - premiochiara.it
  5. ^ Dietro le quinte del Premio Chiara - varesefocus.it, 26 gen 2018
  6. ^ a b Il Chiara viaggiatore - rmfonline.it, 17 mag 2019
  7. ^ (PDF) Premio Chiara 1989 - premiochiara.it
  8. ^ a b c Albo d'oro del Premio Chiara - premiochiara.it
  9. ^ (PDF) Premio Chiara 1991 - premiochiara.it
  10. ^ (PDF) Premio Chiara 1992 - premiochiara.it
  11. ^ Albo d'oro del Premio Chiara Giovani - premiochiara.it
  12. ^ Pubblicazioni - premiochiara.it
  13. ^ Qualche domanda sul Premio Chiara - giovannituri.wordpress.com, 9 lug 2015
  14. ^ Premio Chiara 2011, ecco i tre finalisti - Il Giorno, 2 lug 2011
  15. ^ In un solo caso, nel 2010, sono state selezionate 4 opere, cfr. Premio Chiara 2010 - ilfestivaldelracconto.it
  16. ^ Nelle prime edizioni erano 160
  17. ^ Il nuovo premio Chiara Giovani parla di libertà - VareseNews, 4 feb 2021
  18. ^ Due vincitori ex-aequo
  19. ^ Albo d'oro del Premio Chiara alla Carriera - premiochiara.it
  20. ^ Albo d’oro del Premio Chiara Le Parole della Musica - premiochiara.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Premi letterari Portale Premi letterari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di premi letterari