Alberto Nessi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Nessi (Mendrisio, 19 novembre 1940) è uno scrittore svizzero, di lingua italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Mendrisio e cresciuto a Chiasso, Nessi ha frequentato la Scuola Magistrale e l'Università di Friburgo, per poi diventare docente di letteratura italiana. Sposato, ha due figlie: Antonia e Vita. "Nato" letterariamente come poeta (l'esordio nel 1969, con I giorni feriali, Pantarei, ma c'è anche una pubblicazione del 1975 presso la Collana di Lugano di Pino Bernasconi, la stessa che aveva ospitato Finisterre di Eugenio Montale e le Ultime cose di Umberto Saba; la consacrazione, poi, con Il colore della malva, 1992, e Blu cobalto con cenere, 2000, entrambi da Edizioni Casagrande), riscuote presto successo anche come prosatore (l'esordio con i racconti Terra Matta, del 1984). Nel 2015 la raccolta di racconti Miló (Edizioni Casagrande) entra in terna finalista al Premio Chiara.

Poeta di grande sensibilità descrive vita e sentimenti degli umili. La sua lingua è infiltrata di espressioni regionali e dialettali ticinesi. Critico verso uno sviluppo economico e urbanistico che sventra i bei paesaggi ticinesi e le vite delle persone semplici che ci vivono.

Il 18 febbraio 2016 è stato insignito dalla Confederazione Elvetica del Gran premio svizzero di letteratura alla carriera[1].

Il suo archivio, composto da manoscritti, corrispondenza e documentazione di vario genere, è custodito a Berna, presso l'Archivio svizzero di letteratura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Grand Prix suisse de littérature a été décerné à Alberto Nessi, sul sito ufficiale della Radiotelevisione svizzera, 18 febbraio 2016.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • I giorni feriali (1969)
  • Ai margini (1975)
  • Rasoterra (1983)
  • Il colore della malva (1992), Bellinzona, Casagrande, ISBN 88-7713-186-1.
  • Blu cobalto con cenere (2000), Bellinzona, Casagrande, ISBN 88-7713-330-9.
  • Iris Viola (2004), Faloppio, LietoColle, ISBN 88-7848-103-3.
  • Ode di gennaio (2005)
  • Ladro di minuzie – Poesie scelte (1969–2009) (2010), Bellinzona, Casagrande, ISBN 978-88-7713-587-2.
  • Un sabato senza dolore - Nota di Fabio Pusterla (2016), Novara, Interlineqa, ISBN 978-88-6857-109-2.

Prosa[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Un'estate
  • La conquista del Messico
  • Fermare il tempo, in Il Ticino e i suoi fotografi - Das Tessin und seine Photographen
  • Tracce di un percorso, in I poeti della Svizzera italiana nell'ultimo ventennio (1969-1989)
  • L'uomo e la bambina
  • Passeri
  • Saltamartina
  • In cerca della luce
  • Memoria e desiderio, in Le processioni storiche di Mendrisio
  • Auf der andern Seite der Mauer, in Swiss, made. Die Schweiz im Austausch mit der Welt
  • Wohin die Dichtung geht, in Wohin geht das Gedicht

Antologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rabbia di vento. Un ritratto della Svizzera italiana attraverso scritti e testimonianze, Collana CH, Bellinzona, Casagrande, 1986

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4954351 · ISNI (EN0000 0001 1036 0630 · SBN IT\ICCU\LO1V\031536 · LCCN (ENn84175294 · GND (DE120475618 · BNF (FRcb12076756w (data)