Silvana Grasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Silvana Grasso (Macchia di Giarre, 3 giugno 1952) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Macchia di Giarre, vive a Gela . È filologa, scrittrice e giornalista.

È stata assessore ai Beni Culturali del Comune di Catania (2007-2008) impegnata soprattutto nel progetto «Una cultura da Castello» per rivalutare il Castello Ursino[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia di Silvana Grasso su cinquantamila.corriere.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nebbie di ddraunàra, Milano, La Tartaruga, 1993 (Premio Grinzane Cavour «Giovane Autore Esordiente»; Premio Mondello)
  • 7 uomini 7. Peripezie di una vedova, Palermo, Flaccovio, 2006.
  • Pazza è la luna, Torino, Einaudi, 2007.
  • Il cuore a destra, Valverde, Le Farfalle, 2014.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Bastardo di Mautàna, Milano, Anabasi, 1994; Torino, Einaudi, 1997; Venezia, Marsilio, 2011.
  • Ninna nanna del lupo, Torino, Einaudi, 1995; Venezia, Marsilio, 2012.
  • L’albero di Giuda, Torino, Einaudi, 1997; Venezia, Marsilio, 2011 (Premio Napoli, Premio Vittorini; Premio internazionale Sileno d'oro).
  • La pupa di zucchero, Milano, Rizzoli, 2001.
  • Disìo, Milano, Rizzoli, 2005 (Premio Grinzane Cavour)
  • L’incantesimo della buffa, Venezia, Marsilio, 2011.
  • Solo se c’è la la luna,Venezia, Marsilio 2017.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrichetta sul Corso, Catania, OBI-orizzonti bibliofilia italiana, 2001.
  • Enrichetta, edizione bilingue italiano-olandese, a cura di Gandolfo Cascio, Amsterdam, Istituto Italiano di Cultura, 2017.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Atthis. Dell’Eterna Ferita, a cura si Gandolfo Cascio, Giarre, Archivio Silvana Grasso, 2017.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto il Premio Grinzane Cavour per Disìo nel 2006 nella sezione "Narrativa Italiana"; ha vinto il Premio internazionale Sileno d'oro nel 1997 per "L'albero di Giuda" .

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27245378 · LCCN: (ENnr95029314 · SBN: IT\ICCU\CFIV\058741 · ISNI: (EN0000 0000 7987 7657 · GND: (DE139364536 · BNF: (FRcb13741791x (data)