Gianni Clerici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il giocatore di baseball, vedi Gianni Clerici (giocatore di baseball).
Gianni Clerici
Gianni Clerici.jpg
Nome Giovanni Clerici
Nazionalità Italia Italia
Tennis Tennis pictogram.svg
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al agosto 2009

Giovanni Clerici (Como, 24 luglio 1930) è un ex tennista, giornalista e scrittore italiano.

È considerato uno dei maggiori esperti di tennis del mondo[1], tanto che per il numero e la qualità delle sue pubblicazioni è stato inserito nel 2006 nella Hall of fame del Tennis, secondo italiano presente dopo Nicola Pietrangeli (insignito del riconoscimento nel 1986). Nel 2010 è uscita la sua biografia autorizzata, scritta da Veronica Lavenia e Piero Pardini, edita da Le Lettere Firenze "Il cantastorie instancabile - Gianni Clerici lo scrittore, il poeta il giornalista", mentre nel 2015 ha pubblicato la "bio-eterografia" "Quello del tennis. Storia della mia vita e di uomini più noti di me".

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Come tennista[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua attività tennistica, ha vinto due titoli nazionali juniores di doppio con Fausto Gardini (1947 e 1948) e sempre da juniores ha raggiunto la finale del singolare nel 1950. Sempre nel 1950 ha conquistato la "Coppa de Galea" a Vichy, bissando tale successo nel 1952 al "Monte Carlo New Eve Tournament". Come singolarista ha partecipato ai tornei di Wimbledon (1953) e Roland Garros, fermandosi sempre al primo turno.

Come giornalista[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver collaborato dal 1951 al 1954 con La Gazzetta dello Sport, e nel 1954 con Sport Giallo e Il Mondo , Clerici nel 1956 divenne inviato e poi editorialista de Il Giorno, col quale ebbe un rapporto di collaborazione fino al 1988. Dal 1988 collabora con L'espresso e la Repubblica. Ha dedicato al tennis varie pubblicazioni: nel 1965 Il vero tennis, nel 1972 Il tennis facile, nel 1978 Il grande tennis. Del 1974 è la prima edizione della sua opera più famosa, 500 anni di tennis, tradotta in Francia, Gran Bretagna, Germania, Giappone e Spagna, e più volte ristampata e aggiornata. Nel 1984 ha pubblicato in Francia la biografia di Suzanne Lenglen, sei volte vincitrice di Wimbledon, uscita in Italia soltanto nel 2002.

Ha scritto più di 6000 articoli sportivi ed è stato uno dei commentatori tecnici italiani più importanti, al fianco di Rino Tommasi. Nel 2002 lo stile delle loro telecronache è stato messo in risalto anche dal settimanale americano "TIME" in un articolo dal titolo Tennis, Italian Style.[2] Nel 1987 ha vinto il “Premio Vallecorsi” come miglior giornalista italiano dell'anno, e nel 1992 il premio “Penna d'Oro” come miglior editorialista italiano. Attualmente scrive per il quotidiano la Repubblica. Durante l'edizione di Wimbledon 2011, la storica coppia Tommasi-Clerici viene sciolta dalla decisione di Sky di far commentare le partite del major inglese dagli studi di Milano e non più "dal posto" a Londra. Clerici ha comunque continuato a scrivere per La Repubblica durante il corso del torneo.

Aneddoti[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante gli US Open del 1987, su suggerimento di Bud Collins, Gianni Clerici andò a vedere un match del torneo juniores in cui era impegnato il futuro talento del tennis americano. A fine partita Gianni Clerici consigliò a Sergio Tacchini di mettere sotto contratto il vincitore dell'incontro. Il giocatore che gli aveva segnalato Bud Collins era l'altro, e nel 1989 avrebbe vinto il Roland Garros: era Michael Chang. Nel 1989 il giocatore che Clerici aveva segnalato non era neanche tra i primi 100 del mondo, ma Clerici non aveva preso una svista: quel giocatore era Pete Sampras[3].
  • Ha coniato il termine "erba battuta" per sottolineare il rallentamento del fondo erboso di Wimbledon.
  • Al tempo in cui non si utilizzava ancora l'"occhio di falco", ha coniato il termine "semiriga" per indicare l'impossibilità di stabilire con certezza se la pallina sia dentro o fuori.
  • Rino Tommasi lo ha ribattezzato "Dottor Divago" per la sua nota passione per la divagazione.
  • Al Festivaletteratura di Mantova (2009) ha dichiarato: "Non sono un reporter, i setter riportano. Sono un giornalista che narra quello che altrimenti non avreste modo di sapere".
  • Rivendica con orgoglio il record di sei sconfitte e nessuna vittoria agli internazionali di Roma.
  • Rino Tommasi ha scritto di lui "Non sempre nelle sue cronache troverete il risultato dell'incontro, ma troverete sempre la spiegazione della vittoria di un giocatore sul proprio avversario".
  • Si definisce un columnist, ossia un editorialista libero di scrivere ciò che più preferisce e non un reporter, vincolato a informare sul punteggio delle partite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianni Clerici | International Tennis Hall of Fame
  2. ^ Tennis, Italian Style - TIME
  3. ^ books.google.it, https://books.google.it/books?id=Jw7eNQq_BH8C&pg=PT47&lpg=PT47&dq=did+clerici+suggest+sampras+to+tacchini&source=bl&ots=GQGwqfP_bi&sig=qgKaumrWf4DY3vGemZqIYDUmjeQ&hl=it&sa=X&ved=0CCQQ6AEwAGoVChMIr4TyjeWWxgIVpHxyCh3iEwB2#v=onepage&q=did%20clerici%20suggest%20sampras%20to%20tacchini&f=false .

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Quello del tennis. Storia della mia vita e di uomini più noti di me, autobiografia, Mondadori, 2015 - ISBN 9788804656456
  • Wimbledon. Sessant'anni di storia del più importante torneo del mondo, Mondadori, 2013 - ISBN 9788804630708
  • Australia Felix, romanzo, Fandango, 2012 - ISBN 9788860442529
  • Il suono del colore, poesie, Fandango, 2011
  • Gianni Clerici agli Internazionali d'Italia. Cronache dello scriba. 1930-2010, Rizzoli 2010
  • Divina. Suzanne Lenglen, la più grande tennista del mondo, edizione economica, Fandango 2010
  • Una notte con la Gioconda, racconti, Rizzoli 2008
  • Mussolini l'ultima notte, opera teatrale, 2007 (Teatro Valle, Roma)
  • Mussolini. L'ultima notte, romanzo, Rizzoli 2007
  • Zoo. Storie di bipedi e altri animali, racconti, Rizzoli 2006
  • Postumo in vita, poesie, Sartorio 2005
  • Erba rossa, romanzo, Fazi 2004
  • Alassio 1939, romanzo, Baldini & Castoldi 2004
  • Divina. Suzanne Lenglen, la più grande tennista del XX secolo, Corbaccio 2002
  • Suzanne Lenglen, opera teatrale, 2000 (Teatro Belli, Roma)
  • Il giovin signore, romanzo, Baldini & Castoldi 1997
  • Tenez tennis, opera teatrale, 1995 (presentata alla Biennale di Venezia)
  • I gesti bianchi (Alassio 1939 - Costa Azzurra 1950 - Londra 1960), raccolta di 3 romanzi brevi, Baldini & Castoldi 1995
  • Cuor di gorilla (vero titolo "Darwin contro Mango"), romanzo, Arnoldo Mondadori Editore 1988
  • Ottaviano e Cleopatra, opera teatrale, 1987 (premio Vallecorsi)
  • Il grande tennis, Arnoldo Mondadori Editore 1978
  • 500 anni di tennis, Arnoldo Mondadori Editore 1974, ristampato e aggiornato nel 1987, 2004, 2006, 2007, 2008, 2013
  • Quando viene il lunedì, Arnoldo Mondadori Editore 1974; contiene i romanzi brevi di ambientazione calcistica Altri clown e Fuori rosa, più quello di ambientazione tennistica I gesti bianchi (in seguito re-intitolato Costa Azzurra 1950)
  • Il tennis facile, Arnoldo Mondadori Editore 1972
  • Fuori rosa, romanzo breve, Vallecchi 1966
  • Il vero tennis, Longanesi 1965

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN61666793 · LCCN: (ENn89609474 · ISNI: (EN0000 0001 1766 3132 · GND: (DE143720988 · BNF: (FRcb125974499 (data)