Elena Gianini Belotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Elena Gianini Belotti (Roma, 2 dicembre 1929) è una scrittrice, pedagogista e insegnante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine bergamasca, ha lavorato a lungo nel campo dell'assistenza all'infanzia. E' stata chiamata, nel 1960, a dirigere il primo Centro Nascita Montessori a Roma, che ha diretto fino al 1980. Nel 1973 ha pubblicato per Feltrinelli il saggio Dalla parte delle bambine. Il libro, dedicato al condizionamento precoce della donna, ha avuto uno straordinario e durevole successo [1]

Nel 1980 ha pubblicato, per Rizzoli, Prima le donne e i bambini, sempre sul tema dei condizionamenti sociali di genere.

In Pimpì oselì, edito da Feltrinelli nel 1995, ha tratteggiato magistralmente la vita quotidiana dei bambini delle valli bergamasche e delle borgate romane durante il periodo fascista, vista con gli occhi di una bambina, ponendo l'accento sulla durezza della povertà e sulla separazione di genere.

Nel 2003 ha pubblicato il romanzo Prima della quiete, in cui racconta la triste storia di Italia Donati.

Nel 2007 Loredana Lipperini ha pubblicato sempre da Feltrinelli Ancora dalla parte delle bambine, aggiornamento dei temi trattati 35 anni prima da Gianini Belotti. L'autrice ha proseguito negli anni la sua carriera nella saggistica dedicandosi anche con successo al romanzo e alla scrittura per l'infanzia. Con Il fiore dell'ibisco ha vinto il Premio Napoli;[2] con Prima della quiete il Premio Grinzane Cavour.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'edizione del 2008
  2. ^ Premio Napoli di Narrativa 1954-2002, su premionapoli.it. URL consultato il 16 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le donne italiane. Il chi è del '900, a cura di Miriam Mafai, Milano, Rizzoli, 1993 ISBN 9788817842297

http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/elena-gianini-belotti/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68900146 · ISNI (EN0000 0000 8374 3037 · SBN IT\ICCU\CFIV\003636 · LCCN (ENn80035723 · GND (DE121567311 · BNF (FRcb12608813z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80035723