Premio Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Premio Napoli è un riconoscimento per la cultura e la lingua italiana assegnato dal 1954 a Napoli.

Origini e organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1960 fu creata una Fondazione con decreto del Presidente della Repubblica.Dal 2016 la Fondazione è presieduta da Domenico Ciruzzi.[1] Fino al 2012 da Silvio Perrella – dal 2007 – e precedentemente da Ermanno Rea. Il premio ha avuto dal 2001 al 2007 quattro sezioni vincitrici: narrativa straniera, narrativa italiana, saggistica e poesia. Nel 2008 le sezioni furono solamente due: letteratura italiana e letterature straniere.Dal 2016 le sezioni sono tre:narrativa,saggistica e poesia Le terne vincitrici di ogni sezione sono scelte da una giuria di esperti formata da quattordici persone (scrittori, registi e autori teatrali e cinematografici, giornalisti, critici, saggisti, docenti universitari). Le terne prescelte sono già vincitrici del premio Napoli. Una rete di comitati di lettura (quasi 200 distribuiti sul territorio campano e nazionale, oltre che in diversi Paesi stranieri, tra cui il Giappone e il Brasile, per un totale di circa 2.000 lettori) sceglie i libri dell'anno (uno per sezione) che sono premiati in una giornata-evento. L'edizione del 2009 ha visto la partecipazione dei votanti a titolo individuale, dal 2010 si è tornati ai comitati di lettura che hanno librerie ed associazioni territoriali come punto di riferimento organizzativo e logistico.

Albo dei vincitori - Sezione narrativa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) DOMENICO CIRUZZI È PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE “PREMIO NAPOLI” - L'angolo della Memoria e Museo civilta' contadina, in L'angolo della Memoria e Museo civilta' contadina, 20 ottobre 2016. URL consultato il 15 novembre 2017.