Portale:Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stemma della città metropolitana di Napoli
Stemma della città metropolitana di Napoli
Stemma del comune di Napoli
Stemma del comune di Napoli
Portale di NapolI
Napoli6.png Nile statue Naples.JPG Castello Maschio Angioino.jpg Pompeii-Street.jpg Ercolano villa Campolieto 010319 15.JPG
Vesuvio Statua del dio Nilo Maschio Angioino Scavi di Pompei Miglio d'oro

Benvenuto/Bentornato nel portale della Città Metropolitana di Napoli!

Questo è il punto di partenza per chi cerca informazioni di ogni genere su Napoli e la sua area metropolitana, all'interno di Wikipedia.

Se vuoi collaborare anche tu alla stesura e al miglioramento delle voci mancanti o incomplete riguardanti la città partenopea, visita il progetto Napoli.

Grazie assaje!



"Vieni o straniero nella grande Napoli, vedila, e muori! | Ama e inebriati, godi mentre l'attimo fugge | Il più splendido sogno, scorda i desideri delusi, | e i tormenti che un demone ha tessuto nella tua vita: | impara qui a godere, ad essere felice, e poi muori!"

Collabora a Wikiquote   (August von Platen-Hallermünde)



Caffè del PlebiscitoIl bar del vicolo ScassacocchiIl progetto



Introduzione
Il centro storico di Napoli

Napoli (IPA: [ˈnapoli] ascolta[?·info]; Nàpule in napoletano, pronuncia [ˈnɑːpələ] oppure [ˈnɑːpulə]) è un comune italiano di 989 846 abitanti, terzo in Italia per popolazione. La città capoluogo della regione Campania è situata in posizione pressoché centrale nell'omonimo golfo, tra il Vesuvio e l'area vulcanica dei Campi Flegrei, con oltre 3 000 000 di abitanti, è la terza città metropolitana d'Italia dopo Roma e Milano, nonché la più popolosa dell'Italia meridionale e dell'Europa mediterranea.

Fondata alla metà dell'VIII secolo a.C., fu tra le città egemoni della Magna Grecia grazie al rapporto privilegiato con Atene, ed esercitò una notevole influenza commerciale, culturale e religiosa sia sulle popolazioni italiche circostanti, che sulla stessa Roma. Punto focale della filosofia epicurea, fu infatti luogo di formazione per Virgilio, che vi compose la maggior parte delle proprie opere, e residenza degli imperatori Claudio, Tiberio e Nerone. Luogo di approdo dell'apostolo Pietro in Italia, fu inoltre uno dei primi luoghi del Cristianesimo in Occidente.
Città metropolitana di Napoli
Isla de Isquia Bahía de Nápoles y Vesubio.jpg
La città metropolitana di Napoli è stata istituita il 1º gennaio 2015.

La sua area geografica e amministrativa che conta oltre tre milioni di abitanti è de facto una delle più grandi aree metropolitane europee e la più grande dell'area europea mediterranea. La sua densità di popolazione è la più elevata d'Italia e d'Europa. L'intero territorio metropolitano si estende su una superficie di 1.171 km² e comprende 92 comuni. Le coste del golfo affacciano sul mar Tirreno, a nord-ovest nel versante flegreo confinano con il litorale domizio, a sud-est con la costiera amalfitana; mentre l'entroterra confina a nord con il casertano e la Valle Caudina, a nord-est con il baianese e il Vallo di Lauro, a est sul versante vesuviano con l'agro nocerino-sarnese; al centro è dominata dal Vesuvio. Leggi tutta la voce

In evidenza
Giuseppe Bonito Mascherata con Pulcinella
Giuseppe Bonito Mascherata con Pulcinella

Pulcinella è maschera napoletana e personaggio della commedia dell'arte. Alcuni critici fanno risalire questa maschera a Maccus personaggio delle farse popolari romane in lingua osca, un dialetto campano, chiamate Fabulae Atellanae perché la tradizione le vuole nate nel IV secolo nell'antica Atella, una citta romana nel territorio di Aversa e Capua, a nord di Napoli.

Puccio d'Aniello era il nome di un contadino di Acerra reso famoso da un presunto ritratto di Annibale Carracci, dalla faccia scurita dal sole di campagna e il naso lungo, che diede vita al personaggio teatrale di Pulcinella. Pulcinella ha incarnato e continua ad incarnare il tipo italiano, ancora oggi all'estero, il personaggio che cosciente dei problemi in cui si trova riesce sempre ad uscirne con un sorriso, prendendosi gioco dei potenti
Geografia
Vesuvio
Vesuvio

Il monte Vesuvio è un vulcano esplosivo attivo (in stato di quiescenza dal 1944), situato in Campania, nel territorio dell'omonimo parco nazionale istituito nel 1995. La sua altezza, al 2010, è di 1.281 m, sorge all'interno di una caldera di 4 km di diametro. Quest'ultima rappresenta ciò che è rimasto dell'ex edificio vulcanico (Monte Somma) dopo la grande eruzione del 79 d.C., che determinò il crollo del fianco sud-orientale in corrispondenza del quale si è successivamente formato il cratere attuale. È attualmente l'unico vulcano attivo di tutta l'Europa continentale.

È uno dei vulcani pericolosi più studiati al mondo; ciò è dovuto al fatto che sulle sue pendici abitano circa 700.000 persone e le conseguenze dell'eruzione sarebbero estremamente devastanti.

Nel 1997 il Vesuvio è stato eletto dall'UNESCO (con il vicino Miglio d'oro) tra le riserve mondiali della biosfera.

Artisti e personaggi celebri
Jacopo Sannazzaro
Jacopo Sannazzaro

Jacopo Sannazaro (Napoli, 1457Napoli, 6 agosto 1530) è stato un poeta e umanista italiano.

Jacopo Sannazaro (talvolta trascritto erroneamente Sannazzaro) compose opere in lingua latina e in volgare. È noto soprattutto come autore dell'Arcadia, romanzo pastorale in prosa e versi, da cui successivamente ha preso il nome l'omonima accademia costituitasi a Roma alla fine del Seicento.

Nacque a Napoli da una nobile famiglia della Lomellina (i Sannazzaro), che si diceva derivasse il nome da una villa a San Nazaro, nei pressi di Pavia. Le storie letterarie riferiscono una data di nascita oscillante fra il 1456 e il 1458; l'epigrafe sepolcrale riporta tuttavia la data del 1457. Suo padre morì durante gli anni dell'adolescenza di Jacopo, che fu cresciuto a Napoli, Nocera de' Pagani e San Cipriano Picentino, luoghi la cui atmosfera avrebbe ispirato, secondo le dichiarazioni del poeta, la prima elaborazione dell'Arcadia. A Napoli fu discepolo, nella seconda metà degli anni settanta del Quattrocento, di Giuniano Maio e Lucio Crasso, docenti di poetica e di retorica.

Arte

Pittori
Colantonio - Luigi Rodriguez - Giovanni Bernardino Azzolino - Fabrizio Santafede - Jusepe de Ribera - Luca Giordano - Battistello Caracciolo - Massimo Stanzione - Bernardo Cavallino - Aniello Falcone - Micco Spadaro - Salvator Rosa - Francesco Di Maria - Bernardo De Dominici - Andrea Malinconico - Paolo Finoglio - Lorenzo Vaccaro - Andrea Vaccaro - Giacomo Farelli - Onofrio Palumbo - Francesco Guarini - Giovan Battista Ruoppolo - Cesare Fracanzano - Giuseppe Simonelli - Giuseppe Marullo - Pacecco De Rosa - Belisario Corenzio - Nicola Malinconico - Giacomo del Pò - Giovanni Battista Lama - Domenico Guarino - Giuseppe Mastroleo - Paolo De Matteis - Domenico Antonio Vaccaro - Corrado Giaquinto - Aniello Falcone - Gaspare Traversi - Girolamo Cenatiempo - Pietro Bardellino - Fedele Fischetti - Giacinto Diano - Antonio Sarnelli - Giuseppe Bonito - Sebastiano Conca - Lorenzo De Caro - Nicola Maria Rossi - Francesco Solimena - Francesco De Mura - Gaetano Gigante - Achille Vianelli - Gabriele Smargiassi - Salvatore Fergola - Domenico Morelli

Scultori
Giuseppe Sanmartino - Vincenzo Gemito - Girolamo e Giovanni Domenico D'Auria - Giovanni da Nola - Annibale Caccavello - Domenico Antonio Vaccaro - Francesco Antonio Picchiatti - Dionisio Lazzari - Pietro Bernini - Michelangelo Naccherino

Architetti
Errico Alvino - Giuliano da Maiano - Giovanni Antonio Dosio - Bartolomeo Picchiatti - Domenico Fontana - Cosimo Fanzago - Ferdinando Fuga - Francesco Grimaldi - Antonio Guidetti - Antonio Niccolini - Giulio Ulisse Arata - Giovan Domenico Vinaccia - Guillem Sagrera - Pignaloso Cafaro - Giulio Cesare Fontana - Nicola Pagliara - Pirro Luis Escrivà - Dionisio Nencioni di Bartolomeo - Giovanni Vincenzo Casali - Francesco Sicuro - Giuseppe Astarita - Annibale Caccavello - Stefano Gasse - Mario Gioffredo - Alfonso Guerra - Camillo Guerra - Giovanni da Nola - Dionisio Lazzari - Giovan Battista Nauclerio - Francesco Antonio Picchiatti - Ferdinando Sanfelice - Nicola Tagliacozzi Canale - Domenico Antonio Vaccaro - Luigi Vanvitelli - Carlo Vanvitelli - Bartolomeo Vecchione - Luca Vecchione - Lamont Young

Arte e Cultura
Urbanistica e Architettura
Storia della città
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Napoli.
Stemma delle Due Sicilie
Stemma delle Due Sicilie

Il Regno delle Due Sicilie fu uno stato sovrano dell'Europa meridionale esistito tra il 1816 ed il 1861. Il regno venne istituito dal re Ferdinando di Borbone, allorché, dopo il Congresso di Vienna e il Trattato di Casalanza, soppresse il Regno di Napoli e il Regno di Sicilia e la relativa costituzione che li teneva separati.

Al momento dell'istituzione del Regno delle Due Sicilie, la capitale fu fissata in Palermo, ma, l'anno successivo, fu spostata a Napoli; Palermo, però, almeno formalmente, continuò a mantenere dignità di capitale, essendo considerata, appunto, "città capitale" dell'isola di Sicilia.




Immagine
Vista del porto di Napoli
Vista del porto di Napoli

Vista del porto di Napoli

(Altre immagini di Napoli)


Vita cittadina
Vetrina e vaglio
Napoli in vetrina
Napoli in vetrina

Questa è la lista delle voci relative alla città di Napoli inserite nella vetrina di Wikipedia. Le voci sono elencate in ordine di ammissione alla vetrina.

  1. Cucina napoletana
  2. Masaniello
  3. Regno di Napoli
  4. Società Sportiva Calcio Napoli
  5. Totò
  6. ...

Questa invece è la lista delle voci, relative alla città di Napoli, al vaglio di Wikipedia. Le voci sono elencate in ordine cronologico.

  1. ...

Aiutaci a rendere queste liste sempre più lunghe, partecipando al progetto Napoli!

Ultime voci


Cartella blu.jpg
Stemma Città Metropolitana di Napoli.png
Napoli sul web

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Stemma Città Metropolitana di Napoli.png
Portali collegati & altri progetti
Portali
Flag of Europe.svg Flag of Italy.svg Flag of Campania.svg Flag of the Kingdom of the Two Sicilies (1816).svg
Europa Italia Campania Due Sicilie


Interprogetti
Pix.gif