Partenope Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Polisportiva Partenope Rugby)
Partenope Rugby
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Partenope Rugby.png
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Colori 600px Azzurro Bianco e Azzurro (Strisce Orizzontali).svg Azzurrobianco
Dati societari
Città Napoli
Paese Italia Italia
Federazione Flag of Italy.svg F.I.R.
Campionato Serie B
Fondazione 1951
Scioglimento 1969
Rifondazione 1978
Presidente Italia Ugo Silvestri
Allenatore Italia Ezio Fallarino
Capitano Italia Stefano Valerio
Palmarès
Scudetto.svgScudetto.svg
2 scudetti
Stadio
Stadio Arturo Collana
Loc. Vomero
Napoli
(12.000 posti)
Sito ufficiale

La Partenope Rugby è la sezione rugbistica dell'Associazione Polisportiva Partenope, club sportivo con sede a Napoli, che attualmente milita in serie B.

Tra i club di rugby XV più famosi d'Italia, la squadra vinse due volte il campionato nazionale, nel 1965 e 1966. La sua sezione giovanile ha vinto 9 volte il titolo italiano.

Dopo lo scioglimento del club nel 1969, esso fu rifondato nel 1978 da Sandro Gelormini come Amici Pro Partenope che poi sarebbe ridiventata sezione della Polisportiva.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla fondazione ai primi scudetti giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Partenope 1958 .La squadra giovanile di Coppa Cicogna conquista il 1º titolo Italiano. Allenatore Italo Scodavolpe.

Una formazione della Partenope Rugby nel 1961

Non dimentichiamoci della Coppa Cicogna, Campioni D'italia 1960/61 un vero campionato italiano con schierate le migliori società, dal Parma, hold club Roma, Catania, Petrarca, Chicken Milano, Treviso, Formazione Partenope Napoli: Cecere, Vastano, Pinto, Carbone, Carlotto, Grandoni, Cacciapuoti, Ambrosoli, Trapanese, D'Orazio, Gelormini, Masiello, Ferrante, Settembre, Silvestri. Nel Campionato giovanile del 1961/62 rivincita del titolo con la formazione: Cavallo, D'Antonio, Perrino, Siano, Vitaliano, Fiorito, Palmieri, Trignano, Vastano, Grieco, Pagano, Mocerino, Fiore, Stornaiuolo, Leopardo. Finale questa disputata a Milano contro un ferrato Chicken. Risultato finale Partenope 9 Chicken 8: marcatori Grieco meta trasformata da Vastano; Vastano calcio di punizione.

La Società Partenope Napoli , rivince il suo secondo scudetto giovanile nel 1962/63 battendo nelle finali le maggiori contendenti quali Parma e Milano.La formazione: Calcagna,Stornaiuolo, Leopardo,Laezze, Fiore, Grieco,Pagano Trignano,Cavallo, Perrini,Siano, D'Antonio, Vastano Vitagliano Palmieri.

La Clif Partenope[modifica | modifica wikitesto]

L'Original Marines Partenope[modifica | modifica wikitesto]

La mancanza di strutture e la Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Il nomadismo della Partenope Rugby, tuttora orfana di una casa per il rugby nella città di Napoli, dovuto alla mancanza di strutture sportive disponibili ricomincia a far soffrire soprattutto il settore giovanile dove non riesce a mettere su una leva dalla classe 1977 alla classe 1981, nonostante gli allori delle classi 1975 e 1976 più volte campioni d'Italia dei quali pochi hanno continuato a vestire la maglia. Fatalmente questo "buco" di sette anni si rivelerà decisivo negli anni successivi. La prima squadra continua la sua avventura in serie A2 non riuscendo però più ad eguagliare i risultati dei primi due anni. Cambia più volte allenatore da Elio Fusco si passa a Franco Grieco, fino a quando, sotto la guida del tecnico beneventano Luigi De Joanni la Partenope Rugby, nell'anno 1998 scende di nuovo in Serie B. Nella stagione sportiva '99/'00 la squadra si autogestisce durante tutto il campionato e alla fine riesce nella promozione in Serie A2. Non esiste l'allenatore, la formazione domenicale viene dettata dal capitano, Antonio Sorrentino, sulla scorta di quanto accaduto negli allenamenti settimanali. Un grande contributo viene da Paul Griffen, che più tardi diventera mediano di mischia della nazionale italiana. La Partenope Rugby ritorna così in A2, ma l'esperienza dura giusto per due stagioni, così che nel 2002 la Partenope ritorna in serie B.

Il Campo Leone e la nuova Serie A[modifica | modifica wikitesto]

La Partenope riesce finalmente a trovare una casa grazie ad un accordo tra il Comitato Campano di rugby, il Comune di Pomigliano d'Arco e l'Associazione Polisportiva Partenope, accordo che prevede la concessione del campo di rugby intitolato a Giuseppe Leone. Per la stagione '02/'03 la Partenope è iscritta al campionato di serie B ma le cose non vanno bene. Alla guida della squadra c'è Elio Fusco, ma gran parte dei giocatori che avevano partecipato all'ultima promozione e ai due anni in Serie A2 smettono di giocare, il cambio generazionale è troppo netto: ci sono i giovani, ma inesperti e senza i veterani che gli passino l'esperienza di gioco. I ragazzi di Fusco perdono quasi tutte le partite fino al ricorrere ad un massiccio ingaggio di oriundi italo-argentini che riescono nel solo girone di ritorno a salvare la squadra. L'anno dopo il XV partenopeo passa dalle mani di Elio Fusco a quelle del figlio Annibale. Annibale ha una squadra molto giovane e con l'aiuto di solo tre stranieri nella rosa riesce a riportare la Partenope in serie A. Una serie A nel frattempo unificata senza più distinzione tra A1 e A2, ma con l'introduzione del Top Ten come girone d'eccellenza. L'esperienza di Annibale Fusco alla guida della prima squadra terminerà quando, nel 2007, la Partenope finirà ultima nel suo girone e retrocederà in Serie B. Dopo però tre anni di serie A con rispettivamente un 7º posto il primo anno, una salvezza il secondo anno e la retrocessione l'anno dopo. La stagione '07/'08 vede a Napoli l'arrivo del tecnico Guy Pardies, mediano di mischia francese, più volte campione d'Italia sia come giocatore che come allenatore negli anni '70 con il Petrarca Padova. La Partenope chiude la stagione con un 8º posto. La stagione '08/'09 comincia nel migliore dei modi con quattro vittorie consecutive, poi una serie interminabile di infortuni falcidiano la prima squadra che alla fine della stagione, grazie all'avvicendarsi di circa 50 atleti, riesce comunque a bissare il risultato dell'anno precedente. Per la stagione '09/'10 si trova in Michel Morlaas, proveniente dalla stessa città di Pardies, Agen, un sostegno al tecnico che già da tre anni segue i biancoazzurri, ma la permanenza a Napoli di Morlaas durerà poco. Già agli inizi di ottobre il tecnico transalpino rimetterà la prima squadra nelle mani di Pardies e del suo staff.

Date storiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1952 Nasce la Partenope Rugby grazie all'inglobamento della Rugby Napoli da parte dell'A.P.Partenope e partecipa al campionato di Serie B
  • 1953 La Partenope Rugby partecipa per la prima volta al campionato italiano di Serie A
  • 1958 La Partenope per la prima volta vince il Titolo Giovanile
  • 1965 È per la prima volta Campione d'Italia
  • 1966 È per la seconda volta Campione d'Italia
  • 1969 L'A.P.Partenope chiude la sezione rugby
  • 1978 Nasce la Amici Pro Partenope
  • 1979 La Partenope Rugby si iscrive al campionato di Serie C/1
  • 1989 La Partenope Rugby ritorna in serie A
  • 1990 La Partenope U.15 diventa campione d'Italia battendo ad Arezzo i pari età della Benetton Treviso 11:7
  • 1992 La Partenope U.17 diventa campione d'Italia battendo ad Arezzo i pari età della Petrarca Padova 11:9

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Capitani[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Partenope Rugby
  • 1952 • Incorporazione della Rugby Napoli e partecipazione alla serie B.
  • 1952/53 • Promozione in serie A
  • 1953/54 • serie A
  • 1954/55 • serie A
  • 1955/56 • 6ª in serie A gir. D
  • 1956/57 • serie A
  • 1957/58 • serie A
  • 1958/59 • serie A
  • 1959/60 • serie A
  • 1960/61 • 4ª in serie A
  • 1961/62 • 5ª in serie A
  • 1962/63 • 3ª in serie A
  • 1963/64 • 2ª in serie A
  • 1964/65 • 1ª in serie A
    Scudetto.svg Campione d’Italia (1º titolo)
  • 1965/66 • 1ª in serie A
    Scudetto.svg Campione d’Italia (2º titolo)
  • 1966/67 • 5ª in serie A
  • 1967/68 • 4ª in serie A
  • 1968/69 • 4ª in serie A
  • 1969 • Chiusura della sezione rugby
  • 1978 • Nascita della Amici Pro Partenope
  • 1979/80 • serie C/1
  • 1980/81 • serie C/1
    Promozione in serie B
  • 1981/82 • serie B
  • 1982/83 • serie B
  • 1983/84 • serie B
    Retrocessione in serie C/1
  • 1984/85 • serie C/1
    Promozione in serie B
  • 1985/86 • serie B
  • 1986/87 • serie B
  • 1987/88 • serie B
  • 1988/89 • serie B
    Promozione in serie A/2
  • 1989/90 • 1ª in serie A/2
    Sconfitta nei playoff
  • 1990/91 • 1ª in serie A/2
    Sconfitta nei playoff
  • 1991/92 • serie A/2
  • 1992/93 • serie A/2
    Sconfitta nei playoff
  • 1993/94 • serie A/2
  • 1994/95 • 2ª in serie A/2
    Sconfitta nei playoff
  • 1995/96 • serie A/2
  • 1996/97 • serie A/2
  • 1997/98 • serie A/2
    Retrocessione in serie B
  • 1998/99 • serie B
  • 1999/00 • serie B
    Promozione in serie A/2
  • 2000/01 • serie A/2
  • 2001/02 • serie A/2
    Retrocessione in serie B
  • 2002/03 • serie B
  • 2003/04 • serie B
    Promozione in serie A
  • 2004/05 • serie A
  • 2005/06 • 11ª in serie A
  • 2006/07 • 12ª in serie A
    Retrocessione in serie B
  • 2007/08 • 8ª in serie B gir. 4
  • 2008/09 • 8ª in serie B gir. 4
  • 2009-10 • 6ª in serie B gir. 4
  • 2010-11 • 5ª in serie B gir. 4
  • 2011-12 • 5ª in serie B gir. 4
  • 2012-13 • 9ª in serie B gir. D
  • 2013-14 • in serie B gir. D

Giocatori di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Luigi Adamo
PL Ciro Accarino
PL Antonio Siciliano
PL Pasquale Canzanella
PL Fabrizio Caterino
PL Domenico Giacco
PL Marcello Zito
TL Andrea Coppola
TL Claudio Guglielmelli
TL Ivano Adamo
SL Pasquale Piscopo
SL Eugenio Nappi
SL Gianandrea Dublino
SL Davide Larocca
FL Guglielmo Gelormini
FL Emanuele Trotta
FL Ernesto Ricciardi
FL Roberto De Nigro
FL Leandro Turino
FL Vincenzo Buonincontro
N8 Stefano Valerio
N8 Giuseppe Termini
Tre quarti
MM Maximiliano Gherardi
MA Tommaso Martone
CE Fabio Fiore
CE Antonelli Valerio
TQ Angelo Giustiniani
TQ Lorenzo De Merulis
TQ Gabriele Martignetti
ES Marcos Reyna
Staff tecnico
Allenatore: Ezio Fallarino
Ass. allenatore: Maurizio Cascone
Team manager: Charlie Esposito
Prep. atl.: Furio Barba & Paolo Adamo


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mimì Pessetti, 50 anni di polisportiva partenope, Napoli, Cercoordine, 2001.
  • Paolo Pacitti e Francesco Volpe, Annuario del rugby italiano, ZESI, 2009.
  • Lucio Cirino Pomicino e Aldo Barbi. (2001) Una lunga storia di eroi e di scudetti. Riportato il 21 agosto 2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]