Fiamme Oro Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
G.S. Fiamme Oro Rugby
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
«Le Fiamme», «I Poliziotti» e «I Cremisi»
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori cremisi, azzurro e oro
Simboli leone
Dati societari
Città Roma
Paese Italia Italia
Sede via Portuense 1680, 00165 Roma
Federazione Federazione Italiana Rugby
Campionato TOP10
Fondazione 1955
Scioglimento 1978
Rifondazione 1985
Sponsor tecnico Macron
Proprietario Ministero dell’interno
Presidente Francesco Montini
Allenatore Pasquale Presutti
Palmarès
ScudettoScudettoScudettoScudettoScudetto Coppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia
5 Scudetti
4 Coppe Italia
1 Trofei Eccellenza
Stadio
Centro sportivo Polizia di Stato,
caserma S. Gelsomini
(1348 posti)
Dati aggiornati al 1º maggio 2022

Il Gruppo Sportivo Fiamme Oro Rugby è la sezione rugby del G.S. Fiamme Oro, la divisione sportiva della Polizia di Stato. La nomina degli organismi dirigenti del Gruppo è in capo al Ministero dell'interno.

La formazione nacque a Padova nel 1955, dove vinse tutti i suoi principali trofei, divenendo una protagonista del campionato italiano nonché la prima squadra della città veneta, prima della serie di trofei del Petrarca, a laurearsi campione d’Italia.

Dal 1987 la squadra ha sede a Roma e disputa le partite interne presso il Centro sportivo della Polizia di Stato della Caserma Stefano Gelsomini in località Ponte Galeria, località sulla via Portuense in prossimità del comune di Fiumicino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della sezione rugby delle Fiamme Oro risale al 1955[1], cioè circa un anno dopo la fondazione del Gruppo sportivo. Essa avvenne per iniziativa di una ventina di agenti del II reparto mobile di Padova che, nel dopolavoro, usavano darsi appuntamento per disputare incontri di rugby a 15.

Le Fiamme Oro campioni d’Italia 1957-58

Ben presto l'iniziativa amatoriale ricevette il sigillo dell'ufficialità e la squadra fu associata al Gruppo sportivo e iscritta al campionato nazionale di serie A, imponendosi ben presto come una delle più organizzate e tecnicamente valide del panorama rugbistico nazionale: essa infatti, esordiente nel 1956-57, vinse quattro titoli consecutivi dal 1957-58 al 1960-61[1]: i primi due battendo in finale rispettivamente Rugby Milano e L'Aquila, gli altri per distacco: nel 1959 con 8 vittorie su 10 incontri del girone finale, nel 1961 con 10 su 10[2]. Da notare che, in quest'ultimo torneo, le Fiamme Oro si presentarono con due squadre, quella di Padova e un'altra, di nuova formazione, con base a Firenze, che riuscì anch'essa a qualificarsi per il girone finale[3]; così come nel 1957-58, quando ai play-out salvezza prese parte una formazione delle Fiamme Oro con sede a Mestre, classificatasi ai vertici di serie B[4].

In tale periodo di assoluta dominazione del campionato, le Fiamme Oro fornirono fino a 12 giocatori alla nazionale italiana[5].

Un'ennesima riforma del campionato eliminò pure il girone finale e istituì il girone unico; nel 1966-67 arrivarono primi a pari merito con L'Aquila, ma persero contro gli abruzzesi l'incontro di spareggio[6]. Nel 1967-68 le Fiamme Oro tornarono dopo sette anni alla vittoria nel campionato nazionale e[6], contestualmente, vinsero la prima di quattro Coppe Italia[1][7].

Gli eventi socio-politici che fecero seguito al movimento del Sessantotto causarono la perdita di prestigio della Polizia di Stato e di tutto ciò ad essa collegato, compreso il Gruppo sportivo. Nel decennio successivo le Fiamme Oro vinsero altre tre Coppe Italia[7] (nel 1969 e nel biennio 1971-1972[8]), ma ormai il momento di massimo splendore era alle spalle: alla fine della stagione 1977-78, dopo 22 campionati di serie A, la squadra retrocedette[9] e il gruppo fu di fatto dismesso. Durante tutta la permanenza a Padova la squadra disputò le sue partite interne allo stadio Daciano Colbachini, principalmente dedicato all'atletica leggera.

Nel 1985 il gruppo rugbistico fu ricostituito a Milano[1], presso il III reparto mobile, e grazie al merito sportivo pregresso la Federazione Italiana Rugby concesse l'iscrizione a partire dalla serie C1; nel 1987 il gruppo si trasferì a Roma[1] e nel 1993 arrivò la promozione in serie A2[10]. Nel 1997 vi fu il ritorno in serie A1, serie nella quale le Fiamme Oro rimasero solo due stagioni, con un ottavo posto nel primo anno di permanenza[11].

Dopo una decina di stagioni disputate tra serie B e serie A2, al termine della stagione 2009-10 la squadra conquistò la promozione in serie A1, la seconda divisione nazionale. Il ritorno nella massima serie avvenne al termine della stagione 2011-12: pur avendo perso la finale dei play-off promozione con San Donà, la squadra fu ammessa nella massima divisione insieme a Viadana, riformatosi dopo che la franchigia degli Aironi abbandonarono il campionato Pro12. Dopo aver accolto la richiesta di rientro del Viadana, la Federazione ampliò l'organico del campionato d'Eccellenza da 10 a 12 squadre promuovendo d'ufficio le Fiamme Oro[12].

Durante l'Eccellenza 2013-14, la formazione romana si qualificò per la finale del Trofeo, torneo sostitutivo della Coppa Italia, dove incontrò il Rovigo padrone di casa e col favore dei pronostici; i Cremisi si aggiudicarono il trofeo imponendosi per 26-25 grazie ad un piazzato allo scadere di Nicola Benetti[13]. Nella stagione successiva e nel 2016-17 le Fiamme terminarono la stagione regolare al quarto posto in classifica conquistando le semifinali scudetto, venendo tuttavia sconfitte rispettivamente da Rovigo e Petrarca.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria delle Fiamme Oro Rugby[1]
  • 1955 · Fondazione della sezione rugby del Gruppo Sportivo Fiamme Oro a Padova
  • 1956 · Iscrizione in serie A
  • 1956-57 · 4º girone A serie A
  • 1957-58 · 2º girone B serie A; 1º girone semifinale
    Scudetto.svg Campione d'Italia (1º titolo)
  • 1958-59 · 2º girone A serie A
    Scudetto2.svg Campione d'Italia (2º titolo)
  • 1959-60 · 1º girone A serie A; 1º girone finale
    Scudetto3.svg Campione d'Italia (3º titolo)
  • 1960-61 · 1º girone B Eccellenza; 1º girone finale
    Scudetto4.svg Campione d'Italia (4º titolo)
  • 1961-62 · 2º Eccellenza
  • 1962-63 · 2º Eccellenza
  • 1963-64 · 5º Eccellenza
  • 1964-65 · 5º Eccellenza
  • 1965-66 · 6º serie A
  • 1966-67 · 1º serie A; spareggio 1º posto
  • 1967-68 · 1º serie A
    Scudetto5.svg Campione d'Italia (5º titolo)
    Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia (1º titolo)
  • 1968-69 · 3º serie A
    Coccarda Coppa Italia2.svg Coppa Italia (2º titolo)
  • 1969-70 · 4º serie A
  • 1970-71 · 3º serie A
    Coccarda Coppa Italia3.svg Coppa Italia (3º titolo)
  • 1971-72 · 3º serie A
    Coccarda Coppa Italia4.svg Coppa Italia (4º titolo)
  • 1972-73 · 4º serie A
  • 1973-74 · 9º serie A
  • 1974-75 · 7º serie A
  • 1975-76 · 7º serie A
  • 1976-77 · 6º serie A
  • 1977-78 · 13º serie A
    Retrocessione retrocessione in serie B
  • 1978 · Chiusura della sezione rugby
  • 1985 · Riapertura della sezione rugby a Milano
  • 1985-86 · 3º girone B serie C
  • 1986-87 · 2º girone B serie C
  • 1987 · Trasferimento della squadra a Roma
  • 1987-88 · 1º girone F serie C
    1uparrow green.svg promozione in serie B
  • 1988-89 · 7º girone B serie B
  • 1989-90 · 8º girone B serie B
  • 1990-91 · 5º girone C serie B
  • 1991-92 · 2º girone C serie B
  • 1992-93 · 1º girone C serie B
    1uparrow green.svg promozione in serie A2
  • 1993-94 · 6º girone A serie A2
  • 1994-95 · 2º girone D serie A2
  • 1995-96 · 3º girone B serie A2
  • 1996-97 · 1º serie A2
    1uparrow green.svg promozione in serie A1
  • 1997-98 · 5º girone B serie A1; 3º poule salvezza
  • 1998-99 · 6º girone A serie A1; 6º poule salvezza
    Retrocessione retrocessione in serie A2
  • 1999-2000 · 1º girone B serie A2; 5º poule promozione
  • 2000-01 · 6º serie A2
  • 2001-02 · 8º serie A
  • 2002-03 · 14º serie A
    Retrocessione retrocessione in serie B
  • 2003-04 · 2º girone B serie B
    1uparrow green.svg ripescaggio in serie A2
  • 2004-05 · 12º girone B serie A
    Retrocessione retrocessione in serie B
  • 2005-06 · 1º girone D serie B; play-off promozione
  • 2006-07 · 5º girone D serie B
  • 2007-08 · 6º girone D serie B
  • 2008-09 · 1º girone D serie B
    1uparrow green.svg promozione in serie A2
  • 2009-10 · 3º serie A2
    1uparrow green.svg promozione in serie A1
  • 2010-11 · 4º serie A1
  • 2011-12 · 1º serie A1; finale
    1uparrow green.svg ripescaggio in Eccellenza
  • 2012-13 · 8º Eccellenza
  • 2013-14 · 7º Eccellenza
    Coccarda Coppa Italia.svg Trofeo Eccellenza (5º titolo)
  • 2014-15 · 4º Eccellenza; semifinali scudetto
  • 2015-16 · 7º Eccellenza
  • 2016-17 · 5º Eccellenza
  • 2017-18 · 4º Eccellenza; semifinali scudetto
  • 2018-19 · 5º TOP12
  • 2019-20 · in TOP12; campionato sospeso causa pandemia di COVID-19 in Italia
  • 2020-21 · 7º TOP10
  • 2021-22 · 6º TOP10

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali delle Fiamme Oro Rugby sono il cremisi, l'azzurro e l'oro, quelli propri del Gruppo sportivo, con una netta predominanza del cremisi, soprannome dei giocatori del club.

Il simbolo societario è una rivisitazione del leone presente sullo stemma araldico della Polizia di Stato[14]: un leone d'oro rampante, linguato, tenente con la zampa anteriore destra un gladio fiammeggiante.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1957-58, 1958-59, 1959-60, 1960-61, 1967-68
1967-68, 1968-69, 1970-71, 1971-72
2013-14

Il club si è inoltre aggiudicato 7 titoli del campionato Riserve (1961, 1966, 1969, 1971, 1972, 1975, 1995)[15].

Stagioni sportive[modifica | modifica wikitesto]

Le stagioni sportive del club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega.

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Stagioni delle Fiamme Oro Rugby

Stagione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fiamme Oro Rugby 2021-2022.

Giocatori di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito elencati i giocatori di maggiore rilievo internazionale selezionati nella nazionale italiana durante la militanza nelle Fiamme Oro[16]:

Fra gli altri giocatori di maggiore rilevanza internazionale che hanno vestito la maglia del club, si annoverano: Anacleto Altigieri, Andrea Bacchetti, Arturo Bergamasco, Michelangelo Biondelli, Carlo Canna, Giancarlo Cucchiella, Patrick Fa'apale (Samoa), Simone Favaro, Giancarlo Navarrini, Pasquale Presutti, Roberto Quartaroli, Stefano Romagnoli, Michele Sepe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Rugby 2022, p. 96.
  2. ^ Rugby 2022, pp. 25-26.
  3. ^ Rugby 2022, p. 26.
  4. ^ Rugby 2022, p. 25.
  5. ^ Rugby 2022, pp. 200-201.
  6. ^ a b Rugby 2022, p. 27.
  7. ^ a b Rugby 2022, p. 9.
  8. ^ Rugby 2022, p. 16.
  9. ^ Rugby 2022, p. 29.
  10. ^ Rugby 2022, p. 70.
  11. ^ Rugby 2022, pp. 37-38.
  12. ^ Comunicato federale n. 1 stagione sportiva 2012/2013 (PDF), su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 3 luglio 2012. URL consultato il 1º gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2015).
  13. ^ Trofeo Eccellenza: impresa Fiamme Oro, la finale è dei poliziotti romani, su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 8 febbraio 2014. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  14. ^ Simboli e segni distintivi della Polizia di Stato (PDF), su poliziadistato.it, Polizia di Stato, pp. 4-5. URL consultato il 1º maggio 2022.
  15. ^ Rugby 2022, p. 10.
  16. ^ Rugby 2022, pp. 298-319.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Pacitti e Francesco Volpe, Rugby 2022, Roma, Zesi, 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby