Fiamme Oro Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
G.S. Fiamme Oro Rugby
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Fiamme
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori 600px HEX-DC143C HEX-0F5F89 horizontal White thin stripe.svg Cremisiazzurro
Dati societari
Città Roma
Paese Italia Italia
Sede Roma
Federazione Flag of Italy.svg F.I.R.
Campionato Eccellenza
Fondazione 1955
Scioglimento 1978
Rifondazione 1985
Presidente Italia Armando Forgione
Allenatore Italia Umberto Casellato
Palmarès
ScudettoScudettoScudettoScudettoScudettoCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia
5 scudetti
4 coppe Italia
1 trofei Eccellenza
Stadio
Centro Sportivo Polizia di Stato
Ponte Galeria, Roma
(1 348 posti)
fiammeororugby.it

Il Gruppo Sportivo Fiamme Oro Rugby è la sezione rugbistica del G.S. Fiamme Oro, la divisione sportiva della Polizia di Stato. La nomina degli organismi dirigenti del Gruppo è in capo al Ministero dell'interno.

La formazione nacque a Padova, dove vinse tutti i suoi principali trofei, divenendo una protagonista del campionato italiano nonché la prima squadra della città veneta, prima della serie di trofei del Petrarca, a laurearsi campione d'Italia.

Dal 1987 la squadra ha sede a Roma e disputa le partite interne presso il Centro Sportivo della Polizia di Stato di Ponte Galeria, località sulla via Portuense in prossimità del comune di Fiumicino. Nella stagione 2011-12 la squadra si classificò seconda nel campionato nazionale di Serie A, ma fu ripescata in Eccellenza per ampliamento del torneo.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della sezione rugbistica delle Fiamme Oro risale al 1955, cioè circa un anno dopo la fondazione del gruppo sportivo. Essa avvenne per iniziativa di una ventina di agenti del II reparto mobile di Padova che, nel dopolavoro, usavano darsi appuntamento per disputare incontri di rugby.

Le Fiamme Oro campioni d'Italia 1957-58

Ben presto l'iniziativa - amatoriale - ricevette il sigillo dell'ufficialità e la squadra fu associata al gruppo sportivo e iscritta al campionato nazionale di serie A, imponendosi ben presto come una delle più organizzate e tecnicamente valide del panorama rugbistico nazionale: essa infatti, esordiente nel 1956-57, vinse quattro titoli consecutivi dal 1957-58 al 1960-61: i primi due battendo in finale rispettivamente Milano e L’Aquila, gli altri per distacco: nel 1959 con 8 vittorie su 10 incontri del girone finale, nel 1961 con 10 su 10. Da notare che, in quest'ultimo torneo, le Fiamme Oro si presentarono con due squadre, quella di Padova e un'altra, di nuova formazione, con base a Firenze, che riuscì anch'essa a qualificarsi per il girone finale.

In tale periodo di assoluta dominazione del campionato, le Fiamme Oro fornirono fino a 12 giocatori alla nazionale italiana.

Un'ennesima riforma del campionato eliminò pure il girone finale e istituì il girone unico: nel 1965 e nel 1966 le Fiamme Oro giunsero seconde, entrambe le volte dietro i napoletani della Partenope, mentre nel 1967 arrivarono primi a pari merito dell'Aquila, ma persero contro gli abruzzesi l'incontro di spareggio. Nel 1968 le Fiamme Oro tornarono dopo sette anni alla vittoria nel campionato nazionale e, contestualmente, vinsero la prima di quattro Coppe Italia.

Gli eventi socio-politici che fecero seguito al 1968 causarono la perdita di prestigio della Polizia di Stato e di tutto ciò a essa collegato, compreso il gruppo sportivo. Nel decennio successivo le Fiamme Oro vinsero altre tre Coppe Italia (nel 1969 e nel biennio 1971-72), ma ormai il momento di massimo splendore era alle spalle: alla fine della stagione 1977-78, dopo 22 campionati di serie A, la squadra retrocedette e il gruppo fu di fatto dismesso. Durante tutta la permanenza a Padova la squadra disputò le sue partite interne allo stadio d'atletica Daciano Colbachini.

Nel 1985 il gruppo rugbistico fu ricostituito a Milano, presso il III Reparto Mobile, e grazie al merito sportivo pregresso la Federugby concesse l'iscrizione a partire dalla serie C1; nel 1987 il gruppo si trasferì a Roma e nel 1993 arrivò la promozione in serie A2. Nel 1997 vi fu il ritorno in serie A1, serie nella quale le Fiamme Oro rimasero solo due stagioni, con un ottavo posto nel primo anno di permanenza.

Nel 2009 la squadra prese parte al torneo di serie A2 e, alla fine della stagione, giunse la promozione in serie A1 per il 2010-11.

Il ritorno nella massima serie avvenne al termine della stagione 2011-2012. Pur avendo perso la finale dei play-off per la promozione, la squadra fu ammessa nella massima divisione insieme al Viadana, riformatosi dopo che gli Aironi avevano abbandonato il campionato Pro12. Dopo aver accolto la richiesta di rientro del Viadana, la Federazione ampliò l'organico del Campionato di Eccellenza da 10 a 12 squadre e promosse d'ufficio le Fiamme Oro.

Durante la stagione 2013-2014, la formazione romana si qualifica per la finale del Trofeo Eccellenza (ex Coppa Italia), dove incontra il Rovigo, favorito anche dal fatto di disputare l'incontro unico sul campo di casa. Al termine di una partita combattuta e con un calcio piazzato di Benetti allo scadere, i cremisi battono la formazione locale per 26 a 25 aggiudicandosi il torneo ed il primo trofeo della storia romana del club.

Nella stagione 2014-2015 le Fiamme Oro conquistano le semifinali play-off, terminando la stagione regolare al quarto posto in classifica. Nelle semifinali incontra il Rugby Rovigo che esce vittorioso dal doppio confronto con i punteggi di 33-31 e 17-10, fermando la corsa cremisi verso la finale scudetto. Nella stagione 2015/2016, sotto la guida di coach Eugenio Eugenio, le Fiamme Oro hanno ottenuto settimo posto. La stagione 2016/107 ha invece visto la formazione cremisi, allenata da Umberto Casellato, fermarsi ad un passo dei play off scudetto, finendo la regular season al quinto posto a soli due punti dal Viadana. Nella stessa stagione i cremisi hanno pure giocato e perso la finale di Trofeo Eccellenza contro il Viadana a Firenze. La stagione 2017/2018 vedrà sulla panchina delle Fiamme Oro Rugby Gianluca Guidi, già tecnico delle nazionali giovanili azzurre e della formazione Pro12 delle Zebre.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria delle Fiamme Oro Rugby
  • 1956-57 · 4º girone A serie A
  • 1957-58 · 2º girone B serie A
    1º girone semifinale
    Scudetto.svg Campione d'Italia (1º titolo)
  • 1958-59 · 2º girone A serie A
    Scudetto.svg Campione d'Italia (2º titolo)
  • 1959-60 · 1º girone A serie A
    1º girone finale
    Scudetto.svg Campione d'Italia (3º titolo)
  • 1960-61 · 1º girone B Eccellenza
    1º girone finale
    Scudetto.svg Campione d'Italia (4º titolo)
  • 1961-62 · 2º Eccellenza
  • 1962-63 · 2º Eccellenza
  • 1963-64 · 5º Eccellenza
  • 1964-65 · 5º Eccellenza
  • 1965-66 · 6º serie A
  • 1966-67 · 1º serie A
    Sconfitta spareggio 1º posto
  • 1967-68 · 1º serie A
    Scudetto.svg Campione d'Italia (5º titolo)
    Coccarda Italia.svg Coppa Italia (1º titolo)
  • 1968-69 · 3º serie A
    Coccarda Italia.svg Coppa Italia (2º titolo)
  • 1969-70 · 4º serie A
  • 1970-71 · 3º serie A
    Coccarda Italia.svg Coppa Italia (3º titolo)
  • 1971-72 · 3º serie A
    Coccarda Italia.svg Coppa Italia (4º titolo)
  • 1972-73 · 4º serie A
  • 1973-74 · 9º serie A
  • 1974-75 · 7º serie A
  • 1975-76 · 7º serie A
  • 1976-77 · 6º serie A
  • 1977-78 · 13º serie A
    Retrocessione in serie B
  • 1978 · Chiusura della sezione rugbistica
  • 1985 · Riapertura della sezione rugbistica a Milano
  • 1985-86 · serie C
  • 1986-87 · serie C
  • 1987 · Trasferimento della squadra a Roma
  • 1987-88 ·
  • 1988-89 ·
  • 1989-90 ·
  • 1990-91 ·
  • 1991-92 ·
  • 1992-93 · 1º serie B
    promozione in serie A2
  • 1993-94 · serie A2
  • 1994-95 · serie A2
  • 1995-96 · serie A2
  • 1996-97 · 1º serie A2
    promozione in serie A1
  • 1997-98 · 5º girone B serie A1
    3º poule salvezza
  • 1998-99 · 6º girone A serie A1
    6º poule salvezza
    retrocessione in serie A2
  • 1999-2000 · 1º girone B serie A2
    5º poule promozione
  • 2000-01 · 6º serie A2
  • 2001-02 · 8º serie A
  • 2002-03 · 14º serie A
    retrocessione in serie B
  • 2003-04 · serie B
    retrocessione in serie C
  • 2004-05 · serie C
    promozione in serie B
  • 2005-06 · 1º girone D serie B
    Sconfitta play off promozione
  • 2006-07 · 5º girone D serie B
  • 2007-08 · 6º girone D serie B
  • 2008-09 · 1º girone D serie B
    promozione in serie A2
  • 2009-10 · 3º serie A2
    promozione in serie A1
  • 2010-11 · 4º serie A1
  • 2011-12 · 1º serie A1
    Sconf. finale scudetto di A
    promozione in Eccellenza dopo ripescaggio
  • 2012-13 · 8° Eccellenza
  • 2013-14 · 7º Eccellenza
    Coccarda Italia.svg Trofeo Eccellenza (1º titolo)
  • 2014-15 · 4º Eccellenza
    Sconf. semifinale playoff
  • 2015-16 · 7º Eccellenza
  • 2016-17 · 5º Eccellenza

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Rosa attuale (2015-16)[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Italia Giuseppe Di Stefano
PL Italia Stefano Iovenitti
PL Italia Laert Naka
PL Italia Alessio Ceglie
PL Italia Massimiliano Ravalle
PL Italia Fabio Cocivera
PL Italia Giulio Cenedese
TL Italia Giuseppe Cerqua
TL Italia Valerio Vicerè
TL Italia Alain Moriconi
SL Italia Gabriele Venditti
SL Italia Filippo Cazzola
SL Italia Alfio Mammana
SL Italia Michele Sutto
SL Nuova Zelanda Troy Callander
FL Italia Matteo Zitelli
FL Italia Lorenzo Favaro
FL Italia Andrea Balsemin
FL Italia Vittorio Marazzi
FL Italia Dennis Bergamin
N8 Italia Mirko Amenta
N8 Italia Gianmarco Duca
Tre quarti
MM Italia Guido Calabrese
MM Italia Simone Marinaro
MM Italia Simone Parisotto
MA Italia Riccardo Della Rossa
MA Italia Maicol Azzolini
MA Nuova Zelanda Thomas William Halse
CE Italia Giuseppe Sapuppo
CE Italia Samuel Seno
CE Italia Giovanni Massaro (c)
CE Italia Roberto Quartaroli
CE Italia Pietro Valcastelli
TQ Italia Marcello De Gaspari
TQ Italia Andrea Bacchetti
TQ Italia Michele Sepe
ES Italia Matteo Gasparini
ES Italia Marco Di Massimo
Staff tecnico
Allenatore: Italia Eugenio Eugenio
All. avanti: Italia Sandro Castagna
All. tre quarti: Italia Giovanni Raineri
Strategia: Italia Manuel Bottino
Team manager: Italia Pietro Travagli
Prep. atl.: Italia Riccardo Di Maio
Italia Simone Andreucci
Medico: Italia Dott. Marco Rapisarda


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]