Rugby San Donà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rugby San Donà S.S.D. ar.l.
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Colori bianco e celeste
Dati societari
Città San Donà di Piave
Paese Italia Italia
Sede via Unità d’Italia 18, 30027 San Donà di Piave
Federazione Federazione Italiana Rugby
Campionato Serie B
Fondazione 1959
Storico nomi A.R. Rosca San Donà
(1960-2005)
Amatori Rugby San Donà
(2005-2012)
Rugby San Donà
(2012-)
Presidente Alberto Marusso
Allenatore Giancarlo Pivetta
Palmarès
1 Trofei Eccellenza
Stadio
stadio Romolo Pacifici
(1 500 posti)
Dati aggiornati al 1º ottobre 2020

Il Rugby San Donà S.S.D. è un club italiano di rugby a 15 con sede a San Donà di Piave.

Fondato nel 1959 come Associazione Rugby San Donà e passato attraverso le denominazioni di Associazione Rugby Rosca San Donà e Amatori Rugby San Donà, nacque a opera di un gruppo di appassionati, affiliandosi lo stesso anno alla Federazione Italiana Rugby. La prima squadra militò stabilmente nel campionato di serie A dalla stagione 1979-80 a quella 2000-01 ed in quattro occasioni raggiunse le semifinali per l'assegnazione del titolo di campione d'Italia: nel 1989-90, 1991-92, 1992-93 e 1995-96.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rugby arriva a San Donà di Piave alla fine degli anni cinquanta del secolo scorso per iniziativa di alcuni studenti, Mario Pacifici e Corrado Teso in testa, che avevano appreso i primi rudimenti della palla ovale presso il “Collegio Brandolini” di Oderzo. Dopo aver convinto alcuni amici fondarono L'Associazione Rugby San Donà esordendo ufficialmente già nel campionato 1960-61.

I successi non tardarono ad arrivare e dopo due stagioni si concretizzò la promozione in serie B al termine della stagione 1962-63.

Al termine del campionato 1975-76 l'approdo in serie A, dove il Rugby San Donà rimase per alcuni lustri, meritando la stima e l'apprezzamento di tutto l'ambiente rugbistico, nelle varie strutturazioni che il campionato maggiore ha avuto. La prima squadra arrivò a disputare, nell'allora Serie A1, ben quattro fasi finali per lo scudetto nelle stagioni 1989-90, 1991-92, 1992-93 e 1995-96.

Numerosi i giocatori che arrivarono a vestire la maglia azzurra della Nazionale maggiore: fra i più rappresentativi vi sono coloro che indossarono la fascia di capitano: Adriano Fedrigo (41 presenze a partire dal 1972); Giancarlo Pivetta, pilone dell’Italia dal 1979 al 1993 (46 presenze in Nazionale e due Mondiali: 1987 e 1991, quest'ultimo anche come capitano) e allenatore della squadra seniores nelle stagioni 2004 e 2005; Andrea Sgorlon (37 presenze tra il 1993 e il 1999, un Mondiale nel 1995 e Campione d'Europa nella finale di Coppa FIRA 1995-1997). Nella stagione 1992-93 il sudafricano Joël Stransky, poi Campione del Mondo 1995, veste la maglia del club che si classifica secondo al termine della stagione regolare, qualificandosi per i quarti di finale, dove supera il Tarvisium prima di arrendersi in semifinale al Benetton nel doppio confronto coi punteggi di 27-28 e 17-25.

Il San Donà rimase in massima serie fino agli inizi degli anni 2000 quando, complice l'avvento del professionismo e la trasformazione del campionato maggiore in Super 10 nella stagione 2001-02, il club retrocesse in serie A, dove rimase stabilmente fino alla stagione 2004-05.

Il 2005 fu un anno di grandi cambiamenti per il Rugby San Donà: il momento della retrocessione in serie B, avvenuto dopo la sconfitta nell'ultima partita dei play-off salvezza, portò la Società a ricostituirsi e a solidificare le proprie basi, variando la propria composizione dai vertici sino all'apparato tecnico, in modo da dedicare maggiori attenzioni al sempre florido vivaio del club e a dare nuova linfa alla prima squadra. Si formò il gruppo Amatori, al quale fecero capo numerosi giovani imprenditori locali, tra i quali molti ex-giocatori, con il preciso intento di riportare la Società ai fasti dei tempi migliori. Tali attenzioni portarono subito i primi risultati: dopo un solo anno in serie B l'Amatori Rugby San Donà tornò nuovamente a disputare il campionato di serie A nel 2006-07.[1]

La stagione di serie A1 2011-12 segnò il ritorno del San Donà in massima serie, grazie alla finale vinta a Prato contro le Fiamme Oro col punteggio di 13-9, aggiudicandosi così la promozione in Eccellenza. Dalla stagione successiva la Società cambia logo e denominazione in Rugby San Donà, il club partecipa stabilmente al campionato d'Eccellenza con il nome di Lafert San Donà, per ragioni di sponsorizzazione. Nella stagione 2017-18 si classifica quinta in campionato, sfiorando l'accesso alle semifinali play-off, e vince il Trofeo Eccellenza in finale contro le Fiamme Oro per 24 a 0. Nella formazione titolare scesa in campo al Battaglini di Rovigo, guidata dall'allenatore Zane Ansell, ci sono gli azzurri Paul Derbyshire, Jaco Erasmus, Andrea Pratichetti, autore di una meta, e Matteo Falsaperla, capitano della Nazionale a 7.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Rugby San Donà
  • 1959 · 30 settembre: si costituisce l'Associazione Rugby San Donà[2]
  • 1960-61 · Con la denominazione Associazione Rugby Rosca San Donà partecipa al campionato di Promozione Veneto nel girone B
  • 1961-62 · Con la denominazione Associazione Rugby Italux San Donà partecipa al campionato misto serie C Riserve
  • 1962 · Ritorno alla denominazione Associazione Rugby Rosca San Donà
  • 1962-63 · 1º girone C serie C[3]
    Campione d'Italia di serie C[4]
    1uparrow green.svg promozione in serie B
  • 1963-64 · 4º girone C serie B
  • 1964-65 · 5º girone B serie B
  • 1965-66 · 7º girone B serie B
  • 1966 · 21 settembre: viene dichiarata decaduta l'Associazione Rugby Rosca San Donà e costituita l'Associazione Rugby San Donà[5]
  • 1966-67 · 3º girone B serie B
  • 1967-68 · 2º girone B serie B[6]
  • 1968-69 · 11º girone B serie B
    Retrocessione retrocessione in serie C
  • 1969-70 · 2º girone B serie C
  • 1970-71 · 1º girone B serie C[7]
    Campione d'Italia di serie C[8]
    1uparrow green.svg promozione in serie B
  • 1971-72 · 1º girone B serie B[9]
    4ª nel girone finale
  • 1972-73 · 2º girone B serie B
  • 1973-74 · 7º girone A serie B
  • 1974-75 · 3º girone B serie B
  • 1975 · Cambio denominazione in Fracasso Rugby San Donà[10]
  • 1975-76 · 2º girone A serie B[11]
    1uparrow green.svg promozione in serie A
  • 1976-77 · 14ª serie A
    Retrocessione retrocessione in serie B
  • 1977-78 · 2º girone A serie B
  • 1978-79 · 1º girone A serie B; 1ª nel girone promozione
    1uparrow green.svg promozione in serie A
  • 1979-80 · 5ª serie A
  • 1980-81 · 6ª serie A
  • 1981-82 · 5ª serie A
  • 1982-83 · 4ª serie A
  • 1983-84 · 6ª serie A
  • 1984-85 · 9ª serie A
  • 1985-86 · 13ª serie A
    Retrocessione retrocessione in serie A2
    Campione d'Italia Riserve[12]
  • 1986-87 · 2ª serie A2
    1uparrow green.svg promozione in serie A1
  • 1987-88 · 7ª serie A1
  • 1988-89 · 5ª serie A1
  • 1989-90 · 5ª serie A1; semifinali play-off
  • 1990-91 · 5ª serie A1
  • 1991-92 · 3ª serie A1; semifinali play-off
  • 1992-93 · 2ª serie A1; semifinali play-off
  • 1993-94 · 6ª serie A1
  • 1994-95 · 6ª serie A1
  • 1995-96 · 5ª serie A1; semifinali play-off
  • 1996-97 · 9ª serie A1
  • 1997-98 · 8ª serie A1
  • 1998-99 · 8ª serie A1
  • 1999-2000 · 6º girone B serie A1; 4ª nella poule salvezza
  • 2000-01 · 6º girone B serie A1; 5ª nella poule salvezza
    Retrocessione retrocessione in serie A2
  • 2001-02 · 9ª serie A
  • 2002-03 · 10ª serie A
  • 2003-04 · 8º girone B serie A
  • 2004-05 · 11º girone A serie A
    Retrocessione retrocessione in serie B
  • 2005 · Formazione del gruppo Amatori Rugby San Donà
  • 2005-06 · 2º girone C serie B
    1uparrow green.svg promozione in serie A
  • 2006-07 · 6º girone B serie A
  • 2007-08 · 7ª serie A1
  • 2008-09 · 7ª serie A1
  • 2009-10 · 5ª serie A1
  • 2010-11 · 5ª serie A1
  • 2011-12 · 2ª serie A1
    Campione d'Italia di serie A
    1uparrow green.svg promozione in Eccellenza
  • 2012 · Ritorno della denominazione Rugby San Donà
  • 2012-13 · 9ª Eccellenza
  • 2013-14 · 9ª Eccellenza
  • 2014-15 · 5ª Eccellenza
  • 2015-16 · 6ª Eccellenza
  • 2016-17 · 6ª Eccellenza
  • 2017-18 · 5ª Eccellenza
    Coccarda Coppa Italia.svg Trofeo Eccellenza (1º titolo)
  • 2018-19 · 7ª TOP12
  • 2019-20 · Campionato annullato
    Retrocessione rinuncia al TOP12 e riassegnazione alla serie B
  • 2020-21 · Campionato di serie B non disputato
  • 2021-22 · in serie B

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Il settore giovanile del Rugby San Donà presenta formazioni in tutte le categorie del mini rugby e junior, con formazioni dall'Under-6 all'Under-18.

La squadra juniores si è aggiudicata il massimo campionato nazionale giovanile nella stagione 1987-88, come Fracasso San Donà, superando in finale il CUS Roma per 13-6; tre anni più tardi, nel 1990-91, disputò nuovamente la finale abdicando al Benetton[13].

La formazione giovanile Under-17/18 ha vinto per due volte il campionato italiano nel 1986-87 e, più recentemente, nel 2005-06; mentre, la categoria Under-15/16 è stata campione d'Italia nel 1984-85[14]. Inoltre, il settore del rugby di base vanta quattro affermazioni nel Trofeo Topolino con le categorie Under-8/9 (1998), Under-12/13 (2003, 2013) e Under-14/15 (2004)[15].

Stagioni sportive[modifica | modifica wikitesto]

Le stagioni sportive del club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega.

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Stagioni del Rugby San Donà

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Azzurri[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito elencati i giocatori internazionali per l'Italia durante il periodo di militanza nella Società sandonatese[16]. Nel corso degli anni, diversi atleti del club indossarono la maglia azzurra della nazionale maggiore nonché quelle delle rappresentative giovanili; tra tutti i giocatori vengono ricordati in particolare coloro che hanno rivestito i gradi di capitano dell'Italia: Adriano Fedrigo, Giancarlo Pivetta e Andrea Sgorlon[17].

Altri sandonatesi come Enrico Bacchin e Matteo Zanusso vestirono l'azzurro pochi anni dopo aver lasciato il club.

Internazionali stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Fra i giocatori stranieri di maggior rilievo internazionale si ricordano il sudafricano campione del mondo Joël Stransky e l'argentino Fabián Turnes negli anni 1990; mentre, più recentemente, negli anni 2010 si annoverano: Hilton Lobberts (Sudafrica), Maama Molitika (Tonga) e gli italiani Jaco Erasmus e Paul Derbyshire, entrambi capitani della formazione bianco-celeste. Inoltre, durante il periodo di militanza a San Donà, Umberto Pilla venne selezionato nella nazionale tedesca per disputare due partite di qualificazione alla Coppa del Mondo 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia: I primi passi, i primi successi, su rugbysandona.it.
  2. ^ Rugby Razza Piave, I ragazzi del 59, pag.12
  3. ^ Nella finale valevole per la promozione vince con il Cus Modena (14-3), Rugby Razza Piave, pag.105
  4. ^ Rugby Razza Piave, pag.105
  5. ^ Rugby Razza Piave, Il nuovo direttivo, pag.42
  6. ^ Viene sconfitta nella semifinale nazionale dalla S.S. Lazio (in casa 3-3, in trasferta 6-19), Rugby Razza Piave, pag.115
  7. ^ 1º posto nel girone finale, Rugby Razza Piave, pag.127
  8. ^ Rugby Razza Piave, pag.127
  9. ^ 4ª nel girone finale, Rugby Razza Piave, pag.135
  10. ^ Rugby Razza Piave, Arriva Fracasso ed è subito serie A!, pag.65
  11. ^ Vince lo spareggio con la seconda del girone B Cus Napoli (in casa 17-10, in trasferta 10-6), Rugby Razza Piave, pag.143
  12. ^ Rugby 2022, p. 10.
  13. ^ Rugby 2022, p. 9.
  14. ^ Rugby 2022, p. 11.
  15. ^ Rugby 2022, p. 13.
  16. ^ Rugby 2022, pp. 298-319.
  17. ^ Storia del Rugby San Donà, su rugbysandona.it, Rugby San Donà SSD. URL consultato il 1º gennaio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Colosetti e Nicola Bizzaro, Rugby Razza Piave, Edizioni La Press, Fiesso d'Artico, 1984, p. 280.
  • Luigino Zecchinel, Storie da Fuorigioco, Mazzanti Editori, 2009, p. 260.
  • Paolo Pacitti e Francesco Volpe, Rugby 2022, Roma, Zesi, 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby