Sal da Vinci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sal Da Vinci)
Sal Da Vinci
Fotografia di Sal Da Vinci
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Canzone napoletana
Musica leggera
Musica latina
Soft rock
Dance pop
Periodo di attività 1976 – in corso
Etichetta Cose Production
Album pubblicati 19
Studio 19
Sito web

Sal Da Vinci, nome d'arte di Salvatore Michael Sorrentino (New York, 7 aprile 1969), è un cantante e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a New York in quanto il padre Mario Da Vinci, cantante e interprete della sceneggiata napoletana, era impegnato in una tournée negli Stati Uniti e la madre aveva ivi raggiunto il marito. Nel 1976 debutta nel mondo della musica incidendo, in duetto proprio con il padre, la canzone Miracolo 'e Natale di Alberto Sciotti e Tony Iglio, da cui è stata tratta una sceneggiata omonima. Nel 1977 insieme al padre Mario, debutta in teatro con la sceneggiata Caro papà e nello stesso anno debutta con la sceneggiata Senza mamma e senza padre.

Nel 1978 debutta nel mondo cinematografico nella pellicola di Carlo Caiano intitolata Figlio mio sono innocente! con il padre Mario, Dolores Palumbo, Pietro De Vito, Carlo Taranto, Gennarino Palumbo, Giuseppe Anatrelli e Graziella Marino; l'anno successivo gira un secondo film, intitolato Napoli storia d'amore e di vendetta di Mario Bianchi con Paola Pitagora, Richard Harison, Patrizio Oliva, Maria Del Monte, Nunzio Gallo, Gianni Dei, Raimondo Salvetti e Maria Fiore. Nel 1979 interpreta da protagonista, insieme al padre Mario, la sceneggiata O cunvento. Nel 1980 egli debutta in Montevergine.

Nel 1981 Sal debutta in teatro con il padre in 'A mamma. Nel 1982 registra il primo album O guappo nnammurato (in it., "Il guappo innamorato") per l'etichetta La Canzonetta Record, dove oltre a canzoni appartenenti al repertorio classico napoletano, incide gli inediti Lettera a Napoli e Meglio ca 'o ssaje (in it., Meglio che tu lo sappia) di Alberto Sciotti e Tony Iglio. Nel 1983 è protagonista del film musicale Il motorino di Ninì Grassia con il padre Mario Da Vinci ed Eleonora Vallone, Lino Crispo, Bianca Sollazzo, Nunzio Gallo, Mariangela Giordano e Aldo Bufilandi. Nello stesso anno debutta in teatro con il padre in Tanti auguri e in 'A bambulella.

Nel 1986 partecipa al fianco di Carlo Verdone e Alberto Sordi nel film Troppo forte, nel ruolo dello "scugnizzo" Capua. Con gli anni, tralascia la recitazione per dedicarsi maggiormente alla musica: la prima esperienza in tal senso è l'incisione di due brani, Guaglione (scritta da Lanzetta e Senese) e Mannaggia e viva 'o re (scritta interamente da Senese), pubblicato da La Canzonetta Record. Nel 1992 prende parte al concorso canoro Una voce per San Remo all'interno del contenitore domenicale Domenica in con Toto Cutugno e Alba Parietti. Nel 1994 partecipa alla seconda ed ultima edizione del Festival italiano di musica (organizzato da Canale 5 e presentato da Mike Bongiorno per creare un'alternativa al Festival di Sanremo) classificandosi al primo posto con la canzone Vera, il brano trainante del suo primo album pubblicato dalla Ricordi, Sal Da Vinci.

Nel 1995 canta in presenza di Papa Giovanni Paolo II nella conca di Loreto, in diretta e in Eurovisione su Rai 1, la canzone in latino Salve Regina di Francesco Palmieri, davanti a oltre 450.000 giovani presenti. Nello stesso anno pubblica il singolo Fai come vuoi. Nel 1996 il singolo Dimmi come fai anticipa l'uscita dell'album Un po' di noi. Nel frattempo Vera raccoglie un enorme successo in Sud America con il titolo Vida mi Vida, cantata dall'artista spagnolo Marcos Llunas, e vende oltre 4 milioni di copie in tutto il mondo. Nel 1998 passa alla EMI e incide l'album Solo. Nel 1999 incontra Roberto De Simone, che gli affida la parte da protagonista dell'Opera buffa del Giovedì Santo, segnando il ritorno in scena della rappresentazione, vent'anni dopo il debutto con Peppe e Concetta Barra come protagonisti. La prima dello spettacolo si tenne il 12 gennaio 2000 al Teatro Metastasio di Prato, seguita da una tournée nei teatri italiani durata due anni.

Il 29 settembre dello stesso anno la MBO pubblica un CD singolo, Vurria saglire in cielo, tratto da un tema melodico di Roberto De Simone in napoletano arcaico del '700, un gospel partenopeo con musica di Sal Da Vinci e Gianni Guarracino e un testo in italiano di Maurizio Morante. Sempre nel 2000 Sal partecipa al programma televisivo Viva Napoli condotto da Mike Bongiorno e vince con il brano Tu si 'na cosa grande il Premio Internazionale Videoitalia come migliore interprete e artista più votato all'estero. Si segnala poi la collaborazione con il padre Mario Da Vinci e Gigi Sabani nell'album Simmo e Napule paisà, di cui cura la produzione artistica ed esecutiva e interviene localmente nei brani Chiove e Surriento d'e nnamurate, e ancora l'incisione del brano Stelle di Natale insieme a tanti altri artisti per gli auguri di Natale.

Nel 2002 esce in tiratura limitata il singolo Oh Marì, con testo e musica di Roberto De Simone, testi rap di Joel e Sha-one, e arrangiamenti di Raffaele Minale. Da marzo 2002 a febbraio 2007 torna a recitare, e ricopre il ruolo del protagonista (Saverio) nel musical C'era una volta... Scugnizzi, scritto da Claudio Mattone ed Enrico Vaime, coreografie di Gino Landi, regia e scene di Bruno Garofalo. Il musical ha ricevuto importanti premi, tra i quali l'"Oscar del Teatro 2003", riconoscimento attribuito dall'ETI -Ente Teatrale Italiano-, quale miglior musical dell'anno. Nel 2004 partecipa insieme a Lucio Dalla, Gigi D'Alessio e Gigi Finizio alla realizzazione di una canzone intitolata Napule, inserita poi nell'album Quanti amori di Gigi D'Alessio, e poi prende parte al "Concerto per Napoli legale", ideato da Teresa De Sio e Pierluigi Diaco, in cui canta Ajere (accomunato da una banda ad hoc per l'occasione di cui fa parte anche il batterista Franco Del Prete) e "A città 'e Pulecenella" insieme a Raiz.

Per le stagioni teatrali 2005/2006 e 2006/2007 prende parte al progetto musicale teatrale Anime napoletane, ideato e prodotto da Claudio e Tullio Mattone per la "Napoliteatro"; nello spettacolo canta brani napoletani rivisitati in chiave moderna, alternandosi ad interventi recitati di Pietro Pignatelli. Contemporaneamente allo spettacolo esce anche l'omonimo album, che contiene 14 classici napoletani antichi e moderni. Nel 2005 scrive con Gigi Finizio e Marco Fasano i due brani Per averti e A modo mio, contenuti nell'album Per averti. Nel 2006 avvia una collaborazione professionale con il comico Alessandro Siani, per il quale compone e canta la colonna sonora del suo film Ti lascio perché ti amo troppo. La canzone principale della colonna sonora è Accuminciammo a respirà, scritta con Gennaro Della Volpe (Raiz). Nello stesso anno partecipa in qualità di ospite al programma di Siani Fiesta, in cui canta diversi brani, tra cui A malatia 'e ll'America e A città 'e Pulecenella insieme a Ciccio Merolla e duetta con i Ragazzi di Scampia nel loro primo album, nel brano Passione.

Nel 2008 esce il singolo Nnammuratè scritto con Vincenzo D'Agostino e facente parte dell'album Canto per amore. L'album è abbinato allo spettacolo teatrale in scena dal 6 novembre 2008 al 15 marzo 2009, per la regia di Gino Landi curatore anche delle coreografie. Nello stesso anno partecipa al varietà del sabato sera Volami nel cuore condotto da Pupo ed Ernesto Schinella, come cantante fisso. Nel 2009 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone Non riesco a farti innamorare, scritta con Vincenzo D'Agostino e Gigi D'Alessio e si classifica al 3º posto[1] con il 17,11% dei voti da casa. In contemporanea esce l'omonimo album che comprende 7 brani: oltre al brano di Sanremo, si segnalano Aria di dolore e Da lontano (estratta come secondo singolo), scritte in coppia con Gigi D'Alessio, e In due, scritta interamente da Sal Da Vinci.

L'album si classifica al 19º posto della classifica FIMI e viene promosso dall'omonimo tour estivo che da aprile si prolunga fino ad ottobre e lo vede esibirsi il 5 giugno all'Arena Flegrea. Nello stesso periodo partecipa anche al nuovo album Duende di Antonio Rocco e Marianna Corrado, e poi verso la fine dell'anno prende parte al tributo a Mario Musella, in cui canta Catarì (Marzo) insieme a Tony Esposito e poi Un'ora sola ti vorrei insieme a tutti gli altri artisti.

Il 19 marzo del 2010 esce il suo disco Il mercante di stelle: l'album è formato dagli inediti Il mercante di stelle (scritto con Depsa), Orologio senza tempo (scritto con Vincenzo d'Agostino) e Famme vedè (scritto interamente da lui), brani arrangiati da Adriano Pennino e da sette classici della canzone italiana e internazionale, quest'ultimi arrangiati da Maurizio Bosnia. L'album raggiunge il 20° posto nella classifica FIMI e viene utilizzato per trainare lo spettacolo teatrale Io + Voi = Noi, replicato fino ai primi mesi del 2012.

Degne di nota sono anche la collaborazione con i Mr. Hyde (Ludo Brusco e Rudy Brass)[2], all'interno del loro album 10, con i quali duetta in Fai come vuoi, e la partecipazione all'11º Festival della nuova canzone siciliana con il brano Su non ci fussi stu mari scritta a quattro mani con Vincenzo Spampinato.

Il 27 maggio 2011 prende parte, insieme ad altri colleghi, al concerto tenutosi nella Piazza del Plebiscito di Napoli, a favore dell'elezione del candidato del PDL Gianni Lettieri a sindaco della città.[3]

Sempre nel maggio del 2011 partecipa come protagonista all'interno dello spettacolo musicale in due atti Napoli: chi resta e chi parte di Giuseppe Patroni Griffi , tratto da Caffè di notte e giorno e Scalo marittimo di Raffaele Viviani, con la regia di Armando Pugliese e gli arrangiamenti di Adriano Pennino. In tale spettacolo, ove collabora con artisti come Gigio Morra, Lalla Esposito, Lello Radice, Fiorenza Calogero, il cantante e attore ha modo di vestire i panni di sei diversi personaggi e di cantare canzoni di Viviani tra cui L'emigrante o Coro degli emigranti.

Il 2012 segna il ritorno sulle scene musicali dell'artista. Difatti dal 23 marzo è in rotazione radiofonica il singolo "Fin dove c'è vita", che anticipa l'uscita del nuovo album d'inediti È così che gira il mondo, nei negozi dal 24 aprile, distribuito da Sony Music. Album ricco di partecipazioni, vede la produzione artistica del maestro Adriano Pennino (già con Giorgia, Ornella Vanoni e Gigi D'Alessio) e le musiche dello stesso Sal Da Vinci. I brani sono firmati da autori degni di nota come Vincenzo Incenzo (già con Renato Zero, Michele Zarrillo e Antonello Venditti), Pasquale Panella (già con Lucio Battisti e Riccardo Cocciante, nonché autore dei testi di Notre-Dame de Paris) e Federico Salvatore. L'album si avvale di collaborazioni prestigione, tra cui Maurizio Solieri, Ana Carolina, Ornella Vanoni, Michael Landau e Eric Daniel. Gli altri singoli estratti dall'album, che debutta al 12° posto nella classifica FIMI, sono Cose (cantata con Ana Carolina), Così naturale, Senza un motivo (cantata con Ornella Vanoni) e Anche se non ci sei.

Nella primavera del 2013 esce il nuovo singolo, Musica leggera, scritto da Sal e Vincenzo Incenzo e arrangiato da Enrico Palmosi. Dall'ottobre del 2013 al febbraio del 2014 è in scena con il musical scritto da Federico Vacalebre nel musical Carosone, l'americano di Napoli, in cui veste il ruolo di Renato Carosone, recitando, ballando e cantando diversi cavalli di battaglia del grande artista. Assieme a lui collaborano anche Lello Radice, Gianni Imparato, Pietro Botte, Claudia Letizia e Gransta MSV. Gli arrangiamenti sono curati da Lorenzo Hengeller.

Dal 22 al 29 settembre partecipa alla quinta edizione della Crociera della Musica Napoletana. Il 21 settembre 2013 partecipa alla festa di san Gennaro organizzata a Napoli, dove viene ospitato insieme a Liliana De Curtis, Clementino, Mario Trevi e Maria Mazza, ricevendo un premio alla carriera.[4]

Nel marzo del 2014 esce il nuovo album Se amore è, che si avvale delle collaborazioni di Luca Sala, Celso Valli, Valentina D'Agostino, Enrico Palmosi, Clementino, Ana Carolina, Gigi D'Alessio, Saverio Grandi e Gaetano Curreri. Da questo album, che raggiunge il 12° posto della classifica FIMI, vengono estratti i singoli La vera bellezza, Perdona, Chiamo te (brano sul tema del femminicidio cantato con Clementino).

Nel dicembre del 2014 debutta al Teatro Augusteo con Stelle a metà, musical le cui canzoni sono scritte da Sal in collaborazione con Alessandro Siani, quest'ultimo autore anche del testo teatrale, mentre le coreografie sono di Luca Tommassini e gli arrangiamenti di Pino Perris. In tale musical prendono parte anche Stefania De Francesco, Pasquale Palma, Gianni Parisi e molti giovani artisti (Arturo Caccavale, Andrea Sannino, Mario Andrisani, Antonio Rocco, Diego Laurenti, Carmela Pedata, Francesco Da Vinci, Letizia Vitagliano, Erminia Franzese, Giovanni Quaranta, Miriam Rigione, Piera Russo). Lo spettacolo ha un grande successo, difatti al debutto segue un intero mese di repliche con sold-out all'Augusteo, poi varie date al Politeama di Napoli e al Gesualdo di Avellino nel gennaio e febbraio del 2015. Lo spettacolo viene riproposto in varie date in luglio e agosto del 2015 (Castel Sant'Elmo di Napoli, Belvedere di San Leucio di Caserta, Arena del Mare di Salerno, Arena Virgilio di Gaeta, Teatro dei Templi di Paestum) e replicato nella primavera del 2016 (due date al Teatro Lendi di Sant'Arpino, otto al Teatro Augusteo di Napoli, due al Teatro Team di Bari e due al Teatro Sistina di Roma).

Il 19 agosto 2015 si esibisce in concerto a Sapri, alla settima edizione di Sapri anni 60. Partecipa alla manifestazione con Mario Trevi, Gianluca Capozzi, Pupo, Fausto Leali, Tony Tammaro, I Ditelo voi e Massimo Ranieri.[5][6]

Non mancano diverse esperienze in ambito cinematografico, come compositore di colonne sonore e come attore: nel 2015 incide per il film Si accettano miracoli il brano Tu, stella mia, scritto da lui in coppia con Alessandro Siani; nello stesso anno realizza la colonna sonora del film Con il bene di sempre; nel 2016 recita nel ruolo di Don Sal all'interno del film Vita, cuore, battito degli Arteteca.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 - Hai fatto buca/E tira a campà... (La Canzonetta Records, FDM 512; il I° brano partecipa all'Ambrogino 82)
  • 1985 - Mannaggia e viva 'o re/Guaglio'
  • 1994 - Vera
  • 1996 - Dimmi come fai
  • 1996 - Un po' di noi
  • 1998 - Sei divina
  • 1998 - Io di più
  • 1998 - Una come te
  • 2000 - Vurria saglire 'ncielo
  • 2002 - Oh Marì (con ShaOne e Joel)
  • 2004 - Napule (con Gigi D'Alessio, Gigi Finizio e Lucio Dalla)
  • 2007 - Accumminciammo a respira'
  • 2008 - 'Nammuratè
  • 2008 - Canto per amore
  • 2009 - Non riesco a farti innamorare
  • 2009 - In due
  • 2009 - Da lontano
  • 2010 - Fai come vuoi (con Mr Hyde)
  • 2010 - Il mercante di stelle
  • 2010 - Orologio senza tempo
  • 2012 - Fin dove c'è vita
  • 2012 - Cose/Coisas (con Ana Carolina)
  • 2012 - Senza un motivo (con Ornella Vanoni)
  • 2012 - Così naturale
  • 2013 - Anche se non ci sei
  • 2013 - Musica leggera
  • 2013 - Si tu (con Stefania De Francesco)
  • 2014 - La vera bellezza (con Gaetano Curreri)
  • 2014 - Perdona
  • 2014 - Chiamo te (con Clementino)
  • 2015 - Tu stella mia
  • 2015 - Sto cercanno ancora (con Andrea Sannino)
  • 2015 - Funky Christmas (con Tullo De Piscopo)

Album[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998 - Sei divina
  • 2000 - Vurria saglire 'ncielo
  • 2004 - Napule (con Gigi D'Alessio, Gigi Finizio e Lucio Dalla)
  • 2009 - Non riesco a farti innamorare
  • 2009 - Da lontano
  • 2010 - Fai come vuoi (con Mr Hyde)
  • 2010 - Orologio senza tempo
  • 2012 - Fin dove c'è vita
  • 2012 - Senza un motivo (con Ornella Vanoni)
  • 2012 - Così naturale
  • 2013 - Anche se non ci sei
  • 2013 - Musica leggera
  • 2013 - Si tu (con Stefania De Francesco)
  • 2014 - La vera bellezza (con Gaetano Curreri)
  • 2014 - Perdona
  • 2014 - Chiamo te (con Clementino)
  • 2015 - Sto cercanno ancora (con Andrea Sannino)
  • 2015 - Funky Christmas (con Tullio De Piscopo)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1976 - Miracolo 'e Natale
  • 1977 - Caro papà
  • 1977 - Senza mamma e senza pate
  • 1977 - Sacrificio 'e mamma
  • 1978 - 'O giurnalaio
  • 1978 - 'A cummunione 'e Salvatore
  • 1978 - 'O scugnizzo e 'o signore
  • 1979 - 'O cunvento
  • 1979 - 'O clandestino
  • 1980 - Montevergine
  • 1980 - 'O trovatello
  • 1981 - 'A mamma
  • 1981 - 'O motorino
  • 1982 - Voce amica
  • 1983 - 'A bambulella
  • 1983 - Tanti auguri
  • 1984 - Eternamente
  • 2000-2001-2002 - L'Opera buffa del Giovedì Santo
  • 2002-2003-2004-2005-2006-2007 - C'era una volta...Scugnizzi
  • 2005-2006-2007 - Anime napoletane (con Pietro Pignatelli)
  • 2008-2009 - Canto per amore
  • 2010-2011-2012 - Io + Voi = Noi/Il mercante di stelle
  • 2011 - Napoli, chi resta e chi parte
  • 2012-2013 - È così che giro il mondo/È così che giro il mondo...in teatro (con Lello Radice)
  • 2013-2014 - Carosone. L'americano di Napoli (con Lello Radice)
  • 2014-2015 - Se amore è.../Se amore è revolution (con Lello Radice)
  • 2014-2015-2016 - Stelle a metà

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Colonne Sonore Cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore nel 1994 del festival Italiano con il brano "Vera"
  • Vincitore nel 2008 del premio Armando Gill per la categoria cantautori

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sanremo 2009: vince Marco Carta. Secondo Povia e terzo Sal Da Vinci.
  2. ^ MR HYDE feat SAL DA VINCI - Fai come vuoi.
  3. ^ Bagno di folla a Piazza Plebiscito. Puntuale alle 19 l’arrivo di Silvio
  4. ^ Festa di san Gennaro
  5. ^ Associazione "Sapri anni 60" - Spettacolo e intrattenimento
  6. ^ Comune di Sapri - Portale Ufficiale - Eventi Estate
  7. ^ I due lati del disco hanno due titoli diversi
  8. ^ copertina disco Sal Da vinci È Così che gira il Mondo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]