Guapparia (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guapparia
Artista
Autore/i Libero Bovio (testo), Rodolfo Falvo (musica)
Genere Canzone napoletana
Esecuzioni notevoli Gabriele Vanorio, Claudio Villa, Mario Merola, Massimo Ranieri
Data 1914

Guapparia è una canzone in lingua napoletana, scritta nel 1914[1] da Libero Bovio[1] e musicata da Rodolfo Falvo[1]. È un classico brano della canzone napoletana[1] ed una delle più note canzoni di giacca[2]. Parla di un guappo che per amore della sua donna (Margherita), ha perso il suo onore di uomo malavitoso.
È formata da tre strofe, formate a loro volta da due quartine e un verso singolo.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

(NAP)

« Scetateve, guagliune 'e malavita,
Ca è 'ntussecosa assaje 'sta serenata!
Io songo 'o 'nnammurato 'e Margarita
Ch'è 'a femmena cchiù bella d' 'a 'Nfrascata.

Ll'aggio purtato 'o capo cuncertino
P' 'o sfizio 'e mme fà sentere 'e cantà.
Mm'aggio bevuto 'nu bicchiere 'e vino
Pecché stanotte 'a voglio 'ntussecà.

Scetateve, guagliune 'e malavita!

È accumparuta 'a luna a ll'intrasatto
Pe' lle dà 'o sfizio 'e mme vedè distrutto.
Pe' chello che 'sta femmena mm'ha fatto,
Vurria ch' 'a luna se vestesse 'e lutto.

Quanno se ne venette â parta mia,
Ero 'o cchiù guappo 'e vascio â Sanità.
Mo, ch'aggio perzo tutt' 'a guapparia,
Cacciatemmenne 'a dint' 'a suggità!

Scetateve, guagliune 'e malavita!

Sunate, giuvinò, vuttate 'e mmane!
Nun v'abbelite, ca stò buono 'e voce!
I' mme fido 'e cantà fino a dimane
E metto 'ncroce a chi mm'ha miso 'ncroce.

Pecché nun va cchiù a tiempo 'o mandulino?
Pecché 'a chitarra nun se fa sentì?
Ma comme? Chiagne tutt' 'o cuncertino,
Addò ch'avess' 'a chiagnere sul'i'.

Chiagnono 'sti guagliune 'e malavita.
 »

(IT)

« Svegliatevi, ragazzi di malavita,
Perché è molto intossicata questa serenata!
Io sono l'innamorato di Margherita
Che è la donna più bella dell'Arenella.

Le ho portato il meglio concertino
Per lo sfizio di farmi sentire cantare.
Ho bevuto un bicchiere di vino
Perché stanotte voglio indispettirla.

Svegliatevi, ragazzi di malavita!

È apparsa la luna all'improvviso
Per darle il divertimento di vedermi distrutto.
Per quello che questa donna mi ha fatto,
Vorrei che la luna si vestisse a lutto.

Quando si accostò a me,
Ero il più guappo di basso alla Sanità.
Ora, che ho perso tutta la guapperia,
Cacciatemene dalla società!

Svegliatevi, ragazzi di malavita!

Suonate, giovanotti, sbrigatevi!
Non avvilitevi, perché sto bene di voce!
io ce la faccio a cantare fino a domani
E metto in croce chi mi ha messo in croce.

Perché non va più a tempo il mandolino?
Perché la chitarra non si fa sentire?
Ma come? Piange tutto il concertino,
Mentre dovrei piangere solo io.

Piangono questi ragazzi di malavita.
 »

Esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco parziale, in ordine alfabetico, degli artisti che hanno cantato Guapparia:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Rita Duraccio, Libero Bovio e Rodolfo Falvo, Guapparia, Biblioteca digitale sulla camorra e cultura della legalità. URL consultato il 4 dicembre 2015.
  2. ^ Marco Manna, La canzone di Giacca, un’arte tutta da riscoprire, soldatoinnamorato.it. URL consultato il 4 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]