Fenesta vascia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fenesta vascia
ArtistaAA.VV.
Autore/iignoto trascrizione di Giulio Genoino
GenereCanzone napoletana
DataXIV-XVI secolo

Fenesta vascia è una canzone popolare napoletana molto antica, inizialmente creduta risalente al 1500, ovvero alla dominazione spagnola di Napoli, ma che oggi storici e fonologi, a causa dei numerosi siculismi (come picciuotto a posto di guaglione) e dei francesismi, ritengono risalga molto probabilmente al XIV secolo, al periodo Angioino del Regno di Napoli.

La canzone è scritta in dialetto, con metrica di endecasillabo, e l'autore è ignoto. Nel 1825 Giulio Genoino adattò le parole al dialetto napoletano dell'epoca, e Guglielmo Cottrau la musicò.

Il testo, molto poetico, parla di un amante che attende invano che la sua amata si affacci alla finestra. Dice poi di volersene andare, e fare il venditore ambulante di acqua; ma a chi gli chiederà dell'acqua che vende, lui spiegherà che non si tratta di acqua, ma di lacrime d'amore.

Testo della canzone:

«Fenesta vascia 'e padrona crudele Quanta suspire mm'haje fatto jettare Mm'arde stu core, comm'a na cannela Bella, quanno te sento annommenare Oje piglia la 'sperienza de la neve La neve è fredda e se fa maniare E tu comme si' tanta aspra e crudele? Muorto mme vide e nun mme vuó' ajutare? Vorría addeventare no picciuotto Co na langella a ghire vennenn'acqua Pe' mme ne jí da' chisti palazzuotte Belli ffemmene meje a chi vó' acqua Se vota na nennella da llá 'ncoppa Chi è 'sto ninno ca va vennenn'acqua? E io responno, co parole accorte Só' lacreme d'ammore e non è acqua»

Nel 1990 il cantautore Franco Simone l'ha interpretata con accompagnamento del solo pianoforte nel suo album VocEpiano.

La canzone è stata incisa nel 2021 nell'album di cover “All of us” di Petra Magoni e Ilaria Fantin.