Comme facette mammeta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comme facette mammeta
Artista
Autore/i Salvatore Gambardella
Giuseppe Capaldo
Genere Canzone popolare
Canzone napoletana
Edito da Casa Editrice Ferdinando Bideri
Esecuzioni notevoli Antonietta Rispoli, Elvira Donnarumma
Data 1906
Aiuto
Salvatore Gambardella e Giuseppe Capaldo (info file)
Comme facette mammeta — versione per mandolino, coro e orchestra

Comme facette mammeta è una canzone del 1906 di Salvatore Gambardella e Giuseppe Capaldo.

Seconda classificata al festival di Piedigrotta, interpretata da Antonietta Rispoli al Teatro Eldorado e cavallo di battaglia di Elvira Donnarumma.

Innumerevoli le cover nel corso degli anni, tra cui quella, particolare, in versione rock 'n' roll eseguita da I Due Corsari.

Testo originale[modifica | modifica wikitesto]

Quanno mámmeta t'ha fatta,

quanno mámmeta t'ha fatta...

Vuó sapé comme facette?

vuó sapé comme facette?...

Pe' 'mpastá sti ccarne belle,

pe' 'mpastá sti ccarne belle...

Tutto chello ca mettette?

tutto chello ca mettette?...

Ciento rose 'ncappucciate,

dint' 'a mártula mmescate...

Latte, rose, rose e latte,

te facette 'ncopp' 'o fatto!...

Nun c'è bisogno 'a zingara

p'andiviná, Cuncè'...

Comme t'ha fatto mámmeta,

'o ssaccio meglio 'e te!...

E pe' fá 'sta vocca bella,

e pe' fá 'sta vocca bella...

Nun servette 'a stessa dose,

nun servette 'a stessa dose...

Vuó sapé che nce mettette?

Vuó sapé che nce mettette?...

mo te dico tuttecosa...

mo te dico tuttecosa:

nu panaro chino, chino,

tutt' 'e fravule 'e ciardino...

Mèle, zuccaro e cannella:

te 'mpastaje 'sta vocca bella...

Nun c'è bisogno 'a zingara

p'andiviná, Cuncè'...

Comme t'ha fatto mámmeta,

'o ssaccio meglio 'e te...

e la nassa salpa orano

e la nassa salpa orano

orano tira piano

che c'è lpelo pè capitano

orano va levante

che ci trovi llpacante

orano va la caletta

che ci trovi la maghetta

orano trira tira

che la nassa s'avvicina

orano tira forte

che ci trovi la ragoste

non c'è bisogno zinghera

pè ndovinà che c'è

hanno mangiato l'esca

e ragoste non c'è nè

o