Palummella zompa e vola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palummella zompa e vola
Artista
Autore/i sconosciuto
Genere Canzone napoletana
Stile musica popolare
Edito da Teodoro Cottrau
Data 1873


Palummella zompa e vola è una canzone napoletana popolare anonima, ispirata da un'aria del personaggio di Brunetta dall'opera buffa La Molinarella, di Niccolò Piccinni, andata in scena a Napoli nel 1766.

Il testo originale era una satira contro il Regno d'Italia e un lamento alla perduta libertà del meridione all'indomani di quella che per taluni era ritenuta una conquista ingiusta. La cosa non appare strana se si considera che all'epoca era cosa non rara utilizzare arie di canzoni celebri modificandole per far nascere canzoni satiriche nei confronti dei regnanti. La canzone divenne ben presto molto popolare, ma il testo, considerato troppo sovversivo dalle autorità sabaude, venne modificato e quello originale andò perso. Il testo, così come oggi lo conosciamo, fu redatto e cantato per la prima volta nel 1873, come si evince dagli Archivi sonori della RAI, che ne attribuisce la paternità a Teodoro Cottrau.

Nel film Ferdinando I re di Napoli di Franciolini, pellicola del 1959 girata per i festeggiamenti dell'Unità d'Italia, si vede Eduardo De Filippo interpretare Pulcinella che attraverso la canzone Palummella prende in giro Ferdinando I di Borbone. Il regista, commise un falso storico, inventando fantasiosamente la storia della canzone e presentandola come rivolta contro il "re Borbone".

Testo della canzone[modifica | modifica wikitesto]

« Palummella zompa e vola

addó sta nennélla mia…
Non fermarte pe’ la via
vola, zompa a chella llá…

Cu 'e scelle, la saluta…
falle festa, falle festa
attuorno attuorno…
e ll’hê ‘a dí ca, notte e ghiuorno,
io stó’ sempe, io stó’ sempe a suspirá…

Palummella, vola vola
a la rosa de ‘sto core…
Non ce sta cchiù bello sciore
che t’avesse da piacé…

‘A ll’addore, ca tu siente…
‘a chill’uocchie, ‘a chill’uocchie,
‘a chillo riso…
credarraje,
ca, ‘mparaviso,
tu si’ ghiuta… tu si’ ghiuta…
oje palummé’!

A lu labbro curallino,
palummé’ va’ zompa e vola…
‘ncopp’a chillo te cunzola
e maje cchiù non te partí!…

Ma si vide ca s’addorme…
e te vène, e te vène,
lo tantillo…
tu ll’azzecca
no vasillo…
e pe’ me, e pe’ me,
n’auto porzí!
 »

(napoletano)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica