Gabriele Vanorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabriele Vanorio
Gabriele Vanorio.jpg
Gabriele Vanorio nel 1957
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica leggera
Canzone napoletana
Periodo di attività musicale1943 – 1969
EtichettaVis Radio

Gabriele Vanorio (Napoli, 2 agosto 1922Napoli, 16 dicembre 1969) è stato un cantante italiano.

Gabriele Vanorio al Festival di Napoli del 1957
Gabriele Vanorio ed Aurelio Fierro al Festival della Canzone napoletana del 1957.

È stato uno dei migliori esponenti della canzone napoletana, attivo tra gli anni quaranta e sessanta, ed è considerato da molti, insieme a Franco Ricci, uno dei più importanti cantanti napoletani di quell'epoca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi al Conservatorio di San Pietro a Majella, si fece notare giovanissimo per le sue qualità canore, tanto che nel 1944, appena ventiduenne, cantò come tenore al San Carlo assieme a molti altri giovani artisti.

Nel 1953 partecipò vocalmente ai film Tarantella napoletana di Camillo Mastrocinque ed ...e Napoli canta! di Armando Grottini, mentre nel 1957 partecipò al Festival di Napoli con Che resta chhiù e Stellamarina, non andando però in finale.

Nella sua lunga e gloriosa discografia incise per la Vis Radio diverse canzoni della Casa Editrice La Canzonetta, tra le quali Brinneso, 'Ncopp'a ll'onna, Silenzio cantatore, Tutta pe mme, Dicitencello vuje, Campagnò, 'A tazza 'e cafè, Chiove, Scummunicato, Core signore, Tiempe belle, L'addio, Napule canta, Mamma perdoname, Si' sempe 'a stessa, N'accordo in fa, 'A zingara, Napule e Maria, Nun è Carmela mia, 'O mare canta, Addò me vase Rosa, Borgo antico e Suonne sunnate.

Morì prematuramente a soli 47 anni nel quartiere di Bagnoli, colpito da un fulmineo tumore al cervello. Riposa nel cimitero di Fuorigrotta.

Anche il fratello minore Gino (19262009) è stato un apprezzato cantante.

Tra i suoi altri grandi successi, si ricordano: Tu ca nun chiagne, Guapparia, 'E spingole frangese, Funiculì funiculà, 'A vucchella, La fiera di Mast'Andrea, 'A surrentina, Canzona marinaresca, Fenesta ca lucive, Maggio sì tu!, Rusella 'e maggio, Quanno tramonta 'o sole, Addio a Napoli, Pusilleco addiruso, 'O mare 'e Margellina, Torna a Surriento, Mmiez'o grano, Core 'ngrato, Maria Marì, Santa Lucia, Lariulà (eseguita con Virginia Da Brescia), Michelemmà e "Scommunicato", quest'ultimo dal testo rivoluzionario per l'epoca della pubblicazione.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

25 cm[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]