Ferdinando Rubino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ferdinando Rubino (Napoli, 24 novembre 1893Napoli, 16 novembre 1972) è stato un cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò a cantare poco più che adolescente, formandosi giovanissimo nell'ambiente dei posteggiatori, cioè i musicisti da ingaggio che giravano per le feste private.

Nel 1902 fu ingaggiato nel Concertino Mattiacci come cantante comico.

Dal 1918 cantò nella compagnia di Vincenzo Guadagno, giungendo poi a una fama d'interprete, non solo comico, di brani di tipo popolare. Durante il corso della sua carriera, ha preso parte anche a diverse riviste e ad alcune pellicole cinematografiche. Ha inciso brani per le etichette discografiche: Voce del Padrone, Phonotype, Brunswick, Fonit.

Tra i suoi brani più famosi, si ricordano: Acquaiola 'e Margellina, Rusella 'e maggio, Tutta pe mme, E a Napule ce sta, 'A 'nfrascata, Sciuldezza bella, Matenata a Surriento, Rosa Rusella, Ammore chesto vo', 'A voce 'e primmavera, Torna maggio e Grazie di cuore.

Tra i brani in italiano più famosi, si ricordano: Amici cari, Valzer delle ombre, Cuore di soldato, Grazie di cuore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]