Gianni Nazzaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianni Nazzaro
Gianni Nazzaro 71.jpg
Gianni Nazzaro a Canzonissima 1971
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Canzone napoletana
Periodo di attività musicale1965 – in attività
EtichettaKappaò, Fans, Compagnia Generale del Disco, CBS, F1 Team, Dischi Ricordi, Ros Record,

PDD / Edit Music Italy

GruppiSquadra Italia
Album pubblicati7
Studio7

Gianni Nazzaro, all'anagrafe Giovanni Nazzaro (Napoli, 27 ottobre 1948), è un cantante e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'artista Erminio Nazzaro, il suo debutto artistico avviene nel 1965, con lo pseudonimo di Buddy, imitando con successo le voci di Bobby Solo, Adriano Celentano, Gianni Morandi e altri artisti in alcune incisioni per la casa discografica KappaO. Nel 1967 partecipa ai Festival di Napoli e di Pechino con il brano Sulo ppe mme e ppe te, non accedendo però alla finale. Dopo il passaggio alla Fans, si fa notare ad Un disco per l'estate 1968 con il brano Solo noi.

Riccardo Del Turco con la cantante Nada Malanima e Gianni Nazzaro

L'anno successivo partecipa con Incontri d'estate al Cantagiro. Vince il Festival di Napoli 1970 con Me chiamme ammore, in coppia con Peppino Di Capri. Nel 1971 partecipa a Canzonissima con due brani dal titolo Far l'amor con te e Miracolo d'amore, mentre l'anno dopo si classifica al primo posto ad Un disco per l'estate 1972 con Quanto è bella lei e due anni dopo ad Un disco per l'estate 1974 con Questo sì che è amore. Sempre nel 1974 è anche uno dei protagonisti dell'operetta Al Cavallino Bianco, nella versione prodotta dalla RAI.

Tra i suoi successi, concentrati soprattutto negli anni settanta: L'amore è una colomba (1970, di Giancarlo Bigazzi e Totò Savio), Bianchi cristalli sereni (1971, di Aldo Caponi), Non voglio innamorarmi mai (1972, musica di G. Bigazzi; testo di Moreno Signorini), A modo mio (1974, scritta da Claudio Baglioni ed Antonio Coggio), tutte presentate al Festival di Sanremo, ed In fondo all'anima (musica di Emilio Campassi e Antonio Iglio; testo di Armando Ambrosino). Partecipa al Festival di Sanremo 1983 con il brano Mi sono innamorato di mia moglie, (miusica di Michele Russo con il testo di Daniele Pace) ottenendo un buon esito commerciale.

Isabella Biagini e Gianni Nazzaro in uno spettacolo del 1983

Nel 1987 tenta nuovamente di partecipare al Festival ma il brano da lui proposto, Perdere l'amore, viene scartato alle selezioni. Ironia della sorte, lo stesso brano viene ripresentato l'anno successivo da Massimo Ranieri, e questa volta non solo viene selezionato, ma addirittura vincerà la manifestazione. In seguito a questo fatto Nazzaro polemizzerà a lungo con gli organizzatori, manifestando il proprio disappunto in numerose trasmissioni televisive.[senza fonte]

In occasione del Festival di Sanremo 1994 fa parte del gruppo Squadra Italia, costituito per l'occasione, cantando il brano Una vecchia canzone italiana. Nel 1998 ha ricoperto il ruolo del padre di Sara De Vito (Serena Autieri) nella soap opera Un posto al sole. Nel 2007 ha anche recitato nella soap Incantesimo. Nel 2009 è nel cast principale di Un posto al sole d'estate. Il 27 ottobre 2010 partecipa come ospite alla trasmissione su Rai Uno I soliti ignoti. Nel 2010 è presente in tutte le puntate dalla trasmissione televisiva 'MilleVoci', in onda su oltre 200 emittenti locali e satellitari (Sky). per la copertura nazionale e internazionale. Nel 2011 conduce assieme a Stefania Cento e Gianni Drudi la trasmissione 'MilleVoci' esibendosi anche con il suo intero repertorio.

Dal 16 novembre 2011 è impegnato nella commedia musicale Noi che, gli anni migliori di Carlo Conti al Teatro Salone Margherita (Roma). Nel 2012, pur essendo impegnato con un lavoro teatrale, ripete l'esperienza di conduttore della trasmissione MilleVoci. Nel 2013 e nel 2014 ripete l'esperienza di conduttore di MilleVoci, assieme a Stefania Cento, Gianni Drudi e Giò Di Sarno, canta i suoi successi e lancia nuove canzoni scritte dal fratello Maurizio, come "Dimme comme và". Grazie a MilleVoci viene notato da un impresario argentino che in ottobre organizza, dove era già noto durante gli anni ottanta, l'incisione di un album CD contenente canzoni in spagnolo e un tour promozionale con apparizioni in emittenti radiotelevisive nazionali argentine e concerti, l'ultimo al teatro Coliseo di Buenos Aires, uno dei più grandi e importanti della città. Gianni Nazzaro ottiene un successo strepitoso[senza fonte].

Nel giugno 2014 pubblica il suo nuovissimo album “L'AMO” coordinato artisticamente da Luigi Mosello. La direzione artistica è affidata al M.° Pino Marcucci. Il brano "Amore napoletano" (traccia n° 12) è arrangiato dal M° Rino Alfieri. Nel 2014, da settembre, partecipa con successo al programma "Tale e quale show" condotto da Carlo Conti su RaiUno in prima serata vincendo una puntata interpretando proprio Perdere l'amore di Massimo Ranieri e successivamente, con la squadra degli artisti di quel format, partecipa al noto programma Porta a Porta di Bruno Vespa.

Nel 2015 e nel 2016 torna a condurre Millevoci ottenendo un ottimo successo.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1971 – Gianni Nazzaro (CGD FGS 5088 ☆ Maggio 1971)
  • 1972 – Gianni Nazzaro
  • 1973 – C'è un momento del giorno in cui penso a te
  • 1975 – C'era una volta il night (CGD 69157)
  • 1976 – Le due facce di Gianni Nazzaro (CGD 81990)
  • 1989 – Questo sì che è amore (CGD LSM 1344) Antologia di canzoni incise tra il 1971 e il 1975
  • 1989 – ...Ad un passo dal cuore (Voltage LOP 14161) Antologia di canzoni
  • 2014 – L'amo

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1965 – I tuoi occhi verdi/I ragazzi dello shake (Pubblicato sotto pseudonimo "Buddy")
  • 1966 – Vita mia/Lei (KAPPAÓ ES 20071 - Pubblicato sotto pseudonimo "Buddy")
  • 1966 – Operazione sole/Se tu vuoi (KAPPAÓ ES 20087 - Pubblicato sotto pseudonimo "Buddy")
  • 1966 – Solo più che mai/C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones (KAPPAÓ ES 20098 - Pubblicato sotto pseudonimo "Buddy")
  • 1967 – Pietre/E allora dai (KAPPAÓ ES 20103 - Pubblicato sotto pseudonimo "Buddy")
  • 1967 – Senza luce/Estate senza te (pubblicato come Buddy)
  • 1967 – Sulo pe mme e pe tte/Triste autunno (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – Ma perché ami il gatto/Un'ora sola ti vorrei (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – Il re d'Inghilterra/La tramontana (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – La vita/Il posto mio (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – La vita/Casa bianca (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – Vengo anch'io.No, tu no/Affida una lacrima la vento (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – Bonnie e Clyde/Angeli negri (pubblicato come Buddy)
  • 1968 – Solo noi/Una donna come te (Fantasy G22 ☆ Aprile 1968)
  • 1969 – Incontri d'estate/Me la portano via (Fantasy G40)
  • 1970 – In fondo ai sogni miei/Non lo dici mai (CGD N9815 ☆ Ottobre 1970)
  • 1970 – L'amore è una colomba/Castelli in aria
  • 1971 – Far l'amore con te/Miracolo d'amore (CGD 128 ☆ Ottobre 1971)
  • 1970 – Maria, Maria/Un solo desiderio
  • 1970 – Me chiamme ammore/Torna a Surriento
  • 1970 – In fondo all'anima/Pioverà
  • 1971 – Bianchi cristalli sereni/Sei dolce come l'aria
  • 1971 – Far l'amore con te/Miracolo d'amore
  • 1972 – Non voglio innamorarmi mai/Io penso all'amore (CGD 7845 ☆ Febbraio 1972)
  • 1972 – Quanto è bella lei/Dopo l'amore (CGD 8016 ☆ Aprile 1972)
  • 1972 – La nostra canzone/Fuoco e pioggia (CGD 8576 ☆ Settembre 1972)
  • 1972 – Vino amaro/L'ultima notte d'amore (CGD 1106)
  • 1974 – A modo mio/Un'altra America (CGD 2228 ☆ Marzo 1974)
  • 1974 – Il primo sogno proibito/Ma che sera stasera (CGD 1434 ☆ Aprile 1974)
  • 1974 – Ultimo tango a Parigi/Ti penserò mi penserai (CGD 1435☆ Aprile 1974)
  • 1974 – Questo sì che è amore/L'amore di un momento (CGD 2340)
  • 1974 – Piccola mia piccola/Signora addio (CGD 2906)
  • 1975 – Manuela/Si chiamava Alessandra (CGD 3329)
  • 1976 – Me ne vado/Dance ballerina dance (CGD 4619 ☆ Marzo 1976)
  • 1977 – La notte va/Gwendaline (CGD 4961)
  • 1977 – Mi sta scoppiando il cuore/Seta trasparente (CBS 5731)
  • 1980 – Uomo di strada/Il mio regalo (F1 Team P544)
  • 1981 – Sì/Allora stop
  • 1982 – Mi sono innamorato di mia moglie/Se non piove ci potremo amare (CBS A3091)
  • 1982 – Amore dimmi no/In due (Remaster MRA 119)
  • 1984 – Moi je t'aime/Questa volta... (Trema 41D 264)
  • 1985 – Noi due soli/Se ti perdo (Ros Record RRNP73)
  • 2011 – Signora
  • 2014 – E non dirmi che mi vuoi

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni a Festival canori[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo
  • 1970: 11º con il brano L'amore è una colomba
  • 1971: 7º con il brano Bianchi cristalli sereni
  • 1972: 5º con il brano Non voglio innamorarmi mai
  • 1974: Finalista con il brano A modo mio
  • 1983: 21º con il brano Mi sono innamorato di mia moglie
  • 1994: 19º con il brano Una vecchia canzone italiana - membro della Squadra Italia
Festival di Napoli
  • 1967: Non Finalista con il brano Sulo ppe mme e ppe te
  • 1970: 1º con il brano Me chiamme ammore
Un disco per l'estate
  • 1968: Non Finalista con il brano Solo noi
  • 1972: 1º con il brano Quanto è bella lei
  • 1974: 1º con il brano Questo sì che è amore
Canzonissima
  • 1971: Non Finalista con i brani Far l'amore con te e Miracolo d'amore
  • 1973: Finalista col brano Cuore di poeta
Cantagiro
  • 1969: Non Finalista con il brano Incontri d'estate

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Sciotti, Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981, ed. Luca Torre, 2011.
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, edizioni Curcio, 1990; alla voce Nazzaro Gianni, di Lalla Cantore e Roberto Ruggeri, pag. 1180
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Nazzaro Gianni

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41452441 · ISNI (EN0000 0000 4645 1721 · SBN IT\ICCU\UBOV\826418 · LCCN (ENno98019902 · BNF (FRcb140461964 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98019902