Claudio Baglioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Claudio Baglioni (disambigua).
Claudio Baglioni
Baglioni nei primi anni 2000
NazionalitàBandiera dell'Italia Italia
GenereMusica leggera[1][2][3]
Pop
Rock
World music
Periodo di attività musicale1968 – in attività
StrumentoVoce, pianoforte, chitarra, percussioni, organo, sintetizzatore, tastiere
EtichettaRCA Italiana, CBS, Columbia, Sony Music
Album pubblicati40
Studio17
Live12
Colonne sonore3
Raccolte9
Logo ufficiale
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Claudio Enrico Paolo Baglioni (Roma, 16 maggio 1951[4]) è un cantautore e musicista italiano.

Annoverato fra gli esponenti di maggior successo commerciale della musica leggera italiana, nell'arco di oltre cinquant'anni di carriera ha raggiunto una considerevole popolarità sia nell'attività discografica sia, in particolare, in quella dal vivo.

Si stima abbia venduto più di 60 milioni di copie,[5] in cui spiccano l'album La vita è adesso del 1985, il disco più venduto della storia della musica italiana;[6][7][8] il brano Questo piccolo grande amore, premiato come "Canzone del secolo" al Festival di Sanremo 1985;[9][10][11][12][13] e Oltre del 1990, considerato dalla critica specializzata il «miglior album» del cantautore[14] e primo atto della Trilogia del tempo completata dai successivi Io sono qui (1995) e Viaggiatore sulla coda del tempo (1999).[14]

Fra gli oltre 2 000 concerti in cui si è esibito,[15] rivestono particolare importanza Notte di note - Il concerto del 20 settembre 1985, primo concerto della storia della musica italiana ad essere trasmesso in diretta televisiva;[16] nel 1986 con il tour Assolo è il primo artista a realizzare un giro di concerti esibendosi completamente da solo accompagnato da tastiera, chitarra e percussioni collegati ad un sistema MIDI di sintetizzatori;[17] Oltre una bellissima notte del 3 luglio 1991, premiato come "Miglior concerto dell'anno nel mondo" dalla rivista statunitense Billboard grazie all'innovativa concezione del palco, posizionato al centro dello stadio Flaminio di Roma e aperto in ogni direzione;[18] quello del 6 giugno 1998 allo stadio Olimpico di Roma, che detiene il record italiano di spettatori in un singolo evento musicale con 88 756 biglietti staccati;[19] quello del 31 dicembre 1999 in piazza San Pietro a Città del Vaticano, alla presenza di 300 000 persone incluso papa Giovanni Paolo II, unico concerto di musica pop mai svoltosi in quella sede;[20] e quello del 13 settembre 2006 nell'emiciclo del Parlamento europeo a Bruxelles, secondo artista al mondo e primo italiano a esibirvisi.[20][21]

Per il cinema, nel 2009 è stato sceneggiatore del film Questo piccolo grande amore basato sul suo omonimo album. In televisione ha partecipato al programma TV Anima mia nel 1997 ed è stato direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo per le edizioni 2018 e 2019. Fra i vari premi, si ricordano il Premio Lunezia 2003 al valore musical-letterario dell'album Sono io - L'uomo della storia accanto e al brano Mille giorni di te e di me del 1990, e il Premio Tenco 2022 alla carriera.

Ha un'estensione vocale di tre ottave e mezzo, ridottasi a tre ottave dagli anni 2000.[22]

Un giovane Baglioni intorno alla fine degli anni sessanta

Baglioni nasce a Roma, figlio unico di Riccardo Baglioni, maresciallo dei Carabinieri, e di Silvia Saleppico, sarta. Trascorre l'infanzia nel quartiere Monte Sacro; la famiglia si trasferirà poi nel quartiere di Centocelle dove passerà la sua adolescenza, e frequentando spesso le campagne dell'Umbria, nel comune di Ficulle, terra natale dei suoi genitori.

Segue sin da piccolo lezioni di pianoforte, la sua carriera artistica inizia nel 1964 quando, appena tredicenne, partecipa a un concorso canoro di voci nuove, organizzato da Ottorino Valentini a Centocelle, nella piazza San Felice da Cantalice, cantando Ogni volta, canzone lanciata al Festival di Sanremo 1964 dal suo autore Roby Ferrante e da Paul Anka, e vincendo lo stesso concorso l'anno successivo con il brano I tuoi anni più belli di Gene Pitney. Nel 1965 riceve in regalo dai genitori la sua prima chitarra e inizia a suonare le prime canzoni; il suo look di quegli anni – maglioni neri a collo alto, occhiali spessi, aria da intellettuale – gli causa, da parte degli amici di quartiere, il soprannome ironico di "Agonia".

In questi anni compone una suite musicale basata su una poesia di Edgar Alan Poe, uno dei suoi scrittori preferiti, intitolata Annabel Lee. Nel 1969 scrive il suo primo brano, di cui ne compone testi e musica: Signora Lia, una canzone comica che racconta l'infedeltà coniugale di una signora, e che col tempo diventerà un cult della musica leggera italiana nonostante il suo scarso successo iniziale. Il brano sarà inciso nel suo primo 45 giri, Una favola blu/Signora Lia, che anticipa il suo primo album uscito l'anno successivo, Claudio Baglioni, tuttavia mandato al macero a causa dello scarso successo.

Inizialmente, però, per Baglioni la musica non è l'obbiettivo principale, preferendo proseguire gli studi di architettura, la sua vera passione.[23]

Gli Anni '70: il successo

[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 1970 il successo è ancora lontano, l'aria da intellettuale che affronta temi ironici e tristi non porta fortuna al cantautore. Nel 1971 il giovane Claudio cambia completamente la sua immagine musicale e il suo look, via gli occhiali spessi e neri, il maglione e i vestiti scuri e i capelli lisci a caschetto. Il Baglioni quasi 20enne si presenta con delle camicie a fiori colorate, bracciali al polso, e i capelli lunghi e ondulati con il ciuffo davanti al viso privo di occhiali. Esce quindi il suo disco di ripartenza; Un cantastorie dei giorni nostri che presenta alcuni brani del precedente disco ma altri nuovi, come Io una ragazza e la gente che descrive il nuovo Baglioni più come figlio dei fiori e non più intellettuale, con una musicalità vivace e testi che parlano di libertà. Sempre nel 1971, in aprile, alla Mostra dell'elettronica di Roma incontra la sua futura moglie e collaboratrice Paola Massari e in settembre viene invitato al Festival internazionale della canzone di Sopot, in Polonia, dove vince il premio della critica; l'anno si conclude con una tournée di dieci giorni in Polonia. Scrive alcuni brani per Mia Martini che la cantante include nell'album Oltre la collina, interpreta tre canzoni (Fratello sole sorella luna/Preghiera semplice/Canzone di San Damiano) per la colonna sonora del film Fratello sole, sorella luna di Franco Zeffirelli e scrive pezzi per Rita Pavone, tra cui La suggestione.[24]

Baglioni nel 1971

Nel 1972 esce il disco che porterà Baglioni al successo; Questo piccolo grande amore. Un concept album, quindi un lavoro discografico in cui ogni brano presente nel LP è collegato a formare un racconto, che narra la storia d'amore di due ragazzi. Proprio come Baglioni si discosta dalla moda del momento, di cantare canzoni politiche, scrivendo un disco d'amore, il protagonista dell'album analogamente scapperà all'inizio della storia da una manifestazione politica, tre le urla e gli scontri fra polizia e giovani in Piazza del popolo, creandosi la sua storia d'amore con una ragazza incontrata in un bar[25]. La storia è tutta dichiaratamente ambientata nella città di Roma e nei suoi luoghi più famosi che vengono citati, anche nei titoli stessi dei brani, e che fanno da sfondo alle scene, non a caso infatti la copertina del disco rappresenta un disegno raffigurante il giovane Claudio e la compagna Paola di fianco al Tevere. I testi dei brani sono principalmente caratterizzati da un linguaggio gergale e diretto. L'album e il 45 giri scalano immediatamente le classifiche arrivando a vendere oltre il milione di copie, ad oggi il singolo Questo piccolo grande amore è il più venduto di sempre in Italia con 20 milioni di copie[26][27] e verrà poi premiato nel 1985 come canzone Italiana del secolo, il disco conta invece circa 1,5 milioni di copie[28]. Nel 1973 va in onda uno sceneggiato nella trasmissione televisiva Tutto è pop dell'opera di Baglioni recitata e cantata dallo stesso Baglioni e gli altri attori.[29]

Nel 1973 il 22enne Baglioni si trova ad affrontare la “sindrome dell’opera seconda” portando a compimento un nuovo concept album di successo, dopo il successo dell'anno precedente, realizzando Gira che ti rigira amore bello; un concept album, che vede Baglioni immerso in un viaggio, sia fisico che di ricordi; tra amori perduti e amori mai avuti insieme alla sua compagna di viaggio Camilla; la sua Citroën 2Cv gialla, che a fine disco l'artista brucerà per simboleggiare la fine della sua adolescenza, una fine degna di una vera e propria compagna di viaggio, da preferire al destino dello sfasciacarrozze, oltre che a segnare uno spartiacque tra il giovane Claudio studente di architettura e il cantautore di fama nazionale che da lì in poi l’Italia conoscerà.[30] Del disco viene realizzato anche un film che fa da videoclip a tutti i brani della storia a formare un film, è la prima volta nella storia che viene realizzato un lungometraggio basato sulla base su intero disco musicale.[29] Nel 1974 compone il disco E tu... registrato a Parigi insieme a Vangelis, tastierista del gruppo Aphrodite's Child, che indirizzerà Baglioni verso uno stile più folk rock. Il disco però non è un concept-album come i precedenti due, le canzoni sono esperienze di vita del cantautore che si apre in un modo più autobiografico e intimo, i testi risultano più descrittivi e dettagliati. Rimane per 16 settimane consecutive primo in classifica, invece il brano che da il nome all'album vince invece il Festivalbar, diventando un brano simbolo degli anni 70.[31]

Baglioni a vent'anni

Nel 1975 esce Sabato pomeriggio, ritorna l'idea del concept-album ma in maniera diversa, ad unire i brani tra di loro è infatti un filo conduttore che è il tema dell'attesa[32]. Il titolo dell'album si ispira alla poesia Il sabato del villaggio di Giacomo Leopardi e i poemi crepuscolari[32]. Il disco, a parte la title-track posta simbolicamente alla fine, si apre e si chiude rispettivamente con i brani: Aspettare... e ...Ed aspettare. Nei tempi successivi all'uscita del disco Baglioni inizia ad allontanarsi sempre di più dalla casa discografica, la RCA, che lo vuole continuamente al lavoro per sfornare un disco all'anno. Si prende quindi un anno dove girerà il Sud America, dove grazie alla collezione di brani ricantati in spagnolo Sabato por la tarde riscuote molto successo[33], realizzando alcuni concerti. Qui nasceranno le prime bozze per alcuni brani che inserirà nel disco successivo; Solo pubblicato nel 1977, primo disco in cui realizza testi, musica e produzione completamente da solo. Filo conduttore dell'intero disco è, come da titolo, il tema della solitudine. Come disse in un intervista lo stesso Baglioni l'album Solo è il primo in cui si assume totalmente la paternità non solo delle sue canzoni ma anche del suo cammino, decide di sbagliare andando avanti senza una direzione anche al rischio di deragliare da qualche altra parte, è infatti un primo momento in cui va a sfumare una certa adolescenza musicale, un disco introspettivo sulla solitudine.[34]

Nel 1978 la casa discografica CBS offre un miliardo di Lire al cantautore 27enne, per diventare l'etichetta musicale ufficiale di Baglioni e di tutti i suoi lavori da li in avanti. Esce così nel 1978 il disco E tu come stai?, un disco elegante con sonorità stereo e più moderne che vede 9 brani raccontare varie storie d'amore. Il disco avrà un grandissimo riscontro con il pubblico, ma qualche mese dopo la RCA farà ritirare tutte le copie del disco citando in tribunale Baglioni per essere passato a un'altra etichetta discografica mentre era ancora sotto contratto dalla prima, ma dietro la scelta di Baglioni si cela il diritto dei lavoratori che quindi vincerà la causa, e il disco verrà rimesso in commercio, destinato a superare il milione di copie[35]. Nel 1979 viene reso ufficialmente pubblico il matrimonio tra Claudio e Paola.

Gli Anni '80: la consacrazione

[modifica | modifica wikitesto]
Baglioni nel 1981

Nel 1981, dopo un silenzio discografico durato tre anni, Baglioni ritorna sulle scene alla soglia dei 30 anni con il disco che segna la sua maturità artistica; Strada facendo. L'album è un lavoro di sonorità Rock e Synth pop realizzato con l'arrangiatore Geoff Westley, contiene 12 tracce, di cui 8 sono dei brani e 4 sono degli intermezzi cantanti solo con voce e chitarra dallo stesso Baglioni, che formano una sorta di biografia cantata in versi. Trent’anni significa bilanci e il concetto del disco è infatti quello della strada, del parallelismo tra l'io e gli altri, tra gli intermezzi intimi del cantautore e le canzoni che raccontano di esperienze di vita o di argomenti di attualità, come per esempio la controversa Ragazze dell'est o I Vecchi[36]. Nello stesso anno parte un mini tournée realizzata nei Palasport, composta da 15 date. La grande richiesta di vedere il cantante in live e il grosso successo riscosso dal disco portano il cantautore e i collaboratori a realizzare un qualcosa mai fatto prima in Italia, un intero tour con concerti realizzati nelle grandi piazze e nei grandi stadi d'Italia, nel 1982 Baglioni a soli 30 anni è il primo artista ad esibirsi in un giro di concerti così grande, che totalizzerà un milione e mezzo di spettatori totali. Durante uno dei concerti il pubblico si unirà in un coro che Baglioni accompagnerà con il pianoforte e voce; Alé-oó che diventerà il nome del tour. Nel Maggio del 1982 compiuti 31 anni, Baglioni diventa padre del suo primo e unico figlio Giovanni, a cui dedicherà il brano di enorme successo Avrai scritto in un solo giorno e composto negli studi di Paul McCartney. Nell'Ottobre del 1982 termina il tour con il concerto finale a Piazza di Siena a Roma, a cui accorrono oltre 180mila spettatori, registrato e trasposto nel primo disco in live del cantautore; Alé-oó.[37]

Baglioni durante il tour Alé-oó

Nel 1984 si esibisce all'Arena di Verona, per la prima volta completamente da solo, con il pianoforte, nonostante il diluvio e la forte pioggia di quella sera il cantautore porterà al termine il mitico concerto.[38]

Nel febbraio del 1985 Claudio Baglioni ritorna sulle scene, invitato al Festival di Sanremo per esibirsi con la sua Questo piccolo grande amore decretata "canzone del secolo" a seguito di un sondaggio fatto nella trasmissione Fantastico dove erano in gara le più importanti canzoni Italiane, votate da quasi 11 milioni di Italiani. Baglioni si presenterà a Sanremo completamente diverso, i capelli lungi, la camicia aperta e i jeans lasciano spazio a un Baglioni più adulto ed elegante, con un taglio di capelli più corto e ordinato e un vestito elegante, il cantautore si esibirà completamente da solo con un assolo di pianoforte e voce, dato che allora non era presente l'orchestra al Festival e tutti i cantanti in gara si esibivano in playback. L'esibizione di Baglioni, l'unica in live, che tocca note altissime sconvolgerà l'intero Ariston che si alzerà in piedi in una standing ovation per Baglioni che timidamente si alzerà dal pianoforte alla fine dell'esecuzione per ricevere il premio del secolo, conferitogli da Pippo Baudo.[39][40][41]

Claudio Baglioni nel 1985

L'8 giugno 1985, esce il disco più atteso di Baglioni, i fan aspettano il suo ritorno con un’incredibile impazienza – pare che i negozi di dischi esponessero il cartello “è arrivato il disco di Baglioni”: esce così La vita è adesso che consacra Baglioni una volta per tutte come artista star Pop-Rock, segnando un record di 27 settimane consecutive (6 mesi) primo in classifica e totalizzando 1.200.000 copie in soli 6 mesi. Ad oggi è il disco più venduto di tutti i tempi in Italia, con oltre 4 milioni di copie.[42][43] Il disco è il racconto di un’intera giornata, tutto raccontato da un preciso punto di vista (il Bar che si affaccia su Roma) che comprende un campionario vasto di umanità, ma soprattutto uno sguardo su un unico ambiente; la città di Roma evocata ma mai dichiaratamente citata, prendendo in riferimento una sola unità di tempo; l’arco di una giornata ipotetica ma che rappresenta tutta la vita. Un concept che quindi affonda nell’unità di spazio-tempo del teatro di Aristotele, raccontando di un tempo e di un luogo che rappresenta tutti gli altri, trasferendola all’interno dell’originale punto di vista “cinematografico” contemporaneo; uno sguardo che guarda da un preciso punto di vista e decide di volta in volta cosa osservare, il tutto all’interno di un contesto dichiaratamente anni Ottanta, quindi con uno sguardo anche sociologico sulla società italiana del tempo.[44]

Nello stesso anno parte il tour Notti di note nei grandi stadi d'Italia che si conclude con il concerto finale allo Stadio Flaminio di Roma, con circa 95.000 spettatori presenti e mandato in diretta RAI, è il primo concerto della storia della musica leggera Italiana mandato in diretta televisiva.[45] Nello stesso anno esce il libro Notti di note con foto di Guido Harari, dove viene raccontato il tour attraverso foto e pensieri. Viene anche eletto artista dell'anno.[46]

Baglioni nel 1985

Sulla scia del successo del disco appena uscito e della tournée nel 1986 nasce un idea unica nel panorama della musica internazionale, la storia dice che Baglioni si trovasse in una casa in affitto in campagna, lì trova una vecchia chitarra e si mette a suonare tutte le canzoni nude e crude. Quindi gli viene in mente di fare un disco suonato, tutto da solo, manipolando le esecuzioni per dimostrare che quello che fa è a grandi livelli. Il MIDI viene usato in maniera effettivamente innovativa: laddove Howard Jones, il primo a fare un midi live in assoluto, usava dati preregistrati, Claudio è invece il primo al mondo a suonare tutto in diretta, splittando suoni anche su ciascuna corda della chitarra (midizzata), producendo dalle basi ritmiche ai sintetizzatori tutto in un solo momento col solo gioco up and down delle dita. Coperto di pad, riesce anche a fare delle batterie usando gomiti e petto. Ovviamente suona anche tutti i sintetizzatori, anche essi vivisezionati[47]. Iniziano una serie di concerti negli stadi. Esce così nello stesso anno il secondo disco live della sua carriera; Assolo registrato durante la tappa di Milano allo stadio Giuseppe Meazza con quasi 110.000 spettatori. Il live è un triplo disco che contiene l'inedito il sogno è sempre registrata da solo con il solo pianoforte in mezzo allo stadio alla fine dell’ultimo concerto della tournée, in assenza di pubblico.[48]

Nel 1987 pubblica il libro Assolo Non Solo, si tratta di un documento che testimonia la complessità e il lavoro di studio che si celava dietro l'ambizioso progetto, con fotografie inedite dell'artista e gli spartiti dei brani presenti nel disco. Dopo di chè Baglioni si ritirerà in un silenzio artistico, il più lungo e difficile momento artistico e personale di Baglioni.

Nello stesso 1987 iniziano ad arrivare i primi gossip su una crisi di matrimonio tra il cantautore e la moglie Paola. Intorno al 1988 iniziano a trapelare alcune notizie ufficiose circa la preparazione fattiva del futuro disco: sembra che l'artista stia registrando negli studi Real World di Peter Gabriel, a Londra; in estate, un numero di Topolino dedica alcune pagine al cantautore, svelando il presunto titolo dell'ellepì che, si dice, dovrebbe chiamarsi A presto. L'attesa inizia a essere febbrile ma non è corroborata da alcun seguito concreto[49].

Nel 1988 Baglioni ricompare nelle scene per partecipare al tour Human Right Now organizzato da Amnesty International nella tappa di Torino dell'8 settembre, insieme a Peter Gabriel, Bruce Springsteen e Sting. Qui succederà un evento che segna un vero e proprio punto di rottura per la carriera di Baglioni e per la realizzazione del nuovo disco, infatti durante il concerto, in contrapposizione agli spalti dello stadio comunale di Torino gremiti di fan del cantautore che lo applaudono, c'è invece una parte di pubblico sotto al palco che contesterà Baglioni. Nonostante questo Baglioni porterà a termine il concerto[50]. Nel 1989 escono le prevendite del nuovo presentato con il titolo di Un mondo più uomo sotto un cielo mago con una brochure ad ante con il cielo rosso-blu in tramonto[51][52]. Nello stesso anno Claudio Baglioni, viene anche fotografato di nascosto da Novella 2000 con la nuova compagna Rossella Barattolo, conosciuta nel 1987[53][54]. Il disco annunciato dalla CBS subisce vari ritardi e viene continuamente rimandato, si vocifera anche che Baglioni in un momento di pentimento decide di strappare tutti i testi e riscriverli completamente da capo.

Gli Anni '90: la trilogia e le innovazioni

[modifica | modifica wikitesto]
Baglioni negli anni 90

Nel novembre del 1990 esce Oltre. Un doppio disco composto da 20 brani che abbracciano la World Music con la partecipazione di artisti internazionali come Paco de Lucía, Youssou N'Dour, Pino Daniele e Mia Martini. Il disco è una lunga storia basata su un poema enorme scritto da Baglioni stesso chiamato guscio, presente nel cofanetto del disco per i 500.000 fan che lo prenotarono l'anno precedente[55]. Definito come un album magico Baglioni lo presentò come un disco dall’origine verso l’origine, dove il protagonista va alla ricerca delle sue origini senza sapere quale sia la sua meta (l’uomo in cerca del suo destino), una sorta di monologo interiore basato sul flusso di coscienza che vede protagonista Cucaio alter-ego di Claudio, di cui si traccia una sorta di biografia a ritroso.[56] Diviso in quattro parti rappresentati dai quattro elementi della natura; acqua, fuoco, terra e aria. Cucaio non è altro che l’uomo che rappresenta l’intera umanità e che vive le sue avventure per poi arrivare a vivere la pienezza dell’esistenza e quindi oltre. Il protagonista Cucaio (il nome del personaggio nasce dal modo in cui lo stesso Claudio pronunciava il suo nome da piccolo)[57] partendo da Dagli il via che dà l'incipit iniziale del disco, iniziando con una corsa affannata di un uomo, termina il suo viaggio con Pace dove il protagonista fa pace con sé stesso, con il suo passato diventando finalmente un oltre-uomo.[58] Il disco sarà un punto di rottura per la discografia di Baglioni, che segna un vero e proprio sparti acque tra la precedente attività artistica del cantautore e ciò che ne seguirà. Infatti inizialmente dal grande pubblico il disco, già complesso di suo, riceverà fredde accoglienze, ma sarà anche il momento in cui i critici musicali inizieranno a lodare Baglioni per il colossale lavoro, Oltre infatti sorprese i critici musicali e i giornalisti italiani[59][60][61]. Poco a poco i brani del disco prenderanno sempre più piede e fama, e l'attesa del ritorno sul palco di Baglioni si fa grande.

Dopo aver presenziato nel programma televisivo Fantastico, prima a dicembre 1990 in collegamento dalla sua villa in Anseodonia dove presenta il brano Dagli il via con la band improvvisata nella taverna della casa, poi nel Gennaio del 1991 direttamente nello studio del programma presentando altri tre brani del disco accompagnato dalla band, nei primi mesi del 1991 Baglioni e i suoi musicisti decidono di realizzare una serie di concerti a sorpresa nei locali e discoteche di varie città italiane che culmina con il concerto a sorpresa a Roma il 16 marzo 1991 realizzato sopra un camion in movimento che girava le periferie della città, inseguito da migliaia di fan.[62][63][64]

Claudio Baglioni nel tour Oltre il concerto, 1992

Nel luglio del 1991 Claudio Baglioni ritorna con il concerto Oltre una bellissima notte allo stadio Flaminio di Roma che viene eletto "Miglior concerto dell'anno nel mondo" dalla rivista Billboard grazie all'innovativa concezione del palco, posizionato al centro dello stadio e aperto in ogni direzione.[65] Nel 1992 parte il tour Oltre il concerto sempre con la struttura del palco al centro ma stavolta nei palasport, il tour sarà un successo e alcune date verranno replicate fino a 5 volte, con un totale di 51 date e mezzo milione di spettatori[66]. Il tour viene documentato nel disco live Assieme caratterizzato da un taglio prevalentemente estivo con una copertina dai colori sgargianti e solari e nuovi arrangiamenti più movimentati, a novembre dello stesso anno uscirà la controparte invernale AncorAssieme, Baglioni spezza così in due cd la lunga tournée dopo il complesso e innovativo doppio album in studio Oltre.[67]. Il 2 giugno 1991 si presenta per la prima volta alla Festa dei Carabinieri dove canta, accompagnato da un'orchestra, il brano Tamburi lontani. Continuerà anche in seguito questo legame tra l’Arma dei Carabinieri e Baglioni, da notare che il padre del cantautore, Riccardo Baglioni, era un maresciallo[68]. Nel settembre del 1992 dopo l'uccisione dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Baglioni partecipa al concerto contro la mafia "Giù la maschera" a Palermo, cantando la canzone Noi no. Nel 1994 presenta l'inno dei Mondiali di Nuoto, Acqua nell'acqua.[69] Nello stesso anno viene ufficializzata la relazione tra Claudio Baglioni e Rossella Barattolo, iniziata in segreto e ripresa dopo un periodo di lontananza mentre Baglioni lavorava al disco.[70]

Baglioni nel 1995

Nel 1995 esce Io sono qui. Baglioni ritorna sulle scene con un ambizioso progetto condito da operazioni di marketing studiate al millimetro. Il disco è strutturato come se fosse un film con un inizio, una fine, l’intermezzo e poi primo, secondo, terzo e quarto tempo che anticipano le canzoni successive descrivendole come scene cinematografiche.[56] Il tema del disco gioca intorno al dualismo attori e spettatori, dove tutti siamo protagonisti della nostra vita e della vita degli altri, dove indossiamo ogni volta una maschera diversa. L'album scandaglia il complesso tema del rapporto tra "volto" e "maschera"; la vita perennemente sospesa tra "finzione" e "realtà", e l'uomo sempre combattuto tra il farsi "interprete" di sè stesso e l'essere, invece, ciò che realmente è.[71][72] Il 23 settembre, giorno di uscita del disco, la canzone omonima del brano viene presentata con un videoclip in prima serata su Canale 5[73]. Per pubblicizzare l'uscita del disco Baglioni realizza anche un concerto a sorpresa a Castelluccio di Norcia, spuntando lì con un camion giallo e accompagnato da troupe e band, al concerto, che era già stato accennato in qualche articolo di giornale, accorrono tantissimi fan. L'idea dei concerti a sorpresa continua poi con quello a Siena durante la marcia della pace e quello a Ostia sul lungomare di Roma. Il giro di concerti prende il nome di Tour Giallo, che apre i tour dei colori, il giallo viene scelto in questo caso perché il colore dell'improvvisazione.[74]

Nel gennaio 1996 parte il Tour Rosso, se il nucleo e l’idea del Tour Giallo è l’improvvisazione e la semplicità per il secondo tour che continua la scia della trilogia dei colori, non è così. Il Rosso è sinonimo di spettacolarità, di teatro, di magia, rosso come il colore delle tende dei teatri e il colore delle passerelle cinematografiche. Dal punto di vista della struttura la particolarità della tournée è che non esistono barriere tra il pubblico e il concerto, tra gli spettatori e gli attori, e non è nemmeno presente un palco, infatti al centro del palasport sono presenti quattro pedane e un pavimento tapis roulant con attorno tutti i posti che circondano il centro della scena. Queste presenze sceniche, i ballerini, e un Baglioni che corre e salta mentre canta, rendono il concerto un viaggio visivo rendendo quei palasport di modeste dimensioni un mondo infinito che apparentemente si muove e cambia continuamente. Il tour realizzò il record di spettatori e di ripetizioni dei concerti, con 51 repliche venne considerato come il tour infinito, partito a gennaio e finito ad aprile del 1996.[74] Nello stesso anno esce il VHS Baglioni nel Rosso che documenta il tour[75]. Sempre nel 1996 per concludere il giro di tournée Baglioni riprende l’idea del camion, vengono quindi realizzati dei concerti nei grandi spazi all'aperto nei quali vengono montati due camion gialli che si aprono diventando dei palcoscenici con palco frontale, vengono realizzati così quattordici concerti che prendono il nome di Tour Giallo Elettrico che insieme al Tour Rosso, attraverso lo snodarsi delle tracce, si basa l’album dal vivo Attori e spettatori uscito a dicembre 1996.[76] Nel natale 1996 presenzia come ospite al Concerto di Natale in Vaticano cantando il brano Avrai al pianoforte.[77][78]

Baglioni nella fine degli anni 90

Nel 1997 Baglioni si lancia nell'avventura di un programma televisivo, con Fabio Fazio infatti Claudio condurrà Anima mia, il programma era centrato sull'immaginario collettivo degli anni settanta (per la precisione, prendeva in esame gli anni dal 1968 al 1983), e rievocava i vari miti e le mode della cultura di massa italiana (soprattutto televisiva) di quegli anni, affrontandone la rilettura con notevoli dosi di ironia. Il nome prende spunto dall'omonima canzone dei Cugini di Campagna che Baglioni canterà durante la trasmissione. Buona parte dei brani cantanti nel programma sono racchiusi nel disco di cover Anime in gioco, che si apre con Fabio Fazio che scherzosamente grida a Baglioni poco prima dell'inizio del brano d'apertura Ma che musica maestro; «fermo Claudio... sei rovinato!» giocando sull'assurdità di un mito come Baglioni finito a cantare vecchi successi anni 70. Tra i brani presenti nel CD troviamo, oltre la già citata Anima mia, anche una versione moderna di Figli delle stelle in duetto con lo stesso Alan Sorrenti, E la vita la vita cantata con Enzo Jannacci, il brano Il nostro concerto cantata con Orietta Berti - che poi Baglioni eseguirà da solo a Vota la voce 1997[79] - e canzoni di cartoni animati degli anni '70 tra le quali UFO Robot.[80]

Per il centesimo anniversario della FIGC viene chiamato a scrivere su commissione un inno per la nazionale Italiana di calcio; Da me a te che Baglioni presenta e canta a Parma in anteprima in occasione dell'amichevole Italia-Paraguay.[81][82]

Baglioni durante il concerto all'Olimpico nel 1998

Nel 1998 realizza un tour negli stadi al centro di Roma, Milano, Palermo e Napoli: Su Rai 2 vengono trasmessi in diretta i concerti dell'Olimpico di Roma (100 000 spettatori) e di San Siro a Milano (85 000 spettatori). Il tour Da me a te termina con numeri trionfali, infatti il totale degli spettatori paganti nei cinque concerti-evento supera 380 000. Il concerto del 6 giugno 1998 detiene tuttora il record di numero spettatori più alto di tutti i tempi per un evento sia sportivo che musicale nella storia dello stadio Olimpico.[83][84]

A fine 1998 esce la raccolta A-Live, un antologia dal vivo del cantautore, il CD contenente tre dischi presenta alcuni brani dei precedenti album in live cantautore e nel terzo disco i live delle ultime tappe negli stadi del tour Da me a te.[85]

Nel 1999 esce Viaggiatore sulla coda del tempo un disco innovativo che affronta il tema della fine del millennio e delle nuove tecnologie, parallelamente alla storia di un viaggiatore verso questo futuro ignoto. Considerato uno tra i progetti più ambiziosi, complessi e colti dell’intera opera discografica del musicista, segna il passaggio del millennio attraverso un viaggio tra spazio e tempo di un viaggiatore.[86][87] Siamo alla vigilia di un triplice, importante, passaggio: in un’unica notte (il 31 dicembre del ’99), infatti, cambieranno anno, secolo e millennio. Una data dalla fortissima portata evocativa, nell’approssimarsi della quale Baglioni si sente spinto a indagare in profondità il rapporto dell’uomo con se stesso e, soprattutto, con il tempo oltre a quell’equilibrio, mai facile da individuare e sempre precario, tra passato, presente e futuro. Dodici canzoni per un “concept album”, che descrive l’intera parabola di un viaggio attraverso il tempo, alla ricerca di sé. Un viaggio partendo per il quale ci viene chiesto di non confondere il percorso con la meta e di non preoccuparsi del fatto di “non sapere bene dove andare”. L’obiettivo, infatti, non è arrivare, ma viaggiare.[86] L'album vende oltre mezzo milione di copie in un solo mese.[88][89]

Baglioni nel 1999

Baglioni dichiarerà che i tre dischi degli anni 90 compongono la così detta Trilogia del tempo o Trilogia dei colori, i dischi infatti sono collegati tra loro e rappresentano rispettivamente il passato (Oltre, 1990), presente (Io sono qui, 1995) e futuro (Viaggiatore sulla coda del tempo, 1999). Chiamata anche dei colori perché il primo del 1990 è rappresentato dal rosso, il secondo del 1995 dal giallo e l'ultimo del 1999 dal blu. I tre colori confluiscono insieme e vengono accennati nella copertina del disco del 1995.[90]

Gli anni 2000: la ricerca scenica

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 inizia il cosiddetto Tour blu che promuoveva il disco dell'anno precedente, il giro di concerti è caratterizzato da un taglio futuristico come il disco del 1999 con schermi di proiezione e luci laser, i concerti incominciavano con una sorta di ologramma tridimensionale che aveva le sembianze di un viso robotico di nome Claud; un alter ego dell'artista che annunciava di venire dal futuro e tra una canzone e l'altra compariva per raccontare la sua storia affiancata da pensieri e messaggi dal futuro, l'immagine virtuale cita che fin quando la sua musica verrà ascoltata il viaggiatore non sarà partito invano[91][92], realizzato nei palasport con la concezione del palco al centro[93].

Nell'estate del 2000 Baglioni torna in una dimensione più classica alla ricerca di una nuova impostazione scenica e musicale con il tour Sogno di una notte di note, dal quale è tratto un album live. Il tour vedeva l'artista esibirsi nei teatri greco-romani all'aperto rivisitando le proprie canzoni in chiave acustica con palchi costruiti in legno e presenze di oggetti e strumenti Seicenteschi, epoca richiamata anche nel dentro copertina del disco che presenta le bozze delle invenzioni di Leonardo Da Vinci e dal sottotitolo dello stesso tour che richiama l'opera di William Shakespeare, Sogno di una notte di mezza estate che Baglioni cita nel prologo del live.[94][95][96]

Baglioni durante il tour Sogno di una notte di note nell'agosto del 2000

Nel 2001 inizia il giro di concerti Incanto tra pianoforte e voce nei teatri Italiani dove si esibisce con il solo pianoforte, ed è la prima volta che la musica pop entra nei teatri lirici di tradizione. Il tour totalizza oltre 60 date. L'ultimo concerto realizzato al Teatro San Carlo di Napoli fu registrato e mandato in differita su Tele+, gli incassi di quest'ultimo concerto furono devoluti in beneficenza.[97]

Nel maggio 2003 esce l'album in studio Sono io - l'uomo della storia accanto. Baglioni ritorna sulle scene con un nuovo album di inediti, secondo quanto dichiarato dall'artista i testi sono meno criptici ed è un concept album molto più umano rispetto ai precedenti. Nell'estate del 2003 ottenne un ottimo successo di vendite raggiungendo la prima posizione della hit parade italiana e vendendo nel solo mese di maggio 300.000 copie, successo confermato anche dalla tournée partita nella stessa estate che tocca gli stadi di sette città tra cui Roma, Catania, Napoli e Milano, con la concezione del palco al centro introdotta dallo stesso Baglioni circa dieci anni prima. L'intero album vinse il Premio Lunezia 2003 per le qualità musical-letterarie.

Il disco segna il ritorno di un Baglioni maturo che raggiunge “la pace dei sensi e dei consensi" dove non sente di avere più niente da dimostrare né nessun compito o viaggio umano e universale da compiere come aveva fatto nella precedente trilogia anni Novanta, d'altronde Baglioni viene da un decennio - gli anni Novanta appunto - dove ricominciando praticamente da capo con il disco Oltre che spiazza critica e pubblico dopo aver stravolto completamente lo stile musicale e testuale del cantautore arriva alla fine alla fine del decennio a toccare il massimo del successo fino ad arrivare al record di spettatori allo Stadio Olimpico di Roma nel 1998 con il palco al centro.

Se a livello di immagine e di successo Baglioni rimane sempre il cantante estroverso pronto a buttarsi in gioco e a far impazzire le folle che si era dimostrato negli anni Novanta, la sostanziale differenza è intuibile stia nella composizione e nella progettazione degli album, Sono io infatti è un disco molto più umano, meno criptico e meno ermetico dei precedenti tre, il linguaggio complesso, il tema del viaggio dell'uomo induttivo che passa dal personale e si propaga all'universale alla ricerca del significato della vita che abbiamo visto in Oltre, Io sono qui e Viaggiatore viene sostituito da un disco di un Baglioni che racconta l'amore, la vita con un occhio magico e più "anziano". I testi, che rimangono comunque di alto livello, vanno a scavare dentro i ricordi dell'artista, delle persone a lui care e della vita che lo circonda, un ritorno a terra dopo una trilogia esistenziale, come suggerisce lo stesso testo del brano principale "chiedo perdono se non so chi sono io, ma è già da tanto che suono" Baglioni non si pone più nessun problema per andare a capire chi è lui, alla ricerca delle sue origini o del suo futuro, ha dimostrato quel che aveva da dimostrare con dei lavori ambiziosi e innovativi per tutto il decennio precedente ed apre così un nuovo scenario artistico - quello dagli anni 2000 in poi - dove si pone più verso una nuova ricerca scenica di concerti, grandi celebrazioni e singoli da hit parade.

Nell'estate 2003 da il via al progetto O' Scià un evento musicale che si svolgeva nell'isola di Lampedusa (isola nella quale Baglioni possiede una villa sul mare dal 1999) con cadenza annuale ogni estate per qualche giorno Baglioni si esibiva su di un palco montato sulla spiaggia affiancato da vari artisti, attori e intrattenitori, l'ultima edizione fu nell'estate del 2012.[98]

Tra il 2004 e il 2005 continua la ricerca scenica e parte un doppio tour la cui prima parte, intitolata Crescendo, si svolge nei palasport col palco al centro e una struttura scenica con pedane in continuo movimento, mentre la seconda parte, chiamata Cercando, si svolge in grandi auditorium e spazi inusuali per la musica. Da questo tour è tratto un album live dal titolo Crescendo e Cercando, contenente un singolo inedito omonimo.

Baglioni negli anni 2000

Nel 2005 esce la fortunatissima collezione Tutti qui, la prima raccolta ufficiale dell'artista, trainata dall'omonimo singolo, seguita dal giro di concerti Tutti qui tour iniziato nel 2006 e terminato nel 2007, nei palasport con la concezione del palco al centro.

Nello stesso 2007 esce Buon viaggio della vita; l'intenzione di Baglioni con questo disco è quella di continuare a spaziare e ad andare a rincorrere una ricerca scenica e un nuovo modo di fare dischi - come fa per tutti gli anni 2000 - andando quindi a registrare più di trenta canzoni rivistate e riarrangiate da zero in uno studio di registrazione con la band e gli strumenti suonati tutti dal vivo contemporaneamente, come se fosse un live.[99]

Nel 2009 nasce il progetto Q.P.G.A., che comprende il disco Q.P.G.A., ovvero una rivisitazione del celebre album del 1972 arricchito da nuovi inediti, il film Questo piccolo grande amore, sceneggiato proprio da Baglioni, un libro omonimo e il tour Q.P.G.A. e altri amori.

Dal 2010: grandi celebrazioni

[modifica | modifica wikitesto]
Baglioni nel 2010

Nel 2010 parte il suo primo tour mondiale da cui è tratto il disco live Per il mondo terminato con il concerto al Royal Albert Hall di Londra trasmesso su Sky Uno.[100]

Nella notte tra il 2010 e il 2011 tiene il concerto di capodanno ai Fori Imperiali a Roma, in collegamento con la Rai, alla serata accorrono oltre 300.000 spettatori.[101][102]

Mentre nel 2012 pubblica la sua prima raccolta di canzoni natalizie dal titolo Un piccolo Natale in più.

Nel 2013 parte l'ambizioso progetto ConVoi: dodici singoli pubblicati quasi contemporaneamente alla loro composizione, da maggio 2013 a ottobre 2013, che alla fine, a dieci anni di distanza dall'ultimo, diventano l'album in studio ConVoi[103], a cui segue una doppia tournée nei palasport, il ConVoi Tour e il ConVoi ReTour.

Nel 2015 per la prima volta si affianca un altro grande artista: con Gianni Morandi inizia Capitani coraggiosi - Il Tour, che dà vita poi all'album dal vivo Capitani coraggiosi - Il live, al singolo inedito Capitani coraggiosi e a due prime serate su Rai1 dal titolo Claudio Baglioni, Gianni Morandi - Capitani Coraggiosi.

Nel 2016, una volta terminata l'esperienza con Morandi, tiene un concerto di beneficienza nell'Auditorium Paolo VI trasmesso anche da Rai1, dal titolo Avrai - Concerto in Vaticano: con questo evento si raccolgono 600.000 euro destinati alle popolazioni terremotate del centro Italia e ai bambini di Bangui.

Tra il 2018 e il 2019 presenta due edizioni del Festival di Sanremo[104] e, per festeggiare i 50 anni di carriera, esce la raccolta Al centro e vanno in scena tre concerti all'Arena di Verona che per la prima volta è aperto al pubblico nella sua interezza, con il palco al centro e gli spettatori che riempiono l'intera arena a tutto tondo, uno dei quali viene trasmesso in diretta su Rai1. Lo show diviene un vero e proprio tour nei palasport che prosegue fino alla primavera del 2019, quando esce il dvd Al centro - Arena di Verona contenente il concerto trasmesso dalla Rai e l'album dal vivo Al centro - Da una storia vera pubblicato in esclusiva con Mondadori.

Dal 2020: l'ultimo disco e tour

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2020 esce l'album in studio In questa storia, che è la mia dove, per la prima volta affiancato da un'orchestra, affronta temi d’amore e racconta la sua vita e il suo rapporto con la musica.

Dal 2022 al 2023 realizza una serie di concerti nei teatri Italiani da solo voce pianoforte, con il tour Dodici Note Solo e Dodici Note Solo Bis interrotte nell'estate del 2022 dal giro di concerti Dodici Note - Tutti su!, realizzato con orchestra e band che fa tappa alle Terme di Caracalla, al Teatro Greco di Siracusa e all'Arena di Verona[105] e che nel maggio 2023 arriva anche al cinema documentato con il lungometraggio Tutti su! Buon compleanno Claudio[106][107].

Claudio Baglioni nel 2023

A settembre 2023 inizia il giro di concerti aTuttoCuore al Foro Italico di Roma, all’Arena di Verona, al Velodromo Paolo Borsellino di Palermo e all’Arena della Vittoria di Bari, continuato fino a febbraio del 2024 nelle arene indoor totalizzando 300mila spettatori,[108][109] il 14 febbraio viene trasmesso in differita su Rai1 in prima serata il concerto al Foro Italico realizzato a settembre.[110][111]

I 1000 giorni: l'addio alle scene

[modifica | modifica wikitesto]

Durante la promozione del tour aTuttoCuore tiene una conferenza stampa in cui annuncia il suo ritiro dalle scene entro il 2026, chiamando così il suo giro d'onore: ancora mille giorni - con riferimento alla sua celebre canzone, Mille giorni di te e di me - per cantare e suonare dal vivo, con un ultimo disco di inediti, come da lui dichiarato, ed una serie di progetti live che avranno graficamente il logo 1000 GIORNI: il primo passo di questo countdown è il tour aTuttoCuore Plus Ultra previsto per settembre 2024 con sette date all'Arena di Verona.

Il 2 giugno 2024 Baglioni apre la parata per la Festa della Repubblica Italiana, invitato e scelto dal presidente Sergio Mattarella come unico rappresentante della musica italiana, eseguendo Il Canto degli Italiani accompagnato dalla banda delle interforze della difesa davanti alla tribuna presidenziale.[112]

Stile musicale

[modifica | modifica wikitesto]
simbolo rappresentativo di Baglioni tra il 1981 e il 1982

Claudio Baglioni varia nel corso della sua carriera il suo modo di approcciarsi alla musica e il suo stile, da quello musicale a quello estetico.[113]

Un primo momento giovanile di Baglioni, quello del primo disco omonimo, lo rappresenta come un giovane intellettuale esistenziale che gli causa il soprannome ironico, tra i suoi amici del quartiere, di Agonia. Dal 1971 in poi cambia il suo approccio, dal disco Un cantastorie dei giorni nostri si presenta con un look e canzoni più vivaci, quasi da figlio dei fiori. Con camicie leggere, bracciali e capelli lunghi ondulati come nell’esibizione del brano Io una ragazza e la gente nel programma televisivo Speciale 3 Milioni.

Il grande successo arriva però l'anno dopo con Questo piccolo grande amore dove tra canzoni spensierate come Mia Libertà e brani romantici e complessi come Con tutto l’amore che posso si presenta più che come un figlio dei fiori, come un giovane ragazzo tranquillo tipico degli anni '70 che alle manifestazioni e gli scontri in piazza contro la polizia preferisce scappare per crearsi la sua storia d’amore incontrando una ragazza, proprio come succede nel brano di apertura del disco Piazza del popolo. Il disco è un concept album che narrà una storia adolescienziale ma anche con riferimenti sociali.[114] Il concept-album che segue una storia si presenta anche nel successivo Gira che ti rigira amore bello che vede protagonista Baglioni e la sua Camilla (la sua automobile, una Citroen 2cv) affrontare un viaggio.[115] Questo dualismo tra avventura e amore lo ritroviamo anche nei dischi successivi, in E tu... abbraccia per la prima volta il folk rock e il rock progressivo, grazie all’arrangiatore Vangelis che lavorerà con lui, ma il disco non è un concept-album stavolta, Baglioni decide di interrompere la scelta stilistica dei due precedenti dischi a favore di un album dove i brani sono imparentati prettamente dal punto di vista musicale.[114]

Nel 1975 Baglioni ritorna al concept-album ma in maniera diversa, non c'è più una grande storia da raccontare, ma un macro argomento che accumuna tutti i brani del disco; è il caso di Sabato pomeriggio dove il filo conduttore è l'attesa, il titolo dell'album infatti prende spunto dalla poesia Il sabato del villaggio di Giacomo Leopardi, con chiari riferimenti anche alla poesia crepuscolare.[116] La prima grande svolta si nota nell’album Solo che si presenta come un disco introspettivo sulla solitudine, con uno stile musicale pop-jazz. Il cantautore continua ancora a seguire l'idea del concept-album, che qui vede come argomento, come da titolo, la solitudine.[115] Nel 1978 invece con E tu come stai? tocca lo stile pop rock e lo stile di Baglioni si fa sempre più elegante, a suggerirlo è la stessa copertina, di un Baglioni in smoking bianco seduto sulla poltrona di casa, affiancato dai suoi due pastori tedeschi.[117][118]

Il cambio di registro radicale avviene agli inizi degli anni 80 con Strada facendo dove usa una musicalità synth pop influenzata dall’arrangiatore Geoff Westley. Baglioni, caratterizzato dal look con camicia e pantaloni di jeans, gioca sul dualismo giovane e invecchiato, i trent'anni sono infatti gli anni del bilancio e della strada percorsa e da percorrere. Il concetto del disco è quello della strada, del parallelismo tra l'io e gli altri, tra gli intermezzi intimi del cantautore e le canzoni che raccontano di esperienze di vita comuni a tutti, intervallati dagli intermezzi eseguito con la sola chitarra e voce da Baglioni creando una sorta di autobiografia cantata.[115]

Nel 1985 lo stile diventa a tutti gli effetti più pop rock e moderno, Baglioni svolta completamente look tagliando i capelli lunghi a favore di un taglio corto ordinato di capelli con giacca e pantalone eleganti spesso accompagnati da uno spolverino elegante, con il concept-album La vita è adesso, il più grande successo commerciale nella storia della musica italiana[119], il disco è il racconto di un’intera giornata, tutto raccontato da un preciso punto di vista (il Bar che si affaccia su Roma) che comprende un campionario vasto di umanità, ma soprattutto uno sguardo su un unico ambiente; la città di Roma evocata ma mai dichiaratamente citata, prendendo in riferimento una sola unità di tempo; l’arco di una giornata ipotetica ma che rappresenta tutta la vita. Un concept che quindi affonda nell’unità di spazio-tempo del teatro di Aristotele, raccontando di un tempo e di un luogo che rappresenta tutti gli altri, trasferendola all’interno dell’originale punto di vista “cinematografico” contemporaneo; uno sguardo che guarda da un preciso punto di vista e decide di volta in volta cosa osservare, il tutto all’interno di un contesto dichiaratamente anni Ottanta, quindi con uno sguardo anche sociologico sulla società italiana del tempo.[115]

Logo di Baglioni del 1995

Per tutti gli anni 90 Baglioni sperimenterà soglie di musica e testi mai sfiorate in Italia[non chiaro]. Secondo la critica e il pubblico il miglior album di Claudio Baglioni arriva dopo il più grande successo commerciale della storia della musica italiana La vita è adesso, dove l'autore, dopo un periodo di riscoperta interiore come uomo e artista, porta i suoi testi e i suoi brani ad un ulteriore livello ed evoluzione musicale, dando vita all'album Oltre. È infatti Oltre il titolo del disco del 1990 di Baglioni[114], un complesso album di 20 brani che abbracciano la World Music con la partecipazione di Paco de Lucía, Mia Martini, Pino Daniele, Youssou N'Dour, e con dei testi che segnano un vero e proprio spartiacque nella discografia del cantautore. Definito come un album magico Baglioni lo presentò come un disco dall'origine verso l'origine, dove il protagonista va alla ricerca delle sue origini senza sapere quale sia la sua meta (l'uomo in cerca del suo destino), una sorta di monologo interiore basato sul flusso di coscienza che vede protagonista Cucaio alter-ego di Claudio, di cui si traccia una sorta di biografia a ritroso. Diviso in quattro parti rappresentati dai quattro elementi della natura; acqua, fuoco, terra e aria. Cucaio non è altro che l'uomo che rappresenta l'intera umanità e che vive le sue avventure per poi arrivare a vivere la pienezza dell'esistenza e quindi oltre.[120]

Questo stile di testi complessi e musica moderna lo troviamo anche nei successi dischi degli anni 90: Io sono qui del 1995 dove si consolida l'idea classica del Baglioni con gilet e camicia ed i capelli corti e ordinati[121], il disco segna il ritorno nelle scene di Baglioni, il tema del disco gioca intorno al dualismo attori e spettatori, dove tutti siamo protagonisti della nostra vita e della vita degli altri. Il disco è strutturato come se fosse un film con un inizio, una fine, l’intermezzo e poi primo, secondo, terzo e quarto tempo che anticipano le canzoni successive descrivendole come scene cinematografiche[115] e poi Viaggiatore sulla coda del tempo del 1999, che tratta un tema futuristico e cita la fine del millennio e le nuove tecnologie, qui Baglioni apre una parentesi stilistica completamente opposta a quella tradizionale che viene accostata a lui, vestendo con magliette eleganti blu e pantaloni, spesso accompagnato da uno spolverino in pelle, soprattutto nel Tour Blu caratterizzato da arrangiamenti elettronici, come il disco.[122]; i tre dischi compongono la cosiddetta Trilogia del tempo, essendo infatti collegati tra loro a rappresentare rispettivamente il passato, presente e futuro.[116]

Dopo i dischi ermetici, complessi e futuristici degli anni 90, Baglioni torna nel 2000 con il classico stile camicia, sciarpa, giubbino do jeans[123], con temi più semplici e immediati, improntati sull’amore e sulla vita, prima con il disco Sono io del 2003 dove parla di sé, del concetto di casa, dei suoi amori e afferma di aver raggiunto “la pace dei sensi e dei consensi”, poi con ConVoi del 2013 dedicato ai suoi fan e alla sua carriera, con le tracce pubblicate una alla volta da maggio a ottobre e poi raccolte nell'album, e infine con In questa storia che è la mia che risulta più artigianale e sentimentale, con il suo sound orchestrale - per la prima volta nella discografia di Baglioni - dove torna all'idea del concept album su una storia d'amore e, attraverso degli intermezzi collegato tra loro, racconta la sua biografia e il suo rapporto con la musica.[124][125]

Dal suo matrimonio con Paola Massari, il 19 maggio 1982 nasce Giovanni - una volta adulto, divenuto a sua volta un chitarrista fingerstyle di buona notorietà[126] - al quale il padre dedicò la canzone Avrai, registrata in soli due giorni nello studio di Paul McCartney a Londra durante le pause delle registrazioni dell'ex componente dei Beatles che si prendeva il mercoledì come giorno libero per dedicarsi ai videogiochi;[127] il singolo viene pubblicato il 9 giugno. Della nascita del figlio, Baglioni dirà poco dopo:

«Diventare padre mi ha fatto riscoprire le cose belle della vita e il fatto che dopo tanti anni sia ritornato ad esibirmi su un palcoscenico è dipeso in gran parte da questo. Ho sentito l'esigenza di rituffarmi in mezzo al mio pubblico per regalargli la mia musica, la mia felicità, il mio modo di essere musicista.»

Nel 1987 Baglioni incontrò per la prima volta Rossella Barattolo; ai tempi, il cantautore era ancora sposato con Paola Massari e quindi il loro rapporto inizialmente fu esclusivamente lavorativo. Nel 1994 arriva la convivenza, ma solo nel 2008 la storia viene resa pubblica: proprio in quell'anno Baglioni divorziò ufficialmente dalla moglie.[128]

Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Claudio Baglioni.

Album in studio

[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo

[modifica | modifica wikitesto]

Album di cover

[modifica | modifica wikitesto]

Album ufficiali in altre lingue

[modifica | modifica wikitesto]
  • 1975 – Sàbado por la tarde[129] (Spagna e Sud America)
  • 1977 – Solo [En Español][130] (Spagna e Sud America)
  • 1978 – Un Pequeño Gran Amor[131] (Spagna e Sud America)
  • 1979 – Un poco más[132] (Spagna)
  • 1979 – ¿Y tú cómo estás?[133] (Sud America)
  • 1980 – Un peu de toi[134] (Francia)
  • 1982 – Alé Oó[135] (Europa)
  • 1985 – Claudio Baglioni[136] (Europa)
  • 1985 – Claudio Baglioni: grandes éxitos[137] (Sud America)
  • 1991 – Oltre[138] (Europa)
  • 2006 – Siempre aquì[139] (Spagna)
Lo stesso argomento in dettaglio: Tour di Claudio Baglioni.
Il palco dello Stadio Olimpico allestito per il concerto evento del 1998 con il palco al centro
  • 1977 - Con tutto l’amore che posso tour
  • 1979 - E tu come stai? Il tour
  • 1981 - Strada facendo Tour
  • 1982 - Alé Oó
  • 1985 - Notti di note
  • 1986 - Assolo
  • 1991 - Oltre una bellissima notte (unico concerto)
  • 1992 - Assieme. Oltre il concerto
  • 1992 - AncorAssieme
  • 1995 - Tour giallo
  • 1996 - Tour rosso
  • 1996 - Tour giallo elettrico
  • 1998 - Da me a te
  • 2000 - Tour blu. Il viaggio 2000
  • 2000 - Acustico. Sogno di una notte di note
  • 2001 - InCanto. Tra pianoforte e voce
  • 2003 - Tutto in un abbraccio
  • 2004 - Crescendo Tour
  • 2004 - Cercando Tour
  • 2006/2007 - Tutti qui tour
  • 2009 - Gran Concerto. Q.P.G.A. e altri amori
  • 2010 - World Tour 2010
  • 2011/2013 - DieciDita
  • 2014 - ConVoi Tour
  • 2015/2016 - Capitani coraggiosi (con Gianni Morandi)
  • 2018/2019 - Al centro
  • 2022/2023 - Dodici note Solo
  • 2022 - Dodici note. Tutti su!
  • 2023/2024 - aTuttoCuore
  • 2024 - aTuttoCuore Plus Ultra

Riconoscimenti

[modifica | modifica wikitesto]
Baglioni riceve un riconoscimento a Fontanarosa nel 1986
  • Senza Rete - Speciale Claudio Baglioni (Programma Nazionale, 1975)
  • Claudio Baglioni - Un cantastorie del nostro tempo (Canale 5, 1982)
  • Notte di note - Il concerto (Rai 1, 1985)
  • Quando la banda passò (Rai 1, 1991)
  • Oltre una bellissima notte (Rai 1, 1991)
  • Io sono qui (Canale 5, 1995)
  • Concerto dal Piper Club - Amori in corso (Canale 5, 1996)
  • Anima mia (Rai 2, 1997)
  • C'era un cavaliere bianco e nero (Rai 2, 1998)
  • Da me a te - Dalla città allo stadio (Rai 2, 1998)
  • L'ultimo valzer (Rai 2, 1999)
  • Incanto. tra pianoforte e voce (TELE+, 2001)
  • Tutto in un abbraccio (Canale 5, 2003)
  • Claudio Baglioni Live Story (Rai 1, 2003)
  • O' Scià - da Lampedusa (Radio Italia TV, 2006)
  • Per il mondo - Royal Albert Hall London (Sky Uno, 2010)
  • Radio Italia Live (Radio Italia TV, 2013)
  • Capitani coraggiosi (Rai 1, 2015)
  • Radio Capitani Coraggiosi (RTL 102.5 TV, 2016)
  • Avrai - Concerto in Vaticano (Rai 1, 2016)
  • Festival di Sanremo (Rai 1, 2018-2019)
  • Al centro (Rai 1, 2018)
  • Speciale Claudio Baglioni: In questa storia che è la mia (Rai Play, 2020)
  • Uà - Uomo di varie età (Canale 5, 2021)
  • Dodici note solo (Radio Italia TV, 2022)
  • Radio Italia Live (Radio Italia TV, 2022)
  • aTuttoCuore (Rai 1, 2024)

VHS, DVD e streaming ufficiali

[modifica | modifica wikitesto]

Album, VHS e DVD esclusivi per gli iscritti Clab

[modifica | modifica wikitesto]
  • Claudio Baglioni - Canzoni e Interviste, 1977
  • Il romanzo di un cantante, 1978
  • Notti di note, 1985
  • Assolo non solo, 1987 (Ristampa 1997)[151]
  • C’era un cavaliere bianco e nero, 1998
  • A tempo di musica, 2003
  • Parole e Canzoni, 2005
  • Senza musica, 2005
  • Q.P.G.A. il romanzo, 2009
  • L'invenzione del naso e altre storie, 2011
  • Inter nos, 2015
  • Non smettere di trasmettere, 2017
  • Altrove e qui, 2023

Spartiti album

[modifica | modifica wikitesto]
  • Sabato pomeriggio, 1975
  • E tu come stai?, 1978
  • Strada Facendo, 1981
  • Alé-oó, 1982
  • La vita è adesso, 1985
  • Claudio Baglioni. 1978-1985 Raccolta, 1991[152]
  • Oltre. Un mondo uomo sotto un cielo mago, 1992
  • Io sono qui: tra le ultime parole d'addio e quando va la musica, 1995
  • Claudio Baglioni. 1986-1998 Raccolta, 1998[153]
  • Claudio Baglioni: Viaggiatore sulla coda del tempo, 2000
  • The Best of Claudio Baglioni. spartiti, 2006

Nella cultura di massa

[modifica | modifica wikitesto]
Claudio Baglioni e Michael Jackson nel 1988 insieme

Nel 1975 il cantautore Rino Gaetano cita il giovane Claudio Baglioni nel brano Ma il cielo è sempre più blu catalogandolo come artista del firmamento Italiano imitato ed emulato da tanti cantanti.[154]

Nel film del 1983 Vacanze di Natale, viene citato da Jerry Calà che, mentre suona il piano bar, alla domanda di una ragazza: “Tu come stai?”, lui risponde: “No no, Baglioni l’ho già suonato”.[155]

Nel 1994 Jovanotti avrebbe citato le contestazioni al tour Human Rights Now! nel suo brano Barabba.[156]

Raduni "ClaB"

[modifica | modifica wikitesto]
Raduno "ClaB" del 1996 a Ficulle
  • I Raduno Clab - '51 Montesacro - 28 dicembre 1995 - Palazzetto dello Sport - Roma
  • II Raduno Clab - 6 luglio 1996 - La Casella - Ficulle (TR)
  • III Raduno Clab - Sappiamo che c'è sempre un sogno da fare - 7 giugno 1997 - Nuovo stadio del Tennis - Roma
  • IV Raduno Clab - 5 giugno 1998 - Stadio Olimpico - Roma
  • V Raduno Clab - Roma Cinecittà aperta - 12 giugno 1999 - Cinecittà - Roma
  • VI Raduno Clab - 10 giugno 2000 - Palaeur - Roma
  • VII Raduno Clab - Incontri e incanti - 6 ottobre 2001 - Stadio della Pallacorda, Foro Italico - Roma
  • VIII Raduno Clab - La veglia e la festa - 8 dicembre 2002 - Gran Teatro - Roma
  • IX Raduno Clab - 20 dicembre 2003 - Palaghiaccio - Marino (RM)
  • X Raduno Clab - Crescendo, cercando, improvvisando - 12 settembre 2004 - Prato Giardino - Viterbo
  • XI Raduno Clab - Tutti lì - 17 dicembre 2005 - Palazzetto dello Sport - Firenze
  • XII Raduno Clab - La vigilia della prima - 29 ottobre 2006 - Palazzetto dello Sport - Rieti
  • XIII Raduno Clab - ClabExpo - 30 marzo 2008 - Fiera di Roma - Roma
  • XIV Raduno Clab - 17 gennaio 2010 - Pala Terme - Fiuggi (FR)
  • XV Raduno Clab - Io, una chitarra e la gente - 20 marzo 2011 - Teatro Tendastrisce - Roma
  • XVI Raduno Clab - DieciDita dopo - 26 febbraio 2012 - Teatro Tendastrisce - Roma
  • XVII Raduno Clab - Solo con voi - 29 settembre 2014 - Teatro Tendastrisce - Roma
  • XVIII Raduno Clab - Titoli di coda - 13 dicembre 2015 - Teatro Tendastrisce - Roma
  • XIX Raduno Clab - A Cla' - 28 maggio 2017 - Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia) - Roma
  • XX Raduno Clab - Una storia vera - 20 maggio 2018 - Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia) - Roma
  • XXI Raduno Clab - Raduno ad uno - 25 aprile 2019 - Nelson Mandela Forum - Firenze
  • XXII Raduno Clab - Le quattro stagioni - 4 dicembre 2022 - Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia) - Roma
  • XXIII Raduno Clab - CB Show - 21 aprile 2024 - Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia) - Roma

Paolo Gianolio (chitarre, arrangiamenti, direzione musicale); Elio Rivagli (batteria e percussioni); Pio Spiriti (violino, tastiere, fisarmonica); Roberto Pagani (piano, tastiere, fisarmonica); Mario Guarini (basso e contrabasso elettrico); Chicco Gussoni (chitarre); Stefano Pisetta (batteria e percussioni); Aidan Zammit (tastiere, piano, flauto traverso, chitarra acustica, armonica a bocca); Serena Caporale (vocalist); Silvia Aprile (vocalist); Rossella Ruini (vocalist), Antonella Pepe (vocalist), Serena Bagozzi (vocalist).

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 3 novembre 2003[157]
Cittadino Onorario della Città di Pompei - nastrino per uniforme ordinaria
Cittadino Onorario della Città di Pompei
Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 27 dicembre 2020[159]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 21 marzo 2024[160]
  1. ^ In questa storia, che è la mia : il nuovo album di Claudio Baglioni con 14 brani inediti, su baglioni.it. URL consultato il 29 luglio 2022 (archiviato il 26 gennaio 2022).
    «CLAUDIO BAGLIONI, musicista, autore, interprete, che [...] ha saputo fondere canzone d'autore e rock, sonorità internazionali, world music e jazz.»
  2. ^ Nico Donvito, Claudio Baglioni, trent’anni di "Oltre", su recensiamomusica.com, 17 novembre 2020. URL consultato il 6 aprile 2021.
    «L’artista rompe il silenzio dopo cinque anni di assenza dalle scene, sperimentando verso dimensioni vicine alla world music [...]»
  3. ^ (EN) Cathy Ann Elias, Claudio Baglioni, the Apollo of Musica leggera, in Musica pop e testi in Italia dal 1960 a oggi, Longo Editore, 2015, p. 95, ISBN 978-88-8063-787-5.
  4. ^ Claudio Baglioni, su radioitalia.it. URL consultato il 1º giugno 2020.
  5. ^ il nuovo album di claudio baglioni con 14 brani inediti, su baglioni.it.
  6. ^ Claudio Baglioni, 30 anni fa il record di «La vita è adesso», su sorrisi.com, 8 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2020.
  7. ^ Baglioni, 35 anni fa “La vita è adesso”: storia di un album da record, su tg24.sky.it, 8 giugno 2020. URL consultato il 24 agosto 2020.
  8. ^ Alberto Infelise, “La vita è adesso”, da trent’anni. Il disco di Baglioni che fece l’impresa, su lastampa.it, 10 giugno 2015. URL consultato il 24 agosto 2020.
  9. ^ Questo piccolo grande amore, su www.canzoneitaliana.it. URL consultato il 20 maggio 2023.
  10. ^ Claudio Baglioni: la storia di “Questo Piccolo Grande Amore” - Stone Music, su stonemusic.it, 24 febbraio 2021. URL consultato il 20 maggio 2023.
  11. ^ Sanremo: Baglioni scalda l`Ariston, tutti in piedi, su www.baglioni.it. URL consultato il 20 maggio 2023.
  12. ^ Quando Baglioni sbaragliava Sanremo anche senza andarci, su La Stampa, 7 febbraio 2018. URL consultato il 20 maggio 2023.
  13. ^ 1985 - questo piccolo grande amore, viene proclamata canzone del secolo | By Claudio Baglioni | Facebook, su it-it.facebook.com. URL consultato il 20 maggio 2023.
  14. ^ a b Andrea Coclite, Tutti gli album di Claudio Baglioni, in ordine dal più brutto al più bello, su rollingstone.it, 9 febbraio 2019.
  15. ^ Intervista tour Al Centro, scaletta, carriera, concerti, su doremifasol.org.
  16. ^ Biografia, su baglioni.it.
  17. ^ https://www.vice.com/it/article/6av7n8/italian-folgorati-claudio-baglioni?callback=in&code=ZJY3NZM1M2MTOTFIMS0ZYZM3LTGZZTETM2Q2ZWVJZGIZOTUZ&state=0642a12242f54df690cdaa217019bd08
  18. ^ Claudio Baglioni, su Radio Italia. URL consultato l'8 giugno 2023.
  19. ^ Carlo Moretti, All'Olimpico il gol di Baglioni, in la Repubblica, 9 maggio 1998.
  20. ^ a b Biografia di Claudio Baglioni, album, live, su friendsandpartners.it.
  21. ^ (EN) Claudio Baglioni's concert Highlights Immigration Issues (PDF), su European Parliament. URL consultato l'8 giugno 2023.
  22. ^ Massaroni Pianoforti, Spingersi oltre. Massaroni Pianoforti ci racconta Claudio Baglioni, su rockit.it, 15 maggio 2015. URL consultato il 24 agosto 2020.
    «Dicevo, Baglioni [...] ha il de-Merito di avere per un cantautore un’estensione vocale che copre 3 ottave e mezzo, passando da una voce baritonale graffiata ad una voce cristallina da mezzo soprano femminile.»
  23. ^ Claudio Baglioni, su www.reginella.net. URL consultato il 15 marzo 2023.
  24. ^ Sito ufficiale di Claudio Baglioni, su www.baglioni.it. URL consultato il 15 marzo 2023.
  25. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio010.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  26. ^ Hit Parade Italia - Super Classifica AllTime: 1-100, su www.hitparadeitalia.it. URL consultato il 25 marzo 2024.
  27. ^ Le canzoni più vendute da sempre, su MyNight. URL consultato il 25 marzo 2024.
  28. ^ Questo piccolo grande amore, su www.canzoneitaliana.it. URL consultato il 15 marzo 2023.
  29. ^ a b Biografia di Claudio Baglioni, su L'incredibile storia, 25 febbraio 2023. URL consultato il 25 marzo 2024.
  30. ^ AMORE BELLO, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 15 marzo 2023.
  31. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio012.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  32. ^ a b Claudio Baglioni con Michelangelo Romano (a cura di), Il romanzo di un cantante, Lato Side, Roma, 1978.
  33. ^ Claudio Baglioni - Sábado Por La Tarde. URL consultato il 15 marzo 2023.
  34. ^ Solo è un disco fondamentale per la carriera di Baglioni. Uscito dopo la pausa di riflessione che seguì Sabato Pomeriggio, è il primo album in cui tutte le musiche sono firmate da Baglioni stesso, che si occupò anche della produzione. È un concept sulla solitudine, su rollingstone.it.
  35. ^ Alla fine del 1978 esce E tu come stai. Nonostante a marzo del 1979 l’album venga ritirato dal commercio per un contenzioso poi risolto con la casa discografica, è il 33º più venduto., su lastampa.it.
  36. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio016.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  37. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio017.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  38. ^ 1984 Esegue un concerto completamente acustico e per la prima volta da solo all'Arena di Verona., su baglioni.it.
  39. ^ Sanremo: Baglioni scalda l`Ariston, tutti in piedi, su www.baglioni.it. URL consultato il 15 marzo 2023.
  40. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio018.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  41. ^ I 30 anni di "ciao", su Rockit.it. URL consultato il 15 marzo 2023.
  42. ^ Claudio Baglioni, Ritratto di un giovane qualsiasi. 1974 -, su Rai Teche, 14 maggio 2021. URL consultato il 15 marzo 2023.
  43. ^ “La vita è adesso”, da trent’anni. Il disco di Baglioni che fece l’impresa, su La Stampa, 10 giugno 2015. URL consultato il 15 marzo 2023.
  44. ^ Roberto Santini ha detto, Concept e concetti: l’album per Baglioni tra ieri e oggi, su doremifasol.org, 15 novembre 2018. URL consultato il 15 febbraio 2024.
  45. ^ Biografia di Claudio Baglioni, su L'incredibile storia, 25 febbraio 2023. URL consultato il 16 marzo 2024.
  46. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio019.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  47. ^ Claudio Baglioni, Man Machine, su www.vice.com. URL consultato il 15 marzo 2023.
  48. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio020.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  49. ^ È invece in maggio che iniziano a trapelare alcune notizie ufficiose circa la preparazione fattiva del futuro lavoro: sembra che l'artista stia registrando negli studi Real World di Peter Gabriel, a Londra; nell'estate seguente, un numero di Topolino dedica alcune pagine al cantautore, svelando il presunto titolo dell'ellepì che, si dice, dovrebbe chiamarsi A presto. L'attesa inizia a essere febbrile ma non è corroborata da alcun seguito concreto., su reginella.net.
  50. ^ Solo in settembre Baglioni ricompare improvvisamente in pubblico, ma non lo fa per annunciare l'uscita di alcun disco, piuttosto per confermare la sua partecipazione a un concerto: lo Human Rights Now Tour. Evento, questo, di chiara matrice umanitaria e ispirato dall'impegno di Peter Gabriel e Sting nonché realizzato in collaborazione con Amnesty International per celebrare il quarantennale della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Si tratta di una serie di concerti da effettuarsi in giro per il mondo atti a sensibilizzare sul problema della violenza. Per la tappa italiana, da tenersi a Torino l'otto settembre, l'Italia viene rappresentata proprio da Baglioni. È probabile che la scelta ricada sul cantautore romano, oltre che per il suo seguito e la sua indubbia professionalità, anche per la sua recente amicizia con Peter Gabriel. Tuttavia, quello che conviene allo stadio comunale non è certamente solo il pubblico di Claudio e nella mezzora che egli ha a disposizione per la sua esibizione personale ha senz'altro modo di accorgersene: da una frangia piuttosto isolata ma decisamente rumorosa salgono urla di scherno e contestazione verso il cantautore, presto addirittura seguite anche da un becero lancio di oggetti. Ad ogni modo la sua performance viene portata a termine e seppur in un clima parzialmente ostile, egli cerca, pungolato nell'orgoglio, di rendere ancora migliore il suo spettacolo. Di questa serata resterà l'incisione di 5 CD compresi in un cofanetto, dal titolo Amnesty International Human Rights Now, nel quale sono comprese anche tre canzoni cantate dal nostro; ma soprattutto resterà, in Baglioni, un ricordo indelebile di una contestazione massiccia fino ad allora mai conosciuta: questo fatto sarà determinante per l'acuirsi di una crisi anche professionale che va ad aggiungersi innegabilmente a un'altra, sentimentale e umana, ormai in atto; il cantautore vive un momento delicatissimo che lo segna in maniera profonda e che sarà compiutamente espresso in quello straordinario "zibaldone di canzoni" che è innegabilmente, secondo noi, il suo maggior capolavoro discografico., su reginella.net.
  51. ^ Un mondo più uomo sotto un cielo mago - Claudio Baglioni, brochure 1989 in 2024, su Pinterest. URL consultato il 6 giugno 2024.
  52. ^ Brochure Un mondo più uomo sotto un cielo mago -1989 | Sfondi carini, Cielo, Brochure, su Pinterest. URL consultato il 15 marzo 2023.
  53. ^ Novella 2000, Baglioni 1989 (JPG), su i.ebayimg.com.
  54. ^ Lorella Cuccarini Fan Page: Novella 2000 17, su www.lorellacuccarini.net. URL consultato il 15 marzo 2023.
  55. ^ Fu proprio questo straordinario e insolito “guscio” (la definizione è di Baglioni) ad ispirare l’idea guida dell’intero concept., su unsolomondonoi.wordpress.com.
  56. ^ a b Biografia Claudio Baglioni, su Claudio Baglioni, 29 novembre 2023. URL consultato il 15 febbraio 2024.
  57. ^ Il filo rosso che lega in filigrana tutto il percorso creativo è la vicenda di “Cucaio”, una sorta di alter ego “fantastico” dell’autore, il cui nome non è altro che il modo nel quale Baglioni bambino storpiava il proprio, su unsolomondonoi.wordpress.com.
  58. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio022.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  59. ^ Rassegna stampa - "Corriere della Sera", "Il Tempo" | Oltre, su baglioni.paroledimusica.com. URL consultato il 15 marzo 2023.
  60. ^ Rassegna stampa - "Avvenire", "Il Mattino" | Oltre, su baglioni.paroledimusica.com. URL consultato il 15 marzo 2023.
  61. ^ Rassegna stampa - "Il Giornale", "La Gazzetta del Mezzogiorno" | Oltre, su baglioni.paroledimusica.com. URL consultato il 15 marzo 2023.
  62. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio022.asp. URL consultato il 9 marzo 2024.
  63. ^ Claudio Baglioni - “Quando la banda passò”, Concerto a sorpresa 1991. URL consultato il 9 marzo 2024.
  64. ^ Nuova pagina 1, su web.tiscali.it. URL consultato il 9 marzo 2024.
  65. ^ Baglioni esegue un doppio concerto allo Stadio Flaminio di Roma; la prima data è trasmessa in diretta tv conseguendo un record di ascolto. Il concerto viene eletto "Miglior concerto dell'anno nel mondo" dalla rivista inglese Billboard grazie all'innovativa concezione del palco, posizionato al centro dello stadio e aperto in ogni direzione., su radioitalia.it.
  66. ^ Reginella ML, su www.reginella.net. URL consultato il 15 marzo 2023.
  67. ^ Claudio Baglioni - Assieme Oltre Il Concerto. URL consultato il 15 marzo 2023.
  68. ^ Claudio Baglioni, dal padre maresciallo alla madre sarta: il primo matrimonio con Paola Massari, su corrieredellumbria.corr.it. URL consultato il 15 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2021).
  69. ^ Il 31 agosto 1994, allo Stadio del nuoto, nella piscina del Foro Italico, vengono dunque inaugurati i campionati del mondo. La serata, intitolata Stelle d'acqua, è trasmessa in diretta TV dalla Rai e presentata da Antonella Clerici e Giorgio Martino., su reginella.net.
  70. ^ Rossella Barattolo intervistata dal Times of Malta, su it.fan.musica.baglioni.narkive.com. URL consultato il 6 giugno 2024.
  71. ^ Roberto Santini ha detto, Concept e concetti: l’album per Baglioni tra ieri e oggi, su doremifasol.org, 15 novembre 2018. URL consultato il 20 marzo 2024.
  72. ^ godfather, Io sono qui – 1995, su Claudio Baglioni Shop. URL consultato il 20 marzo 2024.
  73. ^ BAGLIONI: SU CANALE CINQUE IL 'CORTO' DI 'IO SONO QUI', su www1.adnkronos.com. URL consultato il 15 marzo 2023.
  74. ^ a b www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio024.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  75. ^ (EN) Claudio Baglioni - Baglioni Nel Rosso. URL consultato il 15 marzo 2023.
  76. ^ Claudio Baglioni - Attori E Spettatori. URL consultato il 15 marzo 2023.
  77. ^ Articolo Baglioni in Vaticano nel 1996 (JPG), su saltasullavita.com.
  78. ^ Claudio Baglioni: eleganza e carisma sul palco, su Style. URL consultato il 28 marzo 2024.
  79. ^ Claudio Baglioni - Il nostro concerto 2 - 1997. URL consultato il 2 aprile 2024.
  80. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio025.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  81. ^ MondoRossoBlù.it, MondoRossoBlù.it | LE VOCI DI MRB.IT - Claudio Baglioni scrive nel '98 un inno alla nazionale italiana per il Centenario della FIGC, su www.mondorossoblu.it. URL consultato il 17 febbraio 2024.
  82. ^ Claudio Baglioni: eleganza e carisma sul palco, su Style. URL consultato il 17 febbraio 2024.
  83. ^ Moremassi, 63 candeline per lo stadio Olimpico, su VignaClaraBlog.it, 17 maggio 2016. URL consultato il 15 marzo 2023.
  84. ^ Tutto Baglioni in concerto, su Corriere della Sera, 21 maggio 2015. URL consultato il 15 marzo 2023.
  85. ^ A-Live 1998, su discogs.com.
  86. ^ a b Viaggiatore sulla coda del tempo, su Claudio Baglioni - Un Solo Mondo Noi -, 3 agosto 2011. URL consultato il 10 marzo 2024.
  87. ^ Tutti gli album di Claudio Baglioni, in ordine dal più brutto al più bello | Rolling Stone Italia, su rollingstone.it, 9 febbraio 2019. URL consultato il 10 marzo 2024.
  88. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio027.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  89. ^ Viaggiatore sulla coda del tempo, pubblicato nel 1999, è un album di Claudio Baglioni. Il disco ha venduto più di 600.000 copie in un mese., su doremifasol.org.
  90. ^ Tutti gli album di Claudio Baglioni, in ordine dal più brutto al più bello | Rolling Stone Italia, su rollingstone.it, 9 febbraio 2019. URL consultato il 15 marzo 2023.
  91. ^ Claudio Baglioni, su www.reginella.net. URL consultato il 7 marzo 2024.
  92. ^ 1999 - chi c’è in ascolto | 1999 - chi c’è in ascolto | By Claudio BaglioniFacebook. URL consultato il 7 marzo 2024.
  93. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio028.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  94. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio029.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  95. ^ Reginella ML - Rassegna stampa, su www.reginella.net. URL consultato il 19 marzo 2024.
  96. ^ Il tour acustico del cantautore arriva in Sicilia stasera a Taormina, poi Agrigento, Palermo e Selinunte - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it, 23 agosto 2000. URL consultato il 19 marzo 2024.
  97. ^ Claudio Baglioni, su www.reginella.net. URL consultato il 7 marzo 2024.
  98. ^ Noi Qui - Lampedusa, su www.baglioni.it. URL consultato il 7 marzo 2024.
  99. ^ godfather, Buon viaggio della vita – 2007, su Claudio Baglioni Shop. URL consultato il 19 marzo 2024.
  100. ^ REPLICA SU SKYUNO DEL CONCERTO AL ROYAL ALBERT HALL!, su www.baglioni.it. URL consultato il 7 marzo 2024.
  101. ^ Concerti. Claudio Baglioni ai Fori Imperiali per il Capodanno 2011, su Music Fanpage, 7 dicembre 2010. URL consultato il 7 marzo 2024.
  102. ^ Capodanno 2010-2011 Claudio Baglioni Quante volte. URL consultato il 7 marzo 2024.
  103. ^ www.reginella.net, http://www.reginella.net/biografia/bio001.asp. URL consultato il 15 marzo 2023.
  104. ^ Francesco Chignola, Baglioni sarà il re di Sanremo: ecco perché ha detto sì al Festival, su TV Sorrisi e Canzoni, 5 ottobre 2017. URL consultato il 15 marzo 2023.
  105. ^ Seila Monti ha detto, Claudio Baglioni – Dodici Note Solo Bis, su doremifasol.org. URL consultato il 15 marzo 2023.
  106. ^ I legnetti di Cremino esistono ancora: intervista a Claudio Baglioni su TUTTI SU! Buon compleanno Claudio, su ComingSoon.it. URL consultato il 6 maggio 2023.
  107. ^ Cecilia Uzzo, "Tutti su! Buon compleanno Claudio": i concerti di Baglioni arrivano al cinema, su TV Sorrisi e Canzoni, 4 maggio 2023. URL consultato il 6 maggio 2023.
  108. ^ tunnel studios milano, aTUTTOCUORE | Claudio Baglioni | Tour, su Friends & Partners. URL consultato il 6 maggio 2023.
  109. ^ Claudio Baglioni – a TUTTOCUORE, su doremifasol.org. URL consultato il 6 maggio 2023.
  110. ^ Rockol com s.r.l, √ Claudio Baglioni torna in tv: arriva su Rai1 "A tutto cuore", su Rockol. URL consultato il 6 febbraio 2024.
  111. ^ Ufficiale Claudio Baglioni su RAI 1 il 14 febbraio, su doremifasol.org. URL consultato il 6 febbraio 2024.
  112. ^ Filmato audio 2 giugno, Claudio Baglioni canta l'inno di Mameli ai Fori Imperiali, Rai News, 2 giugno 2024.
  113. ^ https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/approfondimenti/claudio-baglioni/amp
  114. ^ a b c http://www.saltasullavita.com/La-Lingua-delle-Canzoni-di-Claudio-Baglioni-1980-1990-Doremifasol.pdf
  115. ^ a b c d e https://www.doremifasol.org/news/2018/11/14/concept-e-concetti-lalbum-per-baglioni-tra-ieri-e-oggi/
  116. ^ a b https://www.rollingstone.it/musica/classifiche-liste-musica/tutti-gli-album-di-claudio-baglioni-in-ordine-dal-piu-brutto-al-piu-bello/445064/amp/
  117. ^ https://unsolomondonoi.wordpress.com/e-tu-come-stai/
  118. ^ https://www.discogs.com/it/release/3119336-Claudio-Baglioni-E-Tu-Come-Stai/image/SW1hZ2U6OTgxOTQ2Mg==
  119. ^ https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/approfondimenti/claudio-baglioni-la-vita-e-adesso/amp
  120. ^ https://youtube/eRWqivB0sjk?si=X_aaFUW0DiAEhDQu
  121. ^ https://www.discogs.com/it/artist/638411-Claudio-Baglioni/image/SW1hZ2U6NTAxMDM4NjM=
  122. ^ http://www.reginella.net/news/news99.htm
  123. ^ https://www.discogs.com/it/artist/638411-Claudio-Baglioni/image/SW1hZ2U6NTI4NzcwNDM=
  124. ^ di Andrea Coclite, Tutti gli album di Claudio Baglioni, in ordine dal più brutto al più bello | Rolling Stone Italia, su Rolling Stone Italia |, 9 febbraio 2019. URL consultato il 5 marzo 2023.
  125. ^ Sito ufficiale di Claudio Baglioni, su www.baglioni.it. URL consultato il 5 marzo 2023.
  126. ^ Copia archiviata (PDF), su avrai.it. URL consultato il 17 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2012).
  127. ^ 5 curiosità su...Claudio Baglioni. Le cose che non sai, su stefanofisico.it, 16 maggio 2021. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  128. ^ Sara Faillaci, La paura e la voglia, in Vanity Fair, n. 48, 2 dicembre 2009.
  129. ^ Claudio Baglioni - Sábado Por La Tarde (Lo Mejor De Claudio Baglioni En Español). URL consultato il 7 gennaio 2023.
  130. ^ Claudio Baglioni - Solo (En Español). URL consultato il 7 gennaio 2023.
  131. ^ Claudio Baglioni - Un Pequeño Gran Amor. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  132. ^ Claudio Baglioni - Un Poco Mas (Canta En Español E Italiano). URL consultato il 7 gennaio 2023.
  133. ^ Claudio Baglioni - Y Tu Como Estas?. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  134. ^ Claudio Baglioni - Un Peu De Toi. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  135. ^ Claudio Baglioni - Alé-Oó. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  136. ^ Claudio Baglioni - Claudio Baglioni. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  137. ^ Claudio Baglioni - Grandes Exitos. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  138. ^ Claudio Baglioni - Oltre. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  139. ^ Claudio Baglioni - En Espanol - Siempre Aquì. URL consultato il 7 gennaio 2023.
  140. ^ Baglioni riceve premio canzone del secolo a Sanremo '85, su facebook.com.
  141. ^ Filmato audio Claudio Baglioni Vota la voce 1985, su YouTube. Baglioni riceve premio artista dell'anno 1985.
  142. ^ Addio ad Alberto Bevilacqua, su doremifasol.org.
    «era uno dei «Magnifici 7» dell’anno accanto a Mike Bongiorno, Claudio Baglioni e Sandro Pertini»
  143. ^ Claudio Baglioni - Avrai (Ugola doro Santarosa) - 1987. URL consultato il 30 luglio 2021.
  144. ^ instagram.com, https://www.instagram.com/p/CErxHXjijWe/.
  145. ^ Claudio Baglioni Telegatto 1991, su facebook.com.
  146. ^ Claudio Baglioni, su radioitalia.it.
    «Il concerto del 1991 “Oltre una bellissima notte” viene eletto Miglior concerto dell'anno nel mondo dalla rivista inglese Billboard grazie all'innovativa concezione del palco»
  147. ^ Claudio Baglioni, vota la voce 2000, su facebook.com.
  148. ^ Claudio Baglioni, su radioitalia.it.
    «Nel 2001 si aggiudica il premio "Internet Winner" per il maggior numero di contatti al suo sito web nell'ultimo anno (oltre 17 milioni), anche grazie al lancio di un'operazione che non ha precedenti in Italia: la vendita on-line di brani in formato MP3 registrati dal suo tour teatrale "InCanto" tra pianoforte e voce.»
  149. ^ Luogo di origine della famiglia. Claudio Baglioni riceve la cittadinanza onoraria di Ficulle, su ansa.it, 28 ottobre 2022.
  150. ^ Valentina Clemente, SIAE Music Awards, la prima edizione celebra Vasco, Baglioni e Måneskin, su tg24.sky.it, 26 novembre 2023.
  151. ^ Assolo non solo - ristampa, su ebay.it.
  152. ^ Spartito Raccolta Baglioni 1978-1985, su picclick.it.
  153. ^ Claudio Baglioni. 1986-1998 Raccolta, su picclick.it.
  154. ^ Massimiliano Beneggi, “Ma il cielo è sempre più blu”: e Baglioni “fa pace” con Gaetano. Ecco la nuova versione Italian All Stars, su teatroemusicanews.com, 8 maggio 2020. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  155. ^ Copione del film Vacanze di Natale (1983) pagina 11 di 34 (PDF), su mikicino.it.
  156. ^ Canzoni contro la guerra: Lorenzo Cherubini (Jovanotti) - Barabba, su antiwarsongs.org. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  157. ^ Baglioni Sig. Claudio, su quirinale.it. URL consultato il 4 novembre 2014.
  158. ^ Motivazione della Cittadinanza onoraria (PDF), su fondazioneosciaonlus.org. URL consultato l'11 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2018).
  159. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  160. ^ Baglioni nominato Cavaliere di Gran Croce da Mattarella, su ansa.it. URL consultato il 21 marzo 2024.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN24797027 · ISNI (EN0000 0001 1469 358X · SBN RAVV027415 · Europeana agent/base/82768 · LCCN (ENn79053279 · GND (DE120235498 · BNE (ESXX843005 (data) · BNF (FRcb139913978 (data) · NSK (HR000064970 · CONOR.SI (SL159909219