Festival di Sanremo 1970

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival di Sanremo 1970
Edizione XX
Periodo 26 - 28 febbraio
Sede Salone delle Feste del Casinò Municipale di Sanremo
Presentatore Nuccio Costa con Enrico Maria Salerno ed Ira Fürstenberg
Trasmesso da TV
Radio
Partecipanti 52 (26 canzoni)
Vincitore Adriano Celentano - Claudia Mori
Premio della critica no
Cronologia
1969 1971
Patty Pravo al Festival di Sanremo col premio speciale dei giornalisti per la migliore interpretazione il 26 febbraio 1970.

Il ventesimo festival della canzone italiana si tenne a Sanremo dal 26 al 28 febbraio 1970.

Fu condotto da Nuccio Costa, alla sua seconda conduzione consecutiva, affiancato stavolta da due attori: Enrico Maria Salerno ed Ira Fürstenberg.

La gestione dell'evento passò dalla società ATA al comune di Sanremo, che ne affidò l'organizzazione alla coppia Gianni Ravera e Ezio Radaelli.

Vincitrice dell'edizione fu la canzone Chi non lavora non fa l'amore cantata da Adriano Celentano e Claudia Mori

Il maggiore successo di vendite spettò proprio alla coppia Celentano-Mori con il brano vincitore ed alla coppia Nicola Di Bari-Ricchi e Poveri, arrivati secondi con la canzone La prima cosa bella.

Grande successo anche per il brano terzo classificato L'arca di Noè eseguito da Sergio Endrigo (autore del testo) ed Iva Zanicchi e per il quinto classificato La spada nel cuore, cantato da Little Tony e Patty Pravo.

Al 7º posto si piazzano due sedicenni simpatici a tutti, Nada (che aveva esordito a Sanremo l'anno precedente) e Rosalino (Ron) all'esordio discografico.

Ma probabilmente il disco più venduto in assoluto fu la riedizione di Tanto pe' cantà, vecchio cavallo di battaglia di Ettore Petrolini, cantato fuori concorso da Nino Manfredi.[1]

Classifica, canzoni e cantanti[2][modifica | modifica wikitesto]

  1. Chi non lavora non fa l'amore (testo di Luciano Beretta e Miki Del Prete; musica di Adriano Celentano e Nando De Luca) Adriano Celentano - Claudia Mori=344 voti
  2. La prima cosa bella (testo di Mogol; musica di Nicola Di Bari) Nicola Di Bari - Ricchi e Poveri=309 voti
  3. L'arca di Noè (testo di Sergio Endrigo; musica di Sergio Endrigo e Luis Entriquez Bacalov) Sergio Endrigo - Iva Zanicchi=296 voti
  4. Eternità (testo di Giancarlo Bigazzi; musica di Claudio Cavallaro) Ornella Vanoni - Camaleonti=235 voti
  5. La spada nel cuore (testo di Mogol; musica di Carlo Donida) Patty Pravo - Little Tony=133 voti
  6. Romantico blues (testo di Lorenzo Pilat; musica di Mario Panzeri e Daniele Pace) Gigliola Cinquetti - Bobby Solo=96 voti
  7. Pa' diglielo a ma' (testo di Franco Migliacci e Roberto Gigli; musica di Jimmy Fontana, Mario Cantini e Lilli Greco) Rosalino Cellamare - Nada=70 voti
  8. Taxi (testo di Gianni Argenio e Flavia Arrigoni; musica di Daniele Pace, Mario Panzeri e Corrado Conti) Antoine - Anna Identici=62 voti
  9. Tipitipitì (testo di Lorenzo Pilat; musica di Mario Panzeri e Daniele Pace) Orietta Berti - Mario Tessuto=52 voti
  10. Sole pioggia e vento (testo di Mogol; musica di Elio Isola) Luciano Tajoli - Mal=44 voti
  11. L'amore è una colomba (testo di Giancarlo Bigazzi; musica di Totò Savio) Gianni Nazzaro - Marisa Sannia=41 voti
  12. Hippy (testo di Luciano Beretta; musica di Fausto Leali) Fausto Leali - Carmen Villani=37 voti
  13. Canzone blu (testo di Mogol e Alberto Testa; musica di Tony Renis) Tony Renis - Sergio Leonardi=28 voti
  14. Re di cuori (testo di Giancarlo Bigazzi; musica di Claudio Cavallaro e Totò Savio) Nino Ferrer - Caterina Caselli=24 voti

Non finaliste[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Due interpretazioni per brano, 14 brani qualificati per la serata finale.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra diretta dai maestri: Renato Angiolini, Alberto Baldan Bembo, Willy Brezza, Mario Capuano, Carmelo Carucci, Franco Cassano, Giancarlo Chiaramello, Pino Massara, Ruggero Cini, Maurizio De Angelis, Nando De Luca, Tony De Vita, Pierre Dutour, Luis Bacalov, Claudio Fabi, Gianfranco Intra, Ezio Leoni, Gianni Marchetti, Detto Mariano, Augusto Martelli, Natale Massara, Marcello Minerbi, Gianfranco Monaldi, Roberto Negri, Piero Pintucci, Gian Franco Reverberi, Paolo Rosi, Vince Tempera, Vito Tommaso, Renato Serio.

Piazzamenti in classifica dei singoli[3][modifica | modifica wikitesto]

Artista Singolo Pos.Massima Pos.Annuale
Nicola Di Bari e i Ricchi e Poveri[4] La prima cosa bella 1 4
Adriano Celentano[5] Chi non lavora non fa l'amore 1 23
Camaleonti e Ornella Vanoni Eternità 2 15
Sergio Endrigo e Iva Zanicchi L'arca di noè 3 22
Little Tony e Patty Pravo[6] La spada nel cuore 6 37
Antoine Taxi 7 40
Orietta Berti Tipitipitipi 8 44
Dik Dik Io mi fermo qui 9 46
Mal Sole pioggia e vento 9 61
Nada Pa' diglielo a ma' 10 66
Gigliola Cinquetti Romantico blues 12 71
Tony Renis Canzone blu 25 -
Supergruppo Accidenti 26 -
Caterina Caselli Re di cuori 27 -
Rosanna Fratello Ciao anni verdi 28 -

Organizzazione e direzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Gianni Ravera e Ezio Radaelli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ di Paolo Ruggieri, Canzoni Italiane, Fabbri, 1994, Vol.4, pag.93-94
  2. ^ Eddy Anselmi. «Festival di Sanremo, Almanacco Illustrato della Canzone Italiana» pag. 208
  3. ^ Hit Parade Italia - Indice per Anno: 1970
  4. ^ La prima cosa bella
  5. ^ Chi non lavora non fa l'amore
  6. ^ La spada nel cuore
Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo