Natale Massara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Natale Massara
Binder1 Pagina 154.jpg
Natale Massara
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Rock and roll
Colonna sonora
Periodo di attività musicale1961 – 1972
Strumentosassofono
EtichettaClan, Pegaso
Album pubblicati2

Natale Massara, talvolta accreditato come Natale Befanino[1] (Oleggio, 23 dicembre 1942), è un compositore, direttore d'orchestra, arrangiatore, produttore, sassofonista e clarinettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si diploma in clarinetto al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

Ha esordito nel mondo della musica leggera come sassofonista nel gruppo musicale de i Ribelli, entrando poi con il gruppo nello staff della casa discografica Clan di Adriano Celentano.

È conosciuto per la sua attività di compositore di colonne sonore; ha diretto l'orchestra al Festival di Sanremo 1969[2], al Festival di Sanremo 1970[3], al Festival di Sanremo 1971[4], al Festival di Sanremo 1973[5], al Festival di Sanremo 1974[6] e al Festival di Sanremo 1977[7], accompagnando vari cantanti.

Ha collaborato con numerosi artisti fra cui Lucio Battisti, Equipe 84, Adriano Celentano, Mia Martini, Milva, Donatella Rettore, Milena Cantù, Mina.

Tra le sue canzoni più note: Comunque, scritta per Gino Santercole, Nevicate per Mia Martini, Come mio padre per Paula e La volpe per Ico Cerutti.

Partecipazioni a festival[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo
Eurovision Song Contest

Discografia con i Ribelli[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Discografia da solista[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Singolo di Milena Cantù: Danny Boy / Eh!, già... (lasciami entrare), Clan ACC 24008; Milena Cantù esegue il brano sul lato B, mentre il lato A è cantato da Natale Massara accreditato come Natale Befanino.
  2. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 200
  3. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 209
  4. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 221
  5. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 244
  6. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 252
  7. ^ Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, pag. 277

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Massara, Natale di Enzo Giannelli, pag. 703
  • Umberto Bultrighini - Claudio Scarpa - Gene Guglielmi : Intervista approfondita di 10 pagine a Gianni Dall'Aglio effettuata da Claudio Scarpa e inserita nel libro “Al di qua, al di là del Beat” edito e pubblicato da Carabba Editore a luglio 2011
  • Claudio Pescetelli - Una generazione piena di complessi - Editrice Zona, Arezzo, 2006; alla voce Ribelli, I
  • Ursus (Salvo D'Urso) - Manifesto beat - Juke Box all'Idrogeno, Torino, 1990; alla voce I Ribelli
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della Canzone Italiana, 2009, ed. Panini, Modena, alla voce I Ribelli

pag. 870

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 5514 6649