Festival di Sanremo 1964

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festival di Sanremo 1964
Sanremo 1964 Gigliola Cinquetti Patricia Carli.jpg
Gigliola Cinquetti e Patricia Carli mostrano il premio dopo la vittoria
EdizioneXIV
Periodo30 gennaio — 1º febbraio
SedeCasinò di Sanremo
PresentatoreMike Bongiorno e Giuliana Lojodice
Trasmissione TVProgramma Nazionale
Eurovisione
Trasmissione radioSecondo Programma
Partecipanti40
Brani in gara24
VincitoreGigliola Cinquetti e Patricia Carli
Cronologia
Festival di Sanremo 1963Festival di Sanremo 1965

Il 14º Festival della canzone italiana si svolse al Salone delle feste del Casinò di Sanremo dal 30 gennaio al 1º febbraio 1964 e fu condotto per il secondo anno consecutivo da Mike Bongiorno, affiancato da Giuliana Lojodice. In diretta dalle 22,30 le prime due serate alla Radio e alle 21,30 la serata finale in contemporanea Radio e Tv. In questa occasione, per la prima e unica volta, la manifestazione assunse ufficialmente la denominazione di "Festival internazionale della canzone italiana".[1]

Tale edizione, la prima in cui i concorrenti italiani si esibirono in coppia con un interprete straniero, è rimasta nella storia per varie ragioni: in primis per aver visto la vittoria di una sedicenne Gigliola Cinquetti che, in coppia con la cantante italo-belga Patricia Carli, presentò la canzone Non ho l'età, e a seguire l'esclusione dalla finale di Bobby Solo (che, per l'occasione, si presentava in coppia con lo statunitense Frankie Laine) a causa di un'improvvisa raucedine che gli impedì di esibirsi dal vivo; gli fu concesso di presentare fuori concorso la sua canzone, Una lacrima sul viso in playback nell'ultima serata[2] e, a seguito di quell'esclusione, fu coniata per lui l'espressione di «vincitore morale»[3], poi utilizzata per altri cantanti e anche in altri contesti. La Cinquetti era stata ammessa di diritto in quanto vincitrice del concorso "Voci Nuove" di Castrocaro, e fu questa l'unica occasione in cui un artista vinse entrambe le manifestazioni nello stesso anno.[1] L'annuncio della vittoria della Cinquetti provocò una furiosa reazione da parte di Domenico Modugno, che la definì "una buffonata, una pazzesca buffonata" e abbandonò la sala stampa in segno di protesta rifiutandosi di concedere autografi: ma due anni dopo sarebbe stato lui a vincere, e proprio in coppia con la Cinquetti.[4] Fu inoltre la prima volta in cui ogni cantante in gara poté scegliere il proprio direttore d'orchestra, spezzando così il "monopolio", poi divenuto "duopolio", che aveva sempre caratterizzato le edizioni precedenti.[1]

Si trattò di un'edizione molto fruttuosa dal punto di vista commerciale, perché sulla scia della manifestazione le canzoni in gara vendettero complessivamente sei milioni di copie, di cui un quarto solo grazie al brano di Bobby Solo[3]; Gigliola Cinquetti, grazie alla vittoria sanremese, fu inviata dalla Rai all'Eurofestival 1964 a Copenaghen (Danimarca) e lo vinse prepotentemente, quasi doppiando il secondo arrivato, il britannico Matt Monro, e dando all'Italia la sua prima vittoria nella manifestazione continentale, e la prima vittoria ad una canzone vincitrice del Festival di Sanremo, cosa che si sarebbe poi ripetuta dopo 57 anni, nel 2021.[1]

Le canzoni tornarono ad essere 24, di cui solo 12 finaliste e anche l'esecutore cambiò a ogni canzone, scelto dall'autore e dalla casa discografica. Fu inoltre deciso di proclamare una sola canzone vincitrice, dichiarando tutte le altre seconde a pari merito. La giuria in sala fu rimpiazzata da 20 giurie regionali costituite ciascuna da 15 persone, metà delle quali superiori ai 25 anni di età e l'altra metà inferiore.

La finale fu integralmente riproposta 33 anni più tardi da Rai 1 che la ritrasmise il 19 febbraio 1997 e la replicò integralmente dopo altri quindici anni, il 21 marzo 2012, in fascia notturna.

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Gigliola Cinquetti al Festival mentre canta Non ho l'età (per amarti)
Gigliola Cinquetti al Festival
Interprete Ultime partecipazioni al Festival
Antonio Prieto Esordiente
Aurelio Fierro 1963
Ben E. King Esordiente
Bobby Rydell Esordiente
Bobby Solo Esordiente
Bruno Filippini Esordiente
Claudio Villa 1963
Cocky Mazzetti 1963
Domenico Modugno 1962
Emilio Pericoli 1963
Fabrizio Ferretti Esordiente
Fausto Cigliano 1962
Frankie Avalon Esordiente
Frankie Laine Esordiente
Frida Boccara Esordiente
Gene Pitney Esordiente
Gigliola Cinquetti Esordiente
Gil Fields e The Fraternity Brothers Esordienti
Gino Paoli 1961
Giorgio Gaber 1961
Laura Villa Esordiente
Lilly Bonato Esordiente
Little Tony 1961
Los Hermanos Rigual Esordienti
Marina Moran Esordiente
Milva 1963
Nicola Arigliano Esordiente
Nino Tempo e April Stevens Esordienti
Patricia Carli Esordiente
Paul Anka Esordiente
Peggy March Esordiente
Peter Kraus Esordiente
Piero Focaccia Esordiente
Pino Donaggio 1963
Remo Germani Esordiente
Richard Moser jr. Esordiente
Robertino Esordiente
Roby Ferrante Esordiente
Tony Dallara 1961
Tony Renis 1963

Classifica, canzoni e cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Interprete Canzone Autori Voti ricevuti
Gigliola Cinquetti - Patricia Carli Non ho l'età (Per amarti) M. Panzeri, Nisa, G. Colonnello
2º (pari merito) Domenico Modugno - Frankie Laine Che me ne importa a me D. Modugno
Tony Dallara - Ben E. King Come potrei dimenticarti V. Pallavicini e E. Leoni
Gino Paoli - Antonio Prieto Ieri ho incontrato mia madre G. Paoli
Fabrizio Ferretti - Gil Fields e The Fraternity Brothers La prima che incontro V. Pallavicini e G. Kramer
Pino Donaggio - Frankie Avalon Motivo d'amore P. Donaggio
Roby Ferrante - Paul Anka Ogni Volta C. Rossi e R. Ferrante
Little Tony - Gene Pitney Quando vedrai la mia ragazza C. Rossi e E. Ciacci
Bruno Filippini - Gil Fields e The Fraternity Brothers Sabato sera B. Pallesi e W. Malgoni
Remo Germani - Nino Tempo e April Stevens Stasera no no no V. Pallavicini e E. Roncarati
Robertino - Bobby Rydell Un bacio piccolissimo G. Ornati e G. Mescoli
Bobby Solo - Frankie Laine Una lacrima sul viso Mogol e B. Solo
NF Giorgio Gaber - Patricia Carli Così felice G. Gaber
Fausto Cigliano - Gene Pitney E se domani G. Calabrese e C. A. Rossi
Tony Renis - Frankie Avalon I sorrisi di sera Mogol, A. Testa e T. Renis
Piero Focaccia - Bobby Rydell L'inverno cosa fai? N. Salerno e G. Colonnello
Milva - Frida Boccara L'ultimo tram G. Calabrese e E. Sciorilli
Cocky Mazzetti - Los Hermanos Rigual Mezzanotte C. Rossi e A. Rotunno
Claudio Villa - Peggy March Passo su passo F. Migliacci e U. Bindi
Emilio Pericoli - Peter Kraus Piccolo piccolo A. Amurri e L. Luttazzi
Aurelio Fierro - Marina Moran Sole pizza e amore T. Giacobetti e A. V. Savona
Laura Villa - Los Hermanos Rigual Sole sole L. Zanin e A. Casadei
Lilly Bonato - Richard Moser jr. Tu piangi per niente V. Pallavicini e P. Soffici
Nicola Arigliano - Peter Kraus Venti chilometri al giorno Mogol e P. Massara

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra diretta dai maestri: Eduardo Alfieri, Raphael Bark, Pino Calvi, Franco Cassano, Enzo Ceragioli, Nello Ciangherotti, Gigi Cichellero, Luis Bacalov, Gianni Fallabrino, Gianfranco Intra, Gorni Kramer, Ezio Leoni, Enzo Leuzzi, Giulio Libano, Gianni Marchetti, Giordano Bruno Martelli, Gino Mescoli, Gianfranco Monaldi, Ennio Morricone, Iller Pattacini, Enrico Simonetti, Francesco Tomassini, Lorenz Wiffin.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

ATA

Direzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Gianni Ravera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Eddy Anselmi, Il Festival di Sanremo, Ed. DeAgostini, 2020.
  2. ^ Paolo Ruggieri, Canzoni Italiane, Fabbri, 1994, Vol. 4, pag. 71
  3. ^ a b Festival di Sanremo 1965, in TV Sorrisi e Canzoni, 26 gennaio 2015. URL consultato il 1º aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2017).
  4. ^ Donata Giachini e Giulio Orecchia, La leggenda di Sanremo - parte 1, inserto a puntate di Oggi, 1988

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Festival di Sanremo