Festival di Sanremo 1979

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festival di Sanremo 1979
Mino Vergnaghi Sanremo 1979.jpg
Mino Vergnaghi (sulla destra) proclamato vincitore da Mike Bongiorno e Anna Maria Rizzoli
EdizioneXXIX
Periodo11-13 gennaio
SedeTeatro Ariston
Direttore artisticoGianni Ravera
PresentatoreMike Bongiorno e Anna Maria Rizzoli
Trasmissione TVRete 1
Eurovisione
Trasmissione radioRadio 2
Partecipanti22
VincitoreMino Vergnaghi
SecondoEnzo Carella
TerzoI Camaleonti
Cronologia
Festival di Sanremo 1978Festival di Sanremo 1980

Il ventinovesimo Festival di Sanremo si svolse al Teatro Ariston di Sanremo dall'11 al 13 gennaio 1979 e fu condotto da Mike Bongiorno affiancato dall'attrice e modella Anna Maria Rizzoli.

La direzione musicale fu affidata, come nell'edizione precedente, a El Pasador, ma il comune di Sanremo e la Rai, insoddisfatti delle ultime gestioni di Vittorio Salvetti, decisero di esternalizzare l'organizzazione dell'evento, affidandola, per la prima volta, ad una società privata di produzione esterna: la Publispei di Gianni Ravera, che venne messo a capo della direzione artistica.

Lo spettacolo fu assicurato dalla presenza di alcuni big nazionali ed internazionali, mentre l'inaspettata vittoria (alla vigilia del Festival si davano infatti per favoriti i Camaleonti) di Mino Vergnaghi con la canzone Amare non ebbe molta risonanza, visto anche che la casa discografica Ri-Fi fallì poco dopo la vittoria del Festival e la pubblicazione del singolo e del suo primo album, dal titolo omonimo al cantante.

La Rai trasmise in televisione solo una sintesi registrata, di circa mezz'ora, delle sei canzoni finaliste per le prime due puntate; la prima appunto la serata dell'11 gennaio alle ore 22:45 e la seconda la sera successiva attorno alle ore 23:10. Durante la serata finale (sabato 13 gennaio) della kermesse canora, trasmessa alle ore 20:40 sul primo canale, gareggiarono le 12 canzoni finaliste. Tutti i brani, finalisti e non, furono trasmessi anche in diretta radiofonica su Radio Due.

Buoni i riscontri di vendite per i Camaleonti, Enzo Carella e Franco Fanigliulo[1], quest'ultimo creò scandalo in quanto il suo brano, A me mi piace vivere alla grande, conteneva alcune allusioni esplicite alla cocaina, tanto che fu costretto a sostituire il verso della sua canzone "foglie di cocaina" con "bagni di candeggina".[2]. La stessa censura non toccò invece la canzone Sarà un fiore del cabarettista milanese Enrico Beruschi, nonostante il testo contenesse vari doppi sensi a sfondo sessuale, né il brano dei Camaleonti, che pure conteneva la parola "cocaina".

Il cantante Mino Vergnaghi vincitore del Festival

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Interprete Ultime partecipazioni al Festival
Antoine 1971
Ayx Esordienti
I Camaleonti 1976
Ciro Sebastianelli 1978
Collage 1977
Enrico Beruschi Esordiente
Enzo Carella Esordiente
Franco Fanigliulo Esordiente
Gianni Mocchetti Esordiente
Gli Opera 1976
Grimm Esordienti
Il Était une Fois Esordienti
Kim & The Cadillacs Esordienti
Lorella Pescerelli Esordiente
Marinella Esordiente
Massimo Abbate Esordiente
Michele Vicino Esordiente
Mino Vergnaghi Esordiente
Nicoletta Bauce Esordiente
Pandemonium Esordienti
Roberta Esordiente
Umberto Napolitano 1977

Classifica, canzoni e cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Interprete Canzone Autori Voti ricevuti
Mino Vergnaghi Amare P. Finà e S. Ortone 1441 (701+740)
Enzo Carella Barbara E. Carella e P. Panella 1257 (702+555)
I Camaleonti Quell'attimo in più M. Lavezzi, O. Avogadro e D. Pace 1256 (619+637)
Collage La gente parla A. De Sanctis, S. Di Nardo e M. Marrocchi 1210 (653+567)
Enrico Beruschi Sarà un fiore D. Pace, C. Conti e M. Panzeri 1196 (647+549)
Franco Fanigliulo A me mi piace vivere alla grande O. Avogadro, R. Borghetti, F. Fanigliulo e D. Pace 1156 (620+536)
Lorella Pescerelli New York F. Migliacci e F. Paulin 1149 (590+559)
Kim & The Cadillacs C'era un'atmosfera A. Stellita e P. Cassano 1054 (570+484)
Umberto Napolitano Bimba mia U. Napolitano 1044 (494+550)
10º Pandemonium Tu fai schifo sempre A. Giordano, M. Paulicelli e G. Mauro 993 (490+505)
11º Antoine Nocciolino M. Piccoli 957 (449+508)
12º Grimm Liana L. Lazzarini 854 (448+406)
NF Marinella Autunno cadono le pagine gialle R. Ferri e G. Trombetti
Ayx Ayx Disco R. Galardini
Ciro Sebastianelli Ciao Barbarella C. Sebastianelli, D. Pace e O. Avogadro
Nicoletta Bauce Grande mago N. Bauce e R. Colombo
Gli Opera Il diario dei segreti C. Daiano e G. Adorno
Il Était une Fois Impazzirò P. Civello e Basilivan
Michele Vicino In due G. Belfiore e M. Vicino
Roberta Il sole, la pioggia D. Pace e C. Conti
Massimo Abbate Napule cagnarrà W. Montanelli
Gianni Mocchetti Talismano nero Manipoli e G. Mocchetti

Il regolamento e il mistero (risolto) delle "strane" immagini della giuria radiofonica[modifica | modifica wikitesto]

Con la speranza di un nuovo successo rispetto alle edizioni precedenti, il regolamento cambiò nuovamente, facendo aumentare i brani in concorso, saliti a 22 e introducendo di conseguenza nuovamente le serate eliminatorie.

Viene quindi stabilita un'interpretazione per brano. Nelle serate eliminatorie vennero presentati 11 brani, di cui 6 furono promossi in finale. Ogni giurato radiofonico dopo l'esecuzione dell'ultimo brano, era invitato a segnalare sei preferenze. Queste serate non vennero trasmesse in diretta televisiva, ma esclusivamente in diretta radiofonica, avvalendosi però di uno speciale televisivo, in seconda serata in modo che i 6 brani che accedevano alla serata finale venissero poi ritrasmessi alle ore 22:45 nella prima serata ed alle ore 23:10 nella seconda serata. Durante questa esecuzione dei brani acceduti alla serata finale, subentravano delle giurie televisive, che dovevano dare a ciascuno dei 6 brani un punteggio da 1 a 10. La classifica finale venne stilata sommando i voti raccolte nelle votazioni delle giurie televisive delle prime due serate con quelli ottenuti nella serata finale.

La prima sera si esibirono, nell'ordine esatto di uscita, Carella, Opera, Mocchetti, Ayx, Antoine, Vergnaghi, Grimm, Kim & Cadillacs, Ciro Sebastianelli, Roberta Voltolini, e Lorella Pescerelli. Nella seconda serata, invece, toccò agli Il Était une Fois, Umberto Napolitano, Pandemonium, Camaleonti, Fanigliulo, Michele Vicino, Massimo Abbate, Collage, Marinella, Beruschi e Nicoletta Bauce.

Al termine della prima e della seconda serata, la Rai trasmise un breve speciale di circa 30 minuti, in seconda serata, presentato da Mike Bongiorno, dove venivano eseguite in diretta le canzoni che avevano avuto accesso alla finale. La terza e ultima serata fu trasmessa in diretta tv, in prima serata. Di tutte e tre queste trasmissioni, dopo varie vicissitudini sono stati recuperati i video nell'archivio Rai. Relativo alle prime due serate radiofoniche esiste il girato: essendo inquadrato tutto tranne i cantanti (se non di spalle o in campo lunghissimo), si pensò ad un video di prova. In realtà, la bizzarria del regolamento voleva che la giuria radiofonica della prima e della seconda serata, non doveva essere influenzata dal video e quindi dal look e dall'aspetto dei cantanti. Per questo motivo, dai monitor in bassa frequenza delle varie sedi, venivano viste queste immagini apparentemente strane ma, tali perché finalizzate a basare il giudizio sul solo ascolto delle canzoni. Le riprese di questi due video riguardano unicamente la scenografia, i fiori, gli orchestrali anche quando non suonano, i coristi.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra diretta dai maestri: Gianni Dall'Aglio, Marcello Faneschi, Gianni Mazza, Jean Daniel Mercier, Alberto Nicorelli, Pinuccio Pirazzoli, Piero Soffici, Amedeo Tommasi, Giancarlo Trombetti.

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

Schola Cantorum - La felicità

Ospiti cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Questi gli ospiti che si sono esibiti nel corso della serata finale di questa edizione del Festival di Sanremo:

Al Galà, registrato domenica 14 gennaio 1979 e mandato in onda, tra febbraio e marzo, in cinque trasmissioni (due o tre artisti alla volta) intitolate "Ribalta Internazionale", parteciparono:

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Publispei di Gianni Ravera

Direzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Gianni Naso

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ di Daniele Rubboli, Canzoni Italiane, Fabbri, 1994, Vol.4, pag.102
  2. ^ L'Artista Franco Fanigliulo, su fanigliulo.altervista.org. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Festival di Sanremo