Anna Maria Rizzoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anna Maria Rizzoli
Anna Maria Rizzoli.jpg
Anna Maria Rizzoli nel 1975

Anna Maria Rizzoli (Roma, 26 agosto 1951) è un'ex modella, showgirl e attrice italiana.

È nota soprattutto per le commedie sexy all'italiana della fine degli anni settanta e primi anni ottanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Maria Rizzoli tra Mike Bongiorno e Mino Vergnaghi, al Festival di Sanremo 1979

Nata a Roma, si è diplomata al liceo linguistico e ha fatto la modella fino a 22 anni. Alta, bionda e slanciata, arrivò alla televisione in programmi notturni di genere erotico, durante i quali si esibiva in spogliarelli, come ad esempio in Playboy di mezzanotte, condotto da Enzo Tortora. Le furono affidati col tempo ruoli più impegnativi, accanto a Walter Chiari (che fu per un periodo suo compagno), Massimo Ranieri, e Mike Bongiorno, accanto al quale condusse il Festival di Sanremo del 1979.

La sua carriera cinematografica è indissolubilmente legata all'ultimo periodo della Commedia sexy all'italiana, della quale fu una delle protagoniste. Spesso contrapposta ad Edwige Fenech come alter ego biondo, ha recitato in una ventina di commedie di modesto successo, a fianco di attori come Enzo Cannavale, Bombolo, Lino Banfi, Gastone Moschin e Paolo Villaggio. Il suo successo come sex symbol è declinato comunque piuttosto presto rispetto a quello di altre colleghe. Ha posato nuda per l'edizione italiana di Playboy del marzo 1977 ed è stata la cover girl dei numeri di dicembre 1978, maggio 1981 e settembre 1983[1]. In una famosa pubblicità per il liquore Stock interpretò una versione femminile e sexy di Babbo Natale.

In seguito ha fatto la ballerina in commedie itineranti prima di ritirarsi dalle scene per dedicarsi alla famiglia. Dopo aver divorziato è tornata alla recitazione, lavorando in teatro con Giorgio Strehler[2]. Ha inciso qualche 45 giri, ma i suoi dischi ebbero un successo limitato e sono diventati di interesse solo collezionistico[senza fonte]. È riapparsa in tv nella primavera 2007 a L'Italia sul due, su Rai 2; nel dicembre 2008 a Stracult Show, sempre su Rai 2; il 25 giugno 2009, ospite di Paola Perego; il 2 ottobre 2009 a I migliori anni, su Rai 1; il 10 novembre 2009, a Cominciamo bene di Fabrizio Frizzi, e il 18 marzo 2011 a Chiambretti Night, insieme a Lino Banfi e Nadia Cassini. Nella trasmissione Stracult del 15 luglio 2016 ha partecipato come ospite insieme a Enrico Montesano.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Per quattro anni è stata legata sentimentalmente a Walter Chiari[3]. Si è sposata con l'architetto comasco Marco Margheritis, da cui ha divorziato[4]. Vive a Milano, dove si occupa prevalentemente di beneficenza e di ambientalismo[senza fonte].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Maria Rizzoli in Il padrone e l'operaio (1975)
Anna Maria Rizzoli con Gianfranco D'Angelo in La settimana bianca (1980)
Anna Maria Rizzoli in L'insegnante al mare con tutta la classe (1980)
Anna Maria Rizzoli in L'insegnante al mare con tutta la classe (1980)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980 – Dammi/Tu solo tu

Doppiatrici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cover: Anna Maria Rizzoli, su Playboy Italy Covers (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  2. ^ Anna Maria Rizzoli, una meteora alta, bella, bionda, su Diritto al cuore (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2011).
  3. ^ Megghi Pucciarelli, Chi è Anna Maria Rizzoli: quello che non sai sull’ex modella, su donnemagazine.it.
  4. ^ 'ANNAMARIA, NON HAI PIU' L'ETA' PER SPOGLIARTI', su ricerca.repubblica.it, 7 gennaio 1993.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manlio Gomarasca, L'Ultima Diva, in Nocturno, vol. 3, Iss. 5/6, 1998, pp. 56-63.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1147310087637852031 · SBN UBOV712375 · LCCN (ENn82002917 · WorldCat Identities (ENlccn-n82002917