Demis Roussos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Demis Roussos
Demis Roussos a Kiev, l'8 marzo 2012
Demis Roussos a Kiev, l'8 marzo 2012
Nazionalità Grecia Grecia
Genere Pop
Rock progressivo
Periodo di attività 1963-2015
Etichetta Br music
Album pubblicati 79
Sito web

Artemios Ventouris "Demis" Roussos (greco Αρτέμιος Bεντούρης Pούσσος; Alessandria d'Egitto, 15 giugno 1946Atene, 25 gennaio 2015[1]) è stato un cantante e bassista greco.

Demis Roussos ha saputo esprimere il passato ellenico e la bellezza delle terre in cui ha vissuto attraverso un canto poetico e soave, prestato a generi diversissimi, dal rock progressivo, alla disco music, alle tante varianti del pop. Come bassista ha uno stile che ricorda le sonorità e la tecnica di Paul McCartney e di Brian Wilson.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Egitto da genitori di origini greche, tornò nel paese di origine dopo la perdita di tutti gli averi familiari, in seguito alla Crisi di Suez del 1956.

In gioventù Roussos aveva appreso il solfeggio e aveva imparato a suonare la chitarra e la tromba, divenendo inoltre cantante solista nel coro della chiesa bizantina di Alessandria d'Egitto.

In Grecia Demis Roussos entrò in diversi gruppi musicali (The Idols, We Five e soprattutto Aphrodite's Child), prima di iniziare la carriera da solista.

Il gruppo degli Aphrodite's Child, del quale ha fatto parte dalla loro origine fino allo scioglimento, ha prodotto singoli di successo planetario come It's Five O'clock, Rain And Tears, Spring, Summer, Winter And Fall, I Want To Live, etc, e un album, 666, considerato dal pubblico e dalla critica come un capolavoro.

Il tastierista degli Aphrodite's Child, Vangelis Papathanassiou, diventerà famoso compositore di colonne sonore con il nome di Vangelis (notevoli fra le altre: Momenti di gloria, Blade Runner, Alexander).

Demis Roussos è apparso anche in album solisti di Vangelis. Un suo grande successo è stato Race to the End, adattamento vocale del tema portante della colonna sonora di Momenti di Gloria (Chariots of Fire). La sua carriera solistica ha toccato l'apice negli anni settanta: vinse il Festivalbar 1971 con We shall dance che arriva quarta in Austria. Il singolo Forever and Ever fu primo nelle classifiche di molti Paesi (anche nella UK Singles Chart con l'Extended play The Roussos Phenomenon nel 1976), secondo nei Paesi Bassi e quarto in Austria nel 1973. Altri successi furono My Friend the Wind prima nei Paesi Bassi per due settimane e settima in Germania nel 1973, My Reason prima nei Paesi Bassi per tre settimane nel 1972, Lovely Lady of Arcadia che nella versione Schönes Mädchen aus Arcadia arriva prima per tre settimane nei Paesi Bassi, seconda in Svizzera, sesta in Germania e settima in Austria nel 1973 e Goodbye My Love, Goodbye prima in Svizzera per 12 settimane ed in Germania, seconda in Austria e terza in Norvegia. Molto note furono Someday Somewhere che nel 1974 arriva seconda nei Paesi Bassi, Auf Wiederseh'n sesta nei Paesi Bassi nel 1974, Perdoname sesta nei Paesi Bassi nel 1975, Happy to Be on an Island in the Sun quinta nella UK Singles Chart nel 1975, When Forever Has Gone seconda nel Regno Unito nel 1976 ed anche una sua versione di Lost in Love degli Air Supply che arriva quarta nei Paesi Bassi nel 1980.

Fu tra i passeggeri del volo TWA 847 dirottato il 14 giugno del 1985. Percependo una svolta nella sua vita, Demis Roussos si imbarcò in un'operazione di rilancio della sua immagine con l'LP Time, che riscosse un discreto successo e con il singolo da discoteca Dance of Love. Nel 1988 il singolo Quand je t'aime arriva terzo in Francia e nel 1990 On écrit sur les murs quarto in Francia.

Gli anni novanta videro ulteriori sostanziali uscite: si accordò con la BR Music nei Paesi Bassi per produrre Immortal, Serenade e In Holland, utilizzando una gran varietà di strumenti etnici e stili elettronici.

Demis Roussos ha continuato a registrare e ad esibirsi dal vivo fino a poco prima della sua scomparsa. Nella primavera del 2002 fece un tour del Regno Unito. Nello stesso anno ha duettato con Ivana Spagna nel brano Tears of Love, inserito nell'album della cantante Woman.

Il 19 settembre 2008 è stato tra gli ospiti della trasmissione della RAI I migliori anni ed ha ringraziato il pubblico italiano perché proprio in Italia iniziò con successo la sua carriera come solista. Grande ritorno a I migliori anni nella serata del 31 ottobre ed in quella finale del 5 dicembre 2008; nelle edizioni successive è riapparso nelle puntate del 5 novembre e del 17 dicembre 2010: in quest'ultima ha riproposto il suo grande successo Forever and ever.

È morto in una clinica di Atene il 25 gennaio 2015 all’età di 68 anni. Il cantante era malato da tempo.[2]

Demis Roussos durante una esibizione a Baku nel 2013.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • On The Greek Side Of My Mind (1971)
  • Forever And Ever (1973) primo in Norvegia per settimane 28 settimane, nei Paesi Bassi per 8 settimane ed in Germania e secondo in Austria
  • My Only Fascination (1974) sesto in Norvegia
  • Auf Wiedersehn (1974) settimo nei Paesi Bassi
  • Souvenirs (1975) secondo in Norvegia
  • Die Nacht Und Der Wein (1976)
  • Greatest Hits (1974) terzo nei Paesi Bassi
  • Golden Hits (1975)
  • Happy To Be (1976) quarto nel Regno Unito
  • Kyrila, Insel Der Traume (1976)
  • The Roussos Phenomenon (1976) EP prima posizione nel Regno Unito e terza in Nuova Zelanda
  • Mes Succès (1977)
  • The Demis Roussos Magic (1977)
  • Ainsi Soit-Il (1977)
  • Demis Roussos (1977)
  • Universum (Italien) (1979)
  • Universum (Frankrike) (1979)
  • Universum (Spanien) (1979)
  • Universum (Tyskland) (1979)
  • Man Of The World (1980)
  • Roussos Live! (1980)
  • Man Of The World (1980)
  • Insel der Zärtlichkeit - Demis Roussos und seine 20 Welterfolge (1980) primo in Austria per due settimane e secondo in Germania
  • Demis (1982)
  • Attitudes (1982)
  • Souvenirs - Zijn 16 grootste hits (1982) ottavo nei Paesi Bassi
  • Demis In Italiano (1983)
  • Reflection (1984)
  • Senza Tempo (1985)
  • Greater Love (1986)
  • The Story Of... - Eva (1987)
  • Come All Ye Faithful (1987)
  • Stationen (1987)
  • Le Grec (1988)
  • Time (1988)
  • Ballads (1989)
  • Voice And Vision (1989)
  • The Golden Voice Of Demis Roussos (1992)
  • Goodbye My Love Goodbye (1995)
  • Master Serie (1991)
  • Chante Noel (1991)
  • Christmas With Demis Roussos (1991)
  • The Very Best Of Demis Roussos (1992)
  • Weihnachten Mit Demis Roussos (1992)
  • The Complete Collection (1992)
  • 40 Songs Of Demis Roussos - 25 Years In Music (1993)
  • Insight (1993)
  • The Art Of Demis Roussos & Aphrodite's Child (1993)
  • Tous Les Je Vous Aime (1994)
  • Les Inoubliables De Demis Roussos (1995)
  • Demis Roussos In Holland (1995)
  • Immortel (1995)
  • Oro (1995)
  • Gold (1995)
  • Serenade (1996)
  • A La France (1996)
  • Die Grossten Hits (1996)
  • My Favourite Songs (1996)
  • Mi Historia (1997)
  • Mon Ile (1997)
  • Best Of (1997)
  • Forever Classic (1998)
  • Souvenirs (1998)
  • Magic (1998)
  • The Phenomenon 1968 - 1998 (1998)
  • Great (1998)
  • My Reasons (1998)
  • Time: The Best of Demis Roussos (1998)
  • Hans beste sanger (1998) quarto in Norvegia
  • De beste sanger (1998) secondo in Norvegia
  • Auf Wiedersehn (1999)
  • Double Live (1999)
  • Happy To Be (1999)
  • Man Of The World (1999)
  • 30 Ans 30 Titres (1999)
  • The Best Of Demis Roussos (1999)
  • The Singles (1999)
  • Collection Legende (1999)
  • Classic - Demis Roussos (1999)
  • Talents Du Siecle (1999)
  • Greatest Hits: 1971-1980 (1999)
  • The Phenomenon (2000)
  • Millennium Edition (2000)
  • Forever In Your Heart (2000)
  • Islands Of Love / Island In The Sun (2000)
  • Demis Roussos (2000)
  • Forever & Ever: 40 Greatest Hits (2001)
  • Very Best of Demis Roussos (2002)
  • Songs From An Island In The Sun (2009) terzo in Norvegia

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7575167 · LCCN: n89635974 · GND: 134503260 · BNF: cb13899236j (data)