Festival di Sanremo 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festival di Sanremo 2020
EdizioneLXX
Periodo4-8 febbraio
SedeTeatro Ariston di Sanremo
Direttore artisticoAmadeus
PresentatoreAmadeus
Trasmissione TVRai 1
Eurovisione
Rai Italia
Trasmissione radioRai Radio 2
Trasmissione webRaiPlay
RaiPlay Radio
Partecipanti30
Cronologia
Festival di Sanremo 2019Festival di Sanremo 2021

Il settantesimo Festival di Sanremo[1] si svolgerà al Teatro Ariston di Sanremo dal 4 all'8 febbraio 2020 e sarà condotto da Amadeus, che sarà anche il direttore artistico.[2][3] Tale edizione vedrà il ripristino della sezione Nuove Proposte (che era stata eliminata nell'edizione precedente).

La regia sarà curata da Stefano Vicario (che ha diretto le edizioni del 2004, 2005, 2009 e 2012), mentre la scenografia sarà curata da Gaetano Castelli, storico scenografo del festival, la cui assenza durava dal 2012.[4]

Il vincitore della sezione Campioni del Festival rappresenterà l'Italia all'Eurovision Song Contest 2020, che si terrà a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Nel caso l'artista non volesse esercitare la sua facoltà, la Rai si riserva di scegliere il partecipante all'Eurovision in base a propri criteri.

Serate[modifica | modifica wikitesto]

Prima serata[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima serata si esibiranno 11 dei 22 Campioni, ciascuno con il proprio brano in gara. Essi saranno votati dalla giuria demoscopica e al termine delle votazioni verrà stilata una classifica provvisoria.

Si esibiranno anche 4 delle 8 Nuove Proposte in due coppie a sfida diretta, votati sempre dalla giuria demoscopica. Le due canzoni che risulteranno vincitrici accederanno direttamente alle semifinali, che si terranno nella terza serata.[5]

Seconda serata[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda serata si esibiranno i restanti 11 Campioni e saranno votati con lo stesso meccanismo della prima serata. Al termine della serata, inoltre, verrà stilata una seconda classifica con tutti i 22 artisti e i rispettivi brani e le percentuali ottenute sommando i voti della prima e della seconda serata.

Si esibiranno le restanti 4 Nuove Proposte con le stesse modalità della prima serata e con il medesimo sistema di votazione. Le due canzoni vincitrici accederanno direttamente alle semifinali della terza serata.[5]

Terza serata[modifica | modifica wikitesto]

Durante la terza serata, denominata Sanremo 70, si esibiranno tutti i 22 Campioni con brani che fanno parte della storia del Festival di Sanremo. Gli artisti, in questo caso, possono scegliere se essere accompagnati o meno da ospiti italiani o stranieri; tutte le esibizioni saranno votate dall'orchestra.

Si esibiranno le 4 Nuove Proposte rimaste in gara con le stesse modalità delle due serate precedenti. La votazione avverrà con un sistema misto composto dalla giuria demoscopica (33%), dalla giuria della sala stampa (33%) e dal televoto (34%) e le due canzoni vincitrici accederanno direttamente alla finale nella quarta serata.[5]

Quarta serata[modifica | modifica wikitesto]

Nella quarta serata si esibiranno tutti i 22 Campioni in gara con i propri brani. I brani saranno votati dalla giuria della Sala Stampa, i cui voti si sommeranno con quelli delle serate precedenti e, di conseguenza, verrà stilata una nuova classifica con le percentuali ottenute.

Si esibiranno i due artisti rimasti in gara nella sezione Nuove Proposte e saranno votati con lo stesso sistema utilizzato nella terza serata. Al termine verrà proclamata la canzone vincitrice.[5]

Quinta serata - Finale[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della serata finale si esibiranno nuovamente tutti i 22 Campioni con le proprie canzoni in gara; le votazioni avverranno con un sistema misto composto dalla giuria demoscopica (33%), da quella della sala stampa (33%) e dal televoto (34%), che determinerà la classifica definitiva dalla ventesima alla quarta posizione. Allo stesso modo verrà poi eseguita una nuova votazione per i primi tre classificati (per cui sarà azzerato il voto precedente) e sarà quindi decretata la canzone vincitrice del Festival.[5]

Ospiti[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati di ascolto delle varie serate, secondo rilevazioni Auditel.

Serata Messa in onda I parte II parte Media
Telespettatori Share Telespettatori Share Telespettatori Share
I 4 febbraio 2020
II 5 febbraio 2020
III 6 febbraio 2020
IV 7 febbraio 2020
Finale 8 febbraio 2020
Media delle serate

Dopofestival[modifica | modifica wikitesto]

Anche per il 2020 è previsto il Dopofestival, trasmissione di commenti e approfondimento alla serata del Festival appena conclusa. A differenza degli anni precedenti, andrà in onda solo su RaiPlay con il titolo L'altro festival[7]. La trasmissione sarà condotta da Nicola Savino.

Commissione musicale[modifica | modifica wikitesto]

Come spiegato dal direttore artistico Amadeus all'agenzia di stampa Adnkronos, la commissione musicale lavora solo per la categoria delle Nuove Proposte.[8] I membri della commissione musicale sono:

Trasmissione dell'evento[modifica | modifica wikitesto]

Area Rete
Italia Italia Rai 1
Rai Radio 2
RaiPlay
Italia Italia (resto del mondo) Rai Italia
Unione europea Unione europea Eurovisione

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]