Festival di Sanremo 1957

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival di Sanremo 1957
Claudio Villa in uno dei suoi celebri acuti.jpg
Claudio Villa, vincitore in coppia con Nunzio Gallo
Edizione VIIª
Periodo 7-9 febbraio
Sede Casinò di Sanremo
Presentatore Nunzio Filogamo
Marisa Allasio
Fiorella Mari
Nicoletta Orsomando
Trasmissione TV Nazionale
Trasmissione radio Secondo programma
Partecipanti 17
Brani in gara 19
Vincitore Claudio Villa e Nunzio Gallo
Cronologia
prec. succ.

Il 7º Festival della canzone italiana si tenne al salone delle feste del casinò di Sanremo dal 7 al 9 febbraio 1957.

I presentatori del Festival (Marisa Allasio, Nunzio Filogamo e Fiorella Mari).

Il Festival di quell'anno vide il ritorno alla conduzione di Nunzio Filogamo (già alla guida delle prime quattro edizioni della kermesse, trasmesse alla radio), affiancato da Marisa Allasio, Fiorella Mari e Nicoletta Orsomando.

Ad aggiudicarsi la competizione fu la canzone Corde della mia chitarra, cantata da Claudio Villa e Nunzio Gallo. Nunzio Gallo raccontò che l'avversario da lui più temuto era il suo idolo Natalino Otto, e che quando vinse andò a scusarsi con lui.[1]

Inizialmente le canzoni in gara avrebbero dovuto essere 20, ma venne esclusa dalla seconda serata La cosa più bella cantata da Carla Boni-Tonina Torrielli perché risultata già pubblicata in un juke box di Milano in una versione incisa da Cristina Jorio.[2]

A causa delle troppe gaffe commesse nelle serate precedenti, Marisa Allasio fu costretta da Nunzio Filogamo a rimanere dietro le quinte durante l'ultima serata per lasciare il posto a Nicoletta Orsomando, e poté apparire solo al momento della proclamazione dei vincitori.[3] Da segnalare inoltre le aspre critiche della stampa che colpirono Claudio Villa, che si rese protagonista di una clamorosa stecca (ribattezzata eurostecca perché trasmessa, come tutta la rassegna, in Eurovisione) nell'esecuzione del brano Cancello tra le rose; il cantante fu inoltre tacciato di superbia, volendo interpretare sempre le canzoni più belle del Festival, provocando anche un'interrogazione da parte dell'onorevole Bruno Spampanato al Ministro delle Poste e delle telecomunicazioni Giovanni Braschi.[2]

Un altro episodio degno di nota fu un calo di voce causato da un'influenza che colpì Tonina Torrielli durante la serata dedicata alle canzoni deli "autori indipendenti" di domenica 10 febbraio, che la portò ad abbandonare il palco. Invitata nuovamente a raggiungere la scena da Nunzio Filogamo, portò a termine l'esecuzione[2].

Fu anche l'ultima edizione organizzata dalla RAI che dall'inverno 1956-57 si era impegnata nell'organizzazione di Canzonissima[4].

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Interprete Ultima partecipazione al Festival
Carla Boni 1954
Claudio Villa 1955
Duo Fasano 1954
Fiorella Bini Esordiente
Flo Sandon's 1954
Gianni Ravera 1955
Gino Baldi Esordiente
Gino Latilla 1954
Giorgio Consolini 1954
Gloria Christian Esordiente
Jula de Palma 1955
Luciano Virgili Esordiente
Natalino Otto 1955
Nunzio Gallo Esordiente
Poker di Voci Esordienti
Tina Allori Esordiente
Tonina Torrielli 1956

Classifica, canzoni e cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Interprete Canzone Autori Voti ricevuti
Claudio Villa - Nunzio Gallo Corde della mia chitarra G. Fiorelli e M. Ruccione 63
Claudio Villa - Giorgio Consolini Usignolo G. Castellani, L. L. Martelli e C. Concina 57
Gino Latilla - Tonina Torrielli Scusami Biri, W. Malgoni e M. Perrone 43
Carla Boni, Gino Latilla e Duo Fasano - Gloria Christian e Poker di Voci Casetta in Canadà M. Panzeri e V. Mascheroni 32
Claudio Villa - Giorgio Consolini Cancello tra le rose U. Bertini e M. De Paolis 30
Claudio Villa e Gino Latilla - Natalino Otto e Poker di Voci Il pericolo numero uno E. Bonagura e M. Cozzoli 24
Tina Allori - Tonina Torrielli Intorno a te (È sempre primavera) D. Bernazza, M. De Angelis, A. Piga e Falco 16
Carla Boni - Nunzio Gallo Per una volta ancora U. Bertini e G. D'Anzi 12
Gino Baldi e Duo Fasano - Natalino Otto e Poker di Voci Un filo di speranza G. C. Testoni e S. Seracini 7
10° Carla Boni e Duo Fasano - Gloria Christian, Natalino Otto e Poker di Voci Le trote blu D. Calcagno e L. Gelmini 4
NF Gino Latilla - Luciano Virgili A poco a poco M. Rivi e C. Innocenzi
NF Tina Allori - Flo Sandon's Ancora ci credo Fecchi e Campanozzi
NF Fiorella Bini - Flo Sandon's Estasi Da Vinci e Lucci
NF Gino Baldi - Luciano Virgili Finalmente G. Bonavolontà e M. Rivi
NF Gino Baldi - Jula de Palma Nel giardino del mio cuore G. C. Testoni e G. Kramer
NF Gino Latilla - Nunzio Gallo Non ti ricordi più? Da Vinci e Poggiali
NF Fiorella Bini e Duo Fasano - Jula de Palma e Poker di Voci Raggio nella nebbia Salina e M. Pagano
NF Gianni Ravera - Natalino Otto Un certo sorriso M. Ruccione e G. Fiorelli
NF Carla Boni - Jula de Palma Un sogno di cristallo A. Testa e P. Calvi

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo 1957. Al centro del palcoscenico, vi sono i presentatori Marisa Allasio, Nunzio Filogamo e Fiorella Mari. Partecipano l'orchestra Angelini a sinistra e l'orchestra Trovajoli a destra.

Vengono presentate 10 canzoni la prima sera e 9 la seconda. Al termine di ogni serata i giurati votano e decidono quali sono le 5 canzoni che hanno accesso alla finale e quali vengono eliminate. Durante la terza sera ha luogo la finale. I giurati erano 280, diversi per ogni serata e così suddivisi: 70 sorteggiati fra il pubblico presente in sala, 210 fra gli abbonati RAI, precisamente 15 per ciascuna delle 14 sedi. Ogni canzone viene proposta nella stessa sera in due interpretazioni diverse con due diversi arrangiamenti.

Alle tre giornate canoniche ne venne aggiunta una quarta, in cui gareggiarono 10 canzoni scritte da compositori indipendenti, cioè non legati a nessuna casa di edizioni musicali.[2]

Quarta serata (Canzoni degli Autori Indipendenti) 10 febbraio 1957[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Interprete Canzone Autori
Claudio Villa - Giorgio Consolini Ondamarina D. Bernazza e Lops
Gianni Ravera e Duo Fasano - Luciano Virgili e Poker di Voci Venezia mia Peragallo
Gino Latilla - Nunzio Gallo La più bella canzone del mondo A. Mari e G. Filippini
Claudio Villa - Giorgio Consolini Casetta solitaria A. Bezzi e C. Pintaldi
Duo Fasano - Gloria Christian e Poker di Voci La cremagliera delle Dolomiti Perretta e Fedri
Tina Allori - Flo Sandon's Era l'epoca del cuore Segurini e F. Cassano
Gino Baldi - Tonina Torrielli Il nostro sì Mainardi e Lodigiani
Fiorella Bini - Jula de Palma Sorrisi e lacrime De Giusti e F. Cassano
Carla Boni - Luciano Virgili Il mio cielo De Leitenburg e L. Beretta
10° Gino Latilla - Natalino Otto Sono un sognatore P. Umiliani

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Ripete i motivi al pianoforte il maestro Alberto Semprini.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Direzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Giulio Razzi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Lazzarini, «Cominciò con un grazie», Il Festival di Sanremo racconta i suoi 40 anni - 1ª puntata: 1951-1959, su Sorrisi e Canzoni TV n. 5, 31 gennaio 1990
  2. ^ a b c d Borgna, pp. 48-51.
  3. ^ Marcello Giannotti, L'Enciclopedia di Sanremo 1951-2006, Tutto il festival dalla A alla Z, 2007, Gremese Editore
  4. ^ Paolo Ruggieri, Canzoni Italiane, Fabbri Editori, 1994, Vol. 4, pag. 67

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo