Amedeo Pariante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amedeo Pariante
NazionalitàItalia Italia
Periodo di attività musicale1937 – 1980
Strumentovoce, chitarra

Amedeo Pariante (Napoli, 20 aprile 1915Roma, 11 novembre 2005) è stato un cantante e chitarrista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'un sarto e ultimo di sei figli, iniziò la carriera sul palcoscenico alla fine degli anni trenta. Di questo periodo furono le sue interpretazioni di Na sera 'e maggio (1938) e Villa triste (1941).

Alla fine della Seconda guerra mondiale si esibì spesso al Salone Margherita, durante l'epoca d'oro del varietà e della rivista. Un suo successo di questo periodo fu la famosa canzone Munasterio 'e Santa Chiara (1945).

I cinque chitarristi del Festival di Napoli 1957: da sinistra, Amedeo Pariante, Ugo Calise, Armando Romeo, Fausto Cigliano e Sergio Centi

Tra le canzoni delle quali fu il primo interprete, si ricordano: Acquarello napoletano (1947), Pusilleco 'nsentimento (1949), O filobus (1953) e Giuvanne cu' 'a chitarra (1955), che dopo pochi mesi divenne un grande successo di Renato Carosone.

Nel 1957 partecipò al Festival di Napoli, facendo il riepilogo delle canzoni che erano state cantate durante la gara, insieme agli altri chitarristi Armando Romeo, Ugo Calise, Sergio Centi e Fausto Cigliano.

Negli anni settanta divenne grande amico dell'allora giovanissima Marisa Laurito.

Ha vissuto tanti anni a Roma dove poi è morto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]