Michele Straniero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Straniero
Michele Straniero negli anni '70
Michele Straniero negli anni '70
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica d'autore
Folk
Periodo di attività 1957 – 2000
Etichetta DNG, I dischi del sole, I Dischi dello Zodiaco, Divergo
Album pubblicati 3
Studio 3

Michele Luciano Straniero (Milano, 27 settembre 1936Torino, 7 dicembre 2000) è stato un cantautore, musicologo e giornalista italiano. Fondatore, a Torino, del gruppo di Cantacronache, viene considerato tra i precursori dell'esperienza diretta dei cantautori italiani; così si è espresso su di lui Umberto Eco:

« Se non ci fossero stati i Cantacronache e quindi se non ci fosse stata anche l'azione poi prolungata, oltre che dai Cantacronache, da Michele L. Straniero, la storia della canzone italiana sarebbe stata diversa. Poi, Michele non è stato famoso come De André o Guccini, ma dietro questa rivoluzione c'è stata l'opera di Michele: questo vorrei ricordare »
(Umberto Eco[1])

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi: la formazione cattolica a Torino[modifica | modifica sorgente]

Straniero ha vissuto sin da bambino a Torino, e nel capoluogo piemontese ha continuato a lavorare. Allievo dei Salesiani, ha nell'adolescenza una formazione cattolica: è infatti un militante dell'Azione Cattolica torinese, dove ha modo di conoscere altri giovani come Umberto Eco, Gianni Vattimo e Furio Colombo (tutti personaggi che in seguito si allontaneranno da questa esperienza).

Proprio con loro e con altri studenti dell'associazione dà vita al periodico Quartodora, di cui diventa responsabile, che diventa l'espressione dei giovani cattolici torinesi dissidenti che, legati a esperienze come quelle dei preti operai francesi o della Gioc danno vita a un gruppo intitolato al filosofo Emmanuel Mounier e che in seguito verranno messi nelle condizioni di abbandonare l'Azione Cattolica.

Il cattolicesimo di Straniero emergerà in seguito, oltre che nei suoi studi sulle religioni, anche nelle canzoni (Gesù accoglie in Paradiso i minatori morti a Gessolungo in La zolfara) e nella produzione poetica[2].

Cantacronache e la scoperta della musica popolare[modifica | modifica sorgente]

Straniero si interessa di storia e di folklore, e in particolare di musica popolare: con l'obiettivo di portare all'interno della musica italiana nuove istanze legate all'impegno sociale e alle lotte delle classi subalterne, fonda con il compositore Sergio Liberovici (suo collega alla redazione torinese de L'Unità), il gruppo di Cantacronache, volto alla creazione di un nuovo tipo di canzone, libera dai cliché sanremesi e di evasione in genere, al quale prenderanno subito parte altri intellettuali e musicisti come Fausto Amodei, Emilio Jona, Italo Calvino, Franco Fortini.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cantacronache.

Contestualmente a Cantacronache, Straniero inizia anche la ricerca di canti sociali, raccogliendo materiali in Piemonte, Puglia e Sicilia (ma anche nella Spagna franchista) insieme a Liberovici, Jona e altri; ma nello stesso tempo si avvia la produzione di materiale originale, per cui Straniero (presentandosi sempre con l'iniziale del secondo nome di battesimo) firma alcuni testi, e nascono canzoni come Ballata del soldato Adeodato, Storia di Capodanno, Viva la pace, La zolfara, Partigiani fratelli maggiori,La canzone del popolo algerino. Straniero presta anche la propria voce per alcune registrazioni dell'ambito di Cantacronache; sue le interpretazioni di Ssst!, Tutti gli amori, Tredici milioni, Partigiano sconosciuto, oltre che di canzoni sociali del passato appositamente riproposte dal medesimo gruppo (Il crack delle banche, Canta di Matteotti, Inno della rivolta).

L'esperienza del Nuovo Canzoniere Italiano[modifica | modifica sorgente]

Nel 1962, con l'incontro con altri musicisti come Ivan Della Mea e Giovanna Marini e con intellettuali come Gianni Bosio, Roberto Leydi e soprattutto Ernesto de Martino l'esperienza si evolve, e nasce il Nuovo Canzoniere Italiano.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nuovo Canzoniere Italiano.

Proprio Straniero è il protagonista dell'episodio più clamoroso legato al Nuovo Canzoniere Italiano: il 20 giugno 1964, al festival dei Due Mondi di Spoleto, Michele Straniero canta i versi di O Gorizia, tu sei maledetta, canzone di trincea della prima guerra mondiale, e l'esecuzione suscita grande scandalo, costando due giorni dopo una denuncia per vilipendio alle forze armate italiane a Straniero e ai responsabili della manifestazione.

In particolare i versi <<Traditori signori ufficiali / che la guerra l'avete voluta / scannatori di carne venduta / e rovina della gioventù>> suscitano in sala la reazione di un ufficiale; nelle serate successive lo spettacolo viene costantemente disturbato da gruppi di fascisti.

Nel 1966 è tra i fondatori, a Milano, dell'Istituto Ernesto de Martino, intitolato al grande etnologo scomparso l'anno prima, e centro motore di tutta l'attività del Nuovo Canzoniere Italiano per gli anni a seguire.

Altre esperienze[modifica | modifica sorgente]

Conclusasi anche quest'esperienza, Straniero nel 1968 si trasferisce in Sicilia per andare a lavorare con Danilo Dolci al Centro Studi e Iniziative di Partinico: l'esperienza però è di breve durata, anche per le difficoltà causate dall'intervento della polizia.

Torna al nord e inizia l'attività di giornalista, pur continuando a scrivere canzoni, sul quotidiano La Stampa.

Si occupa inoltre di storia delle religioni e della religiosità popolare.

Nel 1976 cura insieme a Luigi Granetto il quindicinale Lato Side, edito da Anteditore e dedicato a musica, poesia e folclore popolare[3]

La Madonna dei Lavoratori o la Madonna della Fiat

Da solista[modifica | modifica sorgente]

Nel 1979 pubblica l'album La Madonna della Fiat, per l'etichetta Divergo: la canzone che dà il titolo al disco si riferisce alla statua della Madonna, situata a Torino sul Monte dei Cappuccini.

La vicenda è questa[4]: all’inizio degli anni Sessanta la direzione della Fiat offre del denaro, il metallo e il lavoro per installare una statua della Madonna (chiamata "La Madonna dei lavoratori") in un punto strategico della collina torinese, sulla piazzetta davanti al il Monte dei Cappuccini.

I Cantacronache, individuando una stonatura fra l'installazione di una statua sacra (che venne inaugurata il 27 marzo 1960[5]) e il carattere dell’azienda che promuoveva l’iniziativa, composero appunto la canzone, con il testo di Straniero, che la ripropone nel suo album da solista insieme ad altre composizioni.

[modifica | modifica sorgente]

Straniero pubblica in tutti questi anni molti studi sulla musica popolare e sulla musica leggera e altro sia in volumi che in articoli su varie riviste. Ha inoltre pubblicato diversi libri con le sue poesie. Nel 1967 pubblica a sue spese una rivista, Metrica, dedicata alla poesia e ai poeti suoi amici; uscirà un secondo e ultimo numero nel 1970.

In particolare sono noti i suoi scritti in collaborazione con Antonio Virgilio Savona del Quartetto Cetra sui canti sociali e popolari: Canti dell'emigrazione (Milano, Garzanti, 1979); Canti dell'Italia fascista (1919-1945) (Milano, Garzanti, 1979); I canti del mare nella tradizione popolare italiana (Milano, Mursia, 1980); Canti della grande guerra (Milano, Garzanti, 1981); Canti politici e sociali (Milano, Gammalibri, 1984); Canto alla rovescia, poesie per un'altra stagione, con quattro disegni di *Luigi Granetto e un'incisione di *Dimitri Plescan (Milano, *Vanni Scheiwiller, 1984);Canti della Resistenza italiana (Milano, Rizzoli, 1985); con Alberto Mari e Antonio Virgilio Savona Sotto la cappa del camino (Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1985); con Sergio Liberovici: Canti della nuova resistenza spagnola (Torino, Einaudi, 1962; con Emilio Jona, Sergio Liberovici, Giorgio De Maria: Le canzoni della cattiva coscienza, prefazione di Umberto Eco (Milano, Bompiani, 1964); con Riccardo Schwamenthal: Dizionario dei proverbi italiani italiani e dialettali (Milano, Rizzoli, 1991); Il grande libro delle barzellette (Milano, Rizzoli, 1994), Il corsaro Nero piange (Milano, Baldini Castoldi Dalai, 1997); con Emilio Jona: Cantacronache (Torino, Paravia, 1996) per conto proprio: Mira il tuo pop. Origini e peripezie del canto cristiano (Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988); Don Bosco rivelato (Milano, Rizzoli, 1988); Maria José (Milano, Rizzoli, 1988); Giullari & Fo (Roma, Lato Side, 1978); La piccola nevrosi (Milano, Vanni Scheiwiller, 1968); Poesia Jazz (Milano, PiùLibri, 1974); Il corno e la Madonna (Rimini, Guaraldi, 1996); Antologia della canzone popolare piemontese tra settecento e novecento (Torino, Paravia, 1998); Manuale di musica popolare (Milano, Rizzoli, 1991).

Il Folkclub[modifica | modifica sorgente]

Negli anni '80 a Torino dà vita, con Franco Lucà al Centro di Cultura Popolare di via Perrone e alla rivista mensile Folk notes: da queste due esperienze nascerà, nel 1988, il Folkclub, che rilancerà la musica popolare e d'autore.

Nello stesso periodo Straniero collaborerà con il cantautore sardo Franco Madau.

L'incidente e la morte[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997 perde la madre, evento che gli causa un trauma psicologico; qualche mese dopo, il 4 agosto 1998, mentre sta attraversando corso Rosselli a Torino, viene travolto da un'automobile che arriva a tutta velocità: non si riprende più dall'incidente, e muore il 7 dicembre 2000, lasciando una produzione culturale rilevante in molti settori che lo pone tra le figure di rilievo della cultura italiana del '900.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

33 giri nell'ambito di Cantacronache[modifica | modifica sorgente]

33 giri con il Nuovo Canzoniere Italiano[modifica | modifica sorgente]

45 giri da solista[modifica | modifica sorgente]

33 giri da solista[modifica | modifica sorgente]

CD uscito postumo[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanni Straniero e Carlo Rovello, Cantacronache. I 50 anni della canzone ribelle, 2008, Editrice Zona, pag. 8
  2. ^ Una delle sue poesie più note si intitola Dio, ed è stata pubblicata nel 1963 nella raccolta Danza del buffone; i versi sono questi: Dio è amore, / e va bene; / ma l'amore / cos'è?
  3. ^ gnomiz.it
  4. ^ Qui vi è la ricostruzione effettuata da Fausto Amodei http://fc.retecivica.milano.it/Rete%20Civica%20di%20Milano/le%20Associazioni/ANPI/S06A01859-06A0185E?WasRead=1 , mentre qui la ricorda Gianni Vattimo http://www.giannivattimo.it/Articoli/4.11.2006.html
  5. ^ All'inaugurazione partecipò anche il vescovo di Lourdes monsignor Théas: era stato proprio quest’ultimo a donare nel 1958 ai lavoratori della Fiat pellegrini a Lourdes la cancellata che attualmente cinge la statua in direzione di Torino

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Straniero Michele Luciano, di Ambrogio Sparagna, pp. 1625–1626
  • Il Nuovo Canzoniere Italiano dal 1962 al 1968 (a cura di Cesare Bermani e altri), ed. Mazzotta - Istituto Ernesto de Martino, Milano, 1978
  • Riccardo Schwamenthal, "Ricordo di Michele L. Straniero", in "Il Cantastorie. Rivista semestrale di tradizioni popolari a cura dell'Associazione culturale <<Il Treppo>>" n. 59, Terza serie, Gennaio-Giugno 2001