Riccardo Muti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Muti, 2008
Premio Wolf Premio Wolf per le arti 2000

Riccardo Muti (Napoli, 28 luglio 1941) è un direttore d'orchestra italiano.

Dal 1986 al 2005 è stato direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano. Dirige l'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini che ha fondato nel 2004 e che ha sede a Piacenza e Ravenna; dal 2010 è Music Director della Chicago Symphony Orchestra con la quale ha rinnovato il contratto fino all'estate del 2020.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un medico, Domenico Muti, nativo di Molfetta, e Gilda Peli Sellitto, napoletana, dopo aver trascorso i suoi primi anni di vita e la sua adolescenza nella cittadina pugliese, Muti a 17 anni si trasferisce con tutta la famiglia (padre, madre e 4 fratelli) a Napoli ove frequenta il liceo classico Vittorio Emanuele II; studia pianoforte con Vincenzo Vitale nella stessa città, conseguendo il diploma con lode presso il Conservatorio di San Pietro a Majella. In seguito, dopo aver lasciato a Napoli la facoltà di Filosofia all'Università, si trasferisce a Milano, dove studia Composizione con Bruno Bettinelli e Direzione d'orchestra con Antonino Votto.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Debutta nel 1967 al Teatro Coccia di Novara vincendo il Premio Cantelli per giovani direttori d'orchestra, violinisti e flautisti. Dal 1968 al 1980 è stato direttore principale e direttore musicale del Maggio musicale fiorentino. Durante il periodo fiorentino di notevole interesse sono state le rappresentazioni del Nabucco di Verdi con la regia di Luca Ronconi, in particolare i costumi del quarto atto riconducibili alle divise dei soldati italiani nel risorgimento nella replica nel Teatro Comunale di Firenze del 1977, il Guglielmo Tell di Rossini nella versione integrale e ancora di Verdi l'Otello con l'inedito finale del terzo atto.

Nel 1969 dirige la prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI del Foro Italico di Roma di "I puritani" di Vincenzo Bellini con Mirella Freni, Luciano Pavarotti, Sesto Bruscantini e Bonaldo Giaiotti.

Nel 1970 dirige la ripresa nel Teatro Comunale di Firenze di "I puritani".

Al Teatro La Fenice di Venezia dirige un concerto sinfonico con Cristina Deutekom nel 1970, uno nel 1971, Ivan il Terribile di Sergej Prokof'ev nel 1972, un concerto nel 1978, uno nel 1995, il Concerto straordinario a favore della ricostruzione del Teatro nel 1996 ed il concerto Riapre La Fenice - nella Settimana inaugurale il 14 dicembre 2003.

Nel 1971 dirige la prima rappresentazione nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo di "Don Pasquale" di Gaetano Donizetti con Rolando Panerai e Fernando Corena.

Nel 1972 dirige la ripresa nel Teatro Comunale di Firenze di "Un ballo in maschera" di Giuseppe Verdi con Renato Bruson e Rolando Panerai.

Dal 1973 al 1982 è stato direttore principale della Philharmonia Orchestra di Londra succedendo ad Otto Klemperer: con questa orchestra ha effettuato diverse registrazioni sia di opere italiane tra cui Aida di Giuseppe Verdi con Montserrat Caballé e Placido Domingo, che ad oggi risulta essere uno dei dischi d'opera più venduti al mondo, e il Macbeth nel quale riapre tutti i vecchi tagli aggiunti nel corso degli anni da vari direttori, sia lavori sinfonici tra i quali spiccano l'integrale delle sinfonie di Schumann e Čajkovskij.

Al Wiener Staatsoper dirige Aida con Gwyneth Jones e Plácido Domingo nel 1973, La forza del destino con Cesare Siepi e Sesto Bruscantini nel 1974, il Requiem (Verdi) con Fiorenza Cossotto nel 1975, Norma (opera) con la Caballé e la Cossotto nel 1977, Rigoletto con Bruson ed Edita Gruberova nel 1983, Le nozze di Figaro nel 1993 e nel 2001, Così fan tutte con Barbara Frittoli e Cecilia Bartoli nel 1994 e nel 2008, Mefistofele (opera) con Samuel Ramey nel 1997 e Don Giovanni (opera) con Anna Caterina Antonacci nel 1999. Fino ad oggi Muti ha diretto 108 rappresentazioni viennesi.

Nel 1975 dirige la ripresa nel Teatro Comunale di Firenze del Requiem (Verdi) con Fiorenza Cossotto.

Dal 1980 al 1992 è stato direttore musicale dell'Orchestra di Filadelfia, che ha portato in diverse tournée internazionali. Nel 1979 ne è stato nominato direttore principale, nel 1982 direttore onorario. Nel 1991 proprio con questa orchestra ha eseguito la Tosca di Giacomo Puccini, primo titolo del compositore toscano diretto dal maestro Muti.

Muti ed il Teatro alla Scala[modifica | modifica sorgente]

Al Teatro alla Scala di Milano dirige Le nozze di Figaro con Samuel Ramey e Frederica von Stade nel 1981 e nel 1982, un concerto con la Philharmonia Orchestra, Ernani nella serata d'inaugurazione della stagione 1982/1983 con Placido Domingo, Renato Bruson, Nicolai Ghiaurov e Mirella Freni ed un concerto sinfonico nel 1982, un concerto con l'ouverture di Giovanna d'Arco di Giuseppe Verdi, lo "Stabat Mater" ed il "Te Deum" di Giuseppe Verdi alla presenza del Santo Padre Giovanni Paolo II con musiche di Giuseppe Verdi e Così fan tutte nel 1983, un concerto sinfonico con l'Orchestra filarmonica della scala nel 1984, uno con la Philadelphia Orchestra, tre concerti sinfonici nel 1985 ed uno nel novembre 1986.

Dal 1986 al 2005 Muti è stato direttore principale dell'Orchestra del Teatro alla Scala, con la quale l'anno successivo ha ricevuto il premio Viotti d'Oro e che ha portato in tournée in Italia e in Europa.

Per il Teatro alla Scala in seguito Muti dirige:

  • Otello (Verdi) con Domingo, Nucci e la Frittoli nella serata d'inaugurazione della stagione 2001/2002, il Concerto di Natale trasmesso da Rai Uno ed al Teatro degli Arcimboldi La traviata, Le nozze di Figaro ed un concerto nel quale dirige in prima esecuzione assoluta "Diario dello sdegno", per grande orchestra, di Fabio Vacchi, commissionata dallo stesso Riccardo Muti e dalla Filarmonica della Scala e trasmessa in differita su Retequattro nel 2002;
  • al Teatro degli Arcimboldi il concerto d'inaugurazione della Stagione Filarmonica 2002/2003, Ifigenia in Aulide (Gluck) con Violeta Urmana per l'inaugurazione della Stagione d'Opera, la Messa in La bem. magg. D 678 di Franz Schubert per il Concerto di Natale ripreso da Rai Uno, Fidelio, dei concerti, I due Foscari con Nucci e Dimitra Theodossiou, Macbeth con Leo Nucci/Alberto Gazale e Salvatore Licitra al Bunka Kaikan di Tokyo ed Otello (Verdi) nel NHK Hall di Tokyo nel 2003;

Muti nei principali teatri in Europa[modifica | modifica sorgente]

Oltre alla Scala, Muti ha diretto produzioni operistiche anche a Firenze, Napoli, Filadelfia, Monaco, Vienna, Londra, Liegi e al Festival di Ravenna.

È spesso ospite della Filarmonica di Berlino e della Filarmonica di Vienna. Nel 1996 Muti ha diretto quest'ultima in occasione della chiusura della settimana del Festival Viennese, in un tour verso l'estremo oriente (Giappone, Corea, Hong Kong) e in Germania oltre che il Concerto di Capodanno nel 1993, 1997, 2000 e 2004.

Nel settembre 2008 tornerà a guidare i Wiener Philharmoniker in una lunga tournée giapponese.

Dal 1971, anno in cui vi ha debuttato con Don Pasquale di Gaetano Donizetti, su invito di Herbert von Karajan, è uno dei partecipanti abituali del Festival di Salisburgo, dove dirige opere e concerti ed è particolarmente apprezzato per l'allestimento delle opere mozartiane. In particolare l'allestimento di Così fan tutte è stato talmente acclamato che è stato ripreso ininterrottamente dal 1982 fino al 1988 ed è stato il direttore a cui il festival ha affidato la nuova produzione di Don Giovanni nel 1990 dopo la morte di Karajan. Nel 1991 declina l'invito a dirigere una nuova produzione della Clemenza di Tito a causa della regia che non ritiene confacente all'ultima opera scritta da Mozart. Inoltre, a causa dei dissapori con il nuovo direttore artistico di Salisburgo Gerard Mortier, Muti non dirigerà più opere ma solo concerti con i Wiener Philharmoniker. Fino al 2005 quando, scaduto il mandato di Mortier, tornerà sul podio per Il Flauto Magico e per l'Otello di Verdi previsto per il festival di Salisburgo 2008.

Al Royal Opera House di Londra nel 1977 dirige Aida con Plácido Domingo, Fiorenza Cossotto e Montserrat Caballé e Macbeth (opera) con Renato Bruson e Renata Scotto nel 1981.

Dirige le prime esecuzioni assolute nella Symphony Hall dell'American Academy of Music di Filadelfia di "Summer Solstice" per orchestra e del Concerto per violino e orchestra di Ezra Laderman nel 1980 e del Concerto per pianoforte e orchestra di Tina Davidson nel 1983.

Nel 1984 dirige la ripresa nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo di "Così fan tutte ossia La scuola degli amanti" di Wolfgang Amadeus Mozart con Kathleen Battle e Sesto Bruscantini.

Nel 1987 dirige la prima rappresentazione nella Deutsche Staatsoper di Berlino di "Nabucco" di Giuseppe Verdi con Renato Bruson.

Nel 1990 dirige la ripresa nel Großes Festspielhaus di Salisburgo di "Il dissoluto punito ossia Il Don Giovanni" di W. A. Mozart, con Carol Vaness, Edita Gruberová, Ramey e Furlanetto.

È sposato con Cristina Mazzavillani Muti, direttrice del Ravennafestival[1] e da anni risiede a Ravenna. La coppia ha tre figli: Francesco, Chiara (nota attrice e moglie del pianista francese David Fray) e Domenico.

Grande interprete verdiano e mozartiano, Muti è anche noto per le sue sempre interessanti esecuzioni operistiche di autori come Pergolesi, Gluck, Bellini, Rossini, Puccini e Wagner.

Oltre ai capolavori di Giuseppe Verdi e Mozart, alla Scala, Muti ha voluto riportare all'attenzione del pubblico le opere di Gluck (Alceste, Orfeo ed Euridice e Armide) e quelle di autori del periodo storico neo-classico, quali Lodoïska di Luigi Cherubini e La Vestale di Gaspare Spontini. Inoltre il Maestro ha riportato alla scala dopo vent'anni sia Parsifal che l'intera tetralogia de L'Anello del Nibelungo di Wagner, ottenendo esiti contrastanti; sempre negli anni 90 ha avuto il merito di riportare alla Scala opere non più eseguite da svariati anni come La Forza del Destino che ha riscosso un trionfale successo nel 1999, la Manon Lescaut di Giacomo Puccini.

Nel 2000 è stato chiamato a dirigere l'Orchestra Filarmonica di Vienna nel noto concerto di Capodanno di apertura del nuovo Millennio nella Großer Musikvereinsaal di Vienna; aveva avuto questo onore già nel 1993 (risultando il più giovane direttore ospite di questa manifestazione, a soli 52 anni) e nel 1997; è stato nuovamente chiamato a questo prestigioso incarico nel cinquantesimo concerto di Capodanno 2004 con musiche di Johann Strauss (padre) e Johann Johann Strauss (figlio).

Riccardo Muti con Vladimir Putin (2 giugno 2000)

Nel 2001, il maestro ha ricevuto il "Premio Internazionale Medaglia d'Oro al merito della Cultura Cattolica" dalla Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa. Ma il 2001 è soprattutto l'anno verdiano e il maestro regala ai milanesi in un'unica stagione Il Trovatore, Rigoletto, La Traviata, Un ballo in maschera, Macbeth infine l'Otello per il 7 dicembre del 2001 con Placido Domingo nel ruolo del protagonista, Barbara Frittoli nei panni di Desdemona e Leo Nucci come Jago. Il 27 gennaio 2001 dirige nella Basilica di San Marco a Milano il coro e l'orchestra del Teatro Alla Scala nella Messa da Requiem di Giuseppe Verdi proprio nel giorno un cui 100 anni prima moriva il compositore. Il concerto con le compagini scaligere sarà eseguito anche per due sere consecutive al Musikverein di Vienna.

Nel 2004 ha creato l'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini formata da giovani strumentisti scelti da una commissione internazionale.

Il 16 marzo 2005, l'orchestra e lo staff della Scala hanno votato a larga maggioranza una richiesta di dimissioni di Muti, il quale cancellò un concerto prima della votazione e il 2 aprile diede le dimissioni.

Poco dopo ha ricevuto a Brescia il Premio "Arturo Benedetti Michelangeli", secondo artista italiano ad averlo ricevuto dopo Maurizio Pollini.

Il 2 marzo 2007 dirige l'Orchestra giovanile Luigi Cherubini in un concerto straordinario (Concerto in La minore per violoncello e orchestra di Schumann e Sinfonia n. 4 "Tragica" in Do minore di Franz Schubert) nella Basilica di San Francesco ad Arezzo di fronte agli affreschi di Piero della Francesca, nell'ambito del Festival musicale organizzato dall'Ente Filarmonico Italiano. Durante la serata viene insignito del premio "Il Filarmonico", consegnatogli da Lorenzo Arruga.

Nel febbraio 2008 vince due Grammy Award (Best Classical Album e Best Choral Performance) con l'album Missa Solemnis in Mi di Luigi Cherubini con Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese inciso per la EMI. Nel maggio 2008 firma un contratto quinquennale per 10 settimane di conduzione l'anno con la Chicago Symphony Orchestra, a partire dal settembre 2010. Muti dirigerà l'orchestra americana sia nelle tournée nazionali che in quelle internazionali. L'incarico di direttore musicale verrà ufficializzato nel gennaio 2009 con l'esecuzione della Messa da Requiem di Verdi.[2]

L’ultima volta che Muti diresse l’orchestra americana, a conclusione del prestigioso incarico, volle donare alla città di Molfetta la bacchetta rigorosamente in legno, esposta a Palazzo Giovene nella Civica Siloteca del Centro Studi Molfettesi dedicata a Raffaele Cormio.

Sempre nel 2008, a dicembre, intraprenderà una nuova collaborazione con un teatro d'opera italiano: dirigerà infatti l'Otello di Giuseppe Verdi al Teatro dell'Opera di Roma, dove non ha mai diretto uno spettacolo operistico, nella produzione andata già in scena al Festival di Salisburgo 2008; dopo l'Otello il maestro è atteso con Ifigenia in Aulide (Gluck) nel marzo del 2009 e l'Idomeneo di Mozart 2010. Tali sono stati i successi di queste produzioni che il sindaco di Roma Gianni Alemanno, ha offerto a Riccardo Muti la direzione musicale del teatro capitolino, nomina che il maestro ha accettato nell'agosto del 2009 durante il festival di Salisburgo: l'accordo prevede la direzione di due opere e di due concerti sinfonici a stagione nonché la supervisione della scelta dei nuovi professori che compongono l'orchestra del Teatro dell'Opera di Roma; nel 2010 dirige Moïse et Pharaon e nel 2011 il Nabucco, spettacolo inserito nelle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia e Macbeth[3].

A febbraio 2009 inaugura la nuova stagione sinfonica del Teatro di San Carlo, dopo un periodo di ristrutturazione e restauro del Massimo, eseguendo per l'occasione opere di Wolfgang Amadeus Mozart, Niccolò Jommelli e Giuseppe Verdi. Nel giugno 2009 dirige Demofoonte (Jommelli) all'Opéra National de Paris.

Il 23 febbraio 2010, Riccardo Muti farà il suo debutto alla Metropolitan Opera House di New York, dirigendo una nuovissima produzione dell'Attila di Giuseppe Verdi con Violeta Urmana, Ramón Vargas e Samuel Ramey; già viene comunicato che per la stagione successiva tornerà sempre al Metropolitan con l'Armida di Gioacchino Rossini. Sempre nel 2010 è uscita la sua autobiografia Prima la musica, poi le parole.

Il 4 febbraio 2011 a Chicago, nel corso di una prova per un concerto della Chicago Symphony Orchestra della quale è direttore stabile, riporta, a seguito di una caduta, una frattura alla mascella per la quale è operato nei giorni successivi, al Northwestern Memorial Hospital[4]. Il malore che ha provocato la caduta era dovuto, secondo i medici dell'ospedale di Chicago, ad una irregolarità del battito cardiaco, per la qual cosa si è resa necessaria l'applicazione di un pacemaker.

Il 13 febbraio 2011, in qualità di direttore della Chicago Symphony Orchestra, ha vinto 2 Grammy Award nelle categorie Best Classical Album e Best Choral Performance per la registrazione del Requiem (Verdi) con Barbara Frittoli.[5] Dirige Macbeth nell'agosto 2011 al Salzburger Festspiele ed in novembre/dicembre al Teatro dell'Opera di Roma.

Nel 2012 in gennaio dirige il Requiem (Verdi) all'Opéra-Comédie di Montpellier, in marzo/aprile I due Figaro al Teatro Real di Madrid, in maggio/giugno Attila al Teatro dell'Opera, in luglio Sancta Susanna di Paul Hindemith al Teatro Alighieri, in agosto/settembre I due Figaro al Teatro Colón ed in novembre Simon Boccanegra a Roma ripreso in video dalla Rai.

Nel 2013 dirige I due Foscari ed un concerto a Roma, Don Pasquale a Madrid, Nabucco a Ravenna, Roma e Salisburgo ed Ernani a Roma.

Riconoscimenti accademici[modifica | modifica sorgente]

Il 30 marzo 1996 ha ricevuto una laurea honoris causa in musicologia dall'Università degli Studi di Pavia.

Il 3 marzo 2007 la Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo dell'Università degli Studi di Siena gli conferisce una laurea honoris causa in Letteratura e Spettacolo, consegnatagli dal Rettore Silvano Focardi. Secondo quanto ricorda la delibera della Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo, "la sua arte interpretativa, la sua attività di svecchiamento di obsoleti canoni esecutivi, che ha influenzato positivamente schiere di giovani direttori, la diffusione della musica d'arte presso platee di giovani, la fondazione di importanti istituzioni musicali, le molteplici iniziative umanitarie, ne hanno fatto uno straordinario rappresentante della cultura italiana nel mondo". Camillo Brezzi, preside della Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo, motiva così la decisione di conferire la laurea al Maestro Muti: "Ci possono essere numerose motivazioni per insignire una personalità artistica di rilievo della laurea honoris causa. Alcune di esse sono di immediata riconoscibilità: il livello artistico raggiunto, l'attività internazionale, nel caso di un musicista la produzione discografica, la capacità di far scuola, la riconoscibilità e l'originalità del metodo. [...] Proprio in questi anni il maestro Muti ha creato l'Orchestra giovanile Luigi Cherubini chiamando giovani musicisti selezionati da una commissione internazionale. All'inizio poteva apparire un atto di fede. Oggi, a soli due anni di vita, è un fenomeno unico in Italia e ammirato dal resto del mondo. La critica e il pubblico hanno notato che con la "Cherubini" Riccardo Muti fraseggia da par suo con toccante e sicura delicatezza e che i nostri migliori talenti - oramai orchestra - con lui e grazie a lui dimostrano di avere la capacità preziosa di mettere in evidenza, sotto una luce intensa, ogni minimo dettaglio timbrico e armonico delle opere. Riccardo Muti, nel momento della sua piena e riconosciuta maturità artistica, ha deciso di mettere a disposizione dei giovani la sua esperienza ed il suo talento. Un docente eccezionale, per capacità e motivazioni".

La controversia con La Scala[modifica | modifica sorgente]

A seguito di gravi divergenze con il sovrintendente Fontana, il maestro si rifiutò di partecipare alla conferenza stampa di presentazione della stagione 2003; la nomina di Mauro Meli a nuovo direttore artistico aveva lo scopo di calmare il conflitto sorto tra le due figure di maggior spicco del teatro. In seguito, Fontana fu rimosso dall'incarico e Meli insediato al suo posto. A questo punto i musicisti si schierarono dalla parte di Fontana contro Muti che cominciò a meditare il suo addio all'orchestra. Il 16 marzo 2005 l'orchestra e lo staff votarono a grande maggioranza (cinque contrari su oltre settecento) una mozione di sfiducia nei confronti di Muti[6] il quale annullò un concerto già in programma; anche altre produzioni furono interrotte a causa dei continui contrasti. Infine, il 2 aprile Muti rassegnò le dimissioni, adducendo a motivo l'"ostilità" nei suoi confronti da parte dell'ambiente scaligero, nonostante le rimostranze di alcuni orchestrali che non volevano perderlo.

CD parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Beethoven, Conc. per vl. op. 61 - Repin/Muti/Wiener Philharmoniker, 2007 Deutsche Grammophon
  • Beethoven, Symphony Nos 1 & 5 - Riccardo Muti/Philadelphia Orchestra, 2005 EMI
  • Beethoven, Symphony No. 3 & Overtures - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2005 EMI
  • Beethoven: Symphony No. 6 - Leonore Overture No. 3 - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2006 EMI
  • Beethoven, Symphonies Nos 7 & 8 - Riccardo Muti/Riccardo Muti/Philadelphia Orchestra, 2005 EMI
  • Beethoven, Symphony No. 9 Op. 125 'Choral' - Cheryl Studer/James Morris/Riccardo Muti/Philadelphia Orchestra/Peter Seiffert/Westminster Choir/Delores Ziegler, 2005 EMI
  • Beethoven, The Complete Symphonies - Riccardo Muti, 2011 Warner/EMI
  • Bellini, Norma - Riccardo Muti/Coro del Maggio Musicale Fiorentino/Jane Eaglen/Dimitri Kavrakos/Vincenzo La Scola/Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino/Ernesto Gavazzi/Carmela Remigio/Eva Mei, 2012 EMI
  • Bellini, I Capuleti ed i Montecchi - Agnes Baltsa/Chorus of the Royal Opera House, Covent Garden/Dano Raffanti/Edita Gruberova/Gwynne Howell/John Tomlinson/Orchestra of the Royal Opera House, Covent Garden/Riccardo Muti, 2005 EMI
  • Bellini, I Puritani - Riccardo Muti, 2003 EMI
  • Berlioz: Symphonie fantastique; Romeo et Juliette - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2011 Warner
  • Bruckner, Symphonies 4 & 6 - Riccardo Muti/Berliner Philharmoniker, 2011 Warner
  • Cherubini, Missa Solemnis in E Major - Riccardo Muti/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, 2007 EMI
  • Debussy, La Mer - Philadelphia Orchestra/Riccardo Muti, 1994 EMI
  • Donizetti, Don Pasquale - Ambrosian Opera Chorus/Philharmonia Orchestra/Riccardo Muti, 2010 EMI
  • Dvořák: Symphony No. 9 'From the New World' - Tchaikovsky: Romeo & Juliet Overture - Riccardo Muti, 2003 EMI
  • Gluck, Orfeo ed Euridice - Riccardo Muti/Philharmonia Orchestra, 1982 EMI
  • Haydn, The Seven Last Words Of The Savious On The Cross - Riccardo Muti, 2003 EMI
  • Handel, Water Music - Riccardo Muti, 2005 EMI
  • Leoncavallo, Pagliacci - Muti/Dessì/Pavarotti/Pons, 1992 Decca
  • Liszt, A Faust Symphony - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2008 EMI
  • Mahler, Symphony No. 1 - Philadelphia Orchestra/Riccardo Muti, 1984 EMI
  • Mascagni: Cavalleria Rusticana - Leoncavallo: I Pagliacci - Philharmonia Orchestra/Riccardo Muti, 1979 EMI
  • Mendelssohn, Symphonies 3 - 5 - Riccardo Muti, 2011 Warner/EMI
  • Mozart, Così Fan Tutte - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 1983 EMI
  • Mozart, Don Giovanni - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 2003 EMI
  • Mozart, The Da Ponte Operas - Riccardo Muti, 2013 Warner/EMI
  • Mozart, Le Nozze Di Figaro - Konzertvereinigung der Wiener Staatsopernchor/Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 1987 EMI
  • Mozart, Requiem & Ave verum - Riccardo Muti/Berliner Philharmoniker, 2011 EMI
  • Mozart: Violin Concertos Nos. 2 & 4 - Divertimento No. 1 - Frank Peter Zimmermann/Berliner Philharmoniker/Jörg Faerber/Riccardo Muti/Württembergisches Kammerorchester Heilbronn, 2003 EMI
  • Mozart Schumann Brahms, Sinf. n. 35-41/Sinf. n. 1-4/Sinf. n. 1-4 - Muti/Wiener Philharmoniker/Philadelphia Orchestra, Decca
  • Mussorgsky: Pictures at an Exhibition - Stravinsky: The Rite of Spring - Riccardo Muti/Philadelphia Orchestra, 1992 EMI
  • Orff, Carmina burana - Arleen Auger/John Van Kesteren/Riccardo Muti/Jonathan Summers, 1980 EMI
  • Paganini: Violin Concerto No. 4, Suonata Varsavia - Gidon Kremer/Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 1997 Philips
  • Prokofiev: Romeo and Juliet Suites - Respighi: Pini Di Roma - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2005 EMI
  • Prokofiev: Ivan the Terrible; Romeo and Juliet - Riccardo Muti, 2011 Warner/EMI
  • Puccini, Manon Lescaut - Muti/Cura/Guleghina/Gallo, 1998 Deutsche Grammophon
  • Puccini, Tosca - Muti/Vaness/Zancanaro, 1992 Decca
  • Rachmaninov, Piano Concerto No. 2 & Rhapsody on a Theme of Paganini - Andrei Gavrilov/Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2008 EMI
  • Ravel: Rapsodie espagnole; Une barque sur l'ocean - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2011 Warner
  • Respighi: Pines of Rome; Fountains of Rome - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2011 Warner
  • Rimsky-Korsakov: Scheherazade - Tchaikovsky: '1812' Overture - Riccardo Muti/Philadelphia Orchestra, 2001 EMI
  • Rossini, Donna del lago - Muti/Blake/Merritt/Anderson, 1992 Decca
  • Rossini, Guglielmo Tell - Muti/Zancanaro/Merritt/Surjan, 1988 Decca
  • Rossini, Petite Messe solennelle/Stabat Mater - Riccardo Muti/Agnes Baltsa/David Briggs/Stephen Cleobury/Coro del Maggio Musicale Fiorentino/Brigitte Fassbaender/Robert Gambill/Nicolai Gedda/Gwynne Howell/Dimitri Kavrakos/King's College Choir/Cambridge/Katia Labèque/Marielle Labeque/Catherine Malfitano/Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino/Lucia Popp, 2005 EMI
  • Rota, Music for Film - Orchestra Filarmonica della Scala/Riccardo Muti, 1997 SONY BMG
  • Rota: "La Strada", Concerto Per Archi & "Il Gattopardo" - Orchestra Filarmonica della Scala/Riccardo Muti, 1995 Sony
  • Rota, Piano Concerti - Giorgia Tomassi/Orchestra Filarmonica della Scala/Riccardo Muti, 1998 EMI
  • Schubert, Symphonies Nos 1 & 8 - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 2011 EMI
  • Schubert, Symphony No. 9 - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 1987 EMI
  • Schumann, The Symphonies - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 2001 Philips
  • Schumann, Symphonies 1 - 4 - Riccardo Muti, 2011 EMI
  • Scriabin, Symphonies - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2001 EMI
  • Tchaikovsky, Swan Lake & Sleeping Beauty Suites - Riccardo Muti/The Philadelphia Orchestra, 2012 EMI
  • Tchaikovsky: Symphonies 1-6; Ballet Music - Riccardo Muti, 2011 Warner/EMI
  • Verdi, Nabucco - Riccardo Muti/Philharmonia Orchestra, 1978 EMI
  • Verdi, Aida - Riccardo Muti, 2010 EMI
  • Verdi, La Traviata - Philharmonia Orchestra of London/Renato Bruson/Renata Scotto/Alfredo Kraus/Riccardo Muti, 1982 EMI Great Recordings of the Century
  • Verdi, La Traviata - Riccardo Muti/Roberto Gabbiani/Ernesto Gavazzi/Orchestra del Teatro alla Scala/Ernesto Panariello/Tiziana Fabbricini/Antonella Trevisan/Silvestro Sammaritano/Roberto Alagna/Coro del Teatro alla Scala/Enzo Capuano/Orazio Mori/Nicoletta Curiel/Francesco Musinu/Paolo Coni/Enrico Cossutta, 1993 Sony
  • Verdi, I Vespri Siciliani - Capuano/Cheryl Studer/Chris Merritt/Coro del Teatro alla Scala di Milano/Ernesto Gavazzi/Ferrero Poggi/Ferruccio Furlanetto/Francesco Musinu/Giorgio Zancanaro/Gloria Banditelli/Mario Chingari/Orchestra del Teatro alla Scala di Milano/Paulo Barbacini/Riccardo Muti, 1990 EMI
  • Verdi, Attila - Cheryl Studer/Coro del Teatro alla Scala di Milano/Ernesto Gavazzi/Giorgio Surian/Giorgio Zancanaro/Neil Shicoff/Orchestra del Teatro alla Scala di Milano/Riccardo Muti/Samuel Ramey, 1989 EMI
  • Verdi, Il trovatore - Riccardo Muti, 2001 Sony
  • Verdi, Don Carlo - Coro del Teatro alla Scala di Milano/Daniella Dessi/Luciana D'Intino/Luciano Pavarotti/Orchestra del Teatro alla Scala di Milano/Paolo Coni/Riccardo Muti/Samuel Ramey, 2006 EMI
  • Verdi, Un Ballo in Maschera - Plácido Domingo/Martina Arroyo/Piero Cappuccilli/Fiorenza Cossotto/Reri Grist/Riccardo Muti, 2005 EMI
  • Verdi, La Forza del Destino - Giorgio Zancanaro/Mirella Freni/Orchestra del Teatro alla Scala di Milano/Plácido Domingo/Riccardo Muti, 2003 EMI
  • Verdi, Macbeth - Sherrill Milnes/José Carreras/Fiorenza Cossotto/Riccardo Muti/Ruggero Raimondi, 1976 EMI
  • Verdi, Nabucco - Matteo Manuguerra/Nicolai Ghiaurov/Veriano Luchetti/Riccardo Muti/Elena Obraztsova/Renata Scotto, 1978 EMI
  • Verdi, Messa da Requiem - Riccardo Muti/Chicago Symphony Orchestra/Chicago Symphony Chorus/Barbara Frittoli/Olga Borodina/Mario Zeffiri/Ildar Abdrazakov, 2010 CSO Resound - Grammy Award for Best Classical Album 2011
  • Verdi, Requiem & Four Sacred Pieces - Riccardo Muti, 2011 Warner
  • Verdi, Requiem - Luciano Pavarotti/Coro del Teatro alla Scala di Milano/Riccardo Muti/Orchestra del Teatro alla Scala, Milano/Samuel Ramey/Cheryl Studer/Dolora Zajick, 1987 EMI
  • Verdi: Requiem & Cherubini: Requiem in C Minor - Riccardo Muti/Agnes Baltsa/Veriano Luchetti/Eugeny Nesterenko/Renata Scotto, 1995 EMI
  • Verdi: Preludes, Ballet Music & Opera Choruses - Riccardo Muti, 2013 EMI
  • Verdi, Opera Highlights - Riccardo Muti, 2013 EMI
  • Vivaldi, Magnificat - Gloria - Riccardo Muti/New Philharmonia Orchestra, 1977 EMI
  • Vivaldi, The Four Seasons - Riccardo Muti/Giulio Franzetti, 1994 EMI
  • 1997 New Year's Day Concert - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, 1997 EMI
  • New Year's Concert 2000 - Riccardo Muti/Wiener Philharmoniker, EMI
  • Conc. di Capodanno 2004, Strauss jr. e sr./Strauss Josef e Eduard/Lanner - Muti/Wiener Philharmoniker, Deutsche Grammophon
  • Riccardo Muti - The Platinum Collection, 2006 EMI
  • Muti, The Platinum Collection 2 - Riccardo Muti, 2006 EMI

DVD & BLU-RAY parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Mozart, Flauto magico (Salisburgo 2006) - Muti/Pape/Damrau/Groves/Wiener Philharmoniker, regia Pierre Audi 2006 Decca
  • Puccini, Manon Lescaut - Muti/Cura/Guleghina/Gallo, regia Liliana Cavani, 1998 TDK

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 1990[7]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1980[8]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 13 luglio 1978[9]
Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
— 13 gennaio 1997[10]

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Commendatore (onorario) dell'Ordine dell'Impero britannico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore (onorario) dell'Ordine dell'Impero britannico
— Milano, ottobre 2000
Großen Silbernen Ehrenzeichen für Verdienste um die Republik Österreich (Gran Commendatore di II classe) - nastrino per uniforme ordinaria Großen Silbernen Ehrenzeichen für Verdienste um die Republik Österreich (Gran Commendatore di II classe)
Ordine dell'Amicizia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia
Ufficiale della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'Onore
— Parigi, 4 giugno 2010
Croce al merito di I classe dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di I classe dell'Ordine al merito di Germania
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Gregorio Magno
— Città del Vaticano, Sala Nervi, 13 maggio 2012[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per l'arte - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per l'arte
— Oviedo, 21 ottobre 2011
  • Membro onorario della Royal Academy of Music (1981)
  • Grande medaglia d'oro Città di Milano
  • Musa del Palau de la Musica di Barcellona (1997)
  • Premio Wolf per le arti (Maggio 2000) da parte del presidente dello Stato d'Israele, "ad uno dei più eccezionali direttori d'orchestra del nostro tempo"
  • Cittadino Onorario di Besana in Brianza (MB) in occasione del X Convegno Bandistico Internazionale di Besana in Brianza
  • Cittadino Onorario di Molfetta (Ba) da cui ha ottenuto il Sigillo d'Onore della Municipalità di Molfetta.
  • Cittadino Onorario di Roma Capitale (non ha accettato l'onorificenza)[12][13]
  • Premio Birgit Nilsson (Svezia, 2011)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ravennafestival
  2. ^ Italy's Muti named new Chicago Symphony director, reuters.com, 5 maggio 2008. URL consultato il 2008.06.05.
  3. ^ http://151.12.58.143/RassegnaStampa/PDF/2009/2009-08-20/2009082013509370.pdf
  4. ^ Notizia su IlSole24ore
  5. ^ Chicago Symphony Orchestra, Director Riccardo Muti win 2 Grammy awards | abc7chicago.com
  6. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2005/04/03/milano-tra-le-macerie-della-scala.html
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  8. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  9. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  10. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  11. ^ Cfr. nota della Sala Stampa Vaticana
  12. ^ A Riccardo Muti la cittadinanza onoraria di Roma Capitale. URL consultato il 18-03-2011.
  13. ^ Approvata cittadinanza onoraria a Muti. URL consultato il 10-06-2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Riccardo Muti. Prima la musica, poi le parole. Autobiografia. Rizzoli, 2010.
  • Michelangelo Zurletti. La direzione d'orchestra. Grandi direttori di ieri e di oggi. Giunti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore musicale del Teatro alla Scala Successore
Claudio Abbado 1986-2005 Daniel Barenboim

Controllo di autorità VIAF: 110839517 LCCN: n81023012