Francesco De Mura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco De Mura (Napoli, 21 aprile 1696Napoli, 19 agosto 1782) è stato un pittore italiano.

Allegoria delle arti al Museo del Louvre

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato per circa un anno la bottega di Domenico Viola, a partire dal 1708 entrò a far parte dello studio di Francesco Solimena, dove rimase fino al 1730. L'influenza del Solimena e della sua tecnica pittorica si vede in maniera evidente nei dipinti risalenti al periodo 1720-30, tra le quali è da annoverare il Cristo morto in croce con san Giovanni del 1713 dipinto nella Chiesa di San Girolamo alle Monache. Nell'Immacolata e angeli (1715-1718), dipinta per la Chiesa di Santa Maria Porta Coeli a Napoli (ora nella Sacrestia del Divino Amore), già si vede il suo distacco dallo stile di Mattia Preti (impartitogli da Domenico Viola) verso un graduale schiarimento della sua tavolozza. Nel S. Antonio da Padova della pinacoteca del Pio Monte della Misericordia e nella Madonna col Bambino e s. Domenico del Museo Duca di Martina (Villa Floridiana) si procede verso il Rococò e il metodo di Luca Giordano. Verso il 1723 gli furono commissionate le tre tele per la cappella di S. Paride nella cattedrale di Teano, prima delle sue più grandi commissioni. Nel 1727 sposò Anna d'Ebreù. A partire dal 1728, con i dipinti per la Chiesa di Santa Maria Donnaromita il De Mura iniziò a mostrare un percorso pittorico più personale, forse anche influenzato dalle tematiche arcadiche in voga a Napoli in questo periodo.

Dal 1741 al 1743 soggiornò a Torino dove ebbe modo di conoscere il pittore Corrado Giaquinto e l'architetto Benedetto Alfieri.

Tornato a Napoli fu accolto da un vasto consenso al punto da essere ricevuto alla corte spagnola e mantenne contatti sia con diversi artisti attivi soprattutto a Roma, in particolare con il pittore francese Pierre Subleyras. Con la sua tecnica cromatica influenzò i contenuti realistici tipici del classicismo-rococò il Settecento artistico napoletano. La scuola barocca, in particolare dei maestri Francesco Solimena e Luca Giordano, è evidente nelle sue opere laiche - quali gli affreschi dei palazzi reali di Torino e Napoli - ed ecclesiastiche, come l'Epifania nella Nunziatella a Napoli, la decorazione della Chiesa di Santa Chiara a Napoli e la Moltiplicazione dei pani nella cattedrale di Foggia.

Alla sua morte lasciò tutte le opere e i bozzetti in suo possesso alla storica istituzione di carità del Pio Monte della Misericordia di Napoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Rizzo, DE MURA, Francesco, in Dizionario biografico degli italiani, XXXVIII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1990. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  • Achille della Ragione - Francesco De Mura eccellentissimo pittore - Napoli 2017
  • P. A. Orlandi-A. Roviglione, Abecedario pittorico..., Napoli 1731, p. 40;
  • O. Morisani, La vita di Solimena, di Antonio Roviglione (estratto da La Rassegna storica napoletana, nn. 1 e 2), Napoli 1941, p. 4;
  • B. De Dominici, Vite de' pittori, scultori ed architetti napoletani, III, Napoli 1743, pp. 692-705;
  • O. Giannone, Giunte sulle vite de' pittori napoletani, a cura di O. Massimini, Napoli 1941, p. 194;
  • G. Ceci, Lo studio di Francesco De Mura (estratto da Rassegna storica napoletana, I, nn.2 e 3), Napoli 1933, pp. 43-51, 107-118;
  • C. Lorenzetti, in La mostra della pittura italiana dei secoli XVII... (catal.), Napoli 1939, pp. 188-194;
  • Id., L'Accademia delle belle arti in Napoli, Firenze 1952, p. 52;
  • M. Rotili, L'arte del Sannio, Benevento 1952, pp. 143 s.;
  • G. Doria-F. Bologna, Mostra del ritratto storico napoletano (catal.), Napoli 1954, pp. 149 s.;
  • Id. Francesco Solimena, Napoli 1958, ad Indicem;
  • A. Griseri, Il Rococò a Torino e G. B. Crosato, in Paragone, XII (1961), 135, pp. 43, 48, 64;
  • Id., F. D. tra le corti di Napoli, Madrid e Torino, ibid., XIII (1962), 155, pp. 22 ss.;
  • Mostra del Barocco piemontese (catal.), Torino 1963, II, 1, pp. 14, 36 ss., 41 s., 89-91, tavv. XI, 105-115; II, 3, pp. 5, 28;
  • M. D'Elia, Mostra dell'arte in Puglia ... (catal.), Bari 1964, p. 111;
  • R. Enggass, F. D. alla Nunziatella, in Boll. d'arte, IL (1964), pp. 133-148;
  • W. Vitzhum, Disegni napoletani del Sei e del Settecento (catal.), Napoli 1966, p. 81;
  • Schede Vesme, II, Torino 1966, pp. 409- 12;
  • F. De Filippis, Imodelli degli arazzi per la reggia di Caserta, Napoli 1967, p. 5 2;
  • N. Spinosa, Domenico Mondo e il rococò napoletano, in Napoli nobilissima, s. 3, VI (1967), pp. 204, 216;
  • Seventeenth and Eighteenth Century paintings. Hazlitt Galleries, London 1968, p. 35;
  • H. Voss, Lorenzo De Caro..., in Festschrift Ulrich Middeldorf, Berlin 1968, pp. 494 ss.;
  • M. Causa Picone, Idisegni della Società napoletana di storia patria, in Arch. stor. per le prov. napol., VII-VIII (1968-1969), pp. 131-177;
  • The two Sicilies (catal.), New York 1970, p. 33;
  • R. Causa, Opere d'arte nel Pio Monte della Misericordia, Napoli 1970, ad Indicem;
  • Id., L'arte nella certosa di S. Martino..., Napoli 1973, ad Indicem;
  • N. Spinosa, A propos d'un tableau de D. au Musée du Louvre, in La Revue du Louvre, 1975, n. 5-6, pp. 368-376;
  • Id., Affreschi superstiti del Settecento nelle ville vesuviane, in 'Nferta napoletana, 1975, pp. 137-158;
  • J. Urrea Fernandez, Nuevas obras de F. D. en España, in Storia dell'arte, 1975, 23, pp. 75 s.;
  • M. Pavone, P. De Majo, Pittura e devozione a Napoli nel secolo del "lumi", Napoli 1977, pp. 50 s.;
  • E. C . Catello, La Cappella del Tesoro di S. Gennaro, Napoli 1977, pp. 75 ss.;
  • Civiltà del '700 a Napoli (catal.), Firenze 1979, I-II, ad Indicem;
  • V. Rizzo, L'opera giovanile di F. D., in Napoli nobilissima, XVII (1978), pp. 93-113;
  • Le arti figurative a Napoli nel Settecento, Napoli 1979, pp. 53 s.;
  • O. Ferrari, Considerazioni sulle vicende artistiche a Napoli durante il viceregno austriaco..., in Storia dell'arte, 1979, 35, pp. 11-27;
  • V. Rizzo, Sculture inedite di D. A. Vaccaro..., in Napoli nobilissima, XVIII (1979), pp. 136, 138, 139;
  • N. Spinosa, More unpublished works by Francesco Solimena, in The Burlington Magazine, CXXI (1979), pp. 211-220;
  • V. Rizzo, La maturità di F. D., in Napoli nobilissima, XIX (1980), pp. 29-47;
  • N. Spinosa, Pitture sacre a Napoli del '700, Napoli 1980, pp. 102 ss.;
  • V. Rizzo, Notizie su Gaspare Traversi ed altri artisti napoletani del '700, in Napoli nobilissima, XX (1981), pp. 22, 34;
  • D. Pasculli Ferrara, Aggiunta pugliese a F. D., ibid., pp. 49-68;
  • M. Picone, Disegni napoletani del Settecento, Napoli 1981, pp. 38 ss.;
  • Settecento napoletano, Documenti, a c. di F. Strazzullo, I, Napoli 1982, ad Ind.;
  • P. Rosenberg, Tre note napoletane, in Arti e civiltà del '700 a Napoli, Bari 1982, pp. 89 ss.;
  • N. Spinosa, Pittura napoletana e rapporti tra Napoli e Madrid nel Settecento, ibid., pp. 199 ss.;
  • F. Bologna, La dimensione europea della cultura artistica napoletana nel XVII sec., ibid., pp. 33 ss.;
  • O. Lehinann Brockhaus, Abruzzen und Molise, München 1983, pp. 417, 419;
  • Restauri in Puglia 1971-1981, I (catal.), Fasano di Puglia 1983, pp. 35-38;
  • V. Rizzo, Nuovi docc., tele ined. e precisazioni su F.D., in Napoli nobilissima, XXV (1986), pp. 113-127;
  • N. Spinosa, Pitt. napoletana del Settecento [I-II], Napoli 1986-87, ad Indicem.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15698551 · ISNI (EN0000 0000 6680 5902 · Europeana agent/base/97325 · LCCN (ENnr95044113 · GND (DE124196853 · BNF (FRcb17794130c (data) · ULAN (EN500016904 · CERL cnp00579444 · WorldCat Identities (ENnr95-044113