Francesco De Mura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco De Mura (Napoli, 21 aprile 1696Napoli, 19 agosto 1782) è stato un pittore italiano.

Allegoria delle arti al Museo del Louvre

Biografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato la bottega di Domenico Viola, a partire dal 1708 entrò a far parte dello studio di Francesco Solimena, dove rimase fino al 1730. L'influenza del Solimena e della sua tecnica pittorica si vede in maniera evidente nei dipinti risalenti al periodo 1720-30, tra le quali è da annoverare il Cristo morto in croce con san Giovanni del 1713 dipinto nella Chiesa di San Girolamo alle Monache. Nel 1727 sposò Anna d'Ebreù. A partire dal 1728, con i dipinti per la Chiesa di Santa Maria Donnaromita il De Mura iniziò a mostrare un percorso pittorico più personale, forse anche influenzato dalle tematiche arcadiche in voga a Napoli in questo periodo.

Dal 1741 al 1743 soggiornò a Torino dove ebbe modo di conoscere il pittore Corrado Giaquinto e l'architetto Benedetto Alfieri.

Tornato a Napoli fu accolto da un vasto consenso al punto da essere ricevuto alla corte spagnola e mantenne contatti sia con diversi artisti attivi soprattutto a Roma, in particolare con il pittore francese Pierre Subleyras. Con la sua tecnica cromatica influenzò i contenuti realistici tipici del classicismo-rococò il Settecento artistico napoletano. La scuola barocca, in particolare dei maestri Francesco Solimena e Luca Giordano, è evidente nelle sue opere laiche - quali gli affreschi dei palazzi reali di Torino e Napoli - ed ecclesiastiche, come l'Epifania nella Nunziatella a Napoli, la decorazione della Chiesa di Santa Chiara a Napoli e la Moltiplicazione dei pani nella cattedrale di Foggia.

Alla sua morte lasciò tutte le opere e i bozzetti in suo possesso alla storica istituzione di carità del Pio Monte della Misericordia di Napoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Rizzo, DE MURA, Francesco, in Dizionario biografico degli italiani, XXXVIII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1990. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  • Achille della Ragione - Francesco De Mura eccellentissimo pittore - Napoli 2017
  • P. A. Orlandi-A. Roviglione, Abecedario pittorico..., Napoli 1731, p. 40;
  • O. Morisani, La vita di Solimena, di Antonio Roviglione (estratto da La Rassegna storica napoletana, nn. 1 e 2), Napoli 1941, p. 4;
  • B. De Dominici, Vite de' pittori, scultori ed architetti napoletani, III, Napoli 1743, pp. 692-705;
  • O. Giannone, Giunte sulle vite de' pittori napoletani, a cura di O. Massimini, Napoli 1941, p. 194;
  • G. Ceci, Lo studio di Francesco De Mura (estratto da Rassegna storica napoletana, I, nn.2 e 3), Napoli 1933, pp. 43-51, 107-118;
  • C. Lorenzetti, in La mostra della pittura italiana dei secoli XVII... (catal.), Napoli 1939, pp. 188-194;
  • Id., L'Accademia delle belle arti in Napoli, Firenze 1952, p. 52;
  • M. Rotili, L'arte del Sannio, Benevento 1952, pp. 143 s.;
  • G. Doria-F. Bologna, Mostra del ritratto storico napoletano (catal.), Napoli 1954, pp. 149 s.;
  • Id. Francesco Solimena, Napoli 1958, ad Indicem;
  • A. Griseri, Il Rococò a Torino e G. B. Crosato, in Paragone, XII (1961), 135, pp. 43, 48, 64;
  • Id., F. D. tra le corti di Napoli, Madrid e Torino, ibid., XIII (1962), 155, pp. 22 ss.;
  • Mostra del Barocco piemontese (catal.), Torino 1963, II, 1, pp. 14, 36 ss., 41 s., 89-91, tavv. XI, 105-115; II, 3, pp. 5, 28;
  • M. D'Elia, Mostra dell'arte in Puglia ... (catal.), Bari 1964, p. 111;
  • R. Enggass, F. D. alla Nunziatella, in Boll. d'arte, IL (1964), pp. 133-148;
  • W. Vitzhum, Disegni napoletani del Sei e del Settecento (catal.), Napoli 1966, p. 81;
  • Schede Vesme, II, Torino 1966, pp. 409- 12;
  • F. De Filippis, Imodelli degli arazzi per la reggia di Caserta, Napoli 1967, p. 5 2;
  • N. Spinosa, Domenico Mondo e il rococò napoletano, in Napoli nobilissima, s. 3, VI (1967), pp. 204, 216;
  • Seventeenth and Eighteenth Century paintings. Hazlitt Galleries, London 1968, p. 35;
  • H. Voss, Lorenzo De Caro..., in Festschrift Ulrich Middeldorf, Berlin 1968, pp. 494 ss.;
  • M. Causa Picone, Idisegni della Società napoletana di storia patria, in Arch. stor. per le prov. napol., VII-VIII (1968-1969), pp. 131-177;
  • The two Sicilies (catal.), New York 1970, p. 33;
  • R. Causa, Opere d'arte nel Pio Monte della Misericordia, Napoli 1970, ad Indicem;
  • Id., L'arte nella certosa di S. Martino..., Napoli 1973, ad Indicem;
  • N. Spinosa, A propos d'un tableau de D. au Musée du Louvre, in La Revue du Louvre, 1975, n. 5-6, pp. 368-376;
  • Id., Affreschi superstiti del Settecento nelle ville vesuviane, in 'Nferta napoletana, 1975, pp. 137-158;
  • J. Urrea Fernandez, Nuevas obras de F. D. en España, in Storia dell'arte, 1975, 23, pp. 75 s.;
  • M. Pavone, P. De Majo, Pittura e devozione a Napoli nel secolo del "lumi", Napoli 1977, pp. 50 s.;
  • E. C . Catello, La Cappella del Tesoro di S. Gennaro, Napoli 1977, pp. 75 ss.;
  • Civiltà del '700 a Napoli (catal.), Firenze 1979, I-II, ad Indicem;
  • V. Rizzo, L'opera giovanile di F. D., in Napoli nobilissima, XVII (1978), pp. 93-113;
  • Le arti figurative a Napoli nel Settecento, Napoli 1979, pp. 53 s.;
  • O. Ferrari, Considerazioni sulle vicende artistiche a Napoli durante il viceregno austriaco..., in Storia dell'arte, 1979, 35, pp. 11-27;
  • V. Rizzo, Sculture inedite di D. A. Vaccaro..., in Napoli nobilissima, XVIII (1979), pp. 136, 138, 139;
  • N. Spinosa, More unpublished works by Francesco Solimena, in The Burlington Magazine, CXXI (1979), pp. 211-220;
  • V. Rizzo, La maturità di F. D., in Napoli nobilissima, XIX (1980), pp. 29-47;
  • N. Spinosa, Pitture sacre a Napoli del '700, Napoli 1980, pp. 102 ss.;
  • V. Rizzo, Notizie su Gaspare Traversi ed altri artisti napoletani del '700, in Napoli nobilissima, XX (1981), pp. 22, 34;
  • D. Pasculli Ferrara, Aggiunta pugliese a F. D., ibid., pp. 49-68;
  • M. Picone, Disegni napoletani del Settecento, Napoli 1981, pp. 38 ss.;
  • Settecento napoletano, Documenti, a c. di F. Strazzullo, I, Napoli 1982, ad Ind.;
  • P. Rosenberg, Tre note napoletane, in Arti e civiltà del '700 a Napoli, Bari 1982, pp. 89 ss.;
  • N. Spinosa, Pittura napoletana e rapporti tra Napoli e Madrid nel Settecento, ibid., pp. 199 ss.;
  • F. Bologna, La dimensione europea della cultura artistica napoletana nel XVII sec., ibid., pp. 33 ss.;
  • O. Lehinann Brockhaus, Abruzzen und Molise, München 1983, pp. 417, 419;
  • Restauri in Puglia 1971-1981, I (catal.), Fasano di Puglia 1983, pp. 35-38;
  • V. Rizzo, Nuovi docc., tele ined. e precisazioni su F.D., in Napoli nobilissima, XXV (1986), pp. 113-127;
  • N. Spinosa, Pitt. napoletana del Settecento [I-II], Napoli 1986-87, ad Indicem.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15698551 · ISNI (EN0000 0000 6680 5902 · LCCN (ENnr95044113 · GND (DE124196853 · ULAN (EN500016904 · CERL cnp00579444 · WorldCat Identities (ENnr95-044113