Napoli Comicon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napoli COMICON
Napoli Comicon.png
Luogo Napoli, Italia
Anni 1998-oggi
Date Tra fine aprile e inizio maggio
Genere Fumetti, animazione,
videogiochi, giochi di ruolo
Sito ufficiale Comicon.it
La Mostra d'Oltremare durante la Manifestazione

Napoli COMICON - Salone Internazionale del Fumetto e del Gioco è una fiera annuale dedicata al fumetto e all'animazione che si svolge ogni anno a Napoli, in 4 giorni (in 3 giorni fino all'edizione 2011, tranne nell'edizione 2008 che si è svolta comunque in 4 giorni) solitamente in primavera alla Mostra d'Oltremare a Fuorigrotta (fino al 2009 a Castel Sant'Elmo al Vomero, tranne l'edizione 2000, svoltasi a Villa Pignatelli). La prima edizione risale al 1998. Nelle edizioni 2010 e 2011, le due sedi di Castel Sant'Elmo e Mostra d'Oltremare hanno entrambe ospitato la manifestazione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Piazzale Colombo durante il Napoli Comicon 2013
Il Teatro Mediterraneo allestito durante il Napoli Comicon 2013

Tra gli stand del salone sono presenti diversi editori ed è possibile acquistare fumetti e gadget vari. Il programma prevede numerose proiezioni di video di animazione. Caratteristici della manifestazione sono i Premi Micheluzzi che vengono assegnati ogni anno in varie categorie, agli autori e case editrici dei fumetti del momento, e, dall'edizione 2005, il Comicon Cosplay Challenge (anche questo con vari premi) che si svolge nell'auditorium (dal 2010 su un palco all'aperto nella Mostra d'Oltremare) l'ultimo giorno della fiera (la domenica, nell'edizione 2012[1]). Tra le altre attività fisse della manifestazione è da citare il concorso Imago, concorso di disegno a tema sociale (ogni anno con un tema diverso) riservato agli studenti di scuole elementari e medie inferiori, e i cui vincitori per le varie categorie vengono decisi dagli stessi visitatori, attraverso una votazione a scrutinio segreto.

Con la decima edizione (2008) la rassegna ha inaugurato una sezione legata alla Animazione al computer 3D che ha visto come ospiti Stefano Balassone, produttore televisivo e docente di "Economia dei Media" e di "Tecniche del linguaggio Radiotelevisivo", David Gallo (Direct 2 Brain), VFX producer, Alessandro Rak e Andrea Scoppetta - Rak e Scopp, (GG Studio) Animazione tradizionale, Raffaele Schiavullo, (Dot Mind In Motion), 3D, Alessio Viscione, (VisualFX), Virtual Effects, Marco Bottigliero, (LetMeDo.Tv).

L'edizione 2009 ha avuto una quantità di visitatori di molto superiore alle aspettative dell'organizzazione, tanto che vi sono stati vari problemi di sicurezza (ad esempio molti visitatori non sono riusciti neanche ad entrare). A tale edizione sono infatti seguite varie polemiche su Internet da parte di chi ha subito questi disagi,[2][3][4] e la creazione di un gruppo su Facebook con oltre 500 iscritti che chiedeva lo spostamento della manifestazione nella più ampia e spaziosa Mostra d'Oltremare. In seguito alle polemiche, a gennaio 2010, l'organizzazione della fiera ha stabilito, per l'edizione 2010, che il Comicon si dividesse in due sedi: quella storica, Castel Sant'Elmo, ha ospitato gli editori (tranne Panini e J-Pop, che erano alla mostra mercato), i concorsi Imago, i premi Micheluzzi, le proiezioni, le conferenze, l'antiquariato e le mostre artistiche; la nuova sede, più spaziosa, della Mostra d'Oltremare, invece, ha ospitato la gara cosplay, gli stand relativi a giochi e videogiochi (tra cui un ampio spazio in particolare dello stand Nintendo con varie console Wii in funzione, a disposizione del pubblico con i giochi più in voga), e la mostra mercato di fumetterie, negozi di giochi o videogiochi e distributori ecc.. Infatti, nell'edizione 2010, il Comicon si è unito al Gamecon, creandone un'unica fiera multimediale che spazia su una vasta parte dell'intrattenimento: dal gioco da tavolo, al cartone animato, al fumetto, al videogioco.[5]. Inoltre, sempre dall'edizione 2010, un vincitore della gara cosplay è selezionato per le finali a Londra dell'Eurocosplay Championship.

Dal 2011 si tiene a Salerno uno spin-off della manifestazione, diventata a partire dal 2015 un singolo evento dedicato ad un tema specifico.

Dall'edizione 2012, il Castel Sant'Elmo viene abbandonato per spostare tutto l'evento in tre padiglioni[6] della Mostra d'Oltremare. La decisione è stata presa in seguito ad un sondaggio fatto dall'organizzazione stessa attraverso la propria pagina Facebook ufficiale[7]. Sempre dall'edizione 2012, si inaugura il settore Asian Village, uno spazio tutto dedicato alla cultura giapponese.[8][9]

Nelle varie edizioni sono stati presenti in qualità di ospiti numerosi artisti del settore sia nazionali sia internazionali, tra i quali Milo Manara, Sergio Toppi, David Lloyd (che nell'edizione 2006 ha presentato l'anteprima nazionale di V per Vendetta) e Go Nagai.[10]

Negli ultimi anni, la gestione degli allestimenti audiovisivi quali, impianti audio, impianti di videoproiezione, regia audio video ecc., sono stati affidati ad una delle aziende leader nel settore contribuendo al successo ed arricchendo l'impatto audiovisivo del Comicon.

Alla manifestazione principale inoltre si sono aggiunte mostre visitabili anche in giorni precedenti e/o seguenti la manifestazione stessa, ed anche altre mostre ed eventi (inseriti nel programma cosiddetto "COMIC(ON)OFF") posti in luoghi al di fuori del luogo principale della manifestazione (es.centri commerciali, musei, negozi ecc.).

Tema centrale[modifica | modifica wikitesto]

Alcune edizioni del Napoli Comicon hanno avuto uno o più Paesi come ospiti a cui è dedicata la manifestazione, e alcune delle mostre, delle proiezioni, delle conferenze e degli incontri vengono dedicati ad artisti e opere del fumetto e dell'animazione provenienti da quei Paesi.

Dall'edizione del 2007 il tema centrale è passato dalla nazione (a cui corrisponde una scuola fumettistica) al colore, scelto fra i quattro colori base della stampa tipografica (ciano, magenta, giallo e nero). A ciascuno di questi colori sono associati richiami e simbolismi di vario tipo e genere che fungono da filo conduttore per le varie iniziative presentate.

A partire dal 2011 Comicon ha inaugurato un altro ciclo quadriennale che vuole legare il Fumetto, inteso come "nona Arte", con le altre arti, mostrando nel programma le interazioni e le influenze reciproche. Ogni anno una delle arti sarà protagonista in maniera specifica: nel 2011 è stata la volta della Musica, mentre nel 2012 è stato approfondito il rapporto tra Fumetto e Letteratura, che ha preso il posto della annunciata Architettura, che è stato protagonista dell'edizione 2013. Nel 2014 il tema principale, che ha chiuso il ciclo dell'interazione del fumetto con le arti, è stato Fumetto e Cinema.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Eriko, cantante dei K-ble Jungle, in concerto all'edizione 2012

Ospiti[modifica | modifica wikitesto]

Ospiti musicali: K-ble Jungle, Mika Kobayashi, Bakusute Sotokanda Icchome, Alex Chen,

  • 17ª Edizione (2015): Milo Manara, Tanino Liberatore, Davide Toffolo, Don Alemanno, Giacomo Keison Bevilacqua, Zerocalcare, Tuono Pettinato, Domingo Roberto Mandrafina, Alessandro di Virgilio, Massimiliano Frezzato, Gud, Maurizio Rosenzweig, Silvia Ziche, Sio, Angel de la Calle, Maurizio de Giovanni, Nicolò Nebo Zuliani, Keko, Emanuele Gizzi, Giovanni Masi, Squaz, Jens Harder, Kaare Andrews, Ryan Lovelock, Armin Barducci, Jacques de Loustal, Winshluss, Enrique Breccia, Goran Parlov, Francesco Francini, Matteo Scalera, Mirka Andolfo, Leo Ortolani, Kevin O' Neil, Yoshiki Tonogai, Ryuhei Tamura, Roberto dal Prà, Antonio Altaribba, Roberto Recchioni, Paolo Castaldi, Giuseppe Palumbo, Tito Faraci, Francesca Riccioni, Andrea Ferraris, Silvia Rocchi, Leomacs, Michele Petrucci, Marco Rizzo, Alfredo Castelli, Vincenzo Sparagna, Mauro Uzzeo, Mike Mckone, Rodolfo Torti, Daniele Caluri, Alessandro Rak, Nix, Lorenza Di Sepio, Nicola Saviori, Davide Barzi, Fabiano Ambu, Andrea Chiarvesio, Theo, Pierluca Zizzi, Rob Alexander, Giuseppe Camuncoli, Fabrizio Des Dorides, Stefano Antonucci, Claudio Iemmola, Scottecs, Michele Monteleone, Riccardo La Bella, Angela Vianello, Mauro Forte, Jessica Cioffi, Pierz, Davide La Rosa.

Ospiti musicali: K-ble Jungle, Adams, The Asterplace, Loverin Tamburin, Airly, Dorian Gray (Sound and Vision[22] con Ausonia).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comicon Cosplay Challenge 2012, Comicon.it. URL consultato il 14 aprile 2012.
  2. ^ Napoli Comicon 2009, “un'edizione con il botto”, video e interviste, Animeclick.it, 15 maggio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  3. ^ Napoli Comicon 2009. 26000 biglietti entusiasti e 3 domande da 1 deluso, ComicsAddicted, 8 maggio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  4. ^ Napoli Comicon 2009: news dalla convention, Comicus.it, 27 aprile 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  5. ^ Napoli Comicon cambia! (PDF), Comicon.it, 8 gennaio 2010. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  6. ^ Padiglioni 1, 2 e 3, con ingresso da Piazzale Tecchio Info Napoli COMICON, Comicon.it. URL consultato il 14 aprile 2012.
  7. ^ Eccoci, vogliamo cominciare dall'argomento che ci sta più a cuore? In realtà dai commenti sembra così, ma davvero volete tutti che concentriamo le attività solo alla Mostra d'Oltremare, lasciando il Castello? Votate (e fate votare)!, Pagina ufficiale del Comicon su Facebook, 27 febbraio 2012. URL consultato il 14 aprile 2012.
  8. ^ Napoli Comicon presenta Japan Village, Comicon.it, 4 marzo 2012. URL consultato il 14 aprile 2012.
  9. ^ Japan Village a Napoli Comicon, Comicon.it. URL consultato il 14 aprile 2012.
  10. ^ Comicon 2007, a Napoli arriva Go Nagai, Fumetto.it, 5 marzo 2007. URL consultato il 22 luglio 2008.
  11. ^ Napoli Comicon 2000, Fumetti.org. URL consultato il 14 aprile 2012.
  12. ^ Un'edizione col botto, per COMICON!, Comicon.it, 28 aprile 2008. URL consultato il 6 maggio 2010.
  13. ^ Arrivederci al 2009!, Comicon.it, 28 aprile 2008. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  14. ^ ARRIVEDERCI AL 2010!, Comicon.it, 28 aprile 2009. URL consultato il 6 maggio 2010.
  15. ^ TRENTADUEMILA BIGLIETTI A COMICON, TRA SANT'ELMO E MOSTRA D'OLTREMARE, Comicon.it, 3 maggio 2010. URL consultato il 6 maggio 2010.
  16. ^ Grande Successo per Napoli COMICON, Comicon.it, 2 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  17. ^ Napoli Comicon 2012, dal 28 aprile al 1 maggio, Comicon.it, 14 marzo 2012. URL consultato il 14 aprile 2012.
  18. ^ Comicon – Sito Ufficiale, comicon.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  19. ^ Il successo della XV edizione, comicon.it. URL consultato il 29 aprile 2013.
  20. ^ Ci vediamo il prossimo anno!, Comicon.it, 12 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  21. ^ a b c Grazie a un accordo pluriennale con la Mostra d’Oltremare sono già stabilite le date delle prossime edizioni di Napoli COMICON, che avranno luogo nel parco espositivo di Fuorigrotta dal 30 aprile al 3 maggio nel 2015 (XVII Ed.), dal 22 al 25 aprile nel 2016 (XVIII Ed.) e dal 28 aprile al 1 maggio nel 2017 (XIX Ed.)., comicon.it, 5 settembre 2014. URL consultato il 5 settembre 2014.
  22. ^ Sound & Vision viaggio nella musica per immagini, su Napoli COMICON. URL consultato il 15 marzo 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]