Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Autostrada A3 (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autostrada A3
Autostrada A3 Italia.svg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Campania Campania
Basilicata Basilicata
Calabria Calabria
Mappa della Autostrada A3
Dati
Classificazione Autostrada
Inizio Napoli
Fine Reggio di Calabria
Lunghezza 494,6[1] km
Data apertura 1929[2]
Gestore Autostrade Meridionali (tratto Napoli-Salerno)
ANAS (tratto Salerno-Reggio Calabria)
Percorso
Strade europee Italian traffic signs - strada europea 45.svg · Italian traffic signs - strada europea 90.svg

L'autostrada A3 Napoli-Reggio Calabria, parte della E45 e della E90, ha un'estensione totale di 494,9 km e rappresenta il secondo tronco della cosiddetta Autostrada del Sole, l'autostrada che collega il nord con il sud della penisola, da Milano a Reggio Calabria.

L'A3 si divide in due segmenti principali che corrispondono alle tratte in gestione delle società SAM SpA, concessionaria del Gruppo Autostrade per l'Italia, da Napoli a Salerno e ANAS SpA, da Salerno a Reggio Calabria.

In corrispondenza del punto dove avviene il cambio di gestione si ha l'azzeramento della progressiva chilometrica. La A3 attraversa la Campania per 171,0 km, la Basilicata per 30,0 km e la Calabria per 293,9 km.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Napoli-Salerno[modifica | modifica wikitesto]

Il primo tratto completato è quello Napoli-Pompei, completata il 22 giugno 1929. Il tratto Pompei-Salerno è stato completato il 16 luglio 1961. Nel 2004 è stato finanziato l'ammodernamento dell'Autostrada fino a Castellammare di Stabia, che è stato terminato nel 2015 rendendo la tratta interamente a 3 corsie, con asfalto drenante e segnaletica definitiva.

Salerno-Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964 il governo italiano decise di finanziare la costruzione di un'autostrada che collegasse il resto dell'Italia alla Calabria, regione fino a quel momento considerata "l'Isola nella Penisola" o "la Terza Isola" perché gli aspri rilievi non permettevano di raggiungerla facilmente.[3] Di seguito la cronologia dell'apertura dei tratti dell'autostrada:

A lavori finiti l'autostrada presentava due strette corsie per senso di marcia ed era priva di corsie d'emergenza, somigliando più a una grande strada statale a doppia corsia. A causa delle curve pericolose e delle carreggiate strette (3,5 metri di larghezza), negli anni a venire si sono verificati decine di incidenti e ingorghi.

Negli anni seguenti si sono susseguiti progetti di ammodernamento e ampliamento che hanno portato alla progressiva cantierizzazione di tratte per l'ampliamento a due carreggiate (tra Salerno Fratte e Sicignano degli Alburni la tratta è stata ammodernata a 3 corsie più corsia d'emergenza). Considerata l'importanza dell'opera e le caratteristiche del territorio interessato l'attività di ammodernamento ha visto diverse indagini sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nei relativi appalti, alcune operazioni di polizia finite sulle cronache nazionali[4] e il presenziamento dei cantieri da parte delle forze dell'ordine[5][6].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Mappa autostrada A3

L'Autostrada A3 è divisa in due sottotronchi autostradali: Napoli - Salerno (km 52 gestione SAM di cui circa la metà a tre corsie) e Salerno - Reggio Calabria (km 442,9 gestione ANAS in gran parte soggetta a costanti lavori di ammodernamento) a due corsie e a tre corsie solo nel tratto che va dal km 2,5 (svincolo per il raccordo autostradale Salerno-Avellino) al km 54 (svincolo per il raccordo autostradale Sicignano-Potenza)

Napoli-Salerno[modifica | modifica wikitesto]

A3 all'altezza di Torre Annunziata (NA).

Si estende per 52 km nel circondario di Napoli e nella provincia di Salerno. La tratta è gestita dalla SAM (Società Autostrade Meridionali).

L'autostrada ha inizio nel centro di Napoli, con quattro rami: uno da Via Reggia di Portici (il più antico), uno che proviene direttamente dal Porto commerciale, uno di più recente costruzione da Via Ferraris e uno da Via delle Repubbliche Marinare. I primi tre rami congiunti proseguono nei quartieri popolari di Barra e San Giovanni, fortemente industrializzati. Poco dopo riceve il traffico dell'A1 per confluire nella Barriera di Napoli Barra dove si paga un pedaggio fisso per qualsiasi destinazione.

Più avanti si incontra lo svincolo di San Giorgio nord per continuare verso sud toccando Portici, Ercolano, Torre del Greco e Torre Annunziata (con due svincoli). Arrivati a Pompei l'Autostrada ha le prime due curve, la prima verso Castellammare di Stabia, la seconda verso est in direzione di Nocera Inferiore. Arrivati a Pompei est - Scafati l'Autostrada incontra i due svincoli di Angri e poi verso Nocera Inferiore ov'è presente un'altra barriera prima dello svincolo di Cava de' Tirreni. Dopo un tratto panoramico si entra in galleria, alla fine della quale si trova l'uscita di Salerno Centro e il limite di competenza della tratta SAM.

Con i lavori effettuati durante il corso del 2014, che comportarono la ricostruzione di due cavalcavia nei pressi di Torre Annunziata[7], la tratta Napoli-Castellammare fu trasformata a 3 corsie.

Salerno-Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

L'autostrada A3 nei pressi di Nocera Terinese

La tratta è gestita dall'ANAS senza pedaggio e si estende per 442,9 km nelle province di Salerno, Potenza, Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria, dove si innesta sulla strada statale 106 Jonica.

L'Autostrada inizia senza soluzione di continuità dall'A3 Napoli - Salerno, in corrispondenza dello svincolo di Salerno Centro, e, con un breve tracciato a due corsie, passa il quartiere salernitano di Fratte, (dove parte la Tangenziale di Salerno). Superato il raccordo per Avellino si apre un tratto a tre corsie più quella di emergenza, con gallerie e viadotti che attraversano: San Mango Piemonte, Pontecagnano (fine Tangenziale di Salerno), Montecorvino Pugliano, Battipaglia, Eboli, Campagna, Contursi Terme, Sicignano degli Alburni (collegamento con Potenza), Petina, Polla, Atena Lucana, Sala Consilina e Padula. Superato lo svincolo di Sicignano l'Autostrada prosegue a due corsie e, superate le montagne di Casalbuono entra in Basilicata. Dopo aver superato il fiume Lao entra in Calabria, a Mormanno.

Oltrepassato lo svincolo di Firmo-Sibari l'Autostrada ha di nuovo un tracciato ammodernato, che attraversa tutta la zona interna del Cosentino. Superato lo svincolo di Cosenza, l'Autostrada attraversa le varie montagne in direzione Altilia. Qui troviamo un tracciato impervio risalente ai primi anni 70, con carreggiate ancora da ammodernare in quanto non conformi alle normative europee. Arrivati ad Altilia inizia il nuovo tratto ammodernato che prosegue fino a Pizzo Calabro e ritorna all'interno con lo svincolo di Vibo Valentia.

L'autostrada attraversa successivamente la parte costiera della piana di Rosarno e della piana di Gioia Tauro, per finire nei comuni costieri di Bagnara Calabra, Scilla, Villa San Giovanni (con imbarchi per la Sicilia) e infine a Reggio Calabria, innestandosi sulla tangenziale di Reggio Calabria.

Reggio Calabria: termine dell'autostrada A3 e innesto del RA 4

Lavori di ricostruzione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa, aggiornata al 18 aprile 2015, con i tratti completati, in fase di ammodernamento e da ammodernare.

Al 24 luglio 2015, con l'apertura del lotto della galleria Fossino, sono stati completati 350,75 km, 20,5 km sono in fase di ammodernamento o ricostruzione, mentre 98,65 km devono ancora essere cantierizzati.

I tratti già completati sono quelli tra gli svincoli di:

I tratti dell'autostrada in fase di ammodernamento al 24 luglio 2015 sono tra gli svincoli di:

I tratti da ammodernare sono relativi a 95,65 km, cioè tra gli svincoli di:

Il costo totale dei lavori di ammodernamento dell'autostrada A3 dal 1998 (inizio lavori) a novembre 2012 è stato pari a 7,443 miliardi di €; tuttavia, sono ancora necessari 3,1 miliardi per la realizzazione di 58 km di tratte in avanzata fase di progettazione.[11][12]

I viadotti[modifica | modifica wikitesto]

Il viadotto Sfalassà visto da Solano

Realizzata su terreni irregolari, l'autostrada richiese la costruzione di numerosi viadotti, alcuni dei quali demoliti e sostituiti nel corso dell'opera di ammodernamento.

Viadotti campani[modifica | modifica wikitesto]

Una cospicua presenza di viadotti si localizza soprattutto tra Pompei e Salerno. Il primo per rilevanza è il viadotto Castellammare, esso fu realizzato durante il primo tratto Napoli-Pompei. La struttura è bassa e si sviluppa su circa 200 metri, attualmente è affiancato da un nuovo viadotto sul quale è stata realizzata la carreggiata verso Salerno e Reggio Calabria; il vecchio viadotto ad archi (a quattro corsie, ovvero due di marcia per carreggiata) è stato utilizzato come carreggiata verso Napoli. Oltrepassata l'uscita di Cava de' Tirreni si arriva nel tratto montano della Campania: prima i Monti Lattari e poi l'Appennino campano. I viadotti sono costituiti da archi parabolici in calcestruzzo iperstatico tranne alcuni come il Viadotto Vietri costituito da una struttura sorretta da esili pilastri a distanza ravvicinata divisi in spezzoni. I viadotti realizzati dopo l'uscita di Salerno, appartenenti al macrolotto 1, sono stati demoliti e sostituiti con viadotti in sistema misto.

I viadotti originari erano in calcestruzzo e furono caratterizzati dalle diverse tecniche costruttive, ad esempio il viadotto Tanagro, lungo 100 metri ed alto 30 era costituito da un arco parabolico a via superiore iperstatico, fu fatto brillare nei lavori di adeguamento e sostituito. Molto frequente fu la tipologia a stampella[13], il vecchio viadotto Lontano (progetto dell'ingegnere Riccardo Morandi) ne era un esempio.

Viadotti lucano-calabri[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato dell'autostrada si sviluppa in un territorio geologicamente complesso e con un profilo altimetrico piuttosto movimentato: le catene montuose di Pollino e Sila (l'Aspromonte viene solamente costeggiato dal tracciato autostradale) vengono superate attraverso i due valichi di Campotenese e Piano Lago. All'epoca della costruzione si preferì, per motivi tecnici, la costruzione in viadotto piuttosto che in galleria e da questo è derivato un tracciato a tratti tortuoso e con raggi di curvatura molto stretti. Questi ultimi rappresentano uno dei maggiori sforzi dell'ingegneria civile impegnata nella progettazione e realizzazione di viadotti a grandi luci in sistema misto (acciaio e calcestruzzo armato) e altezze notevoli. Furono impegnati anche alcuni degli ingegneri più noti del panorama italiano, ci furono anche i progettisti degli arditi viadotti dell'A1 realizzati circa un decennio prima, tra questi ci sono anche Silvano Zorzi e Fabrizio de Miranda. I più noti sono:

  • il viadotto Italia sul Lao (1967-1973) fu progettato da Fabrizio de Miranda che utilizzò la soluzione calcestruzzo-acciaio che in quegl anni volle diffondere, per massimizzare con la loro interazione, le migliori caratteristiche di questi due elementi. Vinse il concorso nazionale di progettazione. L'opera è lunga 1.161 metri e la parte centrale è costituita da una lunga trave metallica di 425 metri tripartita in due luci di 125 metri e una, quella centrale, da 175 metri di luce. L'altezza dal fondovalle al piano stradale è di 261 metri. Tale quota altimetrica ha reso questo viadotto il più alto d'Europa fino al 2004, quando il Viaduc de Millau in Francia strappò il primato svettando a 271 metri sul fondo valle (dal piano stradale, 343 dai piloni). La pila est raggiunge l'altezza di 171 metri (record europeo) ed affonda sulla roccia che fa da insenatura al Fiume Lao. Resta il quarto ponte al mondo come viabilità ordinaria[14].
  • il viadotto Sfalassà a Bagnara Calabra, fu progettato da Zorzi nel 1967 nello studio IN-CO di Milano assieme a Sabatino Procaccia e Luciano Lonardo. L'opera è lunga 893 metri (742 m Sfalassà-151 m Vardaru I), la campata centrale in acciaio ha luce 376 m ed è alta dal fondovalle alla sede stradale 253 metri.[15] Lo Sfalassà ha vinto il premio Europeo Cecm nel '70-'71-'72. Rimane il ponte ad arco portale spingente più alto del mondo, mentre è il terzo d'Europa e il sesto a livello mondiale come viabilità ordinaria[14]. Per la sua valenza tecnica e storica, lo Sfalassà è l'unico ponte che non è stato demolito durante i lavori del macrolotto V tra Scilla e Gioia Tauro[16].
  • il viadotto Stupino a Carpanzano, si sviluppa per 635 metri ed è alto dal fondovalle 150 metri, l'altezza della pila centrale 135 metri ed è caratterizzato dalle due campate centrali in calcestruzzo armato lunghe 120 metri. Esse sono realizzate attraverso il metodo cantilever.
  • il viadotto Rago a Morano Calabro, si sviluppa per 400 metri ed è alto dal fondovalle 147 metri, l'altezza delle pile raggiunge i 150 metri ed è caratterizzato da una trave metallica di 122 metri di luce.
  • il viadotto Coscile a Castrovillari, si sviluppa per 634 metri ed è alto dal fondovalle 140 metri, l'altezza delle pile raggiunge 140 metri ed è caratterizzato da una struttura in travi in C.A.P.
  • Il viadotto Serra a Lagonegro, si sviluppa per 235 metri ed è alto dal fondovalle alla sede stradale 125 metri, l'altezza delle pile è 90 metri, l'impalcato è costituito da due piastre ortotrope di altezza variabile (sul pilastro è 8,5 metri e alla spalla 5 metri).

Inoltre vi sono altri viadotti di notevole altezza realizzati sull'Appennino lucano e calabro, caratterizzati dalle diverse tecniche costruttive adottate dai progettisti. La maggior parte di essi sono stati demoliti a favore di nuovi viadotti a 11 metri di larghezza, con tre corsie (due di marcia e una di emergenza) realizzati durante l'adeguamento generale dell'autostrada.

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Dall'uscita di Salerno il conteggio dei chilometri riparte da zero.

Autostrada A3 Italia.svg NAPOLI - SALERNO - REGGIO CALABRIA
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Area Strada europea
Italian traffic signs - città.svg Napoli centro 0,0 51,6 NA
AB-Vzw-grün.svg Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Stazione di Napoli Centrale 2,0 49,6
AB-AS-grün.svg Napoli San Giovanni a Teduccio 2,6 49,0
AB-Vzw-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 45.svg Autostrada A1 Italia.svg Caserta 4,0 47,6
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera Napoli sud --,- --,- Italian traffic signs - strada europea 45.svg
AB-AS-grün.svg San Giorgio a Cremano nord
Napoli Ponticelli
5,5 45,2
AB-AS-grün.svg San Giorgio a Cremano sud
(solo carreggiata sud)
6,4
AB-AS-grün.svg Portici
(solo carreggiata sud)
8,0
AB-AS-grün.svg Ercolano
Portici
8,5 43,1
AB-AS-grün.svg Torre del Greco 11,5 40,1
AB-AS-grün.svg Torre Annunziata nord 15,0
AB-AS-grün.svg Torre Annunziata sud 20,0
AB-Tank.svg Area di servizio "Torre Annunziata" 21,0 30,5
AB-AS-grün.svg Pompei ovest
Italian traffic signs - icona zona archeologica.svg Scavi archeologici di Pompei
21,9 29,7
AB-AS-grün.svg Castellammare di Stabia (uscita per Penisola Sorrentina) 22,5 29,1
AB-AS-grün.svg Pompei est
Scafati
25,0 26,6

Limite Provincia di Salerno (dir. Napoli)
Limite Città metropolitana di Napoli (dir. Salerno-Reggio C.)
AB-AS-grün.svg Angri nord 29,7 21,9 SA
AB-AS-grün.svg Angri sud 30.3 21,3
AB-AS-grün.svg Nocera Inferiore 36,6 15,0
AB-Tank.svg Area di servizio "Alfaterna" 40,0 8,0
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera Nocera --,- --,-
AB-AS-grün.svg Cava de' Tirreni 42,9 8,7
AB-AS-grün.svg Vietri sul Mare - Amalfi
(solo uscita in carreggiata sud, solo entrata in carreggiata nord)
48,4 3,2
AB-AS-grün.svg Salerno centro - Salerno nord - Costiera Amalfitana 51,6 0,0
AB-AS-grün.svg Salerno Fratte
Strada Statale 18 Italia.svg Strada statale 18 Tirrena Inferiore
2,0 440,9
AB-AS-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 841.svg Italian traffic signs - raccordo autostradale 2.svg Salerno sud - Avellino
Autostrada A30 Italia.svg Caserta
Autostrada A1 Italia.svg Napoli - Roma - Fiano Romano - Firenze - Bologna - Milano
Autostrada A16 Italia.svg Benevento - Bari - Canosa di Puglia
Foggia - Trani - Brindisi - Otranto
3,0 439,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Salerno" 6,2 436,8
AB-AS-grün.svg San Mango Piemonte 7,3 435,7
AB-AS-grün.svg Pontecagnano 13,0
AB-AS-grün.svg Montecorvino Pugliano
Pontecagnano sud
Italian traffic signs - icona aeroporto.svg Aeroporto di Salerno-Pontecagnano
17,5 425,4
AB-AS-grün.svg Battipaglia 23,0 419,9
AB-AS-grün.svg Eboli 31,6 --,--
AB-AS-grün.svg Campagna 36,1 406,8
AB-Tank.svg Area di servizio "Campagna" 43,0 399,9
AB-AS-grün.svg Contursi Terme - Postiglione
46,0
AB-AS-grün.svg Sicignano degli Alburni - Buccino - Picerno - Potenza
Italian traffic signs - strada europea 847.svg Italian traffic signs - raccordo autostradale 5.svg Potenza
Italian traffic signs - strada europea 847.svg Strada Statale 407 Italia.svg Basentana - Matera - Bernalda -Metaponto
Italian traffic signs - strada europea 90.svg Strada Statale 106 Italia.svg Jonica - Taranto - Policoro - Sibari - Reggio Calabria
54,0 388,9
AB-AS-grün.svg Petina 65,0 377,9
AB-AS-grün.svg Polla 76,0 366,9
AB-AS-grün.svg Atena Lucana - Brienza - Potenza
Strada Statale 598 Italia.svg di Fondovalle dell'Agri - Scanzano Jonico
Italian traffic signs - strada europea 90.svg Strada Statale 106 Italia.svg Jonica - Taranto
83,0 359,9
AB-AS-grün.svg Sala Consilina nord 88,0 354,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Sala Consilina" 91,0 351,9
AB-AS-grün.svg Sala Consilina sud 95,2 --,-
AB-AS-grün.svg Padula
Buonabitacolo
104,0 338,9
AB-AS-grün.svg Lagonegro nord
Strada Statale 585 Italia.svg di Fondovalle del Noce - Maratea - Rivello - Praia a Mare - Sapri
124,0 318,9 PZ
AB-AS-grün.svg Lagonegro sud 126,0 316,9
AB-AS-grün.svg Lauria nord
Strada Statale 653 Italia.svg della Valle del Sinni - Policoro
Italian traffic signs - strada europea 90.svg Strada Statale 106 Italia.svg Jonica - Taranto
138,0 304,9
AB-AS-grün.svg Lauria sud 145,0 297,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Galdo" 146,0 296,9
AB-AS-grün.svg Laino Borgo 153,0 289,9 CS 164,0 278,9
AB-AS-grün.svg Campotenese
Rotonda
174,0 268,9
AB-AS-grün.svg Morano Calabro
Castrovillari nord
185,0 257,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Frascineto" 193,0 247,9
AB-AS-grün.svg Frascineto
Castrovillari sud
194,0 248,9
AB-AS-grün.svg Sibari - Cassano all'Ionio
Italian traffic signs - strada europea 844.svg Strada Statale 534 Italia.svg di Cammarata e degli Stombi - Firmo - Spezzano Terme
Italian traffic signs - strada europea 90.svg Strada Statale 106 Italia.svg Jonica - Taranto - Metaponto - Policoro - Corigliano Calabro - Rossano - Crotone - Reggio Calabria
208,0 234,9
AB-AS-grün.svg Altomonte 214,0 228,9
AB-AS-grün.svg Tarsia nord
Spezzano Terme
220,0 222,9
AB-AS-grün.svg Tarsia sud 225,0 217,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Tarsia" 226,0 216,9
AB-AS-grün.svg Torano Castello
Bisignano
235,0
AB-AS-grün.svg Montalto Uffugo
Rose
246,0 196,9
AB-AS-grün.svg Rende

Cosenza nord
Italian traffic signs - strada europea 846.svg Strada Statale 107 Italia.svg Silana Crotonese - Crotone

AB-Tank.svg Area di servizio "Cosenza" 254,0 188,9
AB-AS-grün.svg Cosenza 259,0 183,9
AB-AS-grün.svg Rogliano
Malito
273,0 169,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Rogliano" 275,0 167,9
AB-AS-grün.svg Altilia
Grimaldi
286,0 156,9
AB-AS-grün.svg San Mango d'Aquino 294,0 148,9 CZ
AB-AS-grün.svg Falerna 304,0 138,9
AB-Tank.svg Area di servizio "Lamezia Terme" 317,0 125,9
AB-AS-grün.svg Lamezia Terme - Catanzaro
Italian traffic signs - strada europea 848.svgStrada Statale 280 Italia.svg dei Due Mari - Catanzaro

Italian traffic signs - icona aeroporto.svgAeroporto Internazionale di Lamezia Terme - SUF
Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Stazione di Lamezia Terme Centrale

320,0 122,9
AB-AS-grün.svg Pizzo
ex Strada Statale 522 Italia.svg Strada statale 522 di Tropea - TropeaItalian traffic signs - strada europea 45.svg
Vibo Marina - Italian traffic signs - icona porto.svgPorto di Vibo Valentia
339,0 103,9 VV
AB-Tank.svg Area di servizio "Pizzo"
(solo carreggiata nord, ma con sottopasso pedonale che la collega ad un'area di parcheggio sulla carreggiata sud)
103,0
AB-AS-grün.svg Vibo Valentia
Sant'Onofrio
348,0 94,9
AB-AS-grün.svg Serre
Strada Statale 182 Italia.svg delle Serre Calabre
359,0 83,9
AB-AS-grün.svg Mileto
Dinami
370,0 72,9
AB-AS-grün.svg Rosarno
Italian traffic signs - icona porto.svgPorto di Gioia Tauro
Strada Statale 682 Italia.svg Jonio-Tirreno - Marina di Gioiosa Ionica,
383,0 59,9 RC
AB-Tank.svg Area di servizio "Rosarno" 390,0 56,9
AB-AS-grün.svg Gioia Tauro 393,0 49,9
AB-AS-grün.svg Palmi 401,0 41,9
AB-AS-grün.svg Bagnara Calabra 407,5 34,4
AB-AS-grün.svg Scilla 423,0 19,9
AB-AS-grün.svg Santa Trada 426,9 16,0
AB-Tank.svg Area di servizio "Villa San Giovanni"
(chiusa a causa dell'apertura del VI macrolotto, prevista la costruzione di una nuova aerostazione in località San Filippo Neri[17])
431,0 10,0
AB-AS-grün.svg Villa San Giovanni
Italian traffic signs - strada europea 45.svg Italian traffic signs - strada europea 90.svg Italian traffic signs - icona traghetto.svg Traghetti per Messina
433,0 8,9
AB-AS-grün.svg Campo Calabro 434,0 7,9 Italian traffic signs - strada europea 90.svg
AB-AS-grün.svg Reggio Catona
Reggio Arghillà
436,0 6,9
AB-AS-grün.svg Reggio Gallico 437,0 5,9
AB-AS-grün.svg Porto di Reggio Italian traffic signs - icona porto.svg
Lungomare Falcomatà
Italian traffic signs - icona traghetto.svg Traghetti per Messina
441,6 1,3
AB-AS-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 90.svg Italian traffic signs - raccordo autostradale 4.svg Tangenziale di Reggio Calabria
Italian traffic signs - icona aeroporto.svg Aeroporto - REG
Italian traffic signs - strada europea 90.svgStrada Statale 106 Italia.svg Jonica - Brancaleone - Catanzaro - Taranto
442,5 0,4
Italian traffic signs - città.svg Reggio Calabria nord -Strada Statale 18 Italia.svg Tirrena Inferiore - Villa San Giovanni 442,9 0,0

Raccordo autostradale con la SS 106 Jonica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Raccordo autostradale 4.

Tra lo svincolo "Reggio Calabria Porto - Lungomare" e lo svincolo "Reggio Calabria Nord" si innesta il raccordo autostradale 4 che collega l'autostrada A3 con la strada statale 106 Jonica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TE - Trasporti Eccezionali - Rami autostradali
  2. ^ (primo tratto aperto) The World's longest Tunnel Page: Motorways in Italy
  3. ^ Memorie - Storia della Salerno - Reggio Calabria. Quando il Sole si fermò a Napoli. Da li in poi, il buio, 16 novembre 2011.
  4. ^ ‘Ndrangheta, doppio blitz: dai lavori sull’A3 ai certificati medici falsi per i boss – Il Fatto Quotidiano
  5. ^ adnkronos.com
  6. ^ trasporti-italia.com
  7. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/01/12/giu-i-cavalcavia-a3-finalmente-a-tre-corsieNapoli01.html.
  8. ^ Completati i lavori sull'A3, ora si viaggia a tre corsie tra Napoli e Castellammare. URL consultato il 2015-04-26.
  9. ^ Autostrada A3 Napoli - Castellammare, ora si viaggia a tre corsie - Magazine Lavori pubblici - Regione Campania su www1.regione.campania.it. URL consultato il 2015-06-03.
  10. ^ Tre corsie su tratto Napoli-Castellamare - Campania. URL consultato il 2015-06-03.
  11. ^ stradeanas.it
  12. ^ repubblica.it
  13. ^ La tipologia a stampella è formata da pile aventi sulla sommità la struttura a sbalzo di una porzione della carreggiata e le diverse strutture a sbalzo sono connesse fra loro da elementi prefabbricati (travi) che completano l'impalcato.
  14. ^ a b Fonte: Francesco Romeo, redattore Strade e Autostrade
  15. ^ (EN) Sfalassa Bridge, Structurae. URL consultato l'11 marzo 2012.
  16. ^ Sfalassà, il colosso dei record in Il Quotidiano della Calabria, 25 luglio 2011, p. 14. URL consultato il 12 marzo 2014.
  17. ^ ReggioTV | A3, aerostazioni di Villa San Giovanni. Ieri la firma del protocollo in Prefettura

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leandra D'Antone, Senza pedaggio. Storia dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria, Donzelli, 2008, ISBN 88-6036-223-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti