Raccordo autostradale 16

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raccordo autostradale 16
Cimpello-Pian di Pan
Italian traffic signs - raccordo autostradale 16.svg
Denominazioni precedentiNuova strada ANAS 14 Cimpello (A28-SS 13)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniFriuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioAutostrada A28
FineStrada statale 13 Pontebbana
Lunghezza3,754[1] km
GestoreFriuli Venezia Giulia Strade
Il pannello integrativo in prossimità del cavalcavia numero 1.

Il raccordo autostradale 16 Cimpello-Pian di Pan (RA 16), già nuova strada ANAS 14 Cimpello (A28-SS 13) (NSA 14), è un brevissimo raccordo autostradale italiano che collega l'uscita Cimpello dell'autostrada A28 alla strada statale 13 Pontebbana in località Pian di Pan, per uno sviluppo di 3 chilometri e 754 metri. In alcune mappe, è segnalato come via Pontebbana. È gestito dalla Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A.[2].

Si presenta come una strada a carreggiate separate, ciascuna con due corsie, senza corsia di emergenza. A dispetto della denominazione, non è classificato come autostrada. Per il gestore il RA 16 è classificato come strada extraurbana principale[3] e infatti sono presenti i segnali di inizio e fine strada extraurbana principale.

La dicitura RA 16 compare nella segnaletica progressiva chilometrica e nei segnali di identificazione dei cavalcavia.

Oltre l'intersezione con la SS 13, prosegue come strada a scorrimento veloce a carreggiata unica, perdendo inoltre la denominazione RA 16, per altri 27 chilometri in direzione di Sequals. Questo tratto era gestito dall'ANAS che non vi aveva assegnato alcuna numerazione ufficiale (nei protocolli dell'ente è indicata come NSA 177). Dal 1º gennaio 2008 è passato in gestione alla Regione Friuli-Venezia Giulia che opera tramite la Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A., la quale ha rinominato la NSA 177 in SR 177[4].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita Fiume Veneto in direzione autostrada A28
RA 16 CIMPELLO - PIAN DI PAN
Tipo Uscita ↓km↓ ↑km↑ Provincia
Italian traffic signs - autostrada.svg Autostrada A28 Italia.svg Portogruaro-Pordenone 0,0 3,7 PN
AB-AS-blau.svg Cimpello 0,3 3,4
AB-AS-blau.svg Fiume Veneto 2,8 0,9
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Strada Statale 13 Italia.svg Pontebbana
SR 177 Sequals
3,7 0,0

Lavori per il collegamento A28-A23[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della SR 177 provenendo dal RA 16

Il progetto originario prevedeva che questo RA 16 fosse parte di una nuova autostrada, lunga 58 km, che partisse dallo svincolo di Cimpello dell'A28, passasse per Sequals e si congiungesse all'A23 nei pressi di Gemona del Friuli. A testimonianza di ciò nelle mappe stradali negli autogrill della società Autovie Venete questa autostrada è segnalata come "in costruzione". La Regione Friuli-Venezia Giulia a luglio 2009 ha ripreso l'idea di questo progetto, che dovrà essere realizzato in finanza di progetto dalle società Autovie Venete, Impregilo e Rizzani de Eccher. Non sarà una autostrada ma una strada extraurbana principale[5]. Il costo previsto è di € 800 milioni, a carico dei privati, in cambio della concessione e dell'esazione dei pedaggi per 55 anni ai privati stessi[6] e il bando di gara è stato pubblicato nell'agosto del 2010[7]. Uno studio di fattibilità, comprendente un progetto, è stato presentato nell'estate 2009 dai gruppi Idroesse Infrastrutture SpA, Zollet Ingegneria srl e Studio ing. De Beaumont-Ingegneria dei trasporti srl[6]. La superstrada sfrutterà dall'A28 nei pressi di Cimpello a Sequals l'esistente RA 16 e la SR 177 (che sarà riqualificata) mentre da Sequals all'A23 nei pressi di Gemona del Friuli verrà costruito un nuovo tracciato[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RA 16 Cimpello-A28
  2. ^ Il sito del gestore del RA 16
  3. ^ RA 16 sul sito di Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A.
  4. ^ comunicati stampa Comunicato della Regione Friuli-Venezia Giulia dove si parla anche della SR 177
  5. ^ Copia archiviata (PDF), su regione.fvg.it. URL consultato il 6 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2014).
  6. ^ a b c L'articolo del Gazzettino del 3 luglio 2009 Archiviato il 31 ottobre 2014 in Internet Archive.
  7. ^ Martina Milia, Cimpello-Gemona, via all’appalto, in Messaggero Veneto, L'Espresso Spa, 15 agosto 2010. URL consultato il 31 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]