Strada statale 743 Nerico-Bella Muro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 743
Nerico-Bella Muro
Strada Statale 743 Italia.svg
Denominazioni precedentiNuova strada ANAS 506 Nerico-Bella Muro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniBasilicata Basilicata
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioConfine con la Campania presso Calitri Scalo
FineSS 94 dir presso Stazione di Bella-Muro
Lunghezza24,570[1] km
Data apertura2009[2]
GestoreANAS (2019-)

La strada statale 743 Nerico-Bella Muro (SS 743) è una strada statale italiana il cui percorso si sviluppa in Basilicata. Si tratta di un'arteria ancora in fase di completamento, della quale a tutt'oggi sono aperti tre tronconi, e che a costruzione ultimata si presenterà a carreggiata unica con una corsia per senso di marcia, priva di incroci a raso. Permetterà un collegamento veloce tra le zone industriali di Calitri e Baragiano.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha origine al confine tra le regioni Campania e Basilicata innestandosi senza soluzioni di continuità sul tracciato dalla strada provinciale Nerico-Muro Lucano nel passaggio dal territorio avellinese a quello lucano.

Proseguendo in direzione sud, raggiunge lo svincolo di Pescopagano e, deviando poi verso est, quello di Rapone, in corrispondenza del quale termina la prima tratta in esercizio.

Il secondo tratto ha origine nei pressi del centro abitato di Castelgrande e si sviluppa verso sud e poi verso sud-est fino a raggiungere la periferia di Muro Lucano.

Poco distante, dall'innesto con la strada statale 7 Via Appia ha inizio in terzo tratto in esercizio che, con un percorso che non si distanzia molto dalla suddetta statale, giunge sino nei pressi della stazione di Bella-Muro innestandosi senza soluzione di continuità sul tracciato della strada statale 94 dir del Varco di Pietrastretta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene ideata già nel 1978, il progetto di questa arteria risale all'immediato post-terremoto[3].

I lavori di realizzazione hanno subito alterne vicende che si sono prolungate nel tempo sino ad arrivare ad una parziale apertura della stessa in più tronconi.

Il primo tratto ad essere inaugurato, lungo circa 5 km, è quello compreso tra l'innesto con la strada statale 7 Via Appia nei pressi di Muro Lucano e l'innesto con la strada statale 94 dir del Varco di Pietrastretta nei pressi della stazione di Bella-Muro, formalmente aperto al traffico il 4 novembre 2009, anche se solo in un senso di marcia[2].

Il secondo tratto ad essere aperto al traffico è quello compreso tra l'innesto con la strada statale 401 dell'Alto Ofanto e del Vulture nei pressi di Calitri Scalo e lo svincolo per Pescopagano, inaugurato il 5 dicembre 2012 e lungo 5,800 km[4]; di questo troncone fa parte anche 1,750 km che ricadenti nella regione Campania, formalmente non fanno ancora parte dell'arteria.

Il terzo tratto, consecutivo al precedente e lungo 3,600 km, dallo svincolo di Pescopagano a quello di Rapone è stato aperto il 24 luglio 2017[5]

L'ultimo, per ora, in ordine cronologico a vedere la luce è il tratto intermedio compreso tra Castelgrande e Muro Lucano, lungo complessivamente 11,700 km, percorribile dal 14 settembre 2018[6].

L'arteria è stata oggetto del cosiddetto piano Rientro strade[7], per cui la loro competenza è passata all'ANAS a più riprese[8] la quale le ha provvisoriamente classificate rispettivamente come nuova strada ANAS 506 S.P. Nerico-Bella Muro (NSA 506).

La strada ha ottenuto la classificazione attuale nel corso del 2019 con i seguenti capisaldi di itinerario: "Innesto con la S.P. 'Nerico - Bella Muro' (confine con Regione Campania) - Svincolo con la S.P. n. 160 svincolo per Rapone", "Castelgrande (escluso svincolo) - Muro Lucano (compresa uscita)" e "Innesto con la S.S. n. 7 - Innesto con la S.S. n. 94 Dir".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]