Strada statale 310 del Bidente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 310
del Bidente
Strada Statale 310 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniToscana Toscana
Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Dati
ClassificazioneStrada statale
Inizioex SS 70 presso Poppi
FineForlì
Lunghezza89,800[1][2] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 9/04/1962 - G.U. 153 del 18/06/1962[3]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Arezzo e alla Provincia di Forlì-Cesena)

La ex strada statale 310 del Bidente (SS 310), ora strada provinciale 310 del Bidente (SP 310)[4] in Toscana e strada provinciale 4 R del Bidente (SP 4 R)[5] in Emilia-Romagna, è una strada provinciale italiana che prende il nome dal fiume che segue lungo il suo tracciato.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha origine distaccandosi nel comune di Poppi, distaccandosi dalla ex strada statale 70 della Consuma. Durante la prima parte del suo tracciato, risale il percorso dell'Arno, passando per Pratovecchio e Stia, dove si innesta la strada statale 556 Londa-Stia.

A questo punto la strada inizia a salire d'altitudine, entrando nel parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, fino a raggiungere il passo la Calla (1.296 m s.l.m.), varcato il quale la strada entra in Emilia-Romagna.

La strada inizia quindi a percorrere la valle del Bidente, toccando i centri di Santa Sofia, Galeata, Civitella di Romagna e Meldola. Giunta ormai in pianura, la strada si avvicina a Forlì entrando nel centro urbano come via Decio Raggi. Una sua diramazione raggiunge invece la località Ronco, costeggiando l'aeroporto.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto toscano è passata dall'ANAS alla Regione Toscana che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Arezzo[6]; la gestione del tratto romagnola è passata alla Regione Emilia-Romagna, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Forlì-Cesena[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Toscana (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Emilia-Romagna (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  3. ^ Decreto ministeriale del 9/04/1962
  4. ^ Strade di competenza 10° ZONA, Provincia di Arezzo.
  5. ^ ARS strade provinciali e comunali provincia di Forlì-Cesena, Regione Emilia-Romagna (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2011).
  6. ^ D.C.R. 19 dicembre 2000, n. 274[collegamento interrotto], Regione Toscana.
  7. ^ L.R. 4 maggio 2001, n. 12 (art. 164), Regione Emiila-Romagna - B.U. 58 del 7 maggio 2001 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2013).