Strada statale 492 di Savelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 492
di Savelli
Strada Statale 492 Italia.svg
Denominazioni successiveStrada provinciale 53 Serra Muzzuneti
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniCalabria Calabria
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioMarina di Strongoli
FineSavelli
Lunghezza61,650[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 10/11/1965 - G.U. 323 del 29/12/1965[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2002 la gestione è passata alla Provincia di Crotone)

La ex strada statale 492 di Savelli (SS 492), ora strada provinciale 53 Serra Muzzuneti (SP 53)[3], è una strada provinciale italiana che collega la costa crotonese con la località interna di Savelli.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha origine nei pressi della Stazione di Strongoli, scalo ferroviario posto nella frazione di Marina di Strongoli. Dopo poche centinaia di metri si ha l'incrocio con la strada statale 106 Jonica, oltre il quale la strada devia verso nord-ovest raggiungendo il centro abitato di Strongoli. L'arteria, con percorso alquanto tortuoso, prosegue nella medesima direzione raggiungendo diversi comuni dell'entroterra calabrese, cioè San Nicola dell'Alto, Pallagorio e Verzino, con un'altitudine compresa tra i 400 e i 600 metri.

L'ultimo tratto che conduce all'abitato di Savelli, vede la strada salire fino al suo punto massimo (981 m) proprio in corrispondenza dell'innesto con la strada statale 108 ter Silana di Cariati al centro del paese.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2002 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Calabria, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Crotone[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Calabria (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale del 10/11/1965
  3. ^ SP 53 (PDF), Provincia di Crotone.
  4. ^ L.R. 34 del 12/08/2002 (artt. 100-102) (PDF)[collegamento interrotto], Regione Calabria - B.U. 15, suppl. str. 1 del 19/08/2002.