Strada statale 437 dell'Aremogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 437
dell'Aremogna
Strada Statale 437 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioRoccaraso
FineAltopiano dell'Aremogna
Lunghezza10,300[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 18/06/1964 - G.U. 207 del 25/08/1964[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia dell'Aquila)

La ex strada statale 437 dell'Aremogna (SS 437), ora strada regionale 437 dell'Aremogna (SR 437)[3], è una strada regionale italiana.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha inizio distaccandosi dalla strada statale 17 dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico nei pressi di Roccaraso. La strada sale quindi in direzione dell'altopiano dell'Aremogna, dove termina con una grande rotatoria nei pressi della biglietteria per la seggiovia Pallottieri e la cabinovia Toppe del Tesoro.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Abruzzo che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia dell'Aquila[4].

Strada statale 437 dir dell'Aremogna[modifica | modifica wikitesto]

Strada statale 437 dir
dell'Aremogna
Strada Statale 437dir Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
Dati
ClassificazioneStrada statale
Inizioex SS 437 presso Altopiano dell'Aremogna
FineRifugio Principessa Giovanna
Lunghezza0,520[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 2/05/1977 - G.U. 144 del 28/05/1977[5]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia dell'Aquila)

La ex strada statale 437 dir dell'Aremogna (SS 437 dir), ora strada regionale 437 dir dell'Aremogna (SR 437 dir)[3], è una strada regionale italiana.

Rappresenta una diramazione della SS 437 che ha inizio sull'altopiano dell'Aremogna e che termina nei pressi del rifugio Principessa Giovanna. L'originario tracciato è oggetto di revisione a causa della costruzione di nuove strutture.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Abruzzo che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia dell'Aquila[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]