Strada statale 525 del Brembo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 525
del Brembo
Strada Statale 525 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Mappa SS 525.png
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioBergamo
FineInnesto su SP ex SS 11 Padana Superiore, presso Bellinzago Lombardo (MI)
Lunghezza29,173[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 12/04/1967 - G.U. 135 del 31/05/1967[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Bergamo e alla Provincia di Milano)
La SS525 in corrispondenza dell'attraversamento del fiume Adda e del Naviglio della Martesana, tra Canonica d'Adda e Vaprio d'Adda

La strada statale 525 del Brembo (SS 525), ora strada provinciale ex SS 525 del Brembo (SP ex SS 525)[3][4], è una strada provinciale italiana, che collega Bergamo con la Provincia di Milano.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha inizio a Bergamo e si snoda su un tracciato pianeggiante e rettilineo lungo la parte sudoccidentale della provincia omonima (dove segue pressappoco il basso corso del fiume Brembo), toccando i centri di Lallio, l'importante snodo industriale di Dalmine (dopo il quale si interseca l'autostrada A4), Osio Sotto, Boltiere e Canonica d'Adda. Parte di tale tratta ospitò, fra il 1890 e il 1958 il binario della tranvia Monza-Trezzo-Bergamo, posato in sede promiscua nella parte sinistra della carreggiata[5].

Varcato il fiume Adda, la strada entra in provincia di Milano, attraversa Vaprio d'Adda, la località di Bettola (Pozzo d'Adda) e arriva quindi in località Villa Fornaci (Bellinzago Lombardo), dove si immette sulla ex strada statale 11 Padana Superiore.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Bergamo e della Provincia di Milano per le tratte territorialmente competenti[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Lombardia (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale del 12/04/1967
  3. ^ Classificazione e qualificazione funzionale della rete viaria provinciale (XLS), Provincia di Bergamo.
  4. ^ CARTA AMMINISTRATIVA DELLE STRADE PROVINCIALI (PDF), Provincia di Milano (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  5. ^ Paolo Zanin, Monza e i suoi tram. Storia dei collegamenti tranviari da Monza a Milano e alla Brianza, 2ª ed., Firenze, Phasar, 2009. ISBN 978-88-6358-028-0.
  6. ^ L.R. 5 gennaio 2000, N.1 (art.3, comma 118), Regione Lombardia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]