Portale:Trasporti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo del Progetto Trasporti.svg
Portale Trasporti
Muoversi e... 1965 black Fiat 500.jpgBred7878.jpgTourismo 100 3748.jpgETR500-Imola-06-05.jpgBoeing 747Ferry
Porte-conteneur-Hanjin-Goth.jpgFS-Shimmns31834669949-3.JPGAirbus Beluga 2.jpgEuropa flyer truck.JPG ...Trasportare
Pix.gif


Guida rapida all'esplorazione

Il variegato mondo dei trasporti può essere a grandi linee diviso in varie sezioni; quello dei veicoli, quello del trasporto di merci e quello delle persone e delle aziende che hanno fatto in modo che ognuno di noi potesse muoversi e potesse ricevere i materiali che gli necessitano.

Wikipedia, grazie ai collegamenti ipertestuali e alla gestione delle voci tramite categorie specifiche, consente una esplorazione efficiente del settore, partendo sia da una singola voce, sia da una specifica categoria di interesse.

Mezzi di trasporto
Trasporto privato
Automobili
Autovetture
Motoveicoli
Motocicli
Biciclette
Biciclette
Trasporto collettivo
Treni
Treni
Navi
Navi
Aerei civili
Aerei
Trasporto pubblico
Autobus
Autobus
Filobus
Filobus
Tram
Tram


Trasporti 5.pngTrasporto di merci


Autocarri
Autocarri
Carriolina.png
Trasportare


Per saperne di più


Su strada Su rotaia
MHV Alfa-Romeo 6C Gran Sport 1931 01.jpg

Alfa Romeo 6C è la denominazione di una serie di modelli d'automobile, presentata nel 1925, che nelle varie versioni ed evoluzioni è stata prodotta negli stabilimenti della casa milanese dal 1927 al 1950.

La sigla "6C" è l'acronimo di sei cilindri e descrive il frazionamento del motore che equipaggia le vetture, la cui primigenia realizzazione è dovuta a Vittorio Jano, importante progettista dell'Alfa Romeo che ha legato il suo nome soprattutto ai motori esacilindrici in linea, montati dalla 6C 1500.

Le prime versioni, la 6C 1500 Young del 1927 e la 6C 1500 Touring del 1928 (dai nomi del carrozziere inglese James Young e della carrozzeria italiana Touring) montavano un sei cilindri...


E444r106.jpg

Le locomotive E444 sono motrici ferroviarie nate negli anni sessanta per dotare le Ferrovie dello Stato di mezzi molto potenti adatti all'utilizzo su tratte rapide.

Anche le E444 seguirono la moda del loro periodo, dove ai treni veniva attribuito un soprannome solitamente affiancato dall'apposizione di un logo sulla fiancata del frontale: questi mezzi furono soprannominati Tartarughe, un nomignolo che in seguito unito ad un logo ironico applicato con la ristrutturazione si conquistò l'affetto degli appassionati e di coloro che servivano a bordo.


Sul mare In cielo
HMSBeagle.jpg

La HMS Beagle fu un brigantino a dieci cannoni della Royal Navy, il cui nome deriva dalla razza canina beagle. Fu varato l'11 maggio 1820 dai cantieri di Woolwich sul fiume Tamigi e costò 7.803 sterline dell'epoca.

Nel luglio dello stesso anno prese parte alla parata navale per la celebrazione dell'incoronazione di Re Giorgio IV del Regno Unito durante la quale fu la prima nave a veleggiare sotto il nuovo London Bridge.

Fu poi adattata ad unità di ricognizione e prese parte a tre spedizioni. Durante il suo secondo viaggio ospitò a bordo l'allora giovane naturalista Charles Darwin, il cui lavoro rese la Beagle una delle più famose navi della storia.


B707-368c.royalausaf.arp.jpg

Il Boeing 707 è un aereo di linea dotato di quattro motori a getto sviluppato dalla statunitense Boeing. Sebbene non sia stato il primo a entrare in servizio, fu il primo aereo di linea jet di successo e molti lo considerano come il modello che trainò l'aviazione commerciale nell'era del jet. Inoltre fu il primo della serie 7x7 della Boeing e ne furono consegnati 1.010 esemplari.

Dalla sua cellula sono stati derivati molti aerei militari, come l'aerocisterna KC-135 Stratotanker o l'AWACS E-3 Sentry. È in servizio anche presso l'Aeronautica Militare Italiana, sebbene verrà sostituito nei prossimi anni da una speciale versione del Boeing 767.


Trasportare Regole
Etichette di pericolo.svg

Ogni soggetto coinvolto nel trasporto di merci pericolose (speditore, caricatore, trasportatore, destinatario) ha i suoi precisi doveri, a partire dallo speditore (indicato anche come mittente) che deve provvedere alla classificazione delle merci, alla scelta degli imballaggi appropriati e a fornire al trasportatore tutti i documenti necessari per poter effettuare il trasporto a regola d'arte e in sicurezza.

Per quanto riguarda specificatamente il trasporto internazionale su gomma le regole del trasporto, sono state siglate a Ginevra il 30 settembre 1957 come European Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road (ADR).


Radarvelocidade20022007.jpg

L'autovelox propriamente detto è un misuratore di velocità che utilizza una coppia di laser paralleli, posizionati ad una determinata distanza l'uno dall'altro, il cui raggio viene interrotto dai veicoli in transito permettendo così il calcolo della velocità per effetto del tempo di percorrenza della distanza fra i due laser stessi. Gli ultimi modelli si avvalgono inoltre di un terzo laser per la determinazione della distanza tra l'apparecchio ed il veicolo rilevato.

La commercializzazione degli Autovelox in Italia è iniziata nel 1972, come attrezzatura destinata alle forze dell'ordine, in particolare Polizia Stradale e Polizia Municipale, per la rilevazione del superamento dei limiti di velocità sulle strade.



Argomenti collegati


Ultime notizie dal mondo dei trasporti
Voce in evidenza
Fiat 500 white vl.jpg

La Fiat 500, amichevolmente detta cinquino, è senza dubbio fra le automobili italiane più famose.

Gli eventi e le circostanze che hanno portato all'ideazione di questo modello sono molto meno conosciuti. Parrà strano, ma tutto ebbe inizio da un'idea di Benito Mussolini. Nel 1930, il Duce aveva convocato il senatore del fascismo Giovanni Agnelli per informarlo della "inderogabile necessità" di motorizzare gli Italiani con una vettura economica che non superasse il costo di 5.000 lire.

Un'idea di grande impatto propagandistico che, non appena eletto primo ministro, Hitler si affrettò a copiare convocando Ferdinand Porsche e intimandogli di realizzare un'automobile dal costo non superiore ai 1.000 marchi; quella che sarebbe divenuta famosa con il nome di Maggiolino.

Immagine in evidenza
Bmw3er.jpg

La BMW Serie 3 è la denominazione assunta da una serie di berline di categoria medio alta, prodotte dalla BMW fin dal 1975 e a cui, nel corso degli anni, si sono aggiunte anche le versioni station wagon, coupé e cabriolet.

All'inizio degli anni settanta si poneva per BMW il problema di pensare ad un'erede per la fortunata Serie 02, che aveva goduto di ampi consensi. Venne decisa la conservazione dell'impostazione di base del modello precedente: carrozzeria berlina a 3 volumi con 2 sole porte (con motore anteriore), sospensione anteriore MacPherson, retrotreno a bracci oscillanti e impianto frenante misto (dischi davanti, tamburi dietro.

Sapevi che.....
Cmr3.jpg

Il CMR, acronimo di Convention des Marchandises par Route, è l'accordo internazionale tipico del trasporto internazionale su strada, da cui è derivato il documento, colloquialmente definito anch'esso come CMR ma più precisamente definibile come Lettre de voiture internationale (in lingua francese, obbligatoria) e tradotta ad esempio in "Lettera di vettura internazionale" in italiano, "International Consignment Note" in inglese e "Frachtbrief Transportdokument" in tedesco.

La regolamentazione per l'emissione del documento è contenuta nella Convenzione omonima stipulata in prima stesura a Ginevra il 19 maggio 1956.

Oltre che per un trasporto effettuato integralmente su strada, la convenzione è valida anche per i trasporti intermodali con parte del percorso effettuato tramite ferrovia, nave e aereo purché non si verifichi una interruzione del trasporto stesso (ad esempio con scarico della merce da autocarro e riposizionamento su altro mezzo), nel qual caso vengono applicate le convenzioni relative al nuovo tipo di trasporto.

Portali e progetti collegati
Categorie di riferimento
Trasporti
Trasporto pubblico - Trasporto di merci
Mezzi di trasporto - Codice della strada

Automobili - Treni - Aerei
Motocicli - Navi - Autocarri

Infrastrutture - Ferrovie

Trasporti per nazione - Persone legate ai trasporti
Biografia in evidenza
Pigozzi1.jpg

Enrico Teodoro Pigozzi (Torino, 26 giugno 1898 - 18 novembre 1964) è stato un imprenditore italiano, fondatore della casa automobilistica francese Simca.

L'attività imprenditoriale di Pigozzi iniziò quand'egli era ancora ragazzo, trovandosi a dover gestire l'azienda di trasporti del padre, scomparso prematuramente. Durante il servizio militare venne assegnato all'arma aeronautica, dove ebbe occasione di fare sperienza sui motori a scoppio, comprendendo che il futuro avrebbe rapidamente escluso la trazione animale dalla vita industriale del Paese. Decise, quindi, di cedere la ditta di famiglia ed iniziare a la vendita di motociclette inglesi ed americane.

Coloro che operavano in campo motoristico nella Torino del primo novecento, inevitabilmente venivano a contatto con la Fiat e così capitò a Pigozzi, cui venne offerto di trasferirsi a Parigi per coordinare la raccolta di rottami ferrosi, necessari a rifornire le fonderie della casa torinese.

Trasporti - Novità
Cadillac BLS front 20070819.jpg

La Cadillac BLS è un'automobile di classe media, segmento lusso, progettata specificatamente per i mercati europei dalla Cadillac, marchio del gruppo General Motors.

È il primo modello Cadillac di questa categoria, e il primo ad essere equipaggiato con motore diesel. Il suo obbiettivo è quello di far concorrenza alle automobili tedesche e giapponesi del segmento lusso.

L'automobile è basata sulla piattaforma della GM Epsilon ed è costruita nello stesso impianto, a Trollhättan in Svezia, che costruisce la Saab 9-3 e la Saab 9-5.

Le vendite della berlina iniziano nel marzo 2006, dopo la presentazione al Salone dell'automobile di Francoforte del 2005, mentre quelle della famigliare iniziano alla fine del 2007, dopo la presentazione allo stesso salone del 2007.


I trasporti, oggi e in futuro, dovranno essere sempre più attenti alle problematiche relative all'ecologia e alla lotta contro l'inquinamento, ma già sono disponibili tecnologie e mezzi adatti a perseguire il traguardo di un mondo maggiormente vivibile, come......
modifica
Eiderradweg.JPG

Una pista ciclabile (o ciclopista) è un percorso protetto o comunque riservato alle biciclette, dove generalmente il traffico motorizzato è escluso, con lo scopo di donare un certo sollievo in termini di sicurezza e facilità di percorribilità al ciclista urbano o extra-urbano.

Vi sono differenti tipi di piste ciclabili, dai percorsi urbani ai sentieri sterrati; lo sviluppo delle stesse dipende in larga misura dall'uso della biciletta: nei Paesi Bassi ce ne sono più di una per abitante e ogni olandese percorre in media 1019 km all'anno. In Italia ci sono 0,44 biciclette per abitante.



Per collaborare al progetto


Immagini

Se hai delle immagini relative al mondo dei trasporti da voler mettere a disposizione della comunità per l'uso in future voci dell'enciclopedia, oppure se ne stai cercando di non ancora utilizzate per descrivere una nuova voce, prova a guardare in Portale:Trasporti/Deposito immagini

Progetti

È in funzione il Progetto di coordinamento su cui potete trovare tutte le informazioni sulle iniziative in corso, sulle ultime voci inserite e sulle indicazioni utili per la compilazione di una voce del settore trasporti.

Sono naturalmente inseribili anche commenti, suggerimenti e richieste, è sufficiente utilizzare il pulsante sottoindicato


Se hai domande, osservazioni, suggerimenti e quant'altro puoi lasciare un messaggio qui