Thello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thello S.A.S.
Logo
Stato Francia Francia
Forma societaria società per azioni semplificata di diritto francese
Fondazione 15 febbraio 2010
Fondata da Ferrovie dello Stato Italiane
Veolia Transport
Sede principale Issy-les-Moulineaux
Gruppo Trenitalia
Settore Trasporto
Prodotti trasporto ferroviario
Note Trenitalia-Veolia Transdev, fino al 18 dicembre 2012
Sito web

Thello S.A.S., più semplicemente nota come Thello e conosciuta fino al 18 dicembre 2012 come Trenitalia-Veolia Transdev (TVT), è un'azienda francese che gestisce i servizi ferroviari passeggeri a lunga percorrenza tra la Francia e l'Italia.

La società, nata come joint venture tra Veolia Transport e Trenitalia, è controllata al 100% da quest'ultima a partire dal 6 settembre 2016 e quindi parte del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.[1]

La trazione dei suoi treni è affidata a imprese ferroviarie dei due Paesi.

Al 2014, il presidente e amministratore delegato è Albert Alday[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società nacque il 15 febbraio 2010[3] come joint venture tra il gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e Veolia Transport Rail SAS[4], per gestire un servizio di trasporto ferroviario tra Italia e Francia e per operare sul mercato del Regno Unito[senza fonte]. Il capitale sociale iniziale fu di 1 500 000 euro[3].

La nascita della nuova impresa venne provocata indirettamente dall'acquisto del 20% di Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV) da parte della SNCF. Nello stesso periodo, NTV si era posta in Italia come concorrente di Trenitalia nel settore dell'alta velocità e per questo motivo la seconda società sciolse Artesia, la joint venture con l'impresa francese a cui in precedenza erano stati affidati i servizi transfrontalieri tra l'Italia e la Francia[5].

L'azienda modificò la ragione sociale in Trenitalia Veolia Transdev il 9 settembre 2011[3] e si presentò alla stampa il 6 ottobre seguente[4][6][7].

Il primo servizio, con la denominazione commerciale di Thello, partì l'11 dicembre dello stesso anno con una coppia di corse sulla tratta notturna Parigi-Milano-Venezia. Il 9 dicembre dell'anno seguente fu avviata una nuova relazione collegante Roma Termini a Paris Lyon[8].

Pochi giorni dopo l'inizio del secondo collegamento, il 18 dicembre, fu modificata la ragione sociale dell'impresa che venne adeguata alla denominazione commerciale dei servizi effettuati[2][9].

La relazione Parigi-Roma durò soltanto un anno: venne soppressa il 15 dicembre 2013 con l'introduzione del nuovo orario[10].

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Sono previsti servizi di prima e seconda classe per i collegamenti diurni, e tre livelli di servizio, che vanno dalle cuccette a sei posti alla carrozza letto, per quelli notturni[11]. Il treno è dotato anche di una carrozza ristorante[12] gestita da Gate Gourmet.[senza fonte]

La relazione notturna svolta tra Venezia (Santa Lucia) e Parigi (Gare de Lyon), attiva giornalmente con una coppia di corse (classificata come EuroNight), effettua fermate intermedie presso le stazioni di: Dijon - Milano (Centrale) - Brescia (Centrale) - Verona (Porta Nuova) - Vicenza - Padova - Venezia (Mestre)[13]. Dal 1º settembre 2013 per circa un anno la fermata di Milano è stata effettuata presso la stazione di Milano Lambrate anziché presso quella di Milano Centrale[14][15].

La relazione diurna svolta tra Milano (Centrale) e Marsiglia (St. Charles), attiva giornalmente con 3 coppie di corse (classificate come EuroCity), effettua fermate intermedie presso le stazioni di: Pavia - Voghera - Genova (Piazza Principe) - Savona - Finale Ligure Marina - Albenga - Alassio - Diano - Imperia - Sanremo - Ventimiglia - Monaco (Monte Carlo) - Nizza (Ville) - Antibes - Cannes - Saint Raphael - Toulon. Dei sei treni effettuati ogni giorno, solo alcuni, e solo in determinati giorni, raggiungono Marsiglia, mentre gli altri si attestano a Nizza.

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del primo treno di Thello in partenza da Parigi Gare de Lyon l'11 dicembre 2011

Per le relazioni notturne:

Per le relazioni diurne:

In territorio francese la locomotiva utilizzata è di tipo SNCF BB 36000, presa a nolo da Akiem, controllata del gruppo SNCF. La sua velocità massima è di 200 km/h ed essendo tricorrente, cioè capace di viaggiare sia con alimentazione in corrente monofase a 25 kV 50 Hz e sia con quella in continua a 1,5 kV e 3 kV , potrebbe essere impiegata sulle reti ferroviarie francese ed italiana[16].

Nella tratta italiana i treni Thello vengono trainati da una locomotiva italiana (solitamente una E.402B, a volte anche una E.402A oppure una E.444R).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trenitalia diventa proprietaria unica di Thello, in FS News, 6 settembre 2016. URL consultato il 16 luglio 2017.
  2. ^ a b Societe.com - Thello, societe.com. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  3. ^ a b c Societe.com - Trenitalia Veolia Transdev, societe.com. URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2012).
  4. ^ a b Nasce TVT, la nuova società ferroviaria frutto della partnership Trenitalia - Veolia Transdev, in fsnews.it, 6 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  5. ^ Andrea Bicotti, L’esperto: altro che Parigi-Venezia, vi spiego le vere sfide di Trenitalia, in ilsussidiario.net, 7 ottobre 2011. URL consultato il 16 novembre 2012.
  6. ^ Baccaro Antonella, La mossa francese di Moretti. Un treno da Parigi con Veolia, in corriere.it, 7 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  7. ^ (FR) Mathilde Visseyrias, Thello premier concurrent de la SNCF vers Venise, in Le Figaro, 7 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  8. ^ Davide Campione, Notturni che vanno, notturni che vengono, in FOL News, 11 dicembre 2012. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  9. ^ Cfr. su Archive.org Thello.com Legal notice, thello.com. URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2013). con Thello.com Legal Notice, thello.com. URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2012).
  10. ^ Davide Campione, Thello cancella Roma e rilancia Milano, in FOL News, 8 ottobre 2013. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  11. ^ Nasce TVT, la nuova società ferroviaria frutto della partnership Trenitalia - Veolia Transdev, in fsnews.it, 6 ottobre 2011.
  12. ^ La Ristorazione a Bordo, thello.com. URL consultato il 25 agosto 2015.
  13. ^ (FR) Voyages Thello.com: consulter les horaires, thello.com. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  14. ^ Notizia su Tutto treno, n. 276, agosto 2013, p. 7.
  15. ^ Voyages Thello : consulter les horaires
  16. ^ (EN) Thello brings open access in France, in Railway Gazette International, 7 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Minari, Thello verso il mare, in I Treni, n. 378, febbraio 2015, pp. 12–14.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]