Grandi Stazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grandi Stazioni S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1998 a Roma
Sede principaleRoma
GruppoFerrovie dello Stato Italiane
Persone chiave
SettoreTrasporto
ProdottiRiqualificazione e gestione delle 14 maggiori stazioni ferroviarie
Sito web

Grandi Stazioni S.p.A. è un'azienda nata nel 1998 con lo scopo di riqualificare e gestire, anche commercialmente, le 14 maggiori stazioni italiane. Divisa nel settembre 2015 dalle Ferrovie dello Stato in tre società (Gs Retail, Gs Rail, Gs Immobiliare),[1] dal giugno 2016 la Retail è controllata al 100% dalla cordata italo-francese Antin-Borletti-Icamap. La concessione durerà sino al 2040.[2] La Rail e l'Immobiliare restano sotto il controllo delle Fs.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preceduta nel 2015 dalla privatizzazione dei 465 negozi di Grandi Stazioni,[2] la società Gs Retail è acquisita nel giugno 2016 all'asta per 953 milioni di euro (comprensivi di 193 milioni di debiti) dalla cordata formata dal fondo infrastrutturale francese Antin, dall'imprenditore italiano Maurizio Borletti (con l'11% del capitale) e dal gestore di fondi immobiliari Icamap. La cordata batte tre concorrenti: l'asse Altarea- Apg Predica (806 milioni), il fondo Usa Lone Star (800 milioni) e Deutsche Asset Management (744,5 milioni).[3]

Dl febbraio 2017 l'amministratore delegato di Gs Retail è Alberto Baldan con alle spalle dieci anni di responsabile di Rinascente. Il piano, basato sul modello testato con il format "Mercato centrale" a Firenze e Roma, è di partire dalla riqualificazione degli spazi circostanti la stazione.[4]

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Roma Termini è stata il progetto pilota del programma Grandi Stazioni.

Le stazioni gestite dal gruppo sono:

A queste si aggiungono le realizzande stazioni Firenze Belfiore, dedicate al sistema dell'alta velocità. Grandi Stazioni lavora anche oltre i confini italiani: nel dicembre 2003, infatti, l'azienda ha ufficializzato il proprio incarico nella Repubblica Ceca per la riqualificazione e gestione di tre importanti scali ferroviari: Praga Centrale, Karlovy Vary e Mariánské Lázně.

Struttura e azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2015 Ferrovie dello Stato decide di dividere gli scali di Grandi Stazioni SpA in tre società: Gs Retail (spazi commerciali, deposito bagagli, servizi igienici) che va all'asta; Gs Rail (le infrastrutture) che resta a Fs; Gs Immobiliare, proprietaria degli immobili e che resta sotto il controllo di Fs.[1][5]

Grandi Stazioni Retail[modifica | modifica wikitesto]

Prima di essere ceduta alla cordata italofrancese Antin-Borletti-Icamap, Grandi Stazioni S.p.A. era controllata al 60% da Ferrovie dello Stato e al 40% da Eurostazioni SpA [1]

Grandi Stazioni Rail[modifica | modifica wikitesto]

La società Grandi Stazioni Rail è controllata al 100% da Ferrovie dello Stato. Gestisce le aree ed i sistemi ferroviari delle grandi stazioni italiane [6]

Grandi Stazioni Immobiliare[modifica | modifica wikitesto]

Controllata da Ferrovie dello Stato al 60% e da Eurostazioni al 40%, è proprietaria e valorizza le proprietà immobiliari delle grandi stazioni italiane [7].

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Stazioni SpA detiene partecipazioni in diverse società:

  • Grandi Stazioni Česká Republika s.r.o.: riqualificazione di Praga Centrale, Mariánské Lázně e Karlovy Vary
  • Grandi Stazioni Ingegneria Srl: servizi di ingegneria, studi di fattibilità, coordinamento lavori ecc.

Partecipazioni dismesse:

  • Grandi Stazioni Pubblicità Srl in liquidazione, sciolta nel marzo 2009: valorizzazione del mercato pubblicitario
  • Network Italia Edicole Srl (già Grandi Stazioni Edicole Srl), ceduta nel 2009 a Dufry Italia Srl per 12 milioni di euro: gestione diretta e creazione di una rete di edicole

Dati economici e finanziari[modifica | modifica wikitesto]

GrandiStazioni S.p.A. ha avuto ricavi operativi nel 2008 per 180.47 milioni di euro, EBIT di 27.23 milioni, utili per 15.02 milioni, partecipazioni per 4.07 milioni che hanno fruttato 2.59 milioni di dividendi, posizione finanziaria netta di 139.64 milioni, debiti per 311.56 milioni, 92.86 milioni di patrimonio netto, 227 dipendenti[8].

Nel 2009[9] la società ha avuto ricavi operativi per 183.75 milioni, tra cui:

  • 80.4 milioni da locazioni immobiliari
  • 64.3 milioni dal rimborso di oneri condominiali
  • 14.6 milioni dalla pubblicità nelle Stazioni gestite
  • 3.8 milioni dal servizio di deposito bagagli
  • 3.4 milioni da servizi igienici a pagamento
  • 0.7 milioni da parcheggi a pagamento

Ebitda di 42.08 milioni, Ebit di 26.55 milioni, utili per 37.45 milioni.

La società sta effettuando interventi per un valore totale di 541.2 milioni, di cui 240.6 milioni già investiti. Ha 235 dipendenti, detiene immobili e terreni per un valore di 52.92 milioni di euro. Ha debiti per 346.25 milioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Immagini delle 14 maggiori stazioni ferroviarie italiane:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]