Italferr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italferr
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione25 ottobre 1984 a Roma
Sede principaleRoma
GruppoFerrovie dello Stato Italiane
Persone chiave
  • Mario Serio, presidente
  • Aldo Isi, amministratore delegato e direttore generale
SettoreIngegneria dei trasporti
ProdottiProgettazione, direzione e supervisione lavori, project management
Fatturato199,3 milioni [1] (2018)
Utile netto8,8 milioni [1] (2018)
Dipendenti1.457 [1] (2018)
Sito webwww.italferr.it

Italferr è un'azienda partecipata al 100% da Ferrovie dello Stato Italiane. Da dicembre 2018, Aldo Isi è AD e direttore generale di Italferr.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Italferr SisTAV, poi Italferr, è stata fondata a Roma il 25 ottobre 1984 allo scopo di progettare e coordinare i progetti di costruzione di nuove linee ad Alta velocità e di ammodernamento della rete ferroviaria. Tramite questa nuova società si voleva promuovere sui mercati esteri l'ingegneria ferroviaria italiana. Il primo presidente fu l'ingegner Luigi Misiti (già vice presidente dell'Ente Ferrovie dello Stato) e il primo direttore generale fu l'ingegner Giuseppe Vicuna. L'attività della società si è estesa presto in ambito internazionale; la prima commessa è stata vinta nel 1987, in Perù, per la costruzione della metropolitana di Lima.

Italferr è oggi la più grande fra le società di ingegneria italiane operanti sul mercato italiano e internazionale nel campo dell'ingegneria dei trasporti.

Nello sviluppo della rete italiana ad alta velocità, che oggi in Italia si preferisce definire rete AV/AC (alta velocità/alta capacità), Italferr è l'ente incaricato della supervisione, del coordinamento della progettazione e della realizzazione delle linee.

In occasione dell'Expo 2015 è stata affidata a Italferr la sorveglianza e il coordinamento sotto il profilo tecnico, giuridico e amministrativo, delle direzioni lavori in essere e di quelle da istituire[2].

Dati economici e finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Italferr nel 2018 ha avuto 199,3 milioni di euro di ricavi e un EBIT di 17,114 milioni di euro. Risultato netto 8,8 milioni di euro.

Dati societari[modifica | modifica wikitesto]

  • Ragione sociale: Italferr SpA
  • Sede sociale: via V. G. Galati, 71 - 00155 Roma
  • Codice Fiscale: 06770620588
  • Partita IVA: 01612901007
  • Settore: ingegneria dei trasporti

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Dal 17 gennaio 2013 la presidente della società Maria Rita Lorenzetti risulta indagata insieme ad altre trenta persone, nell'ambito dell'inchiesta sul passante del Tav in costruzione a Firenze con le accuse di associazione per delinquere, abuso di ufficio, corruzione e traffico di rifiuti. Secondo la Procura di Firenze la Lorenzetti, nella sua qualità di presidente di Italferr, avrebbe messo a disposizione di alcune ditte interessate dall'appalto del sotto attraversamento fiorentino del Tav una vasta rete di contatti politici e personali, conseguendo inoltre incarichi professionali inerenti alla ricostruzione del terremoto in Emilia Romagna a favore del marito. La Lorenzetti avrebbe concorso anche, insieme a dirigenti delle società vincitrici dell'appalto, tecnici di Italferr, componenti e funzionari della commissione di via del Ministero dell'Ambiente, dell'autorità di vigilanza delle opere pubbliche e a dirigenti dell'unità di missione del Ministero delle Infrastrutture allo smaltimento illecito di rifiuti prodotti nel corso dei lavori per la costruzione dell'infrastruttura. Il 16 settembre 2013 Lorenzetti viene posta agli arresti domiciliari nell'ambito dell'indagine della procura di Firenze relativa ai lavori del Tav in Toscana. Nell'ordinanza di custodia cautelare, contenente anche stralci di diverse intercettazioni telefoniche, viene ipotizzato il rischio di reiterazione del reato. Il 30 settembre, dopo essersi dimessa dalla dirigenza Italferr, le vengono tolti anche gli arresti domiciliari.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 la Société Générale de Surveillance ha conferito a Italferr, il Merit Award. Il prestigioso premio è stato ottenuto grazie all'impegno dell'azienda sull'ambiente e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bilancio Consolidato 2018 (PDF), su fsitaliane.it. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  2. ^ Italferr per Expo 2015, su expo2015.org (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2015).
  3. ^ Notizia su Ferpress, su ferpress.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129650175 · WorldCat Identities (ENviaf-129650175
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti