Fondazione FS Italiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fondazione FS Italiane
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaFondazione (ente)
Fondazione6 marzo 2013 a Roma
Fondata daFerrovie dello Stato Italiane, Trenitalia, RFI
GruppoFerrovie dello Stato Italiane
Persone chiaveLuigi Francesco Cantamessa (direttore) Mauro Moretti (presidente)
SettoreTrasporto
ProdottiTreni storici e turistici
Sito web

La Fondazione FS Italiane è una fondazione costituita da Ferrovie dello Stato Italiane, Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana (RFI) allo scopo di valorizzare e preservare il patrimonio storico, tecnico, ingegneristico e industriale del gruppo FS[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione nasce il 6 marzo 2013[2] per iniziativa di Ferrovie dello Stato Italiane, Trenitalia e RFI.

Organi direttivi[modifica | modifica wikitesto]

L'atto costitutivo e lo statuto della fondazione sono stati sottoscritti il 6 marzo 2013[3].

La direzione della fondazione è affidata a Luigi Cantamessa[4].

Patrimonio[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione dispone di circa duecento rotabili del “parco storico operativo”[5], costruiti nella prima metà del Novecento ed ancora funzionanti, oltre a cinquanta mezzi storici non in esercizio custoditi nel Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa e all'intera dotazione libraria ed archivistica.[6]

  • Archivio storico “Servizio Lavori e Costruzioni”[7]: la formazione di questo archivio è legata alle attività del Servizio XI (Mantenimento e sorveglianza) e del Servizio XII (Costruzioni) ai quali, con i provvedimenti legislativi del 1908 e 1909, furono affidate la manutenzione della rete in esercizio e le nuove costruzioni ferroviarie.
  • Archivio Disegni dell'ex Servizio Materiale e Trazione[1]: dispone di 260 000 disegni tecnici di locomotive e veicoli storici, oltre 500 000 di rotabili in esercizio e 10 000 immagini fotografiche, principalmente lastre in vetro risalenti ai primi del Novecento.
  • Centro Audiovisivi[8]: dispone di circa 350 000 foto analogiche, 500 000 scatti digitali stimati, 3 000 pizze in pellicole, oltre 3 000 cassette e oltre 3 terabyte di video in alta definizione.
  • Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa
  • Rotabili storici operativi[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Missione
  2. ^ Nasce la Fondazione FS Italiane, su fsnews.it.
  3. ^ Organi direttivi
  4. ^ Fs: Fondazione diventa operativa. Luigi Cantamessa nominato direttore [collegamento interrotto], in asca.it, 2 luglio 2013. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  5. ^ a b Parco storico operativo
  6. ^ Archivi e biblioteche, su fondazionefs.it.
  7. ^ Fondazione FS italiane - Archivio storico, su fondazionefs.it.
  8. ^ Fondazione FS italiane - Archivio Audiovisivi, su fondazionefs.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Bruzzo, Michele Cerutti, Il futuro che viene dal passato, in Tutto treno, 28 (2014), n. 289, pp. 20–23.ISSN 1124-4232 (WC · ACNP)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]