I Treni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Treni
Logo
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità mensile
Genere rivista ferroviaria
Fondatore Erminio Mascherpa
Fondazione 1980
Sede Salò
Editore ETR - Editrice Trasporti su Rotaie
Direttore Vittorio Cervigni
ISSN 0392-4602 (WC · ACNP)
Sito web
 

iTreni (fino al 1993 i Treni Oggi[1]) è la più autorevole rivista italiana di attualità e storia delle ferrovie e di modellismo ferroviario.

Pubblicata dalla società cooperativa Editrice Trasporti su Rotaie (ETR), esce con cadenza mensile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista venne fondata nel 1980 da un gruppo di soci riuniti nella cooperativa ETR, proseguendo l'esperienza del periodico Italmodel Ferrovie, fondato da Italo Briano e pubblicato dal 1951 al 1979[2].

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

  • Erminio Mascherpa (1980-2003[3])
  • Vittorio Cervigni (dal 2004[4])

Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi collaboratori si citano, oltre al direttore Erminio Mascherpa, Bruno Bonazzelli, Piero Muscolino e altri studiosi, tra cui Vittorio Mario Cortese del Politecnico di Torino e Pietro Ferrari del Politecnico di Milano e i dirigenti delle Ferrovie dello Stato Fabio Cherubini e Renzo Pocaterra. Tra gli autori che vantano una significativa produzione pubblicistica compaiono Adriano Betti Carboncini, Gian Guido Turchi, Attilio Di Iorio e, tra i fermodellisti, Giuseppe Mutolo[5], Mauro Longarini.

Diversi collaboratori dei primi anni della rivista, tra cui Giovanni Cornolò, Emilio Ganzerla, Angelo Nascimbene, Sergio Pautasso e Aldo Riccardi, diedero successivamente vita ad altre iniziative editoriali, tra cui le riviste Mondo ferroviario e Tutto treno, con le filiazioni di quest'ultima (Tutto treno tema, Tutto treno & storia e Tutto treno modellismo)[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. I Treni Oggi n. 138 (giugno 1993) con I Treni n. 139 (luglio-agosto 1993)
  2. ^ Pietro Ferrari, Dieci anni di cooperativa ETR, in "I Treni Oggi" n. 100 (gennaio 1990), pp. 16-17
  3. ^ Erminio Mascherpa, L'addio del Direttore, in "I Treni" n. 254 (dicembre 2003), p. 5
  4. ^ Vittorio Cervigni, La via giusta, in "I Treni" n. 255 (gennaio 2004), p. 4
  5. ^ Tali nomi compaiono sistematicamente negli indici per autore del periodico: [1].
  6. ^ Tali autori compaiono sistematicamente negli indici per autori del periodico: [2].

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]