Stazione di Bardonecchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bardonecchia
stazione ferroviaria
Bardonecchia - stazione ferroviaria - treno SFM3.jpg
Stazione lato binari
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàBardonecchia
Coordinate45°04′36″N 6°42′36″E / 45.076667°N 6.71°E45.076667; 6.71Coordinate: 45°04′36″N 6°42′36″E / 45.076667°N 6.71°E45.076667; 6.71
LineeFerrovia del Frejus, Ferrovia di Rochemolles (soppressa)
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1871
Binari4

La stazione di Bardonecchia è una stazione ferroviaria posta sulla linea del Frejus, a servizio dell'omonimo comune.

Posta immediatamente prima dell'imbocco del traforo del Frejus, è l'ultima stazione in territorio italiano prima del confine francese; il ruolo di stazione di confine spetta tuttavia alla stazione di Modane, la prima in territorio francese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne attivata il 16 ottobre 1871, all'apertura della tratta da Bussoleno a Modane della ferrovia del Frejus[1].

Il 10 luglio 1912 venne attivato l'esercizio a trazione elettrica a corrente alternata trifase della tratta da Bardonecchia a Salbertrand; il 20 maggio 1915 seguì la tratta fino a Modane, comprendente il traforo del Frejus. L'intera linea venne convertita alla corrente continua il 28 maggio 1961[2].

Per l'alimentazione della linea di contatto venne realizzata dalle stesse FS una nuova centrale idroelettrica presso Rochemolles, per raggiungere la quale venne posta in opera una ferrovia di servizio a scartamento ridotto il cui capolinea meridionale era raggiungibile per mezzo di una funicolare; questa era collegata alla stazione tramite un raccordo che aveva origine da una piattaforma girevole[3].

Strutture ed impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di un fabbricato viaggiatori che, nella sua attuale conformazione, fu costruito nel 1933 su progetto dell'architetto Roberto Narducci[4].

Sono presenti quattro binari dedicati al traffico passeggeri.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

SFM di Torino
Simbolo SFM3.svg
White dot.svg  Modane** Logo SNCF 2011.svg TGV.svg
Bardonecchia White dot.svg Bus-logo.svg
Beaulard  White dot.svg
Oulx  White dot.svg Bus-logo.svgSauze d’Oulx, Cesana, Sestriere, Claviere
Salbertrand  White dot.svg
Chiomonte  White dot.svg
Meana  White dot.svg White dot.svg  Susa
White dot.svg  Bussoleno
White dot.svg  Bruzolo*
White dot.svg  Borgone*
White dot.svg  Sant'Antonino-Vaie*
White dot.svg  Condove*
White dot.svg  Sant'Ambrogio*
White dot.svg  Avigliana
White dot.svg  Rosta
White dot.svg  Alpignano
White dot.svg  Collegno
White dot.svg  Grugliasco
White dot.svg  Torino Porta Nuova Logo Metropolitane Italia.svg Logo Treno Regionale.jpgLogo treno Regionale Veloce.jpg Intercity Logo.pngLogo IntercityNotte.jpg
Nota: * solo per i treni da e verso Susa ** solo festivi

La stazione è servita da treni regionali della linea 3 del servizio ferroviario metropolitano di Torino, effettuati da Trenitalia nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Piemonte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  2. ^ Giovanni Cornolò, Claudio Pedrazzini, Locomotive elettriche FS, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1983, pp. 71-72.
  3. ^ Walter Re, Edoardo Tripodi, Rochemolles. La Decauville, la diga, la strada e la luce, Alzani editore, Pinerolo, 2010. ISBN 978-88-8170-401-9.
  4. ^ Milva Giacomelli, Roberto Narducci (1887-1979) architetto-ingegnere del Ministero delle Comunicazioni, in Ezio Godoli e Antonietta Iolanda Lima (a cura di), Architettura ferroviaria in Italia. Novecento. Dario Flaccovio Editore, 2004, p. 114. ISBN 88-7758-597-8

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]