Strada statale 254 di Cervia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 254
di Cervia
Strada Statale 254 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regioni  Emilia-Romagna
Province  Forlì-Cesena
  Ravenna
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioForlì
FineCervia
Lunghezza24[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 16/11/1959 - G.U. 41 del 18/02/1960[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Forlì-Cesena e alla Provincia di Ravenna)

La ex strada statale 254 di Cervia (SS 254), ora strada provinciale 2 di Cervia (SP 2)[3] in provincia di Forlì-Cesena e strada provinciale 254 ex SS Cervese (SP 254)[4] in provincia di Ravenna, è una strada provinciale italiana di rilevanza interprovinciale.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine nella località Ospedaletto di Forlì, ed è la più rapida via di collegamento tra il capoluogo romagnolo e la costa adriatica. Si snoda nei territori comunali di Forlì, Ravenna e Cervia, attraversando le varie frazioni (Bagnolo, Carpinello, Pievequinta, Caserma e Casemurate a Forlì; Castiglione di Ravenna a Ravenna, Castiglione di Cervia e località Tantlon a Cervia. Sul suo tracciato, interseca l'autostrada A14, la ex strada statale 71 Umbro Casentinese Romagnola, la strada statale 3 bis Tiberina e termina sulla strada statale 16 Adriatica.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Emilia-Romagna, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Forlì-Cesena e della Provincia di Ravenna per le tratte territorialmente competenti[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Emilia Romagna (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale del 16/11/1959
  3. ^ Elenco Strade della Provincia di Forlì Cesena
  4. ^ Elenco strade della Provincia di Ravenna
  5. ^ L.R. 4 maggio 2001, n. 12 (art. 164), su burer.regione.emilia-romagna.it, Regione Emiila-Romagna - B.U. 58 del 7 maggio 2001 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2013).