Strada statale 212 della Val Fortore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 212
della Val Fortore
Fortorina
Strada Statale 212 Italia.svg
Denominazioni successiveStrada Provinciale 41 SS 212 (da Benevento a c.da Mosti)[1]
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniCampania Campania
Molise Molise
ProvinceBenevento Benevento
Campobasso Campobasso
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioBenevento
FineSS 87 presso stazione di Ripabottoni-Sant'Elia
Lunghezza90,900[2] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 08/09/1958 - G.U. 254 del 20/10/1958, pp. 4025-4026 "Classificazione tra le statali della strada denominata « Val Fortore », nelle provincie di Campobasso e Benevento"[3]
GestoreTratte ANAS: da Benevento alla SS 212 var; dall'innesto dell'ex SS369 al confine con il Molise; dal confine al Ponte torrente Tappino (km 66,8); dal Ponte torrente Tappino (km 80,1) all'innesto sulla SS87 presso Sant'Elia a Pianisi.
Tratte Provincia di Benevento: dalla rotonda di contrada Mosti all'innesto della SS 369.
Percorso
Località servitePietrelcina, Pesco Sannita, Reino, Colle Sannita, Decorata, Riccia, Pietracatella, Sant'Elia a Pianisi
Principali intersezioniSS 372 Telesina, SS 212 var Variante di Pietrelcina SS 369 Appulo Fortorina, SS 645 Fondo Valle del Tappino, SS 212 bis Santeliana, SS 87 Sannitica

La strada statale 212 della Val Fortore (SS 212) è una strada statale italiana, parzialmente riclassificata (Strada Provinciale 41 SS 212 (da Benevento a c.da Mosti)[4] in provincia di Benevento), che taglia in direzione Sud-Nord il Sannio, prendendo il nome dalla valle formata dall'omonimo fiume, benché vi giunga dopo aver oltrepassato il bacino idrografico del fiume Tammaro.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso fu istituito come strada statale dal Ministero per i Lavori Pubblici (allora ministro Togni) con un decreto ministeriale dell'8 settembre 1958, ai sensi della legge 126/58, elevando le strade provinciali nel percorso tra l'innesto con la statale 87 presso lo scalo di Ripabottoni, per Sant'Elia a Pianisi e Pietracatella fino alla statale 17 e dalla stessa per Riccia, Colle Sannita, Reino, Pesco Sannita e Pietrelcina fino a Benevento, con innesto sulla statale 88.

Il tratto iniziale tra Benevento e Pietrelcina venne ammodernato a strada a scorrimento veloce, con declassamento del vecchio tracciato a strada provinciale, data l'importanza di quest'ultimo centro dal punto di vista del turismo religioso legato ai luoghi di culto di san Pio da Pietrelcina, già prima della sua canonizzazione.

Per il resto dell'itinerario, l'idea di un'arteria che velocizzasse gli spostamenti lungo la valle del Fortore dando anche slancio economico alla zona e la privasse dell'isolamento in cui versa, risale già al 1996[5] quando fu stilato il progetto del tratto compreso tra Pietrelcina e San Marco dei Cavoti. La nuova arteria, costruita ex novo e non adattando il vecchio tracciato, destinato quindi al declassamento, si trova poi a rappresentare un'alternativa alla SS 212 fino al bivio con la SS 369 per proseguire lungo la direttrice segnata da quest'altra statale. Nel 2003 è stato dato il via libera ai lavori[6] per quella che poi è stata classificata come Variante di Pietrelcina che, dopo la fase di appalto, sono stati conclusi e, nel 2012, è stato aperto il tratto dallo svincolo Pietrelcina allo svincolo Pesco Sannita nonché altri 4 km circa fino all'uscita attualmente obbligatoria, svincolo provvisorio per San Marco dei Cavoti.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada parte da Benevento da uno svincolo posto sulla strada statale 372 Telesina e su di un percorso piuttosto scorrevole e moderno raggiunge il bivio per Pietrelcina a livello del quale lo scorrimento veloce prosegue senza soluzione di continuità nella SS 212 var, mentre il percorso della SS 212 segue lo svincolo e raggiunge la rotonda di contrada Mosti, ancora in comune di Benevento. Dalla rotonda la strada prosegue quindi sul tracciato storico raggiungendo lo stesso centro abitato di Pietrelcina e proseguendo per Pesco Sannita e per Reino. Al bivio di Reino si distacca la Strada Provinciale 51, ex strada statale 369 Appulo Fortorina per San Marco dei Cavoti e San Bartolomeo in Galdo, che raggiunge anch'essa la statale 17, ma passando realmente attraverso la valle del Fortore, a differenza della SS 212, che a dispetto del nome di Fortorina non giunge mai ad attraversare questo fiume.

Oltrepassato il bivio, il tracciato prosegue sempre in direzione nord verso Colle Sannita, da dove si diparte invece la Strada Provinciale 100, ex strada statale 625 della Valle del Tammaro per Circello, Campolattaro e Pontelandolfo. Il percorso, sempre in direzione nord, aumenta di altitudine e costeggia il piccolo insediamento di Decorata fino a scollinare, poco dopo, all'altezza di sella Canala (805 m s.l.m.), dopo la quale giunge al confine con il Molise.

Qui la strada procede per qualche chilometro fino a quando, in vista dell'abitato di Riccia, abbandona il vecchio tracciato che attraversa il paese per proseguire sulla Strada Provinciale 101 Mazzocca di Riccia una variante che la porta ad innestarsi a nord del paese sulla ex strada statale 17 dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico grosso modo all'altezza dell'innesto del tracciato precedente. Il tratto che segue, in comune tra le due arterie, è stato oggetto di ammodernamento e risulta ad oggi classificato come SS 212, fino al bivio per Gambatesa da cui la ex SS 17 riprende percorso autonomo.

La strada procede fino all'innesto con la strada statale 645 Fondo Valle del Tappino, in comune alla quale varca il torrente Tappino, per ridividersi nuovamente dopo il ponte, con l'altra statale che punta verso Campobasso. Il percorso si fa abbastanza tortuoso, attraversando le località di Pietracatella e Sant'Elia a Pianisi, fino a ridiscendere per innestarsi sulla strada statale 87 Sannitica nei pressi della stazione di Ripabottoni-Sant'Elia.

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Strada Statale 212 Italia.svg
della Val Fortore
Tipo Indicazione km Provincia
Italian traffic signs - rotatoria.svg Rotonda dei Pentri
Strada Provinciale 153 Italia.svg Vitulanese - Italian traffic signs - icona stazione.svgStazione
via Padre Pio
Strada Statale 372 Italia.svg Telesina - Strada Provinciale 42 Italia.svg Tangenziale Ovest
- BN
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Inizio tratto a scorrimento veloce 0,0
AB-AZ-blau.svg Contrada san Chirico
Strada Provinciale 41 Italia.svg Ex Strada Statale 212 Italia.svg della Val Fortore
?
AB-AZ-blau.svg Strada Statale 212 Italia.svg Pietrelcina
Fine tratto a scorrimento veloce
Italian traffic signs - rotatoria.svg Contrada Mosti - Pietrelcina e Italian traffic signs - icona stazione.svgScalo
6,0
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Prosecuzione tratto a scorrimento veloce
Strada Statale 212var Italia.svg Variante di Pietrelcina
6,0

Strada statale 212 var Variante di Pietrelcina[modifica | modifica wikitesto]

Strada statale 212 var
Variante di Pietrelcina
Nuova Fortorina
Strada Statale 212var Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniCampania Campania
ProvinceBenevento Benevento
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSS 212 presso rotonda di contrada Mosti
FineSan Marco dei Cavoti presso Strada Beneventana n° 2
Lunghezza15,574[7] km
Data apertura2012[8]
GestoreANAS
Percorso
Principali intersezioniSS 212 della Val Fortore

La strada statale 212 var Variante di Pietrelcina (SS 212 var) è una strada statale italiana di recente costruzione che prende il nome dal comune di cui evita l'attraversamento del centro urbano.

La strada rappresenta un tratto a tutt'oggi in esercizio della nuova Fortorina, arteria che sulla carta dovrebbe collegare Benevento con la valle del Fortore, in sostituzione degli obsoleti tracciati della strada statale 212 della Val Fortore e della strada statale 369 Appulo Fortorina. In particolare è stata approvata la costruzione dell'arteria fino allo svincolo di San Marco dei Cavoti, per confluire proprio nella ex SS 369[8].

La prima parte del tratto in funzione è stata inaugurata il 28 marzo 2012[8] e ha origine all'altezza della rotonda di contrada Mosti, non lontano dalla stazione di Pietrelcina, dal tratto già ammodernato della SS 212, la cui costruzione aveva portato ad un declassamento della prima parte a strada provinciale (n. 41); questa parte iniziale terminava provvisoriamente in corrispondenza dello svincolo di Pesco Sannita, per una lunghezza di 4,200 km, a cui poi, con una seconda apertura, si è aggiunto un altro tratto fino ad una rotonda nel comune di San Marco dei Cavoti.

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Strada Statale 212var Italia.svg
Variante di Pietrelcina
Tipo Indicazione km Provincia
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Strada Statale 212 Italia.svg della Val Fortore
5,7 BN
AB-AZ-blau.svg Pesco Sannita
?
AB-AZ-blau.svg Pesco Sannita
Italian traffic signs - icona stazione.svgStazione di Cese - Contrada Francavilla
?
AB-AZ-blau.svg Pesco Sannita-Fragneto l'Abate
Italian traffic signs - icona stazione.svgScalo - Strada Provinciale 104 Italia.svg Fragneto l'Abate - Strada Provinciale 103 Italia.svg Fragneto Monforte
?
AB-AZ-blau.svg Reino
Strada Statale 212 Italia.svg Reino - Colle Sannita Strada Provinciale 100 Italia.svg ex Strada Statale 625 Italia.svg della Valle del Tammaro Italian traffic signs - icona mare fiume lago.svgOasi e Lago di Campolattaro
19,1
Italian traffic signs - rotatoria.svg Strada Provinciale 51 Italia.svg ex Strada Statale 369 Italia.svg Appulo Fortorina
San Marco dei Cavoti - Foiano di Val Fortore - Strada Provinciale 56 Italia.svg Molinara
21,2

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]